ELON MUSK / LA PROSSIMA CITTA’ SU MARTE

Il nuovo Padrone della Terra. E poi di Marte.

Si tratta di Elon Musk, fino a qualche anno fa un signor nessuno arrivato forse da quel pianeta per impartire le regole economiche e di vita a tutti gli umani.

Il padre-padrone del fresco colosso Tesla, che detta legge sul nuovo, immenso mercato mondiale delle auto elettriche, green. Sul cui futuro, però, già aleggiano nubi non troppo rassicuranti, vista la crisi economica post Covid che sta colpendo tutti i settori economici e quello delle auto in particolare.

Forse è meglio, a questo punto, tuffarsi fra stelle & pianeti. A cominciare da Marte, il primo obiettivo nel mirino di mister Musk.

Che a bordo del suo progetto SpaceX sta programmando un volo diretto per il 2024.

Si tratta solo del primo obiettivo, perché è già prevista la seconda tappa. La costruzione di una città marziana, come anticipa il quotidiano “The Sun”.

Dal sole ai pianeti, infatti, il passo è breve, per il funambolico imprenditore-finanziere, del quale resta ignota la fonte finanziaria iniziale.

Sorge infatti spontanea la domanda: come fa un self made man, pur con tutte le capacità che ha nel serbatoio, a racimolare un capitale così gigantesco di poter annunciare missioni su Marte, come non sono neanche in grado di pensare potenze del calibro di Stati Uniti e Russia?

Sorge poi spontaneo un altro interrogativo. Con quale testa mai, un simile imprenditore, può solo ipotizzare la creazione di una ‘città’ su un pianeta del tutto sconosciuto, quando sul nostro ci sono problemi “terra terra” come la fame, la sete e la salute nel mondo?

Con quale faccia mai si può presentare davanti alle telecamere, mister Musk, per presentare un simile, folle progetto?

Un piccolo consiglio ai sempre solerti investigatori a stelle e strisce: date una sbirciatina ai conti e ai bilanci di mister Musk.

Di certo ne potrete scoprire delle belle sulle origini di tanta, smisurata fortuna…

 

 

Nella foto Elon Musk


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento