Ha novant’anni, ma ne dimostra cinquanta

AAA. Cerco soci per mettere su un centro di ossigenazione in camera pressurizzata.

Uno scherzo? Proprio no ed ecco perché: scienziati israeliani, di nascosto per non farlo sapere al truce Netanyhau (che invecchi infelicemente e presto!) sono gli autori di una sensazionale scoperta. Sottoposti a sedute di ossigenazione in camera pressurizzata, uomini e donne ‘ringiovaniscono’, cioè sovvertono gli stadi finora incontrovertibili dell’invecchiamento, della senescenza. L’inversione, racconta un’autorevolissima rivista scientifica, è stata dimostrata dai ricercatori in due ‘orologi biologici’ di esseri umani. Succede, che con l’avanzare dell’età, le cellule continuano a dividersi e le sequenze del DNA all’estremità dei cromosomi, i ‘telomeri’, si accorciano progressivamente. Quando diventano troppo corti, la cellula non si replica e muore. Di positivo c’è che così si impedisce anche la moltiplicazione delle cellule tumorali, ma comunque ci s’invecchia. L’esperimento: 60 sessioni al giorno di ossigenoterapia iperbarica per tre mesi. Risultato: netta diminuzione del numero delle cellule senescenti. Definizione: “Il significativo miglioramento della lunghezza dei telomeri fornisce alla comunità scientifica una nuova base per comprendere che l’invecchiamento può essere invertito”.  Firmato Shai Efrati, della Sackler School di Tel Aviv e Amir Hadanny, neurochirurgo presso il Centro di medicina e ricerca iperbarica Sagol in Israele. Il commento: “Trascorrere molte ore al giorno in una camera pressurizzata potrebbe rivelarsi fastidioso, ma visti i risultati potrebbe valerne la pena”. AAA cercasi soci. Pensate a quanta umanità è disposta a ringiovanire senza badare a spese. Concretizzata la proposta si potrebbe sognare papa Francesco in vita per chissà quanto tempo, ma anche affidare la gestione dell’‘affare’ a un’autorità con poteri decisionali assoluti, per esempio con diritto di negare la terapia a tipi come Trump.

Vivisezionate le immagini di Napoli-Milan, zero in condotta all’arbitro Doveri. In due circostanze (per evitare problemi alla potenza calcistica dei rossoneri?) si è guardato bene dal ricorrere al Var. Ha espulso Bakayoko per somma di ammonizioni, la prima assolutamente immotivata e non ha espulso Ibrahimovic, che ha colpito Koulibaly con una brutale gomitata assolutamente volontaria, come dimostrano le immagini al ralenty osservate in moviola.  Questo senza voler assolvere l’evidente mediocrità del Napoli anti-Milan

Eliminata la scoria dell’indecente presidenza Trump, applausi per Thiery Baudet, parlamentare olandese populista. Ha deciso per correttezza di dimettersi da leader del Forum per la Democrazia dopo che giornali e tv hanno diffuso dichiarazioni antisemite e omofobe dei giovani del suo partito. Non sarà più il capolista alle elezioni della prossima primavera. Dicono che Salvini, come le tre famose scimmiette, non condivida la notizia della coerenza del collega populista e abbia messo i tappi nelle orecchie, per fingere di non esserne a conoscenza.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento