‘MODERNA’ / PRIMA TI COLPISCE AL CUORE. POI TE LO VUOL CURARE!

Condividi questo articolo

La ormai star di Big Pharma, ‘Moderna’ (ma solo dieci anni fa era una piccola ‘start up miracolata da un destino chiamato Bill Gates e Governo Usa), è stata la seconda a tagliare il traguardo per la creazione dei vaccini a RNA messaggero, alle spalle del colosso ‘Pfizer’.

Oggi al centro di non poche polemiche in tutto il mondo, quei vaccini su base ‘genica’, per i sempre più numerosi casi di ‘effetti avversi’ rilevati dopo la somministrazione, soprattutto a carico del sistema cardiocircolatorio (miocardti, pericarditi, fino a ictus, trombosi e infarti), e che colpiscono in modo particolare la fascia tra i 19 e 39 anni (moltissimi gli sportivi e gli atleti, anche famosi, che ne hanno subito e ne subiscono le conseguenze), come documentano gli ultimi dati dei pur riservatissimi CDC (‘Centers for Deseases Control’)americani.

Ma adesso cosa succede?

Quale la grandiosa trovata dei cervelloni di Moderna? Sperimentare, per poi lanciare con la consueta velocità al fulmicotone (lo stesso è successo per il suo vaccino anti covid, approvato in tempi record, e super anomali, dalla ‘Food and Drug Administratione’) una pozione magica, un siero praticamente anti-infarto!

Ai confini della realtà.

Sostengono i suoi esperti: “siamo alla prima fase della sperimentazione umana di un’iniezione a base di mRNA per il trattamento di coloro che hanno sofferto di attacchi di cuore”.

Per la serie: prima li colpisci pesantemente, li lesioni in modo gravissimo e forse permanente, poi pretendi pure di curarli! Manca solo un’altra pozione miracolosa, quella di far tornare in vita i morti, stile Lazzaro.

 

Stephane Bancel

Ma non si possono mai mettere limiti alla Provvidenza, come sembrano far balenare le fresche, quanto meno ‘visionarie’  dichiarazioni rilasciate a Sky News dal Ceo di Moderna, Stephane Bancel: “Ora siamo in un programma super eccitante in cui iniettiamo mRNA nel cuore delle persone dopo un infarto, per far ricrescere nuovi vasi sanguigni e rivascolarizzare il cuore. E’ veramente come medicina della fantascienza”.

La star ex start up ha appena comunicato, in una nota stampa, che il nuovo trattamento a base di RNA messaggero è stato inoculato nei primi partecipanti ai ‘trials’: soggetti che manifestano una “insufficienza cardiaca stabile”, onde valutare l’effetto che fa.

Sempre secondo i suoi esperti, “l’iniezione ‘mRNA-0184’ codifica con la relaxina, un ormone che provoca cambiamenti nel flusso sanguigno che sono potenzialmente benefici per i pazienti con insufficienza cardiaca”.

Secondo il ‘Daily Mail’, “il meccanismo terapeutico proposto funzionerebbe tramite un incremento del flusso sanguigno che potrebbe aiutare la crescita di nuovi vasi sanguigni, contribuendo potenzialmente a ripristinare il tessuto muscolare cardiaco danneggiato”

A quanto pare – ciliegina sulla torta – ‘Moderna’ sta già realizzando la prima fabbrica a tutto mRNA, la prima di questo genere al mondo: per la precisione, a Melbourne, in Australia, il paese che a livello internazionale ha attuato le politiche più restrittive, a base di lockdown lunghissimi e spinti, ed anche la costruzione di veri e propri ‘lager’ per infetti e, chissà in futuro, anche per i non vaccinati.

 

La ‘Voce’ ha già scritto alcune inchieste su ‘Moderna’ (la prima a pochi mesi dallo scoppio della pandemia, novembre 2020) e sulla sua miracolosa ascesa. Nonché sui rapporti intercorsi tra Bancel, un finanziere d’assalto e addirittura il neo premier britannico Rishi Sunak. Storie che portano fino a Wuhan. Li potete trovare cliccando sui link in basso.

Rishi Sunak

Sintetizza il sito di contro-informazione ‘Renovatio 21’: “Bancel fu Ceo della società francese BioMerieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visitò il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014. Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan. Il primo BSL4 del Paese, nel 2004: sì, stiamo parlando proprio di lui, il biolaboratorio del pipistrello cinese”.

Continua ‘Renovatio 21’: “Il finanziere francese Patrick Degorce,  fondatore di hedge fund e mentore dell’attuale primo ministro  britannico Rishi Sunak, fu nel 2011 uno dei primi investitori in quella piccola azienda farmaceutica chiamata Moderna (cioè ‘Mode’ ‘RNA’), che all’epoca aveva circa dieci dipendenti e un modo di operare molto discreto”.

E ne aggiunge ‘altre’, visto che vaccino anti covid e sieri per infartuati non bastano certo alla rampantissima società astelle e strisce: “Moderna e Mercksarebbero vicine alla fase 3 per un vaccino per il cancro alla pelle. Un anno fa è stato invece detto che la società aveva iniziato la sperimentazione umana per un vaccino mRNA per l’Aids. Due mesi fa è stato annunciato lo sviluppo di un vaccino combinato mRNA Covid-Omicron e influenza; Bancel ha dichiarato ai media che il vaccino mRNA Covid di fatto diventerà come un’antinfluenzale, con alcuni gruppi di individui vulnerabili che dovranno farlo ciclicamente”.

Un bel mix, davvero per tutti i possibili gusti e palati.

In soldoni, secondo ‘Forbes’, con l’8 per cento delle azioni Moderna in tasca, Bancel è oggi un miliardario. Stando alle rilevazioni di ‘Business Insider’, ha accumulato una fortuna da oltre 4 miliardi di dollari.

 

 

Link

VACCINO / BUSINESS, INSIDER TRADING, CONFLITTI D’INTERESSE: CHI E’ “MODERNA”

17 Novembre 2020 di Andrea Cinquegrani

 

GIALLO WUHAN / IL RUOLO DI ‘MODERNA’ E LO ZAMPINO DEL NEO PREMIER BRITANNICO RISHI SUNAK   

11 Dicembre 2022 di Andrea Cinquegrani

 

 

“MODERNA /RNA MESSAGGERO PRODOTTO DA UNA SOCIETA’ LEGATA ALLA CIA”

21 Agosto 2022 di  Redazione

 

Moderna: 18 miliardi di dollari di liquidità grazie ai vaccini

13 Gennaio 2023 di  Redazione

Condividi questo articolo

Lascia un commento