ISRAELE / IL TOTALE FLOP DELLA APP PER IL TRACCIAMENTO ANTI COVID-19

Caos totale in Israele sul fronte del tracciamento anti coronavirus via app.

Migliaia e migliaia di persone sono state costrette per errore ad una quarantena forzata, causando una vera e propria ribellione popolare che si è tradotta in una marea di ricorsi giudiziari. A quanto pare quasi 15 mila!

Sotto accusa l’agenzia di sicurezza SHIN BET, che ha elaborato il fallimentare programma di tracciamento.

Moltissimi cittadini – secondo le ultime ricostruzioni – hanno ricevuto sui cellulari messaggi in cui venivano avvisati di essere entrati in contatto con un ‘positivo’. In questo caso le legge impone la quarantena per due settimane o pesantissime multe che possono anche portare alla galera.

Sono stati quindi bloccati o sanzionati ed hanno fatto ricorso. In oltre la metà dei casi (il 54 per cento) i ricorsi sono stati accolti. Resta l’interrogativo di cosa sia successo per gli altri.

Il governo ha rilanciato il programma di localizzazione a giugno, per rispondere all’aumento dei contagi.

Ma senza fornire adeguati ragguagli ai cittadini che, disorientati, si sono rivolti agli uffici del ministero della Sanità. Ma senza mai ricevere alcuna risposta, perché i sistemi di comunicazione ministeriali sono andati letteralmente in tilt.

Tantissimi israeliani sono stati costretti a rimanere a casa per “errore”.

Il capo di Shin Bet Nadav Argaman – per giustificare tali colossali “errori” – ha sostenuto di aver detto alle autorità governative che le tecnologie impiegate dall’agenzia erano destinate ad operazioni antiterrorismo e non dovevano essere usate per tracciare in massa i cittadini.

Delle due l’una. O il governo è alla frutta e non sa neanche spiegarsi; o Shin Bet è un’agenzia di totali coglioni i quali non sanno quello che fanno.

In ogni caso una figuraccia gigantesca che ha avuto pesanti ripercussioni sulla vita di tante migliaia di israeliani.

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento