Le origini oscure del Grande Reset di Davos

Condividi questo articolo

 

È importante capire che non c’è una sola idea nuova o originale nella cosiddetta agenda del Great Reset per il mondo di Klaus Schwab. Né il suo programma della Quarta Rivoluzione Industriale nemmeno la sua affermazione di aver inventato la nozione di Stakeholder Capitalism è un prodotto di Schwab. Klaus Schwab è poco più di un abile agente di pubbliche relazioni per un’agenda tecnocratica globale, un’unità corporativa del potere aziendale con il governo, comprese le Nazioni Unite, un’agenda le cui origini risalgono all’inizio degli anni ’70, e anche prima. Il grande ripristino di Davos è semplicemente un progetto aggiornato per una dittatura distopica globale sotto il controllo delle Nazioni Unite che è stata sviluppata da decenni. Gli attori chiave sono stati David Rockefeller e il suo protetto, Maurice Strong.

 

All’inizio degli anni ’70, probabilmente non c’era persona più influente nella politica mondiale del compianto David Rockefeller, allora ampiamente conosciuto come presidente della Chase Manhattan Bank.

 

 

Creare il nuovo paradigma

Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, i circoli internazionali direttamente legati a David Rockefeller lanciarono una stupefacente schiera di organizzazioni d’élite e gruppi di riflessione.

 

Questi includevano Il Club di Roma; il 1001: A Nature Trust, legato al World Wildlife Fund (WWF); la conferenza sulla Giornata della Terra delle Nazioni Unite di Stoccolma; lo studio del MIT Limits to Growth; la Commissione Trilaterale di David Rockefeller.

 

 

Club di Roma

Nel 1968 David Rockefeller fondò un think tank neomalthusiano, il Club di Roma, insieme ad Aurelio Peccei e Alexander King.

 

Aurelio Peccei, era un senior manager della casa automobilistica FIAT, di proprietà della potente famiglia italiana Agnelli. Gianni Agnelli della FIAT era un intimo amico di David Rockefeller e membro dell’International Advisory Committee della Chase Manhattan Bank di Rockefeller. Agnelli e David Rockefeller erano amici intimi dal 1957. Agnelli divenne un membro fondatore della Commissione Trilaterale di David Rockefeller nel 1973. Alexander King, capo del Programma scientifico dell’OCSE, fu anche consulente della NATO. Quello fu l’inizio di quello che sarebbe diventato il movimento neo-malthusiano «la gente inquina».

 

Nel 1971 il Club di Roma pubblicò un rapporto profondamente viziato,Limits to Growth[I limiti dello sviluppo, ndt], che prevedeva la fine della civiltà come la conoscevamo a causa della rapida crescita della popolazione, combinata con risorse fisse come il petrolio.

 

Il rapporto concludeva che senza cambiamenti sostanziali nel consumo di risorse, «il risultato più probabile sarà un calo piuttosto improvviso e incontrollabile sia della popolazione che della capacità industriale». Era basato su simulazioni al computer fasulle di un gruppo di scienziati informatici del MIT, e faceva un’audace previsione: «se le attuali tendenze di crescita della popolazione mondiale, dell’industrializzazione, dell’inquinamento, della produzione alimentare e dell’esaurimento delle risorse continueranno invariate, i limiti alla crescita su questo pianeta saranno raggiunti entro i prossimi cento anni». Era il 1971.

 

Nel 1974, il Club di Roma dichiarò audacemente: «La Terra ha il cancro e il cancro è l’Uomo». Quindi: «il mondo sta affrontando una serie senza precedenti di problemi globali interconnessi, come sovrappopolazione, carenza di cibo, esaurimento delle risorse non rinnovabili [petrolio-noi], degrado ambientale e cattiva governance».

 

Sostenevano che «è necessaria una ristrutturazione “orizzontale” del sistema mondiale… sono necessari cambiamenti drastici nello strato normativo – cioè nel sistema di valori e negli obiettivi dell’uomo – per risolvere crisi energetiche, alimentari e di altro tipo, cioè cambiamenti sociali e sono necessari cambiamenti negli atteggiamenti individuali se si vuole che avvenga il passaggio alla crescita organica».

 

Nel loro rapporto del 1974, Mankind at the Turning Point(«L’umanità al punto di svolta»), il Club di Roma ha ulteriormente affermato che «la crescente interdipendenza tra nazioni e regioni deve quindi tradursi in una diminuzione dell’indipendenza. Le Nazioni non possono essere interdipendenti senza che ciascuna di esse rinunci ad una parte o almeno ne riconosca dei limiti alla propria indipendenza».

 

«Ora è il momento di elaborare un piano generale per la crescita organica sostenibile e lo sviluppo mondiale basato sull’allocazione globale di tutte le risorse limitate e un nuovo sistema economico globale».

 

Questa è stata la prima formulazione dell’Agenda 21 delle Nazioni Unite, dell’Agenda 2030 e del Grande Reset di Davos del 2020.

 

 

David Rockefeller e Maurice Strong

L’organizzatore di gran lunga più influente dell’agenda della “crescita zero” di Rockefeller all’inizio degli anni ’70 era l’amico di lunga data di David Rockefeller, un petroliere miliardario di nome Maurice Strong.

 

Il canadese Maurice Strong è stato uno dei primi propagatori chiave della teoria scientificamente fraudolenta secondo cui le emissioni di CO2 prodotte dall’uomo dai veicoli di trasporto, dalle centrali a carbone e dall’agricoltura hanno causato un drammatico e accelerato aumento della temperatura globale che minaccia «il pianeta», il cosiddetto riscaldamento globale.

 

In qualità di presidente della Conferenza di Stoccolma delle Nazioni Unite per la Giornata della Terra del 1972, Strong ha promosso un’agenda di riduzione della popolazione e abbassamento del tenore di vita in tutto il mondo per «salvare l’ambiente». Strong ha dichiarato la sua agenda ecologista radicale:

 

«Non è l’unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate crollino? Non è nostra responsabilità realizzarlo?” Questo è ciò che sta accadendo ora sotto la copertura di una pandemia globale pubblicizzata».

 

Strong è stata una scelta curiosa per guidare un’importante iniziativa delle Nazioni Unite per mobilitare l’azione sull’ambiente, poiché la sua carriera e la sua considerevole fortuna erano state costruite sullo sfruttamento del petrolio, come un numero insolito di nuovi sostenitori della «purezza ecologica», come David Rockefeller o Robert O. Anderson dell’Aspen Institute o John Loudon della Shell.

 

Strong aveva incontrato David Rockefeller nel 1947 quando il giovane canadese aveva abbandonato le scuole superiori di diciotto anni e da quel momento la sua carriera si legò alla rete della famiglia Rockefeller.

 

Attraverso la sua nuova amicizia con David Rockefeller, Strong, all’età di 18 anni, ha ricevuto una posizione chiave delle Nazioni Unite sotto il tesoriere delle Nazioni Unite, Noah Monod. I fondi delle Nazioni Unite sono stati gestiti abbastanza convenientemente dalla Chase Bank di Rockefeller. Questo era tipico del modello di «partenariato pubblico-privato» che doveva essere implementato da Strong: guadagno privato dal governo pubblico.

 

Negli anni ’60 Strong era diventato presidente dell’enorme conglomerato energetico e compagnia petrolifera di Montreal noto come Power Corporation, allora di proprietà dell’influente Paul Desmarais. Sarebbe stata utilizzata anche come fondo nero politico per finanziare campagne di politici canadesi selezionati come Pierre Trudeau, padre del protetto di Davos, Justin Trudeau, secondo la ricercatrice investigativa canadese Elaine Dewar (Elaine Dewar, op cit. p. 269-271).

 

 

 Il primo Earth Summit e il Summit della Terra di Rio

Nel 1971 Strong è stato nominato Sottosegretario delle Nazioni Unite a New York e Segretario Generale della prossima conferenza sulla Giornata della Terra, Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano (Earth Summit I) a Stoccolma, in Svezia. Nello stesso anno fu anche nominato amministratore fiduciario della Rockefeller Foundation, che finanziò il suo lancio del progetto Stockholm Earth Day (Elaine Dewar, op cit. p.277). A Stoccolma è stato creato il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) con Strong come capo.

 

Nel 1989 Strong è stato nominato dal Segretario generale delle Nazioni Unite a capo della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo del 1992 o UNCED (Rio Earth Summit II). Lì ha supervisionato la stesura degli obiettivi delle Nazioni Unite «Sustainable Environment» (Ambiente sostenibile), l’Agenda 21 per lo sviluppo sostenibile che costituisce la base del Great Reset di Klaus Schwab, nonché la creazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite. Strong, che era anche un membro del consiglio di Davos WEF, aveva fatto in modo che Schwab fungesse da consulente chiave per il Summit della Terra di Rio.

 

In qualità di Segretario Generale della Conferenza delle Nazioni Unite di Rio, Strong ha anche commissionato un rapporto al Club di Roma, The First Global Revolution, scritto da Alexander King, in cui ammetteva che l’affermazione sul riscaldamento globale della CO2 era semplicemente uno stratagemma inventato per forzare il cambiamento:

 

«Il nemico comune dell’umanità è l’uomo. Nella ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili sarebbero adatti al conto. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano ed è solo attraverso atteggiamenti e comportamenti modificati che possono essere superati. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa».

 

Il delegato del presidente Clinton a Rio, Tim Wirth, ha ammesso lo stesso, affermando: «dobbiamo affrontare il problema del riscaldamento globale. Anche se la teoria del riscaldamento globale è sbagliata, faremo la cosa giusta in termini di politica economica e politica ambientale». (Elaine Dewar, Cloak of Green: The Links between key ambientali groups, government and big business, Toronto, James Lorimer & Co., 1995, pp. 259-265.)

 

A Rio Strong ha introdotto per la prima volta l’idea manipolativa di «società sostenibile» definita in relazione a questo obiettivo arbitrario di eliminare la CO2 e altri cosiddetti gas serra. L’Agenda 21 è diventata Agenda 2030 nel settembre 2015 a Roma, con la benedizione del Papa, con 17 obiettivi «sostenibili». Egli ha dichiarato, tra l’altro,

 

«La terra, per la sua unicità e per il ruolo cruciale che svolge nell’insediamento umano, non può essere trattata come un bene ordinario, controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato. La proprietà fondiaria privata è anche uno strumento principale di accumulazione e concentrazione della ricchezza e quindi contribuisce all’ingiustizia sociale… La giustizia sociale, il rinnovamento e lo sviluppo urbano, la fornitura di abitazioni dignitose e condizioni salubri per le persone possono essere raggiunti solo se si utilizza la terra nell’interesse della società nel suo insieme».

 

In breve, la proprietà privata della terra deve essere socializzata per la «società nel suo insieme», un’idea ben nota ai tempi dell’Unione Sovietica e una parte fondamentale del Grande Reset di Davos.

 

A Rio nel 1992, dove era presidente e segretario generale, Strong dichiarò:

 

«È chiaro che gli attuali stili di vita e modelli di consumo della classe media benestante – che implicano un’elevata assunzione di carne, il consumo di grandi quantità di cibi surgelati e pronti, l’uso di combustibili fossili , elettrodomestici, aria condizionata in casa e nei luoghi di lavoro e alloggi suburbani – sono non sostenibili». (corsivo aggiunto)

 

Strong non ha ascoltato la sua stessa chiamata. Ciò che Strong non ha detto ai suoi alleati ambientalisti a Rio è che aveva anche fatto un enorme acquisto della Colorado Land and Cattle Company, dal trafficante d’armi saudita e risorsa della CIA, Adnan Khashoggi.

 

A quel punto Strong era al centro della trasformazione delle Nazioni Unite nel veicolo per imporre un nuovo fascismo tecnocratico globale di nascosto, usando terribili avvertimenti sull’estinzione del pianeta e sul riscaldamento globale, fondendo le agenzie governative con il potere delle corporazioni in un controllo non eletto di graziosi quasi tutto, sotto la copertura fraudolenta della «sostenibilità».

 

Nel 1997 Strong ha supervisionato la creazione del piano d’azione dopo l’Earth Summit, il Global Diversity Assessment, un progetto per il lancio di una quarta rivoluzione industriale, un inventario di ogni risorsa del pianeta, come sarebbe stata controllata e come questa rivoluzione verrebbe raggiunto.

 

In questo momento Strong era co-presidente del Davos World Economic Forum di Klaus Schwab. Nel 2015 alla morte di Strong, il fondatore di Davos Klaus Schwab scrisse: «era il mio mentore sin dalla creazione del Forum: un grande amico; un consigliere indispensabile; e, per molti anni, membro del nostro consiglio di fondazione».

 

Prima di essere costretto a lasciare le Nazioni Unite in disgrazia per uno scandalo di corruzione in Iraq Food-for-Oil, Strong è stato membro del Club di Roma, fiduciario dell’Aspen Institute, fiduciario della Fondazione Rockefeller e della Fondazione Rothschild.

 

Strong è stato anche nell’occulto Tempio della Comprensione legato al Lucifer Trust (alias Lucis Trust) ospitato presso la Cattedrale di Saint Joh the Divine a New York City, «dove i rituali pagani includono la scorta di pecore e bovini all’altare per la benedizione. Qui, il vicepresidente Al Gore ha tenuto un sermone, mentre i fedeli marciavano verso l’altare con ciotole di compost e vermi…»

 

Questa è l’origine oscura del programma Great Reset di Schwab in cui dovremmo mangiare vermi e non avere proprietà private per «salvare il pianeta».

 

L’agenda è oscura, distopica e ha lo scopo di eliminare miliardi di noi «normali esseri umani».

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

FONTE

Le origini oscure del Grande Reset di Davos

Condividi questo articolo

Lascia un commento