LAVOCE IN EDICOLA



TUTTE LE COPERTINE
  SOMMARIO
In edicola il numero di


SOMMARIO
» VAI ALLA PAGINA «
Gli SPECIALI
LE GRANDI FIRME
OLIVIERO BEHA
BEHA
GIULIETTO CHIESA
CHIESA
ARMANDO DELLA BELLA
DELLA BELLA
JACOPO FO
FO
FERDINANDO IMPOSIMATO
IMPOSIMATO
ELIO LANNUTTI
LANNUTTI
SANDRO PROVVISIONATO
PROVVISIONATO
LUCIANO SCATENI
SCATENI
ELIO VELTRI
VELTRI
IL BLOG DEL DIRETTORE
» VAI AL BLOG «
L'INSOSTENIBILE
(Il blog di Rita Pennarola)

» VAI AL BLOG «
SONDAGGIO
QUANTO DURA IL GOVERNO RENZI?
tutta la legislatura
due anni
un anno
un mese
     
ADV
NEWSLETTER
DICONO DI NOI
LE VOCI
ADV


 
Editoriale
"SINISTRI" DI SINISTRA E L'INCIUCIO MAXIMO
di Andrea Cinquegrani [ 01/01/2006]



Tangentopoli sì’, Tangentopoli no. Noooo, strepitano in un sol coro i poli (e i cittadini polli se la devono bere?). Nella bufera il numero uno di Bankitalia Fazio, il numero uno di Confcommercio Billè, il gotha della nuova finanza padrona, ladra & mangiona, i palazzinari venuti dalle cave aversane per comprare banche e Corsera, il vertice Unipol & altri compagni di merende sparsi lungo i percorsi milionari. Scoppia il comune di Salerno sotto una valanga di incriminazioni da far tremar le vene ai polsi.


Eppure niente, non è successo niente, “nun ve ne incaricate”. «In poche settimane abbiamo recuperato quattro volte il bottino della prima Mani pulite», precisano al tribunale di Milano. Eppure, per lorsignori dei due poli, si tratta di pinzellacchere. La questione morale? Non esiste. Mai esistita. Un’invenzione di quella buonanima di Berlinguer che voleva a tutti i costi il suo partito fuori da ogni bega, da ogni consorteria. Oggi alle prese con il bottino di Consorte da 50 milioni di euro in viaggio per i paradisi fiscali.


Povero Enrico, che ne stanno facendo del tuo partito… e dei milioni di cittadini non solo operai che hanno dato la loro vita, i loro sacrifici quotidiani per cambiare il mondo. Oggi quegli ideali sono le società off shore di mr. Velardi, l’uomo che sussurrava a D’Alema: in forma smagliante, ora via internet con candore ricorda di aver usato tutte le sue strategie per silurare Achille Occhetto e favorire l’ascesa del lider Maximo. E oggi, Occhetto osserva: D’Alema e Fassino ne hanno combinate più di Craxi. Ma la questione morale è un’invenzione, è fantapolitica. Non esiste. Fassino e D’Alema in pieno agosto dichiarano che i palazzinari romani non vanno criminalizzati, tirandosi addosso persino gli strali di Mastella che difende il sano capitalismo Fiat? Pinzillacchere. Il saggio Pierluigi Bersani dichiara a metà dicembre «aberrante aver già condannato Consorte»? Quisquilie. E’ solo colpa dei telefoni. O dei cellulari. Ma che colpa ne ha Fassino se parla con il capo dell’Unipol e dice cose strampalate? Nessuna. Che colpa ne ha Fazio se qualcuno sente le sue telefonatine di mezzanotte con Fiorani, e poi quelle di Giampiero con la consorte (con la c minuscola) dell’ex Governatore? Così come cosa ci può fare uno degli stakanovisti parlamentari, Pino Petrella, se si trova a parlare con un (ex) manager Asl impartendogli ordini e sgridandolo per i compitini non svolti (ma le fresche nomine ai vertici della sanità non sono immorali…)?


Una volta era la Dc a parlare, ai primi telefonini di fine anni ’80: ricordate la mitica conversazione tra Boffa e Pomicino a base di ‘o capogruppo chi se lo piglia? e…due assessori a voi. Eravamo nell’89, più di quindici anni fa. C’era un volta l’inciucio doroteo…ora c’è l’inciucio Maximo, come documentano in modo perfetto Peter Gomez e Marco Travaglio in un fresco di stampa. Invocavano la privacy, allora, Boffa e Pomicino: sono fatti nostri. Così ora fa la “sinistra” sinistra. Inciuci, solo inciuci. Però così la sinistra muore. Forse è già morta. Perché sono poche le voci fuori dal coro, capaci di cercare vie nuove. Isolate. Non sostenute. E’ possibile chiamarle a raccolta, per ritrovare un sinistra vera, non impastata negli affari, non uguale a Berlusconi, non identica ai suoi avversari? E’ la speranza che ci resta. Ma una cosa dovrebbe avvenire subito, come buon inizio del 2006: i vertici dei Ds se ne devono andare a casa. Magari in una di quelle “tirate su” da Ricucci & company. Andrea Cinquegrani





Scrivi un commento