Il Sud del mondo rifiuta le pressioni dell’Occidente per schierarsi sulla Russia

 

Alla riunione del G20 di Bengaluru, in India, gli Stati Uniti sono arrivati con un mandato semplice. Il Segretario del Tesoro statunitense Janet Yellen ha dichiarato, in occasione del vertice del febbraio 2023, che i Paesi del G20 devono condannare la Russia per l’invasione dell’Ucraina e aderire alle sanzioni statunitensi contro la Russia.

Tuttavia, è apparso chiaro che l’India, che presiede il G20, non è disposta a conformarsi all’agenda statunitense. I funzionari indiani hanno affermato che il G20 non è una riunione politica, ma un incontro per discutere di questioni economiche. Hanno contestato l’uso della parola “guerra” per descrivere l’invasione, preferendo descriverla come “crisi” e “sfida”. Francia e Germania hanno respinto questa bozza se non condanna la Russia.

Proprio come in Indonesia durante il vertice dell’anno precedente, i leader del G20 stanno ancora una volta ignorando le pressioni dell’Occidente per isolare la Russia, con i grandi Paesi in via di sviluppo (Brasile, India, Indonesia, Messico e Sudafrica) che non sono disposti ad abbandonare la loro visione pratica secondo cui l’isolamento della Russia mette in pericolo il mondo.

I prossimi due vertici del G20 si terranno in Brasile (2024) e in Sudafrica (2025), il che indicherebbe all’Occidente che la piattaforma del G20 non sarà facilmente subordinata alla visione occidentale degli affari mondiali.

La maggior parte dei leader dei Paesi del G20 si è recata a Bengaluru direttamente dalla Germania, dove aveva partecipato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

Il primo giorno della conferenza di Monaco, il presidente francese Emmanuel Macron si è detto “scioccato da quanta credibilità stiamo perdendo nel Sud globale“. Il “noi” della dichiarazione di Macron è quello degli Stati occidentali, guidati dagli Stati Uniti.

Quali sono le prove di questa perdita di credibilità? Pochi Stati del Sud globale sono stati disposti a partecipare all’isolamento della Russia, anche votando le risoluzioni occidentali all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Non tutti gli Stati che hanno rifiutato di unirsi all’Occidente sono “anti-occidentali” in senso politico. Molti di loro – tra cui il governo indiano – sono spinti da considerazioni pratiche, come i prezzi scontati dell’energia russa e le attività vendute a prezzi ribassati dalle società occidentali che stanno abbandonando il lucroso settore energetico russo.

Che siano stufi di subire pressioni da parte dell’Occidente o che vedano opportunità economiche nelle relazioni con la Russia, sempre più spesso i Paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina hanno evitato le pressioni provenienti da Washington per rompere i legami con la Russia. È questo rifiuto e svicolamento che ha spinto Macron a fare la sua forte dichiarazione di essere “scioccato” dalla perdita di credibilità dell’Occidente.

Nel corso di una tavola rotonda tenutasi il 18 febbraio alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, tre leader africani e asiatici hanno esposto le ragioni della loro insoddisfazione per la guerra in Ucraina e della campagna di pressione esercitata su di loro per rompere i legami con la Russia.

Il ministro degli Esteri brasiliano Mauro Vieira, che il giorno stesso ha condannato con un tweet l’invasione russa dell’Ucraina, ha invitato le varie parti in conflitto a “costruire la possibilità di una soluzione. Non possiamo continuare a parlare solo di guerra“.

Miliardi di dollari di armi sono stati inviati dagli Stati occidentali in Ucraina per prolungare una guerra che deve essere conclusa prima che si aggravi fuori controllo. L’Occidente ha bloccato i negoziati da quando, nel marzo 2022, è emersa la possibilità di un accordo provvisorio tra Russia e Ucraina.

I discorsi di una guerra infinita da parte dei politici occidentali e l’armamento dell’Ucraina hanno portato al ritiro della Russia dal trattato New START il 21 febbraio 2023, che – con il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal trattato sui missili anti-balistici nel 2002 e dal trattato sulle forze nucleari intermedie nel 2019 – pone fine al regime di controllo delle armi nucleari.

Il commento di Vieira sulla necessità di “costruire la possibilità di una soluzione” è condiviso da tutti i Paesi in via di sviluppo, che non vedono la guerra infinita come un beneficio per il pianeta. Come ha detto la vicepresidente della Colombia Francia Márquez durante lo stesso panel, “non vogliamo continuare a discutere su chi sarà il vincitore o il perdente di una guerra. Siamo tutti perdenti e, alla fine, è l’umanità a perdere tutto“.

La dichiarazione più incisiva a Monaco è stata fatta dal Primo Ministro della Namibia Saara Kuugongelwa-Amadhila. “Stiamo promuovendo una risoluzione pacifica del conflitto” in Ucraina, ha detto, “in modo che il mondo intero e tutte le risorse del mondo possano concentrarsi sul miglioramento delle condizioni delle persone in tutto il mondo, invece di essere spesi per acquisire armi, uccidere persone e creare effettivamente ostilità“.

Alla domanda sul perché la Namibia si sia astenuta dal voto alle Nazioni Unite sulla guerra, Kuugongelwa-Amadhila ha risposto: “La nostra attenzione è rivolta a risolvere il problema… non a scaricare le colpe“.

Il denaro utilizzato per l’acquisto di armi, ha detto, “potrebbe essere utilizzato meglio per promuovere lo sviluppo in Ucraina, in Africa, in Asia, in altri luoghi, nella stessa Europa, dove molte persone vivono in condizioni di disagio“.

Il piano cinese per la pace in Ucraina, costruito sui principi della Conferenza di Bandung del 1955, assorbe i punti sollevati da questi leader del Sud globale.

I leader europei sono rimasti indifferenti alle argomentazioni di persone come Kuugongelwa-Amadhila.

L’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell si era già dato la zappa sui piedi con le sue brutte affermazioni dell’ottobre 2022: “L’Europa è un giardino. Il resto del mondo è una giungla. E la giungla potrebbe invadere il giardino… Gli europei devono essere molto più impegnati con il resto del mondo. Altrimenti, il resto del mondo ci invaderà“.

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del febbraio 2023, Borrell – che è originario della Spagna – ha affermato di condividere “questa sensazione” di Macron, secondo cui l’Occidente deve “preservare o addirittura ricostruire una cooperazione di fiducia con molti dei cosiddetti Paesi del Sud globale“.

I Paesi del Sud, ha detto Borrell, “ci accusano di avere due pesi e due misure” quando si tratta di combattere l’imperialismo, una posizione che “dobbiamo sfatare“.

Una serie di rapporti pubblicati da importanti società finanziarie occidentali ribadiscono l’ansia di persone come Borrell.

BlackRock osserva che stiamo entrando in “un mondo frammentato con blocchi in competizione“, mentre Credit Suisse sottolinea le “fratture profonde e persistenti” che si sono aperte nell’ordine mondiale. La valutazione del Credit Suisse su queste “fratture” le descrive accuratamente:

L’Occidente globale (Paesi sviluppati occidentali e alleati) si è allontanato dall’Oriente globale (Cina, Russia e alleati) in termini di interessi strategici fondamentali, mentre il Sud globale (Brasile, Russia, India e Cina e la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo) si sta riorganizzando per perseguire i propri interessi“.

Questa riorganizzazione si sta ora manifestando nel rifiuto del Sud globale di piegarsi a Washington.

*Vijay Prashad è uno storico, editore e giornalista indiano. È collaboratore di redazione e corrispondente capo di Globetrotter. È editore di LeftWord Books e direttore di Tricontinental: Institute for Social Research. È senior fellow non residente presso il Chongyang Institute for Financial Studies della Renmin University of China. Ha scritto più di 20 libri, tra cui The Darker Nations e The Poorer Nations. I suoi ultimi libri sono La lotta ci rende umani: Learning from Movements for Socialism e (con Noam Chomsky) The Withdrawal: Iraq, Libia, Afghanistan e la fragilità del potere statunitense.

 

 

FONTE

CONTROPIANO.ORG

 

Lascia un commento