JOE BIDEN / A PITTSBURGH PARLA DAVANTI A 7 REPORTER

E’ convinto che Pittsburgh gli porterà fortuna e gli assicurerà la poltronissima alla Casa Bianca.

Per questo Joe Biden ha iniziato il suo sprint finale proprio nella città in cui è nato e che già gli ha portato fortuna quasi un anno e mezzo fa, con l’avvio della corsa per la nomination democratica.

Ma c’è una grossa differenza. L’anno scorso era stato un “bagno di folla”, come descrissero i media, comunque ritualmente genuflessi davanti ai democratici.

Stavolta il bagno si è moto ridimensionato, sotto il profilo numerico. Come del resto confermano le eloquenti immagini dell’agenzia Reuters, che immortalano una conferenza stampa letteralmente tra quattro gatti. Per di più ammaestrati.

Sette giornalisti 7, in un desolante e desolato studiolo televisivo come neanche al circolo della bocciofila.

Mute presenze, quelle dei reporter, visto che non erano ammesse domande.

Così Biden ha potuto illustrare, senza alcun contradditorio, il suo programmino tutto peace & pancakes.

Del resto si trattava di reporter già genuflessi, i quali al massimo avrebbe chiesto al candidato dem le previsioni del tempo per il prossimo week end.

“Se batterò Donald Trump sarà succederà qui”, ha gonfiato il petto Biden, che aveva già esternato la sua profezia l’anno scorso. Rammentando che nessun candidato è arrivato mai alla Casa Bianca, dal 1948, senza vincere nello stato della Pennsylvania. Nel 2019 il suo uditorio era stata una caserma dei vigili del fuoco, dichiarandosi un uomo “dei sindacati”.

Quest’anno la scena è stata ambientata in una azienda siderurgica. Tanto per far capire la sua vera tempra: di puro acciaio.

 

Nella foto,  il comizio di Biden a Pittsburgh davanti a sette giornalisti collocati nei cerchietti bianchi.


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento