Può il Napoli creare qualche sorpresa nella fase finale della Champions League?

Condividi questo articolo

Il Napoli è ormai una squadra consolidata e costantemente tra le top 5 della Serie A da più di 10 anni. A parte un anno in cui si è posizionata al settimo posto, i Partenopei hanno quasi sempre lottato per la vittoria finale. Nonostante non abbia mai vinto il campionato, in quest’ultimo decennio calcistico, il Napoli ha vinto per tre volte la Coppa Italia e una volta la Supercoppa Italiana.

 

Il Napoli in Europa nell’ultimo decennio

In Europa, invece, è dove la squadra si è sempre un po’ persa. Vuoi per accoppiamenti tosti, vuoi per un pizzico di sfortuna, il miglior piazzamento del Napoli in Europa degli ultimi anni è stata la semifinale di Europa League del 2015. L’unica vittoria in questa competizione risale alla stagione 1988/1989 quando veniva ancora chiamata Coppa UEFA.

In Champions League le cose non sono andate in maniera migliore. Il risultato migliore del Napoli nella coppa dei campioni è stata la partecipazione agli ottavi di finale, ottenuta in quattro occasioni. In due di queste occasioni, ha incontrato squadre che poi finiranno col vincere la competizione: il Chelsea nel 2011/2012 e il Real Madrid nel 2016/2017.

Anche nelle fasi a gironi la fortuna non è mai stata veramente dalla parte degli Azzurri. In realtà, anche dovuto ad un ranking UEFA non ottimale, la squadra ha sempre trovato avversari temibili come Liverpool, Borussia Dortmund, Manchester City e Paris Saint Germain.

 

Cosa è cambiato quest’anno?

Con l’arrivo di Spalletti al posto di Gattuso nella stagione 2021/2022, il Napoli ha ritrovato un po’ di quello spessore che era mancato nelle ultime due stagioni. L’inizio della prima stagione con Spalletti al comando è stata esplosiva e la squadra è rimasta al primo posto dalla prima alla quindicesima giornata. In Primavera, come purtroppo spesso accade alle squadre di Spalletti, c’è stato un calo e il Napoli si ritrovò a inseguire Inter e Milan senza più raggiungerle.

Quell’annata è stata comunque positiva e ha posto le basi per il miglioramento avvenuto nella stagione corrente. Prima della pausa Mondiale, la squadra ha 8 punti di vantaggio sul Milan (secondo), il miglior attacco del campionato ed è ancora imbattuta. Se la situazione in Italia non è rivoluzionaria rispetto allo stesso periodo della stagione scorsa, in Champions è dove il Napoli ha davvero stupito.

Pur avendo un girone non facile con Liverpool, Ajax e Glasgow Rangers, il Napoli ha letteralmente distrutto queste squadre con risultati quasi tennistici. L’esordio contro gli Inglesi è stato un clamoroso 4-1 nel quale i Reds non hanno mai avuto il pallino del gioco. Memorabile è stato anche il risultato di 1-6 ottenuto in trasferta contro l’Ajax.

Insomma, la squadra sembra più solida e quella che è stata definita la “rivoluzione silenziosa” del Napoli sembra stia portando i frutti desiderati. Il ricambio generazionale voluto sia dal presidente De Laurentis che dall’allenatore Spalletti forse potrebbe finalmente portare il Napoli a qualcosa di grande.

 

Conclusione

Per rispondere alla domanda iniziale, possiamo dire che è molto probabile che il Napoli quest’anno riesca quantomeno a migliorare il suo record in Champions. I prossimi avversari, l’Eintracht Frankfurt, sebbene da non sottovalutare, non sono esattamente temibili. Se Spalletti riuscisse a mantenere lo stesso ritmo e la stessa forma vista nella fase a gironi, gli Azzurri se la possono davvero giocare con chiunque.

È anche vero che per un’eventuale vittoria finale il discorso è ben più difficile. Squadre come il Manchester City, il Real Madrid, il PSG e il Bayern Monaco sembrano ancora molto distanti dal meglio che può offrire il calcio italiano. Ma il bello del calcio è proprio la sua imprevedibilità, il fatto che in una partita secca può accadere l’impossibile. Proprio come successo ai mondiali con le sorprese di Giappone e, soprattutto, Marocco.

Condividi questo articolo

Lascia un commento