Più poveri, peggio il Nord

Quasi non fa più notizia il suicidio di lavoratori licenziati, imprenditori falliti, uomini e donne, giovani, che perdono ogni rapporto con la vita per disperazione. La povertà, male endemico di tutto il mondo, non risparmia i Paesi industrializzati, anzi lì ha radici più profonde, alimentate dall’assurdo “tanti poveri, pochi ricchissimi” comune alle società cosiddette avanzate. L’Italia, è sotto gli occhi di chi non si benda e non impedisce l’udito, non fa eccezione e i dati Istat lo dicono con terribile chiarezza. E’ record di povertà assoluta, da Nord (dove aumenta) a Sud (più estesa). Si contano poco più di quattro milioni di italiani sotto la soglia minima di sopravvivenza, pari al 7,6 % dell’intera popolazione. I numeri sono impressionanti. Un milione e mezzo di famiglie vivono in povertà totale. L’aumento al Nord si deve alla maggior presenza di stranieri. Stanno peggio le famiglie con quattro componenti (coppie con due figli) e come non capire se la tendenza degli italiani è di non procreare come un tempo? In controtendenza, rispetto al dato della povertà nel Mezzogiorno, la più alta del Paese, l’Istat racconta che nell’anno trascorso a Sud di Roma è aumentata l’occupazione ed è cresciuto il prodotto interno lordo (Pil +1%), dopo sette anni di decrescita. Merito dell’agricoltura. L’aumento nazionale degli occupati è stato dello 0,6%, quello dell’Italia meridionale dell’1,5%. Sorprende favorevolmente l’inversione di tendenza della popolazione del Sud, per decenni attratta dall’occupazione nelle fabbriche del Nord e da qualche tempo orientata a ottimizzare il bene della terra.

Nella foto, povertà assoluta

 

Olbia, sindaco censore

La censura sulla cultura è cosa del regime, del ventennio, anacronistica in democrazia? Niente di più illusorio: Settimio Nizzi, sindaco di Olbia, Forza Italia, e l’assessora alla cultura, Sabrina Serra, hanno vietato la proiezione nella biblioteca comunale (autorizzata dalla precedente amministrazione di centro sinistra) la proiezione del film di Sabina Guzanti “La trattativa” e l’hanno impedita nel ristopub Civico IV a cui la regista aveva chiesto ospitalità, con l’intervento dei vigili urbani, appellandosi al testo unico sulla sicurezza del 1931 (tempo di aperta ostilità alla cultura). “Il film e la regista”, ha sentenziato il sindaco (lo scrive il Fatto quotidiano) “Mettono, in maniera assolutamente discutibile, in relazione la mafia e Forza Italia, utilizzando la lotta alla mafia e i suoi simboli, che sono invece patrimonio comune di tutti gli italiani, per gettare in maniera fantasiosa fango gratuito su un partito costituito da militanti e amministratori locali perbene, impegnati a fare politica onestamente. L’amministrazione comunale ritiene fuori luogo, fuorviante e inopportuna l’iniziativa, annullata per ragioni di etica, verità e correttezza”. La risposta della Guzzanti: “È un comunicato inaudito, fascistissimo. Fuori da ogni logica democratica, tipico dei berlusconiani che c’eravamo scordati”. A conclusione della proiezione del film la regista avrebbe parlato di Stato e di mafia. Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso da Cosa nostra, si sarebbe collegata con Skype. Tutto cancellato.

 

 

 


Scopri di più da La voce Delle Voci

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento