DE AGOSTINI / SEMPRE A CACCIA DI IMMOBILI, ORA COMPRA DALL’INPS

- di: MARIO AVENA

Inps a caccia di liquidità. Ha appena venduto la sua quota di partecipazione in Dea Capitale Real Estate sgr per 40 milioni di euro. Ad accaparrarsela il gruppo De Agostini, che così diventa proprietario quasi totale (94 per cento) della società, con un restante 6 per cento riconducibile a Carispezia. Sembrano ormai lontani un secolo ...read more →

FONDAZIONE BANCONAPOLI / AL VERTICE ROSSELLA PALIOTTO, LA SALVERA’ ?

- di: PAOLO SPIGA

Un presidente in gonnella per la Fondazione Banco di Napoli, l’ultima propaggine rimasta in vita del più antico istituto di credito del Mezzogiorno, vent’anni fa finito in crac e poi un tormentato percorso che l’ha portato fra le braccia di BNL prima (una vendita a prezzi stracciati) e poi sotto le ali di Intesa San ...read more →

PORTA VITTORIA / NON SOLO COPPOLA, ORA IL VERTICE DI BANCO BPM

- di: MARIO AVENA

Nei piani si sarebbe dovuto trattare di una grande opera di riqualificazione urbana: ed invece, il progetto per il rilancio dell’immensa area di Porta Vittoria, a Milano, è fallito già da tempo miseramente, con il crac dell’omonima società. Protagonista in negativo di tutta la vicenda uno dei “furbetti del quartierino” saliti alla ribalta delle cronache ...read more →

GEORGE SOROS / LA SUA “OPEN” A BERLINO, L’UNIVERSITA’ A VIENNA

- di: Cristiano Mais

Praticamente sloggiato da Budapest, il magnate umanitario Mangia-Paesi George Soros trova un’accoglienza calorosissima a Vienna, dove il super sovranista e filo fascista rampante presidente Sebastian Kurz lo abbraccia festoso. Come dire, da un sovranista che lo detesta, il capo dello stato ungherese Vicktor Orban, ad un altro che lo venera. Che ne dirà, di tutta ...read more →

CONCORDATI PREVENTIVI / LA FILA SI ALLUNGA, ORA C’E’ LA MANTOVANI 

- di: PAOLO SPIGA

Ormai sta diventando una moda. Ossia il ricorso al “concordato preventivo in continuità” per molti gruppi di costruzione in difficoltà economiche ma soprattutto finanziarie. Negli ultimi mesi vi hanno fatto ricorso Condotte, Astaldi, Grandi Lavori Fincosit, ora è la volta di Mantovani e presto può essere il turno del colosso delle coop CMC. Anche per ...read more →

DIANA BRACCO / CONFERMATA IN APPELLO LA “FRODE FISCALE” 

- di: Cristiano Mais

Appello amaro per Diana Bracco, la super lady dei Farmaci, ex vicepresidente di Confindustria, ed ex commissario del Padiglione Italia a Expo 2015. Una donna da novanta. La Corte d’Appello di Milano ha confermato la sentenza di condanna già emessa in primo grado per “frode fiscale” da circa 3 milioni di euro. Il pm Giordano ...read more →

FINCOSIT / E’ IN CONCORDATO, MA VENDE DUE CONTROLLATE 

- di: MARIO AVENA

Un altro big del mattone finisce in concordato: stavolta “in bianco”. L’ennesima storia di grosse imprese in forte crisi di liquidità che sull’orlo del crac decidono di imboccare la strada del concordato. E’ successo di recente con Astaldi e Condotte, ora è la volta di Grandi Lavori Fincosit, la quale ha presentato i documenti al ...read more →

CMC / L’ANAS VIENE IN SOCCORSO CON TRE APPALTI IN SICILIA

- di: MARIO AVENA

CMC dice grazie ad Anas. La grossa cooperativa emiliana si trova in forti difficoltà economiche per via di alcuni lavori non pagati da oltre 100 milioni di euro. Rischia quindi di entrare nel tunnel delle forti tensioni finanziarie, come è successo ad Astaldi e Condotte, che sono arrivate a chiedere il concordato preventivo. La grossa ...read more →

PETROLIO / UTILI RECORD PER I MORATTI & ENI PIGLIATUTTO

- di: PAOLO SPIGA

Sempre più ricchi con il petrolio. La perla della famiglia Moratti, Saras, fa registrare per i primi 9 mesi del 2018 un utile record, con un incremento del 41 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Vale a dire + 154 milioni di euro contro i 109 del 2017. I ricavi, addirittura, raggiungono il ...read more →

BOLSONARO / L’ASSE CON TRUMP A BASE DI GENOCIDI E MULTINAZIONALI

- di: PAOLO SPIGA

Il Brasile in mano alla destra, dopo la prevista vittoria, con il 55 per cento dei voti, del numero uno del Partito Social Liberale, Jair Bolsonaro, fino a pochi mesi fa un signor nessuno. Ha avuto la strada spianata per il malcontento generale della popolazione, la povertà giunta a livelli stratosferici (15 milioni di poveri), ...read more →