La manovrina è classista

Condividi questo articolo

Sintesi succinta per non sprecare parole, per smentire il detto popolare ‘parlate male di me, purché ne parlate’, cioè un benefit  gratis per accrescere la visibilità.

Già raccontato, ma è opportuno tornarci su: il ‘traditore’ Renzi, da leader a picconatore del Pd, per far dispetto a Letta ha invitato le opposizioni ad aver pazienza: “Il governo è in carica da appena un mese”, vero elogio dell’insipienza, evidentemente gradito alla destra-destra-destra. La ‘raccomandazione’ dell’ex Dc che ha inventato ‘Italia Viva’, è contraddetta dall’alacre demolizione operata dal governo di una quota consistente dello stato sociale. In fretta, per evitare contestazioni quotidiane della minoranza, l’esecutivo della ‘borgatara’, del ‘carrocciaro’ di Pontida, del decotto Berlusca, ha varato la manovra di bilancio e l’ha sventrata, come fa un costruttore imbelle di navi che messe in mare fanno acqua nella stiva.

È in vigile suspance l’attesa per le reazioni alla vergogna di misure ‘punitive’ del Paese in sofferenza. Solo per titoli, perché gli approfondimenti sono onere dell’opposizione: reddito di cittadinanza ridotto da 12 a 8 mesi e cancellato dal 2024; sparito il sollievo per le famiglie in difficoltà del costo di pasta, pane e latte sgravato dell’Iva, cuneo fiscale a favore delle imprese e non dei lavoratori.

Salvini: “Tutto Ok, governo compatto”, ma litigano la premier e la ministra del lavoro Calderone; c’è aria tesa in consiglio dei ministri, parziale dietro front sul respingimento dei profughi indotto dal perentorio monito del Vaticano a rivedere la linea salviniana adottata e peggiorata da Piantedosi, ministro dell’Interno teleguidato dal vicepresidente del consiglio leghista; via libera all’aumento da mille a cinquemila euro dell’uso dei contanti, che favorisce il riciclaggio occulto di denaro.

Conte (5Stelle): “Sono disumani, scenderemo in piazza. E il Pd, i sindacati? L’Italia è in paziente attesa, non sine die, di conoscere come smascherare i perché del prudente attendismo di Renzi, se i dem, in fase di rifondazione, riescono a recuperare il meglio del loro glorioso passato; se i sondaggi diranno finalmente che scema il consenso a questo governo classista.

Condividi questo articolo

Lascia un commento