CORONAVIRUS / I BIG DELLA “RICERCA” (SIC) DANNO I NUMERI

2, 3, 12, 18, 24.

Danno i numeri, ottimi per giocarli al lotto, i Soloni della ricerca scientifica internazionali e locale, a proposito del tempo che sarà necessario per mettere a punto un vaccino in grado di sconfiggere il Coronavirus.

E poi, lorsignori, parlano di fake news e di infodemia! Proprio come quando il bue dà del cornuto all’asino…

E di somari – secondo il verbo del Vate pro Vax Roberto Burioni – si tratta di tutta evidenza, perché quelle Menti non sono capaci di fare altro che sfornare previsioni come neanche il più sgarrupato dei metereologi. E pensare che di mezzo c’è la salute dei cittadini, di miliardi di persone nel mondo.

Ma vediamo il toto fake.

Roberto Burioni

Apre le danze una delle eminenze massime della ricerca internazionale sui vaccini, l’immunologo italo-americano Anthony Fucci, a capo del celebre NIAID, il National Institute of Allergy and Infectous Deseases. Dice lo scienziato a stelle e strisce: “Ci vorranno 2-3 mesi, stiamo lavorando con Moderna e Cepi”. Si tratta, rispettivamente, dalla star sul fronte delle biotecnologie e della Coalition for Epidemic Preparedness Innovation”.

Passiamo all’Organizzazione Mondiale per la Sanità, OMS per i fans. Il suo direttore generale, Tedros Adhanom Ghereyesud, davanti ad un uditorio di 400 ricercatore arrivati da tutto il mondo, dà i suoi numeri: almeno 18 mesi.

Ed eccoci ai Vate di casa nostra.

Il “padre dei vaccini contro influenza, meningite, pertosse, polmonite, medaglia d’oro al valore per la sanità, 68 anni, nato a Radicofani, direttore scientifico della ricerca sui vaccini alla multinazionale GSK”, Rino Rappuoli, fornisce le sue cifre: dodici mesi. L’illuminato parere è raccolto da Repubblica, che così titola il suo articolo, “Scoprire il vaccino è una sfida globale. Ci vorrà un anno ma ce la faremo”.

Ma eccoci alle previsioni dello Special One, lo Scienziato numero uno, al cui confronto gli altri sono tutti mezze tacche e/o somari, come ad esempio il premio Nobel Luc Montagnier o Giulio Tarro, due volte candidato al Nobel per la Medicina.

Ilaria Capua

Ecco il Verbo di Roberto Burioni: “Ci vorranno anni. E’ una sciocchezza dire che ci vogliono mesi. Non sappiamo neppure se trovare la causa sarà facile”. Un fesso, quindi, mister Fucci; idioti all’OMS, imbecille Rappuoli.

Quale potrà essere il motivo di mandarla per le lunghe? Far arrivare mari di dollari & euro a Big Pharma, alle star della ricerca nel settore dei vaccini, per ingrassare quella vacca insaziabile (con tutto il massimo rispetto per le vacche).

La super scienziata di casa nostra trapiantata da un paio d’anni negli Usa, in Florida, ossia Ilaria Capua, dal canto suo lancia l’allarme: il virus deve ancora arrivare in Italia e quando succede sarà una tragedia. Alla faccia dell’infodemia!

Ma è possibile mai giocare in questo vergognoso modo sulla pelle dei cittadini? Dare simili numeri alla faccia della salute di tutti?


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento