Il codice genetico dei vaccini mRNA potrebbe essere tramandato da genitore a figlio

Condividi questo articolo

«Il codice genetico dei vaccini mRNA potrebbe essere tramandato da genitore a figlio». Una nuova razza umana sta emergendo?

In un’intervista sul web, il famoso cardiologo texano dottor Peter McCullough ha reiterato, citando studi pubblicati, la possibilità che la modifica genetica introdotta con i cosiddetti vaccini mRNA – che sono in realtà farmaci per terapie geniche sperimentali – possa entrare nella linea germinale umana, passando quindi alla prole dei vaccinati.

 

«C’è stato un articolo pubblicato a Malmoe, in Svezia, il cui autore principale è Yang De Marinis che ha dimostrato che il codice genetico per il Pfizer viene installato nel nucleo umano della linea cellulare dell’epatoma molto rapidamente entro poche ore» ricorda il medico statunitense. «Gli esperti ritengono che l’intero codice sia effettivamente installato nel genoma umano».

 

«Questo paper non è stato contestato da nessun altro laboratorio. Stiamo cercando conferme, ma tutto ciò è inquietante, perché l’RNA messaggero per il Pfizer, in uno studio condotto a Stanford da Röltgen e colleghi, resta in modo permanente nei linfonodi, almeno per quanto hanno cercato, cioè per diversi mesi. Quindi il codice genetico, una volta che le persone fanno questi vaccini, dura a lungo» continua il cardiologo.

 

Il contenuto genetico del siero «può infatti entrare nel nucleo, modificare il genoma umano e quindi passare alle cellule figlie. Ciò significa che questo potrebbe effettivamente essere trasmesso alla progenie di giovani genitori vaccinati».

 

«Non potrebbero esserci notizie peggiori in questo momento» ammette McCullough.

 

 

Non si tratta della prima volta che McCullough richiama questa possibilità. Per aver sottotitolato un video in cui McCullough chiedeva studi in merito, citando gli stessi paper, Renovatio 21 ha ricevuto uno strike da YouTube e la censura del video: come noto, con tre strike saremo depiattaformati dal sito di condivisione video (ecco perché qui sopra lo vedete su Rumble). Di recente McCullough è arrivata inoltre a porsi una domanda ulteriormente inquietante, chiedendosi se l’«mRNA non stia passando dai vaccinati ai non vaccinati». 

Considerando la possibilità dell’inserzione di una nuova genetica nella linea germinale umana dei sierati, non è difficile arrivare a chiedersi se vaccinati e non vaccinati possano a questo punto davvero evolvere in mondo differente, andando a creare due specie diverse.

 

In realtà, per chi conosce l’universo della biotecnologia applicata agli umani – cioè la produzione degli esseri umani in laboratorio, con provette ora pagate dal contribuente – non si tratta di un pensiero inaudito.

 

Nel 1998 un genetista statunitense, Lee Silver, scrisse Il Paradiso clonato (in originale Remaking Eden) un libro-manifesto che intendeva segnare la via per il futuro della riproduzione umana. Silver era convinto che la tecnologia per bioingegnerizzare e pure portare a gestazione gli esseri umani («i figli») sarebbe diventata talmente diffusa e poco costosa che la «riprogenetica» (l’invenzione del termine è sua) sarebbe finita per essere l’unica via di generazione della vita umana sul pianeta, con l’eccezione di coloro che ancora, per oscuri motivi, avrebbero continuato a preferire la riproduzione sessuale e la gestazione naturale invece di provette e uteri artificiali.

 

Nel libro Silver quindi comincia a delineare una società su due livelli: da una parte i GenRich, i geneticamente arricchiti, cioè le persone nate artificialmente, con il genoma migliorato; dall’altra i Natural, ancora legati alla riproduzione sessuata, meno prestanti intellettualmente e fisicamente, poiché la loro genetica non è ottimizzata. I Naturals finiranno giocoforza a diventare le persone delle pulizie dei GenRich, che sarà la classe biologica dominante.

 

Si tratterà quindi, di due specie «umane» distinte, che continueranno e si evolveranno parallelamente. Silver arriva perfino a ipotizzare che il gap genomico tra i due gruppi sarà tale che non potranno, nemmeno volendo, figliare tra loro per accoppiamento: «La classe dei GenRich e la classe dei Natural (…), specie interamente separate che nessuna possibilità di incrocio, e con lo stesso interesse romantico l’una per l’altra che un umano odierno ha per uno scimpanzè» scrive Silver nell’epilogo futuristico.

 

«Il gap tra GenRich e Naturals non risiede solo nei geni, ma in ogni altro aspetto delle loro vite e delle loro comunità, e, più importante, nelle risorse monetarie». I Naturals saranno poveri. Saranno emarginati. In una parola che forse avete sentito di recente, saranno schiavi.

 

La divisione andrà molto oltre, perfino oltre i l cielo: «altri tipi di gruppi GenRichtraslocheranno su altri pianeti, lune, asteroidi nel sistema solare originale, dove useranno l’ingegneria genetica per migliorare ulteriormente l’abilità dei loro figli di sopravvivere nei mondo prescelti».

 

Ora, l’idea di una divisione genetica tra la popolazione di chi ha obbedito all’imperativo di «miglioramento» del proprio corpo e chi ha invece difeso la propria natura ora è più evidente che mai. Così come potrebbe divenire inevitabile la creazione di uno iato tra i vaccinati (con la loro porle) e i non vaccinati (con la loro prole).

 

Tanta intolleranza patita in questi mesi, l’instaurazione di un’apartheid biotica, dove vige una discriminazione granulare al punto da divenire biomolecolare, improvvisamente ci sembrano qualcosa più che semplici episodi di umana follia.

 

Sono, invece, parte di un immenso progetto di riforma biologica dell’umanità. E la popolazione, purtroppo, ha espresso il suo assenso al processo.

 

La prima buona notizia è che con enorme probabilità se state leggendo queste righe potreste essere tra quelli che non si sono piegati. Potreste essere della resistenza Natural.

 

La seconda buona notizia è che per creare questa nuova specie umana parallela nata dalla siringa genica bisogna che gli individui sopravvivono: cosa non certa, visto che abbiamo capito che nascosto da qualche parte dei GenRich mRNA potrebbe esserci un calamaro gigante pronto a mangiarsi la loro vita.

Roberto Dal Bosco

FONTE

RENOVATIO21

«Il codice genetico dei vaccini mRNA potrebbe essere tramandato da genitore a figlio». Una nuova razza umana sta emergendo?

Condividi questo articolo

Lascia un commento