GERMANIA / IL CUORE “NAZI” DEL MINISTRO DELLA DIFESA

Germania super aggressiva sullo scenario europeo. In perfetto stile militare e praticamente in assetto di guerra. Pronta a giocare il ruolo di ‘protettore’ degli stati ‘minacciati’ dalla ‘aggressività’ russa e ad imporre, se è il caso con la forza, il ‘Nuovo Ordine Globale’.

E’ la super inquietante prospettiva che emerge nel corso di una fresca intervista rilasciata a ZEIT online dal ministro tedesco della Difesa, Annegret Kram-Karrembauer, che ha preso il posto, su quella poltrona, di Ursula Von der Layen. Soprattutto nel momento in cui dalla Bielorussia e dall’Ucraina arrivano segnali di forte tensione.

Ecco i passaggi salienti che destano non poche preoccupazioni sia per il contenuto che per il linguaggio, di inusitato spirito belligerante (forse non per i tedeschi).

Esordiamo con una frase, che può dare meglio il senso del ragionamento.

Proclama Kram-Karrembaum, un carrarmato di nome e di fatto: “Siamo un esercito. Siamo armati. In caso di dubbio, anche i soldati devono uccidere”.

Capito il clima che si respira nella Germania di Angela Merkel?

Cominciano subito gli attacchi alla Russia di Vladimir Putin: “Le leadership russa rappresenta i suoi interessi in modo molto aggressivo. Dobbiamo prendere una posizione chiara nei confronti della loro richieste: siamo pronti a difenderci. Vediamo cosa sta facendo la Russia e non lasceremo che la loro leadership la faccia franca”.

Capito, Putin?

Continua il panzer teutonico: “In quanto paese Nato e Ue al centro dell’azione, abbiamo bisogno di una visione a 360 gradi. Se si guarda chi è nel raggio d’azione dei missili russi in Europa, allora non ci sono solo i paesi dell’Europa orientale e noi. Questo è uno dei motivi per cui molti di questi stati ci vedono come un partner importante su cui fare affidamento. Lavoreremo su un’analisi congiunta della minaccia durante la nostra Presidenza del Consiglio della Ue. Perché dobbiamo sviluppare sistemi di difesa. Prediamo la difesa aerea, ad esempio: si tratta sempre più di droni, sciami di droni controllati dall’IA o armi ipersoniche. Ciò che sta emergendo ora è il problema di armare i droni per proteggere i nostri soldati”.

Un vero piano di guerra, preventiva o meno che possa dirsi. Come viene palesemente dimostrato dalle successive, non poco allucinanti dichiarazioni.

“Il concetto di ‘cittadino in uniforme’ è e rimane il modello centrale della nostra leadership interiore. Tutti coloro che indossano un’uniforme, sia nelle caserme di casa che in Afghanistan, devono sapere che sono sempre rappresentanti di questo paese”.

Ma chi era un certo Adolf Hitler? Nipotini, di tutta evidenza, crescono. Non fa fatica ad ammetterlo, il Ministro della Difesa, che andrebbe quanto meno denunciato al tribunale dell’Aja: “Queste sono lezioni che vengono dal passato”.

Non si contenta, il ministro, delle follie appena esternate, ma prosegue nei suoi programmi da vere “star wars” a livello europeo.

“Se vogliamo affermarci come europei, possiamo farlo solo insieme. Dalla Germania ci si aspetta leadership, non solo come potenza economica. Si tratta di difesa collettiva, si tratta di operazioni internazionali, si tratta di una visione strategica del mondo. Si tratta, in definitiva, della questione se vogliamo aiutare attivamente a plasmare l’Ordine Globale”.

Ecco il Nuovo Ordine Globale auspicato dai potenti di mezzo mondo, a cominciare da miliardari-filantropi come Bill Gates e George Soros, e sempre vagheggiato dal Deep State griffato Usa.

Continua l’analisi – sic – del ministro prussiano, pardòn tedesco. “A differenza del passato, oggi le missioni pericolose all’estero sono comuni. Chiunque entri a far parte della Bundeswehr lo sa, anche questo fa parte di ciò che intendo per democrazia difensiva ed Europa forte. La stragrande maggioranza della Bundeswehr proviene dal centro della società e sostiene attivamente la nostra costituzione. C’è un forte senso di cameratismo che, tra l’altro, rende la Bundeswehr particolarmente attraente per i giovani. La Bundeswehr è un vero e proprio esercito parlamentare”.

Come mai nessuno, al Parlamento europeo, non ha fino ad oggi preso carta e penna per denunciare il manifesto tentativo, nientemeno che del ministro tedesco della Difesa, di rivitalizzare lo spirito nazi?

O aspettiamo che i soldati teutonici comincino a premere il grilletto?

 

Nella foto Annegret Kram-Karrembauer con Angela Merkel

Lascia un commento