ROBERTO BURIONI / FA LA QUARTA DOSE E SUBITO BECCA IL COVID

Condividi questo articolo

Può anche mutare di qualche virgola il format – per il ventennale di ‘Che Tempo che fa’ – possono esserci new entry tra gli ospiti, ma per Fabio Fazio la guest star resta sempre una e una soltanto, imprescindibile: l’allergologo-massone Roberto Burioni, regolarmente contrabbandato come super virologo e ‘big friend’ di Anthony Fauci con il quale ama collegarsi in diretta satellitare, grazie ai poderosi mezzi di Rai3.

Ieri sera, per il gran ritorno della trasmissione dopo la pausa estiva, tutti attendevano il Verbo del Vate di tutti i Vaccini.

Che ha esordito con un vero e proprio scoop, una maxi sorpresa per tutti i suoi fans: si è presentato letteralmente imbaccuccato, sciarpa da sciista, abbondante tosse al seguito, voce rauca alla Berry White, come l’ha auto-definita il Mago di tutte le Provette.

Che così ha esordito: “Me lo sono beccato anch’io, il Covid. E pensare che pochi giorni fa avevo fatto anche la quarta dose”.

Subito, quindi, s’è visto costretto ad ammettere: “Lo dico con franchezza: ormai i vaccini hanno perso ogni efficacia nel proteggere dall’infezione”.

Ecco, quindi, il Vate-Pensiero in ‘pillole’, è proprio il caso di dire.

“Dobbiamo ormai convivere con il virus. A meno di vaccini miracolosi è questa la realtà. Occorre accettare che il virus circoli e continui a circolare, come sta facendo”.

“Però, è assolutamente necessario vaccinarsi, continuare a vaccinarsi. Perché è l’unico modo per non finire in ospedale. Può succedere come a me, che da un paio di giorni ho forte tosse, raffreddore, febbre, mal di testa. Ma niente di più grave”.

“Quindi il vaccino resta un muro, un baluardo fondamentale per evitare conseguenze molto più gravi”.

“Le mascherine non sono più praticamente obbligatorie, ma il mio consiglio è di usarle negli ambienti a rischio, dove ci sono assembramenti, affollamenti, nei mezzi di trasporto”.

“Se state male, se non vi sentite bene, state a casa, non andate a lavorare”.

“Fate subito la quarta dose”.

“L’antinfluenzale? E’ da fare, la consiglio a tutti, non è efficacissima ma è da fare”.

E termina rinnovando il consiglio, mentre tossisce quasi da non riuscire a terminare la frase: “Vaccinatevi appena potete”.

Domandine facili facili, quelle del padrone di casa Fazio, per non crear turbamenti nel Maestro di tutti i Vaccini alle prese col covid. Come del resto è capitato in tutte le puntate di questi anni, quando il Vate si è regolarmente esibito alla lavagna per dar lezioni di virologia – lui allergologo, esperto di riniti allergiche – al Popolo Bue.

Una domandina, però, sarebbe stata proprio necessaria.

Una e una sola, a proposito degli ‘effetti avversi’ dei vaccini. Soprattutto ricordando quanto disse esattamente un anno fa, alla prima puntata dopo la pausa estiva, per rassicurare tutti gli italiani sulla sicurezza dei vaccini. “Ne stanno raccontando di tutti i colori sui pericoli che deriverebbero dai vaccini, montagne di fake news. Sapete invece quale è la realtà? Fino ad oggi (era metà settembre, la trasmissione andò in onda alcune settimane prima, ndr) c’è stato un solo morto, 1 di numero, non in Italia, ma in tutto il mondo. Per la precisione in Nuova Zelanda”.

Ecco la domandina che il sempre genuflesso Fazio avrebbe dovuto osare: “Ha per caso letto, Professore, gli ultimi dati forniti dalle autorità sanitarie americane?”. Probabilmente il Vate sarebbe diventato di tutti i colori, dal pallido al violaceo al blu notte, come succedeva spesso al mitico Fantozzi.

Perché quei dati, quelle cifre che arrivano direttamente dai CDC (Centers for Deseases Control) a stelle e strisce, fanno venire i brividi. Da paura. La Voce li ha pubblicati qualche giorno fa: le reazioni avverse, le gravi e invalidanti conseguenze per la salute dei cittadini dopo la somministrazione dei vaccini (soprattutto a livello cardiocircolatorio, e soprattutto con i vaccini a mRNAmessaggero, ossia Pfizer e Moderna) non si contano più, centinaia e centinaia di migliaia.

A questo punto vale il solito quesito costi-benefici: meglio rischiare un ictus, una trombosi, un infarto o beccarsi una forte, anche fortissima influenza?

In basso – cliccando sul link -potete leggere le cifre diramate dai CDC statunitensi. Per favore, non comunicatele al Mago alla Vaccinara che è ancora in fase di degenza…

 

 

LINK

 

VACCINI ANTI-COVID / ALLARME DAGLI STATI UNITI

8 Ottobre 2022 di MARIO AVENA

Condividi questo articolo

Lascia un commento