JOHN PILGER / IL VIRUS PIU’ LETALE E’ LA GUERRA

Giornalista, regista e documentarista australiano, John Pilger da decenni è impegnato nella difesa dei diritti umani.

Comincia a lavorare per il Sidney Sun, poi passa al Daily Mirror, dove fa l’inviato di guerra. Per mesi è il corrispondente dal Vietnam. Due volte ha ricevuto in Inghilterra il premio come giornalista dell’anno. Il suo ultimo libro si intitola “War on Democracy”.

Ecco un suo intervento di qualche giorno fa, il 15 dicembre, su guerra & covid.

 

  

John Pilger. In apertura e qui sotto, lo Staffordshire

Il memoriale delle forze armate britanniche è un luogo silenzioso e inquietante.

Situato nella bellezza rurale dello Staffordshire, in un arboreto di circa 30.000 alberi e ampi prati, le sue figure omeriche celebrano determinazione e sacrificio.

Sono elencati i nomi di oltre 16.000 militari e donne britanniche. Sull’epigrafe è scritto che “sono morti in operazioni militari o sono stati presi di mira dai terroristi”.

Il giorno in cui ero lì, uno scalpellino stava aggiungendo i nuovi nomi di coloro che sono morti in circa 50 operazioni in tutto il mondo durante quello che è noto come “tempo di pace”. Malesia, Irlanda, Kenya, Hong Kong, Libia, Iraq, Palestina e molti altri, comprese operazioni segrete, come l’Indocina.

Non è passato un anno da quando nel 1945 fu dichiarata la pace in cui la Gran Bretagna non ha inviato forze militari per combattere le guerre dell’impero.

Non è passato un anno in cui i paesi, per lo più poveri e lacerati dai conflitti, non abbiano acquistato o non siano stati “prestati” armi britanniche per promuovere le guerre, o “interessi”, dell’impero.

Impero? Quale impero? Il giornalista investigativo Phil Miller ha recentemente rivelato in Declassified che la Gran Bretagna di Boris Johnson ha 145 siti militari – chiamiamoli basi – in 42 paesi. Johnson si è vantato che la Gran Bretagna sarà “la prima potenza navale in Europa”.

Nel mezzo della più grande emergenza sanitaria dei tempi moderni, con milioni di procedure mediche ritardate dal Servizio Sanitario Nazionale, Johnson ha annunciato un aumento record di £ 16,5 miliardi nella cosiddetta spesa per la difesa, una cifra che ripristinerebbe le risorse insufficienti per il servizio sanitario molte volte.

Ma questi miliardi non sono per la difesa. La Gran Bretagna non ha altri nemici se non quelli interni che tradiscono la fiducia della sua gente comune, dei suoi infermieri e medici, dei suoi assistenti, anziani, senzatetto e giovani, come hanno fatto i successivi governi neoliberali, conservatori e laburisti.

Esplorando la serenità del National War Memorial mi sono presto reso conto che non c’era un solo monumento, o piedistallo, o targa, o cespuglio di rose che onorasse la memoria delle vittime della Gran Bretagna – i civili durante le operazioni “in tempo di pace” commemorati qui.

Non c’è alcun ricordo dei libici uccisi quando il loro paese è stato intenzionalmente distrutto dal primo ministro David Cameron e dai suoi collaboratori a Parigi e Washington.

Non c’è parola di rammarico per le donne e i bambini serbi uccisi dalle bombe britanniche, sganciati da un’altezza di sicurezza su scuole, fabbriche, ponti, città, per ordine di Tony Blair; o per i bambini yemeniti impoveriti estinti dai piloti sauditi con la loro logistica e obiettivi forniti dai britannici nella sicurezza climatizzata di Riad; o per i siriani affamati di “sanzioni” .

Non c’è nessun monumento ai bambini palestinesi assassinati con la persistente connivenza dell’élite britannica, come la recente campagna che ha distrutto un modesto movimento di riforma all’interno del Partito laburista con pretese accuse di antisemitismo.

Due settimane fa, il capo di stato maggiore militare israeliano e il capo di stato maggiore della difesa britannico hanno firmato un accordo per “formalizzare e rafforzare” la cooperazione militare. Questa non era una novità. Più armi britanniche e supporto logistico affluiranno ora al regime senza legge di Tel Aviv, i cui cecchini prendono di mira bambini e psicopatici interrogano bambini in estremo isolamento. (Vedi il recente rapporto scioccante di Defense for Children, Isolated and Alone).

Forse l’omissione più eclatante al memoriale di guerra dello Staffordshire è un riconoscimento al milione di iracheni le cui vite e il cui paese sono stati distrutti dall’invasione illegale di Blair e Bush nel 2003.

ORB, un membro del British Polling Council, ha stimato la cifra a 1,2 milioni. Nel 2013, l’organizzazione ComRes ha chiesto a uno spaccato dell’opinione pubblica britannica quanti iracheni fossero morti durante l’invasione. La maggioranza ha detto meno di 10.000.

Come si mantiene un silenzio così letale in una società sofisticata? La mia risposta è che la propaganda è molto più efficace nelle società che si considerano libere che nelle dittature e nelle autocrazie. Includo la censura per omissione.

Le nostre industrie di propaganda – sia politiche che culturali, compresa la maggior parte dei media – sono le più potenti, onnipresenti e raffinate sulla terra. Grandi bugie possono essere ripetute incessantemente con voci della BBC confortanti e credibili. Le omissioni non sono un problema.

Una domanda simile si riferisce alla guerra nucleare, la cui minaccia è “di nessun interesse” , per citare Harold Pinter. La Russia, una potenza nucleare, è circondata dal gruppo bellico noto come Nato, con le truppe britanniche che “manovrano” regolarmente fino al confine dove Hitler ha invaso.

La diffamazione di tutto ciò che è russo, non ultima la verità storica che l’Armata Rossa ha ampiamente vinto la seconda guerra mondiale, è diffusa nella coscienza pubblica. I russi “non interessano”, se non come demoni.

La Cina, anch’essa una potenza nucleare, è l’urto di una provocazione implacabile, con bombardieri strategici americani e droni che sondano costantemente il suo spazio territoriale e – evviva – HMS Queen Elizabeth, la portaerei britannica da 3 miliardi di sterline, che presto salperà 6.500 miglia per imporre la “libertà di navigazione”.

Circa 400 basi americane circondano la Cina, “un po’ come un cappio”, mi ha detto un ex pianificatore del Pentagono. Si estendono dall’Australia, anche se dal Pacifico all’Asia meridionale e settentrionale e attraverso l’Eurasia.

In Corea del Sud, un sistema missilistico noto come Terminal High Altitude Air Defense, o THAAD, è puntato a bruciapelo contro la Cina attraverso lo stretto Mar Cinese orientale.

Immaginate i missili cinesi in Messico o in Canada o al largo della costa della California.

Qualche anno dopo l’invasione dell’Iraq, ho realizzato un documentario intitolato The War You Don’t See, in cui chiedevo ai principali giornalisti americani e britannici, nonché ai responsabili dei notiziari televisivi – persone che conoscevo come colleghi – perché e come Bush e Blair è stato permesso di farla franca con il grande crimine in Iraq, considerando che le bugie non erano molto intelligenti.

La loro risposta mi ha sorpreso. Se “noi” , hanno detto, cioè giornalisti ed emittenti, soprattutto negli Stati Uniti, avessimo contestato le affermazioni della Casa Bianca e di Downing Street, indagato ed esposto le bugie, invece di amplificarle ed echeggiarle, l’invasione dell’Iraq nel 2003 probabilmente non sarebbe successo. Innumerevoli persone sarebbero vive oggi. Quattro milioni di rifugiati non sarebbero fuggiti. L’orribile ISIS, un prodotto dell’invasione Blair / Bush, poteva non essere stato concepito.

David Rose, allora con il London Observer, che ha sostenuto l’invasione, ha descritto “il mucchio di bugie alimentato a me da una campagna di disinformazione abbastanza sofisticata” . Rageh Omah, allora l’uomo della BBC in Iraq, mi disse: “Non siamo riusciti a premere abbastanza forte i pulsanti più scomodi” . Dan Rather, il presentatore della CBS, era d’accordo, come molti altri.

Ho ammirato questi giornalisti che hanno rotto il silenzio. Ma sono eccezioni onorevoli. Oggi, i tamburi di guerra hanno battitori nuovi e molto entusiasti in Gran Bretagna, America e “Occidente” .

Fai la tua scelta tra la legione di attaccanti e promotori di romanzi russi e cinesi come Russiagate. Il mio Oscar personale va a Peter Hartcher del Sydney Morning Herald, le cui inesorabili sciocchezze travolgenti sulla “minaccia esistenziale” (di Cina / Russia, soprattutto Cina) sono state illustrate da un sorridente Scott Morrison, l’uomo delle PR che è il primo ministro australiano, vestito come Churchill, V per segno di vittoria e tutto il resto. “Non dagli anni ’30 …” intonarono i due. Fino alla nausea.

Covid ha fornito copertura a questa pandemia di propaganda. A luglio, Morrison ha preso spunto da Trump e ha annunciato che l’Australia, che non ha nemici, avrebbe speso 270 miliardi di dollari australiani (186,5 miliardi di dollari) per provocarne uno, compresi i missili che potrebbero raggiungere la Cina.

Il fatto che l’acquisto da parte della Cina dei minerali e dell’agricoltura australiana garantisse effettivamente l’economia australiana “non interessava” al governo di Canberra.

I media australiani hanno esultato quasi all’unisono, lanciando una pioggia di insulti alla Cina. Migliaia di studenti cinesi, che avevano garantito gli stipendi lordi dei vicecancellieri australiani, furono consigliati dal loro governo di andare altrove. I cinesi-australiani hanno parlato male e gli uomini delle consegne sono stati aggrediti. Il razzismo coloniale non è mai difficile da far rivivere.

Alcuni anni fa ho intervistato l’ex capo della CIA in America Latina, Duane Clarridge. In poche parole piacevolmente oneste, ha riassunto la politica estera “occidentale” così come è ordinata e diretta da Washington.

La superpotenza, ha detto, potrebbe fare quello che vuole dove vuole ogni volta che i suoi “interessi strategici” lo impongono. Le sue parole furono: “Abituati, mondo”.

Ho segnalato una serie di guerre. Ho visto i resti di bambini, donne e anziani bombardati e bruciati a morte: i loro villaggi devastati, i loro alberi pietrificati addobbati di parti umane. E molto altro.

Forse è per questo che riservo uno specifico disprezzo a coloro che promuovono il crimine di guerra rapace non avendolo mai sperimentato loro stessi. Il loro monopolio deve essere rotto.

 

 

Lascia un commento