Covid e pensiero divergente

L’angosciante decorso della pandemia si accompagna all’ambivalente binomio speranza-disillusione. Il primo round della disputa ottimismo-pessimismo si è concluso con il brusco ritorno alla realtà del dopo lockdown, della fase successiva all’illusione primaverile di aver concluso la fase 1 della pandemia con la vittoria degli italiani sul malefico coronavirus. Spiagge gremite, discoteche sovraffollate, rifiuto di mascherine, distanziamenti, precauzioni igieniche disattese: la stolta presunzione della collettività èdiventata diffusa incoscienza, sconfinata in forme di negazionismo suicida.  A smontare la fiducia nel rigore dei protocolli sicurezza ha contribuito la guerriglia scientifica intrapresa da virologi e scienziati a vario titolo, gli uni spinti a scongiurare il mancato rigore delle restrizioni, gli altri, per superficialità o perché cinghie di trasmissione del disfattismo antigoverno, dispensatori di menzogne, di negazione del Covid.
La coesione scientifica e politica, componente decisiva per contenere la pandemia, si è progressivamente sfaldata per obbedire a diverse scuole di pensiero, o peggio alla tutela di interessi ‘materiali’.  Scuole aperte o chiuse, stop a sport, cinema, teatri, discoteche, ristoranti, palestre, piscine, sagre paesane, matrimoni e funerali, feste private. Eventi proibiti o leciti, prima la salute o l’economia? Crisanti/Zangrillo, Fauci/Trump, mascherine, ma quali le protettive, pochi tamponi, vaccini a breve o chissà quando, eccetera, eccetera. Inevitabile la seconda ondata e delittuoso negarla, criminale cavalcare le violenze di piazza per legittimare la contestazione delle minoranze al governo. C’è tutto questo nel drammatico ritorno all’emergenza, a contagi, ricoveri e morti in aumento esponenziale, che impongono nuovi lockdown e severe riflessioni sull’anarchia, che per citare comportamenti estremi, racconta di una splendida giornata di sole vissuta da micidiali assembramenti dei napoletani nell’area del lungomare.

Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento