Distruggi l’economia, vinci un premio Nobel

Condividi questo articolo

L’ex presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha ricevuto nel 2022 il Premio Nobel per l’economia per i suoi scritti su come il governo dovrebbe rispondere ai fallimenti bancari.

Onorare Bernanke per i suoi consigli su cosa dovrebbe fare il governo quando le banche falliscono è come dare un premio per la sicurezza antincendio a un piromane.

 

Bernanke era presidente della FED quando la bolla immobiliare, creata dal suo predecessore Alan Greenspan sulla scia dello scoppio della bolla tecnologica di Greenspan e degli attacchi dell’11 settembre, è esplosa.

Quando il mercato immobiliare è crollato, Bernanke ha lavorato con il Congresso e l’amministrazione Bush per salvare le grandi banche e le aziende di Wall Street.

Negli anni successivi al tracollo, la FED guidata da Bernanke ha cercato di «stimolare» l’economia attraverso la massiccia creazione di denaro, tassi di interesse prossimi allo zero e «quantitative easing», in cui la FED inietta liquidità nel mercato tramite l’acquisto di attività finanziarie tra cui le obbligaizoni del Tesoro.

 

Le politiche post-crollo della FED hanno prodotto nel migliore dei casi una crescita lenta, gettando le basi per il prossimo crollo. Un segno che il prossimo crollo era dietro l’angolo è arrivato nel settembre del 2019, quando la Federal Reserve ha iniziato a pompare miliardi di dollari al giorno nel mercato del «riacquisto», che le banche usano per scambiarsi da un giorno all’altro prestiti fra loro, al fine che i tassi di interesse del mercato si mantengano non al di sopra del tasso posto come obiettivo dalla FED.

 

Il lockdown del COVID ha quindi fornito alla FED una scusa per portare i tassi di interesse a zero ed espandere in modo massiccio il quantitative easing.

 

Le azioni della FED  sono il principale colpevole dell’inflazione dei prezzi che affligge l’economia americana.

 

La FED ha risposto all’inflazione dei prezzi aumentando i tassi di interesse, sebbene i tassi rimangano molto più bassi di quanto sarebbero in un mercato libero. Il fatto che anche questi aumenti relativamente modesti abbiano contribuito a spingere la fragile economia in recessione mostra l’instabilità del nostro sistema economico basato sul debito.

 

Bernanke e il Congresso avrebbero dovuto rispondere al tracollo lasciando che la recessione che seguì il tracollo facesse il suo corso. Questo è l’unico modo in cui l’economia può adattarsi alle distorsioni del mercato causate quando la FED aumenta l’offerta di moneta e abbassa i tassi di interesse.

 

Coloro che temono che questo approccio «non fare niente, stai fermo» possa infliggere dolore economico a lungo termine al popolo americano dovrebbero considerare la depressione economica del 1920. Durante questa depressione, la FED si è astenuta dal cercare di «stimolare» il economia e il Congresso ha effettivamente tagliato la spesa. Il risultato è stato che la recessione è stata rapidamente superata.

 

Purtroppo, le lezioni del 1920 sono in gran parte ignorate dagli storici economici tradizionali.

 

In risposta alla mia domanda in un’audizione del Comitato per i servizi finanziari, l’allora presidente della FED  Ben Bernanke ha ammesso di non considerare l’oro come denaro

 

Naturalmente, l’oro e altri metalli preziosi sono denaro perché gli individui li hanno selezionati ogni volta che avevano la libertà di scegliere una valuta. Uno dei motivi è che i metalli preziosi sono particolarmente adatti a fungere da unità di conto stabile.

 

Al contrario, i governanti del governo hanno preferito la moneta legale proprio perché non può mai fungere da unità di conto onesta a causa del suo valore costantemente manipolato dai banchieri centrali. Questo è spesso fatto per volere di politici assetati di potere.

 

Pertanto, in un sistema monetario di valute fiat non possiamo conoscere il vero valore di beni e servizi.

 

Questo è il motivo per cui per creare un’economia sana che fornisca prosperità, dovremmo controllare e poi porre fine alla FED.

 

 

Ron Paul

 

Articolo previamente apparso sul sito del Ron Paul Institute for Peace and Prosperity, ripubblicato secondo le indicazioni da Renovatio 21

 

Nella foto Ben Bernanke

 

FONTE

Distruggi l’economia, vinci un premio Nobel

Condividi questo articolo

Lascia un commento