Juve-Fiat-Fgci, perfetto ‘triello’

Con strepitosa velocità acquisite notizie e dati utili a imbastire un articolo del settimanale l’Espresso (proprietà della Fiat) sul caso Juventus-Napoli, teso a dimostrare le colpe della squadra di Gattuso e la correttezza della squadra di Pirlo (proprietà della Fiat). Il periodico in questione, per chi non ne fosse al corrente, è in edicola la domenica in abbinamento obbligatorio con il quotidiano la Repubblica (proprietà della Fiat). Per essere in edicola domenica 4 novembre la preparazione dell’Espresso non poteva che essere precedente e dunque non si conosceva, ma si intuiva, la decisione del Napoli di non recarsi a Torino per disputare la partita con i bianconeri. Comunque, il settimanale domenica era sul ‘fatto’. Titolo: ‘Esclusivo.  Così De Laurentiis è stato salvato da De Luca: ecco i documenti su Juve Napoli’. (Titolo volutamente sviante, la decisione dello stop alla trasferta è stata della Asl).
Il ‘Pubblico ministero’ dell’Espresso spara subito le cartucce della sua requisitoria in favore della Juve di Agnelli: “…premessa, la circolare del ministero della Salute per il calcio professionistico del 18 giugno 2020, che ha recepito l’accordo tra la Lega Calcio e il Comitato tecnico scientifico, permette alle squadre una “quarantena leggera” su disposizione del Dipartimento di prevenzione delle aziende sanitarie locali (Asl): si va in campo se ci sono 13 disponibili, si rinvia una gara se ci sono almeno dieci infetti. Corretto o sbagliato, sono le indicazioni vigenti. Ciò ha consentito di non disertare a Atalanta, Torino, Milan e Genoa, anche se quest’ultima, dopo la goleada patita proprio al San Paolo di Napoli, è rientrata in Liguria sotto forma di focolaio…”. Appunto, è quanto poteva succedere a chi fosse entrato in contatto con giocatori e staff del Napoli.
“…Raffaele Canonico, medico sociale degli azzurri, chiede un parere definitivo alle Asl di Napoli e al vicecapo di gabinetto della Regione Campania…Secondo le scelte del governo che da un paio di giorni arrossisce bisbigliando qualcosa, le risposte sono due: i cittadini non calciatori devono rimanere in casa, i calciatori possono interrompere la quarantena per una partita”. Non va così per il caso di Juve-Napoli, Speranza e Spadafora si sono espressi in favore della “salute prima di tutto”.
Ed ecco la prima insinuazione a proposito del vicecapo di gabinetto della Regione, avvocato Bove: “Per quanto di competenza, si comunica pertanto che i soggetti destinatari della nota Asl di data odierna sono tenuti a non allontanarsi dal domicilio indicato. L’avvocato lo comunica alla società azzurra, alla Asl Napoli 1 e, in copia, all’assessore Fulvio Bonavitacola, fedelissimo di De Luca sin dai tempi del comune di Salerno e vicepresidente della Regione Campania appena rieletto. Lettera girata a De Laurentiis e ai vertici del Napoli”.
 La Asl Napoli 1 informa la Ssc Napoli che i contatti stretti di Zielinski ed Elmas  (Gattuso, Kostantinos Manolas, Dries Mertens, Lorenzo Insigne, Fabian Ruiz e altri 16) devono ‘osservare la quarantena fiduciaria’. All’aeroporto di Capodichino c’è un volo che attende il Napoli per il breve (breve? ndr) viaggio a Torino. Per stabilire se partire o restare in sede, il medico sociale degli azzurri, chiede un parere definitivo alle Asl di Napoli e al vicecapo di gabinetto della Regione Campania (per sapere se per le persone assoggettate a isolamento sussista l’obbligo di non allontanarsi dal luogo prescritto con divieto di qualsiasi contatto con soggetti terzi, ndr). Risposte univoche: “No alla partenza).
La Juventus, si rivolge alla Asl di Torino che cita il protocollo FGCI-Comitato tecnico sulla deroga all’isolamento fiduciario per particolari situazioni lavorative “…Secondo le scelte del governo che da un paio di giorni arrossisce bisbigliando qualcosa, le risposte sono due: i cittadini non calciatori devono rimanere in casa, i calciatori possono interrompere la quarantena per una partita”. Falso, il governo dichiara prioritaria la tutela della salute. “
“Per la Asl di Torino Juventus-Napoli si poteva giocare, per la Regione Campania e le Asl di Napoli no. Per le decisioni del governo sì, per le future decisioni del governo chissà. La confusione non manca. Sarà divertente assistere alla gara nei tribunali sportivi e nei mitologici Tar”.
In margine alla vicenda, parole di Agnelli: De Laurentiis voleva il rinvio, gli ho risposto che ci atteniamo ai regolamenti”, ovvero, viva la burocrazia, chi se ne frega della pandemia.
  • Gravina, presidente della Federazione Gioco Calcio, si schiera, ovvio, dalla parte della corazzata Juventus e tace sulla fuga dalla ‘quarantena fiduciaria’ dei bianconeri stranger volati nei rispettivi Paesi per giocare con la maglia della nazionale che saranno probabilmente deferiti alla Procura sportiva.

Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento