ROBERT MALONE / “LE MENZOGNE CHE IL MIO GOVERNO MI HA DETTO” SULLA PANDEMIA

Condividi questo articolo

E’ destinato a far molto rumore, negli Stati Uniti, il libro appena firmato da uno dei più noti scienziati americani, Robert Malone, con il suo “Lies My Government Told Me”, tra giorni diffuso on line e tra qualche settimana in libreria.

Per il semplice fatto che Malone è, in pratica, il ‘padre’ (con un paio di altri ricercatori) dei vaccini genetici, quelli a RNA messaggero. Ma ben presto si è reso contro del ‘mostro’ che aveva creato, proprio come l’Apprendista Stregone’ e da allora sta dedicando la sua vita, le sue conferenze, tutto il suo impegno professionale per mettere in guardia dai tremendi rischi che comportano quei vaccini costruiti su base genica, come quelli di ‘Pfizer’ e ‘Moderna’, i primi a tagliare il traguardo nella corsa internazionale al siero miracoloso ed a ricevere il folle disco verde dalla ‘Food and Drug Administration’ per la loro distribuzione e somministrazione. Quando, per dirne solo una, i ‘trials’ per le dovute e necessarie sperimentazioni dovevano terminare il 31 dicembre 2023: avete letto bene, quindi tra quasi un anno!

Il libro di Robert Malone, che vediamo in apertura

Qualche dettaglio sulla carriera di Malone, così come appare su Wikipedia: “medico e biochimico americano. I suoi primi lavori si sono concentrati sulla tecnologia dell’mRNA, sui prodotti farmaceutici e sulla ricerca sulla riproposizione di farmaci. Durante la pandemia di Covid-19, Malone ha promosso la disinformazione sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini Covid-19”.

Ecco, la palese dimostrazione di come il governo degli Stati Uniti, in particolare la Casa Bianca, e ancora più nello specifico il Super Virologo Anthony Fauci, che ha affiancato come consigliere scientifico ben 7 presidenti Usa, abbiano orchestrato una vera e propria attività di ‘censura’ (e anche delegittimazione degli avversari) in larga scala, per condizionare pesantemente tutti i social media (Wikipedia di tutta evidenza compresa), affinchè divulgassero solo contenuti pro vaccini e pro politica governativa, e oscurassero i pareri di autorevoli scienziati, critici o comunque in forte dissenso con i diktat di Joe Biden e il Fauci-Pensiero.

E proprio per questo motivo due coraggiosi Procuratori Generali, Jeff Landrydella Louisiana ed Erich Schmitt del Missouri, hanno aperto una maxi inchiesta sull’attività censoria e – questa sì – disinformativa, e stanno interrogando i papaveri della Casa Bianca, ben compreso Fauci, il quale un paio di settimane fa è stato sottoposto ad una verbalizzazione durata ben 7 ore.

 

E proprio Fauci è stato al centro di un altro libro che ha fatto altrettanto rumore, negli Usa, ‘Anthony Fauci – The Real Story”, uscito poco più di un anno fa (novembre 2021) e firmato da Robert Kennedy junior, fondatore da anni e animatore del sito ‘Children’s Health Defence’, per tutelare proprio i più indifesi, i bimbi, da tutti i vaccini: sia quelli tradizionali che, a ben più forte ragione, quelli ‘sperimentali’ come, Pfizer e Moderna, dove tutti i cittadini hanno fatto da autentiche ‘cavie’.

E proprio Robert Kennedy ha appena pubblicato sul sito dell’associazione, ‘The Defender’, un lungo colloquio con Malone, in vista dell’uscita del suo j’accuse, ‘Lies My Government Told Me’.

Leggiamo alcuni passaggi tratti proprio da ‘The Defender’.

Secondo Malone, gli americani negli ultimi tre anni sono stati sottoposti a ‘guerra dell’informazione di livello militare – capacità e tecnologia progettata per i nostri avversari per la guerra militare al di fuori degli Stati Uniti – che è stata rivolta ai cittadini americani”.

Robert kennedy e il suo libro su Fauci

Kennedy e Malone hanno discusso delle ‘operazioni psicologiche’ (le famigerate ‘PSY OPS’, ndr) impiegate dal governo degli Stati Uniti durante la pandemia di Covid-19 e in precedenza nella storia degli Usa che si basano sulla paura e si messaggi di propaganda come strumenti di controllo sociale”.

Per inciso, uno dei pochi ‘autentici’ virologi italiani, Giulio Tarro, allievo prediletto di Albert Sabin che scoprì l’antipolio, ha   firmato a giugno 2020 (quindi a pochi mesi dallo scoppio della pandemia) un profetico ‘Covid-19’ – Il virus della paura’, in cui denunciava la scellerata politica governativa e scientifica (via CTS) tutta basata sul terrore, la paura del contagio, del mostro Covid, in modo da invocare il salvifico vaccino.

Torniamo alla conversazione tra Kennedy e Malone. “Malone ha affermato che la guerra all’informazione riguardante la risposta del governo degli Usa a Covid-19 sembra essere stata ampiamente dispiegata attraverso il Dipartimento per la Sicurezza Interna degli Stati Uniti (DHS). ‘Ciò che è stato schierato è stata fondamentalmente la tecnologia e la capacità che sono state progettate per rispondere al terrorismo, ma sono state schierate contro persone come te, me, il dottor McCullough e tanti altri’, ha detto Malone”.

Continua il reportage di ‘The Defender’: “Nel suo libro, Malone spiega come durante la pandemia Covid-19 il DHS ‘ha definito la disinformazione e la malinformazione come una forma di terrorismo interno’. Hanno fatto questo strano tipo di salto logico in cui hanno parlato fondamentalmente degli avvenimenti del 6 gennaio (l’assalto a ‘Capitol Hill’, ndr) e della violenza domestica, ha detto Malone, e ‘poi l’hanno collegato ai vaccini e all’esitazione a vaccinarsi, e hanno dichiarato una sorta di stato di allerta, con la previsione che ci sarebbe stata violenza domestica associata con proteste contro le mascherine e gli obblighi sui vaccini, e a questo di dovrebbe rispondere come al terrorismo”.

“Nel suo libro Malone discute di come Barack Obama sia stato una ‘voce importante’ sostenendo la logica secondo cui la protezione della democrazia richiede la censura. ‘E il signor Biden, nessuna sorpresa, sembra essere anche un forte sostenitore di questa posizione’, ha detto Malone”.

Malone e Kennedy hanno parlato della collusione del governo  americano con Twitter per censurare i suoi utenti. Malone ha detto di considerare Twitter come ‘un’arma di livello militare progettata e alimentata con alcune delle capacità per il controllo della folla, per la gestione della folla, per la motivazione della folla, per la direzione della folla”.

“Alla fine dell’intervista, Malone ha detto a Kennedy che una delle cose che ha trovato più preoccupante durante la pandemia di Covid-19 è stata la ‘sostituzione della speranza per la scienza’ che è stata ‘rafforzata da questa propaganda armata”.

Ecco le sue parole finali, che più chiare e significative non si può: “Siamo stati sostanzialmente addestrati ad accettare un prodotto medico senza licenza, non sicuro e non efficace basato su nessuna scienza – solo sulla speranza – e addestrati dentro di noi attraverso questo sistema ben sviluppato di propaganda, censura, controllo delle informazioni e tutto il resto”.

E può ampiamente bastare.

Condividi questo articolo

Lascia un commento