GIALLO SIANI / I RICORDI “BOLLENTI “ DI UN EX CAPO DEI CARABINIERI 

- di: Cristiano Mais

“Il motivo dell’omicidio di Giancarlo Siani, il cronista del Mattino ammazzato nell’84 si trova a Torre Annunziata, e soprattutto negli interessi contropposti tra il sindaco di allora Bertone e il pretore Gargiulo”. Un pezzo di ‘verità che esce dall’archivio della memoria dell’allora comandante dei carabinieri a Torre Annunziata, Gabriele Sensales, che il Mattino ha incontrato ...read more →

DEPISTAGGIO IMPASTATO / IL GENERALE SUBRANNI BEATO & PRESCRITTO

- di: Cristiano Mais

Un altro clamoroso Depistaggio di Stato che viene fuori “ufficialmente” dopo 40 anni dai fatti. Ovviamente non se ne frega più nessuno perchè come al solito è calata la miracolosa prescrizione salvatutti. E se ne fa un baffo l’allora responsabile del Ros del Carabinieri, Antonio Subranni, che indagò per primo sull’assassinio di Peppino Impastato, accaduto ...read more →

GIALLO VASSALLO / IL FRATELLO DEL SINDACO SA. E SCRIVE UN LIBRO

- di: PAOLO SPIGA

Otto anni esatti dall’omicidio del sindaco-pescatore di Pollica, Angelo Vassallo. Si è appena svolta una manifestazione di cittadini che chiedono giustizia, ma non erano in molti. Parecchi sono scettici: “gli assassini sono tra noi”. Ed infatti una delle ultime ipotesi più attendibili è che il killer di quella maledetta notte del 15 settembre fosse in ...read more →

MORTI SOSPETTE  / UN TIR TRAVOLGE NOVI, CENSORE DI BENETTON & C.

- di: PAOLO SPIGA

Un incidente, un brutto incidente. La vittima è Emiddio Novi, una carriera al quotidiano il Roma di Achille Lauro a Napoli, un giornalista di destra-destra, poi diventato senatore tra le fila di Forza Italia. E’ morto nel suo paese natale, un piccolo centro pugliese, travolto da un automezzo addetto alla raccolta dei rifiuti che faceva ...read more →

RAUL GARDINI / PERCHE’ DOVEVA MORIRE

- di: Cristiano Mais

Il mistero della morte di Raul Gardini, uno dei buchi nei della martoriata storia italiana. Lo abbiamo scritto in un’inchiesta nei giorni scorsi. Una ferita ancora aperta nel cuore della Tangenpoli di casa nostra. I figli invocano giustizia ma dovrebbe essere soprattutto uno Stato degno ancora (ne dubitiamo) di tal nome a pretenderla.  Sapeva tanto ...read more →

L’OMICIDIO DEL GIUDICE CACCIA / SE 35 ANNI VI SEMBRAN POCHI

- di: MARIO AVENA

35 anni dall’assassinio del procuratore capo della procura di Torino Bruno Caccia. Assicurati alla giustizia i killer, restano al solito ancora a piede libero i mandanti dell’atroce episodio, mentre il giudice portava a passeggio il suo cane. Ad uccidere il coraggioso magistrato torinese, il primo ad indagare sulle piste dei riciclaggi della ‘ndrangheta al nord, ...read more →

MONTE PASCHI / IL GIALLO DELL’UFFICIO DI ROSSI AL VIMINALE

- di: Cristiano Mais

Giallo nel giallo. Aveva mai avuto David Rossi nella sua disponibilità l’uso di un ufficio al Viminale? L’interrogativo è rimbalzato nella puntata di Quarto Grado di metà giugno. La domanda è stata rivolta anche a Carolina Orlandi, figlia della compagna di David e fresca autrice di un romanzo sulla tragedia del capo comunicazione del Monte ...read more →

GIALLO ORLANDI / SE 35 ANNI VI SEMBRAN POCHI…

- di: PAOLO SPIGA

E’ sparita 35 anni fa esatti, Emanuela Orlandi. Sono stati scritti fiumi di inchiosto, espressi pareri in mezzo mondo, fatte indagini degne del miglior commissario Basettoni. E soprattutto inscenati depistaggi da brividi. Inutile dirne altre, che finirebbero per acuire ancor più il dolore dei familiari di Emanuela, la cui memoria è stata già sufficientemente vilipesa, ...read more →

GIALLO PALME / IL LEADER DEL CAMBIAMENTO “DOVEVA MORIRE”

- di: MARIO AVENA

Olof Palme, un giallo mai risolto. L’assassinio del premier più ‘innovativo’ d’Europa resta ancora oggi un incredibile buco nero, nonostante i 32 anni trascorsi. E restano in piedi quelle piste massoniche legate ai “poteri forti” mai battute a sufficienza, nonostante la sterminata mole di lavoro – inutile – degli 007 svedesi. Ecco cosa ha dichiarato, ...read more →

GIALLO MARCELLETTI / ARRESTO CARDIACO DI STAMPO MAFIOSO

- di: PAOLO SPIGA

Dieci anni dalla morte del cardiochirurgo Carlo Marcelletti. Un giallo mai risolto, l’ennesimo buco nero nella martoriata storia del nostro Paese.  “Arresto cardiaco”, fu il referto ufficiale. Difficile dar torto, visto che ogni mortale termina i suoi giorni per un arresto cardiaco.  Tutto ok per la procura di Roma, che archiviò in pochi giorni il ...read more →