STATI UNITI / FOLLIE BELLICISTE: IL CONFLITTO ATOMICO E’ MESSO NEL CONTO

Condividi questo articolo

Sembra proprio che gli Stati Uniti si stiano preparando ad uno scontato conflitto nucleare con la Russia con grande nonchalance. Effettuando, già da tempo, simulazioni di eventi catastrofici che possono avvenire in sei metropoli statunitensi da un momento all’altro, in perfetto stile ‘dottor Stanamore’. Come se fosse già previsto, nel conto.

E’ l’ardita, inquietate ma stimolante tesi appena sostenuta in un lungo intervento di Philip Giraldi pubblicato da ‘The Unz Review’ e dal sito del ‘Ron Paul Institute for Peace and Prosperity’, titolato

Will 2023 be Worse Than 2022”, ossia “Il 2023 sarà peggiore del 2022?”.

Una personalità poliedrica e dai mille interessi, quella di Giraldi, passato con disinvoltura dalla rigida carriera militare alle scene teatrali, alla scrittura e al giornalismo, pubblicando libri e articoli in mezzo mondo.

Philip Giraldi

Ha lavorato, per ben 18 anni, alla CIA, ricoprendo anche importanti incarichi. Ma anche oggi si occupa di problemi legati alla sicurezza, ad esempio come ‘Consigliere per l’Interesse Nazionale’.

Nel 2008 è stato il collaborare più stretto di Ron Paul impegnato nella corsa delle presidenziali.

Un repubblicano molto atipico, Paul, esponente dell’area liberista e non interventista del suo partito. Ha fondato il ‘Ron Paul Institute for Peace and Prosperity’, impegnato in attività per lo sviluppo della coscienza civile nel paese, contro il sempre vivo spirito a stelle e strisce e le vocazioni guerrafondaie che stanno crescendo a ritmi vertiginosi.

Tornando a Giraldi, viene considerato un convinto antisionista, molto critico contro le posizioni dei governi israeliani. E mesi fa fece non poco discutere una sua ipotesi sulla reale origine del  Covid per niente peregrina: il virus, secondo la sua ricostruzione, sarebbe stato ‘lavorato’ nei super laboratori di Fort Detrick, nel Meryland, in partnership con Israele, per creare una bio-arma (proprio il coronavirus) da usare contro l’Iran.

Fantascienza, fantapolitica?

Sta di fatto che la pista di Fort Detrick non è per niente campata per aria: l’ha ricostruita, in una serie d’inchieste, la ‘Voce’, che ha fornito dati concreti su una ‘strana’ epidemia di forte influenza nella primavera 2019 (con un numero altissimo di casi) proprio nel Meryland; e, soprattutto, la improvvisa e imprevista chiusura di alcuni laboratori strategici di Fort Detrick, decisa dai CDC(i ‘Centers for Deseases Control’) americani che avevano scoperto una preoccupante fuga di materiale ‘non meglio identificato’ da uno dei laboratori. Una chiusura precipitosa, quindi, a luglio 2019 (cinque mesi prima dei fatti di Wuhan), durata per diversi mesi e su cui non è stata mai fatta piena luce, né mai fornita alcuna spiegazione scientifica. Tutto messo a tacere.

Ma veniamo adesso allo scenario non meno – anzi ben più – apocalittico delineato da Giraldi.

Ne potete leggere prima la traduzione in italiano pubblicata sul blog di Maurizio Blondet. E comunque in basso vi forniamo il link dell’articolo, così come compare sul sito del ‘Ron Paul Institute’.

 

 

Quei dottor Stranamore USA per cui la guerra atomica “non sarebbe la fine del mondo”

 

 

Poco prima della fine dell’anno 2022  , un articolo è apparso  sui media mainstream ed è stato ampiamente diffuso. Il titolo sotto cui era presente nella versione originale di Business Insider recitava “Un attacco nucleare molto probabilmente prenderebbe di mira una di queste 6 città degli Stati Uniti, ma un esperto afferma che nessuna di esse è preparata”. Le città erano New York, Washington DC, Los Angeles, Chicago, Houston e San Francisco.

L’articolo pretende di fornire informazioni e suggerimenti che consentirebbero di sopravvivere a un attacco nucleare,ripetendo i commenti di diversi “esperti” nella gestione delle emergenze e nella “salute pubblica” che suggeriscono che una guerra nucleare sarebbe catastrofica ma non necessariamente la fine del mondo.  si dovrebbe essere preparati. Osserva che “quelle città farebbero fatica a fornire servizi di emergenza ai feriti. Inoltre, le città non hanno più rifugi antiatomici designati per proteggere le persone dalle radiazioni”. È pieno di consigli saggi e osservazioni improvvisate, tra cui “Riesci a immaginare un funzionario pubblico che mantenga intatti gli edifici per i rifugi antiatomici quando il mercato immobiliare è così stretto?”

O ancora meglio il consiglio della “Guida alla pianificazione della detonazione nucleare” della Federal Emergency Management Agency (FEMA) che per i cittadini comuni in una città che è stata bombardata: “Entra in casa, resta dentro e resta sintonizzato”. chiede il dottor Ron Paul  “Sono pazzi? Si comportano come se un attacco nucleare agli Stati Uniti fosse solo un altro inconveniente da pianificare, come una tempesta di ghiaccio o un uragano”.

L’articolo sostiene che le sei città sarebbero gli obiettivi principali in quanto centri di infrastrutture vitali. Le esplosioni di bombe ucciderebbero centinaia di migliaia o addirittura milioni di americani con molte altre morti a seguito di avvelenamento da radiazioni, ma l’articolo non fa alcun tentativo di spiegare perché la Russia, con una leadership relativamente sana, vorrebbe iniziare una guerra nucleare che potrebbe potenzialmente distruggere il pianeta. Inoltre, l’elenco di targeting delle città fornito dagli “esperti” è di per sé  lievemente assurdo. Sicuramente la Russia attaccherebbe obiettivi militari e governativi come prima priorità per limitare le possibili ritorsioni, paralizzando anche la capacità della Casa Bianca e del Pentagono di comandare e controllare la situazione. Tali obiettivi includerebbero sia San Diego che Norfolk, dove hanno sede le flotte dell’Atlantico e del Pacifico degli Stati Uniti, nonché le varie basi del comando aereo strategico e il sito di evacuazione sotterraneo del governo federale a Mount Weather, Virginia.

Leggendo l’articolo, vengono in mente i primi anni della Guerra Fredda che cercavano di rassicurare il pubblico che la guerra nucleare era in qualche modo gestibile. Era un periodo in cui noi bambini delle scuole elementari venivamo addestrati a nasconderci sotto i nostri banchi quando scattava l’allarme antiaereo. Herman Kahn  era, a quel tempo, il più famoso sostenitore della scuola di pensiero secondo cui gli Stati Uniti potevano sopravvivere all’“impensabile”, cioè una guerra nucleare. Fisico americano di formazione, Kahn è diventato uno dei membri fondatori  dell’Hudson Institute , nazionalista oltre che  neocon, che purtroppo esiste ancora. Kahn, che ha prestato servizio nell’esercito degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale come guardalinee telefonico non combattente, ha iniziato la sua carriera come stratega militare presso la  RAND Corporation. Kahn ha approvato una politica di deterrenza e ha sostenuto che se l’Unione Sovietica avesse creduto che gli Stati Uniti avessero una devastante capacità di secondo attacco, allora Mosca non avrebbe avviato le ostilità, cosa che ha spiegato nel suo documento intitolato “La natura e la fattibilità della guerra e della deterrenza”. I russi dovevano credere che anche un massiccio attacco perfettamente coordinato avrebbe garantito una misura di rappresaglia che avrebbe lasciato devastati anche loro. Kahn ha anche postulato la sua idea di uno scambio nucleare “vincibile” nel suo libro del 1960 Sulla guerra termonucleare per il quale è spesso citato come una delle ispirazioni per il personaggio del titolo del film classico di Stanley Kubrick Il  dottor Stranamore .

La comparsa dell’articolo di Business Insider che tratta di una fredda discussione sulla possibilità di sopravvivere a una guerra nucleare suggerisce che i pazzi stiano nuovamente scappando dall’ospedale psichiatrico qui negli Stati Uniti e stiano ottenendo posti di lavoro importanti nel governo e nei media. Mentre si continua a sperare che in qualche modo qualcuno si risvegli alla Casa Bianca e si renda conto che il profondo buco nero in cui ci troviamo noi americani impone un cambio di rotta e un vero ripristino, c’è poca luce del giorno visibile nell’oscurità.

La mia particolare preoccupazione riguarda le intricate relazioni che hanno tenuto il nostro Paese permanentemente in guerra nonostante il fatto che dalla fine della Guerra Fredda nel 1991 nessun potenziale avversario abbia effettivamente minacciato gli Stati Uniti. Ora, il governo federale sembra impegnato a coltivare relazioni pericolose per giustificare le spese per la difesa e mettere la nazione sull’orlo di ciò che potrebbe rivelarsi catastrofico. L’attuale missione degli Stati Uniti per “indebolire la Russia” e infine anche la Cina al fine di mantenere il proprio “ordine internazionale basato su regole” include anomalie ipocrite e assolutamente illegali ai sensi del diritto internazionale come la  continua occupazione militare  di parte della Siria per negare ai leader di quel paese accesso ai loro giacimenti petroliferi e ai migliori terreni agricoli. Una recente indagine dell’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite ha  stabilito che  il popolo siriano sta soffrendo e sta persino morendo di fame a causa di ciò e delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti che l’amministrazione Biden mantiene contro ogni ragione e umanità.

Al momento, tuttavia, il più intricato di tutti i rapporti, ancor più che con Israele, deve essere l’impegno degli Stati Uniti nella guerra per procura che viene combattuta contro la Russia  sulla terra  dell’Ucraina, che è esattamente ciò che minaccia di diventare nucleare se qualcuno sbatte le palpebre nel momento sbagliato. Miliardi di dollari in aiuti diretti e altri miliardi sotto forma di armi sottratte agli arsenali in Europa e negli Stati Uniti sono stati dati al regime corrotto del presidente Volodymyr Zelensky mentre Zelensky continua a lavorare assiduamente per mungere la situazione e trascinare Washington in un guerra più profonda che affronta direttamente Mosca.

In effetti, secondo alcuni calcoli, la guerra è già iniziata, con gli Stati Uniti ei suoi alleati chiaramente dediti a paralizzare l’economia russa, eliminando anche il presidente Vladimir Putin. Il 101st Airborne è ora in Romania accanto all’Ucraina per “avvertire” il Cremlino mentre il Pentagono ha recentemente ammesso che alcuni militari americani sono già in Ucraina, contrariamente alle smentite dei portavoce della Casa Bianca. Gli inglesi hanno anche rivelato che parte del loro personale d’élite delle operazioni speciali è sul campo. E ci sono  rapporti secondo  cui presto arriveranno altri soldati americani, apparentemente per “rintracciare le armi” fornite a Zelensky, che includeranno  batterie di missili Patriot prodotte negli Stati Uniti alcuni dei quali potrebbero persino essere collocati nella Polonia, membro della NATO, per fornire copertura aerea sull’Ucraina occidentale, un preciso atto di guerra visto dalla Russia, che  ha avvertito che  una tale mossa significherebbe che gli Stati Uniti e i suoi alleati erano “diventati effettivamente una parte ” alla guerra in Ucraina e ci saranno “conseguenze”. “Conseguenze” significa escalation.

Le diverse iniziative statunitensi prese insieme potrebbero produrre una rapida escalation del conflitto completa di americani morti che tornano a casa nei sacchi per cadaveri e un inevitabile coinvolgimento diretto degli Stati Uniti in ruoli di combattimento che potrebbero portare ovunque, ma a questo punto sono i russi che agiscono con moderazione non prendendo di mira i “consiglieri” della NATO e degli Stati Uniti che sono già attivi in ​​Ucraina.

Cresce anche il sospetto che gli Stati Uniti  abbiano “dato il via libera”  in anticipo ai recenti attacchi di missili da crociera effettuati dall’Ucraina contro obiettivi militari all’interno della Russia.Dopo gli attacchi, la Casa Bianca ha dichiarato che l’Ucraina ha il “permesso” di attaccare la Russia e ha sostanzialmente concesso allo squilibrato Zelensky il diritto di prendere tutte le decisioni e condurre la guerra che gli Stati Uniti stanno finanziando in gran parte, che è una formula per il disastro . È già noto che l’Ucraina sta ricevendo informazioni di alto livello fornite sia dagli Stati Uniti che da altri stati della NATO. Gli attacchi di precisione alla Russia suggeriscono che all’esercito ucraino sono state fornite le coordinate di possibili obiettivi attivi, qualcosa che gli Stati Uniti sarebbero in grado di fornire ma che sarebbe andato oltre le capacità dell’Ucraina, che non possiede capacità di sorveglianza satellitare. Se è vero che la Casa Bianca è stata coinvolta nell’escalation del conflitto sarebbe una mossa molto pericolosa, che invita a ritorsioni da parte di Mosca.

A dire il vero, alcuni idioti a Washington, per lo più di tipo neocon, continuano a vedere la guerra contro la Russia come qualcosa di simile a una crociata per la libertà mondiale. Rick Newman, il principale editorialista finanziario di Yahoo,  osserva come  “i falchi del budget al Congresso sono preoccupati di accogliere la richiesta del presidente Biden di  ulteriori 38 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina  per aiutare a sconfiggere gli invasori russi”. Conclude “Hanno ragione. Trentotto miliardi non bastano. Guadagna $ 50 miliardi. O anche $ 100 miliardi. Più ce ne sono, meglio è, finché il lavoro non sarà finito.

Apparentemente, il bellicoso Rick non capisce del tutto che la Russia ha chiarito che se sta per essere sconfitta per forza maggiore diventerà nucleare. E nemmeno il Congresso e la Casa Bianca sembrano capirlo, con entrambi i partiti repubblicano e democratico ignari del vero pericolo che deve affrontare il popolo americano. Guerra nucleare? Sicuro! Nasconditi nel tuo seminterrato, se ne hai uno, e sintonizzati.

Gli aiuti militari dell’Occidente all’Ucraina sono quasi pari al bilancio della difesa della Russia

Secondo i calcoli della TASS, il totale stimato degli aiuti militari inviati all’Ucraina dai Paesi occidentali lo scorso anno è stato di circa 48,5 miliardi di dollari, poco meno dei 51,1 miliardi di dollari del bilancio della difesa russo.

Secondo i dati ufficiali, gli aiuti complessivi a Kiev in tutte le forme ammontano a oltre 150 miliardi di dollari, pari a quasi tre volte l’intero bilancio annuale dell’Ucraina.

Il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu ha dichiarato che la Russia sta combattendo in Ucraina non contro le forze di Kiev, ma piuttosto contro l’intero “Occidente collettivo”.

 

Scritto da Philip Giraldi tramite The Ron Paul Institute,

 

 

LINK

 

 “Will 2023 be Worse Than 2022?”

http://www.ronpaulinstitute.org/archives/featured-articles/2023/january/10/will-2023-be-worse-than-2022/

Condividi questo articolo

Lascia un commento