Coroneide-19

Bel tipetto la borgatara “Io sono Giorgia”, al secolo la Meloni, capoccia di Fratelli d’Italia. Sulla sua contiguità con la destra italiana, sempre più  radicata nel tessuto sociale e politico del Paese, punta il burattinaio straricco Bannon,  collettore di cifre pazzesche, raccolte dalla destra clericale e da altri potentati  finanziari dell’America che  ha portato all’elezione di Trump. L’obiettivo di Bannon, in parte deluso dall’approccio con la Lega, è di tingere di nero razzismo e di para-fascismo  sovranista il mondo occidentale.
In piena esplosione dell’epidemia da coronavirus, Lega e Fratelli d’Italia, ad evitare  contraccolpi in termini percentuali nella classifica stilata dai sondaggisti, simulano scelte di solidarietà e coinvolgimento acritico e dichiarano di mettere in parentesi la vis polemica di oppositori aggressivi. Il disegno di non indignare gli italiani, alle prese con le conseguenze del Covid-19  con atteggiamenti  polemici, non regge a lungo.  Salvini e la Meloni chiedono di non essere trattati come ‘inutili idioti’, ovvero di essere coinvolti nella gestione della crisi, ma contemporaneamente  pretendono che Conte vada a casa (la Meloni l’insulta chiamandolo “criminale”, ingiuria di cui si autoassolve definendolo una ‘quisquilia’ rispetto alla gravità dell’epidemia!) e, ‘tanto non costa niente’ tutti e due sparano cifre a ruota libera da investire a favore di imprese a famiglie: venti, trenta miliardi di euro. Perché non  cinquanta, cento, mille miliardi? L’intento è chiarissimo: porsi nei confronti di aziende e famiglie in difficoltà come generosi (inverosimili)  dispensatori  di benessere e insinuare che il governo non faccia abbastanza.
Come una tegola sulla testa di un incolpevole passante, il micidiale insulto del virus Covid-19 incombe sul presente e sul futuro prossimo del   governo, impegnato a far quadrare ‘risorse disponibili-domande di  risanamento finanziario del Paese-ripresa economica’. È proibito sottovalutare le conseguenze sanitarie e la paralisi dell’economia italiana indotte dal diffondersi del virus e dunque, in nome di trasparenza e verità (copyright del premier Conte), bene i bollettini dell’Istituto Superiore della Sanità, bene la divulgazione reiterata del decalogo dell’igiene antivirus, bene il consulto di eccelsi scienziati infettivologi per ottenere uno spettro ampio, autorevole di valutazioni; invece, riserve che sfiorano la censura per l’appropriazione ‘impropria’ dell’informazione operata da ogni segmento dei format televisivi di intrattenimento, che si agitano con finta competenza nelle insidie di un tema complesso e ancora parzialmente inesplorato dalla ricerca ed esibiscono opinioni, non di rado contrastanti, di una miriade di infettivologi, che spuntano dall’anonimato come funghi, o peggio, di cosiddetti opinionisti, seriali, assolutamente inabili a dissertare sul tema. Di tutto, di più e in particolare  lo straripamento di programmi televisivi di approfondimento che la Rai moltiplica in spazi inconsueti e diluisce in tempi  doppi, tripli. La critica alla saturazione comunicativa sul tema prescinde, ovvio, dal massimo rispetto per il livello di serietà richiesto dall’evento, che rischia di invadere il Pianeta, e include l’augurio che la ricerca non ritardi nel disporre di un efficace antagonista del coronavirus. L’appello al contenimento dello sparlare televisivo di virus ha un obiettivo palese: estromettere dal contesto della corretta informazione show girl quali sono Luciana Littizzetto, Lorella Cuccarini, la Balivo, Bianca Guaccero, la Carlucci, i loro partner al maschile, personaggi folcloristici di contorno, tuttologi inventati per fare ascolto. La pletora di bla-bla sul tema è una  delle cause di ansia e panico, o, all’opposto, di sottovalutazioni dell’epidemia.
C’è di  molto peggio. Tale Feltri (sì, lui, il tizio che dirige il quotidiano ‘Libero’, che in Tv esibisce il linguaggio forbito di parolacce e, insulti). A proposito di coronavirus non ha lesinato sputacchiate biliose ai suoi lettori.  Titoli recenti delle sue prime pagine: Lo hanno portato gli emigranti. Torna il colera a Napoli //  Gli immigrati  e il colera a Napoli. Ci risiamo //  Untori, violenti e terroristi. Ci risiamo / Dopo la miseria portano le malattie.
Di qui l’insopportabile disagio personale di comparire  nell’elenco dei giornalisti iscritti all’albo di categoria con ‘colleghi di così elevata levatura  professionale’.

Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento