GRANDE ORIENTE D’ITALIA / PAOLO SAVONA GUEST STAR A RIMINI

Alla Consob vanno ora di moda cappucci & grembiulini.

Il suo presidente da un anno e mezzo, Paolo Savona, è infatti la guest star al congresso nazionale organizzato dal Grande Oriente d’Italia al Palacongresso di Rimini dall’11 al 13 settembre.

La più importante e affollata (oltre 26 mila gli affiliati) obbedienza massonica dedica quest’anno il tema del suo rituale appuntamento al tema “Uniti nelle diversità”.

Una tre giorni densa di convegni, dibattiti, mostre, concerti, sotto l’attenta supervisione del Gran Maestro, Stefano Bisi, arrivato al sesto anno del suo mandato.

Decine e decine gli ospiti, ma la star, appunto, è una: il numero uno della Consob Paolo Savona, storico pezzo da novanta in campo economico sia della Prima (all’epoca era molto legato ad ‘O Ministro Paolo Cirino Pomicino) che della Seconda (sic) Repubblica.

Prende parte al dibattito “Economia italiana nel mondo”, l’incontro più atteso al Palacongresso di Rimini, ormai la storica location per l’appuntamento annuale del GOI.

Il premier del governo gialloverde Giuseppe Conte lo propose nel 2018 addirittura come ministro dell’Economia per il suo esecutivo, su imput di Lega e 5 Stelle. E’ stato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, a porre il veto sulla sua nomina, per via della visione anti euro più volte propugnata da Savona, il quale venne invece dirottato al più leggero dicastero degli Affari Esteri.

Presto defunto quell’esecutivo, Savona non ha perso tempo ed ha subito occupato la poltronissima di presidente della Consob: non da poco, visto che è chiamata a controllare sulle manovre in Borsa e su quelle di tutte le società che la popolano.

Un paio di mesi fa, in un fondo per il Sole 24 Ore, Savona ha definito la pandemia da coronavirus una “naturale espressione della globalizzazione degli scambi di merci e servizi, cui si accompagnano i movimenti di persone, i principali veicoli di infezioni”.

 

Nella foto Paolo Savona


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento