DAL RISPETTO AL RISENTIMENTO: LA MIA STORIA CON LA CIA

Condividi questo articolo

DI Scott Ritter 

 

Scott Ritter

La Central Intelligence Agency statunitense ha recentemente compiuto 75 anni. Ho le mie ragioni per augurarmi che non celebri un altro compleanno.

La mia prima conoscenza della CIA è avvenuta attraverso il cinema e la letteratura. La mistica della spia contro la spia era molto romantica, con un’atmosfera decisamente da “bene contro male”. Dopotutto, sono cresciuto durante la Guerra Fredda, dove la “minaccia rossa” permeava ogni fibra della cultura popolare americana.

Scelsi di servire il mio Paese nell’esercito, e non come spia, ricevendo un incarico nel Corpo dei Marines nel 1984 come ufficiale addetto alle informazioni. La mia specialità era il combattimento, non lo spionaggio, e sembrava che la mia strada e quella della principale agenzia di intelligence americana non dovessero mai incrociarsi.

Nel 1987, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica firmarono il trattato INF (Intermediate Nuclear Forces), che prevedeva ispezioni in loco come parte del sistema di verifica della conformità. Fui selezionato per prestare servizio presso la On-Site Inspection Agency (OSIA), un’attività del Dipartimento della Difesa incaricata di attuare le disposizioni sulle ispezioni in loco del trattato INF.

Gli aspetti di intelligence del monitoraggio della conformità sovietica complessiva al trattato INF erano supervisionati da un’entità nota come Arms Control Intelligence Staff, o ACIS, che riferiva direttamente al direttore della CIA. All’inizio del mio mandato di ispettore, instaurai un rapporto con l’ACIS che era legato al ruolo unico che svolgevo come ispettore sul campo in Unione Sovietica. Nel corso di due anni, la CIA mi conferì due encomi classificati per il mio lavoro a Votkinsk. Il primo encomio mi fu conferito dal direttore della CIA dell’epoca, William Webster. Il secondo era del capo dell’Ufficio di gestione del monitoraggio dei trattati all’interno dell’ACIS, John Bird.

I dettagli del mio rapporto con la CIA in quel periodo sono riportati nel mio libro “Disarmament in the time of Perestroika”. All’epoca vedevo la CIA come un insieme di professionisti che svolgevano con efficacia e diligenza la loro missione di verificare la conformità sovietica al trattato INF.

Un nuovo libro offre un vivido resoconto da insider di come si svolsero gli sforzi sovietici e americani durante la Guerra Fredda per abbandonare le loro armi nucleari

Verso la fine del mio periodo con l’OSIA, fui convocato da John Bird nel suo ufficio nella sede centrale dell’agenzia a Langley, in Virginia, dove mi offrì un lavoro con la CIA. Era un’offerta molto buona, ma che rifiutai. Ero un ufficiale del Corpo dei Marines ed era giunto il momento di tornare alla Fleet Marine Force.

Poco dopo aver lasciato l’OSIA, l’Iraq invase il Kuwait, mettendo in moto gli eventi che culminarono nell’Operazione Desert Storm, la guerra guidata dagli Stati Uniti contro l’Iraq. Fui assegnato al quartier generale del Comando centrale degli Stati Uniti, a Riyadh, in Arabia Saudita, dove ebbi un ruolo in quella che è diventata nota come la “Grande caccia agli SCUD”, lo sforzo della coalizione per individuare e distruggere i lanciatori di missili SCUD iracheni prima che potessero sparare su obiettivi in Israele e nella penisola arabica.

Durante questo periodo, fui presentato ad un’unità nota come Joint Intelligence Liaison Element, o JILES, una squadra della CIA collegata direttamente al Comando centrale; ebbi modo di lavorare con loro su alcuni progetti e li trovai molto professionali e disponibili.

Fin qui tutto bene.

Dopo la guerra lasciai i Marines e, poco dopo, fui reclutato dalla Commissione speciale delle Nazioni Unite (UNSCOM), creata dopo la guerra per supervisionare l’eliminazione delle armi di distruzione di massa irachene.

Poco dopo il mio arrivo alla sede delle Nazioni Unite, mi ritrovai ancora una volta a lavorare con la CIA. John Bird e l’ACIS avevano formato una nuova entità, l’Iraqi Sanctions Monitoring Office, o ISMO, che aveva assunto la responsabilità di fornire supporto di intelligence all’UNSCOM. Le ispezioni sono un’attività diretta dall’intelligence (cioè, la comunità dell’intelligence fornisce informazioni sui potenziali obiettivi che gli ispettori devono visitare) e, dato il mio compito di supervisionare la creazione di una capacità di intelligence all’interno dell’UNSCOM (nota come Unità di valutazione delle informazioni, o IAU), mi trovai spesso a interfacciarmi con i miei vecchi colleghi.

Ma questa volta fu diverso. Non solo non ero più all’interno, per così dire, ma si scoprì che il mio matrimonio con Marina Khatiashvili, una cittadina georgiana che avevo conosciuto durante il periodo in cui ero ispettore dell’OSIA e che avevo corteggiato e sposato dopo aver lasciato il Corpo dei Marines, aveva fatto infuriare John Bird, che a quanto pare era stato preso di mira per aver cercato di reclutare un tipo (io) che poi era andato a sposare una sovietica.

Non importava che non avessi violato alcuna regola o legge, o che la Guerra Fredda fosse finita. Per John Bird era una questione personale.

Nella primavera del 1992, la tensione tra l’UNSCOM e la CIA per il mio ruolo (a quel punto avevo assunto il controllo del conteggio dei missili balistici ed ero fortemente coinvolto nella pianificazione e nell’attuazione delle ispezioni in Iraq) portò la CIA ad affrontarmi direttamente. L’agenzia inviò Stu Cohen, un alto funzionario con esperienza nel controllo degli armamenti, per incontrarmi.

Stu mi informò che la CIA riteneva di non poter più fornire supporto di intelligence all’UNSCOM finché io avessi fatto parte della squadra. Dichiarò che la CIA riteneva che il mio matrimonio mi avesse compromesso.

Dissi a Stu che il mio matrimonio non era, letteralmente, affare della CIA e che non avevo mai fatto nulla che violasse il mio giuramento di fedeltà al mio Paese.

Fu raggiunto un compromesso in cui diedi a Stu il permesso di condurre un’indagine approfondita sul mio lavoro con l’OSIA e sul mio matrimonio con Marina. Se la CIA avesse scoperto qualcosa di sconveniente, mi sarei dimesso in silenzio dall’UNSCOM. Tuttavia, se la CIA non avesse trovato nulla, io sarei rimasto all’UNSCOM e la CIA avrebbe continuato a fornire un supporto di intelligence senza restrizioni.

Pochi mesi dopo Stu tornò. L’indagine era stata completata. Stu aveva scoperto un memorandum, scritto da John Bird, che affermava che ero una “minaccia nota” per gli Stati Uniti e che dovevo essere trattato come un grave rischio per la sicurezza. Questa lettera era la genesi di tutte le preoccupazioni della CIA. Stu aveva rintracciato Bird a Ginevra, in Svizzera, dove stava partecipando ai negoziati sul controllo degli armamenti con i russi.

Dopo un interrogatorio dettagliato, Bird ammise di non avere prove che io avessi fatto qualcosa di male, ma che personalmente aveva preso male il mio matrimonio con Marina e aveva scritto il memorandum ripicca.

Stu mantenne la parola e per i sei anni successivi riuscii a portare a termine la mia missione di disarmo, sempre con il supporto della CIA, che si coordinava con me sulle questioni più delicate di intelligence umana, tecnica e di immagini.

Tuttavia, rimasi scioccato dal modo in cui un alto funzionario della CIA potesse apparentemente abusare della sua posizione per cercare di rovinare la vita di un cittadino americano solo perché si era indignato personalmente per qualcosa che non aveva nulla a che fare con i suoi doveri ufficiali.

Man mano che il mio lavoro con l’UNSCOM si espandeva, aumentava anche la mia interazione con la CIA. Dopo una serie di ispezioni difficili, in cui le mie prestazioni erano state criticate dalla comunità dei servizi segreti statunitensi, fui avvicinato da un alto funzionario della CIA che mi incoraggiò a fare domanda per una posizione all’interno dell’agenzia.

In quel momento ero molto combattuto riguardo al mio lavoro con l’UNSCOM. Come americano, la mia lealtà è sempre stata prima di tutto verso il mio Paese. Poco dopo essere entrato a far parte dell’UNSCOM, mi recai a Washington, dove incontrai il team interagenzie, composto dal Dipartimento di Stato, dalla CIA e dal Dipartimento della Difesa, che si occupava del supporto agli ispettori ONU e chiesi loro di chiarire la mia catena di comando: lavoravo per le Nazioni Unite o prendevo ordini dal governo statunitense?

Mi fu detto senza mezzi termini che il mio lavoro consisteva nell’attuare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza secondo le direttive del presidente esecutivo dell’UNSCOM, un diplomatico svedese di nome Rolf Ekeus.

Continuai a farlo, solo per scoprire che c’erano tensioni tra l’UNSCOM e gli Stati Uniti a causa di un’agenda specifica degli Stati Uniti sull’Iraq, che sembrava sostenere un cambiamento di regime in Iraq piuttosto che il disarmo delle armi di distruzione di massa irachene.

Mi sono trovato spesso al centro di questa tensione, tirato in due direzioni. Mi sono sempre affidato alle istruzioni di eseguire fedelmente gli ordini impartitimi dal presidente dell’UNSCOM. Tuttavia, questo non ha placato il senso di colpa che si prova quando non si è più considerati “parte della squadra”, soprattutto quando si parla di “Team USA”.

Feci domanda alla CIA, sperando di ottenere un posto come analista nella divisione Affari ex sovietici, ora ribattezzata Ufficio Affari russi e dell’Europa orientale. Fui invitato a Langley, dove feci un colloquio con un dirigente. In breve, la mia candidatura fu respinta perché ero considerato troppo “vecchio stampo” nel mio modo di pensare. “Non siamo nella Guerra Fredda”, mi disse il dirigente. “Abbiamo bisogno di persone che sappiano guardare al problema russo con una prospettiva nuova”.

A quanto pare, i miei elogi da parte del direttore della CIA, tutti basati su un lavoro di analisi, non erano più considerati una risorsa.

C’era però un’altra parte della CIA che iniziò a interessarsi maggiormente al mio lavoro. Conosciuta come Direzione delle Operazioni, o DO, questa parte della CIA non si occupava di analisi, ma piuttosto del torbido mondo dell’intelligence umana e delle attività segrete. Con la transizione del lavoro dell’UNSCOM dal compito di rendere conto delle armi di distruzione di massa dichiarate dall’Iraq alla ricerca di prove di armi di distruzione di massa che l’Iraq stava nascondendo agli ispettori, anche la natura delle ispezioni stesse era cambiata.

Sono stato al centro di questa transizione, assumendo la guida dell’organizzazione e conducendo di ispezioni estremamente aggressive e conflittuali, volte a scoprire aspetti nascosti dell’arsenale iracheno di armi di distruzione di massa non dichiarate. Ho diretto uno sforzo di intelligence internazionale che comprendeva i servizi di intelligence di diverse nazioni, tra cui la CIA. Abbiamo utilizzato l’intero spettro delle capacità di intelligence per adempiere al mandato di disarmo stabilito dal Consiglio di Sicurezza.

Dopo un’ispezione particolarmente difficile e di alto profilo, che si avvaleva di un radar a penetrazione terrestre sviluppato in collaborazione con la CIA, fui contattato da un alto funzionario della Special Activities Division, il ramo paramilitare della CIA, responsabile delle azioni segrete in tutto il mondo. “L’agenzia vorrebbe averla a bordo”, mi disse, “ma il suo profilo è troppo alto. Torni nei Marines, si dia una calmata per un paio d’anni e poi ripresenti la domanda. La aspetteremo”.

Nella primavera del 1994, l’UNSCOM stava passando a operazioni di monitoraggio a lungo termine e le mie competenze – la caccia alle armi nascoste – non erano più considerate necessarie. Così tornai nel Corpo dei Marines e feci del mio meglio per scomparire nell’oscurità.

Non era destino. Dopo pochi mesi dal mio nuovo incarico, ricevetti la visita di una squadra della CIA, che mi informò sulle crescenti preoccupazioni che l’Iraq nascondesse armi e chiese il mio consiglio su come organizzarsi per scoprire le prove della loro esistenza.

Nel settembre 1994 ero di nuovo a New York, in assegnazione temporanea all’UNSCOM, dove iniziai i preparativi per una nuova fase di operazioni. Nel 1993 avevo chiesto alla CIA di aiutarmi a dispiegare in Iraq una capacità di intelligence segreta, sotto il controllo dell’UNSCOM, per intercettare il traffico radio iracheno relativo all’occultamento delle armi di distruzione di massa. All’epoca, la CIA si oppose, non volendo cedere il controllo di una risorsa così sensibile a un’organizzazione internazionale.

Proposi che l’UNSCOM si rivolgesse a Israele per questa assistenza e la CIA accettò. Feci due viaggi in Israele, dove alla fine fu raggiunto un accordo che mi vedeva lavorare con interpreti fotografici israeliani per analizzare le immagini degli aerei da ricognizione U-2 controllati dall’UNSCOM. Utilizzando queste immagini, avrei avuto accesso in tempo reale alle informazioni dell’intelligence israeliana, che avrebbero potuto essere utilizzate per dirigere il lavoro degli ispettori. I britannici accettarono di fornire una squadra di raccolta dei segnali e il prodotto sarebbe stato valutato congiuntamente da Stati Uniti, Regno Unito e Israele.

Questo accordo fu siglato in una riunione, tenutasi al Princeton Club nel centro di New York, tra il nuovo collegamento senior della CIA per l’UNSCOM, Larry Sanchez, Rolf Ekeus, il suo vice americano, Charles Duelfer, un ispettore senior dell’UNSCOM di nome Nikita Smidovich, e me.

Il Corpo dei Marines, tuttavia, non accettò di congedarmi per un periodo prolungato, e così ancora una volta lasciai i Marines e tornai all’UNSCOM, questa volta con un complicato piano di impiego in cui la CIA incanalava denaro all’OSIA, che poi mi pagava con un contratto che sarebbe stato rinnovato ogni sei mesi.

Questo rapporto portò a una nuova campagna di ispezioni estremamente aggressive che toccavano gli aspetti più sensibili della sicurezza irachena, compreso lo stesso presidente dell’Iraq. L’UNSCOM riteneva (giustamente) che la sicurezza presidenziale fosse coinvolta nel nascondere le ADM agli ispettori.

Quello che non sapevamo è che la CIA stava usando le ispezioni dell’UNSCOM – in particolare le intercettazioni delle comunicazioni, incentrate sulla sicurezza presidenziale – per attuare un’operazione segreta volta a rimuovere Saddam Hussein dal potere. Questo piano fu attuato nel giugno 1996, mentre una squadra da me guidata era coinvolta in un conflitto con le autorità irachene per quanto riguarda l’accesso a siti affiliati alla presidenza irachena.

La CIA si era servita della mia squadra per scatenare una crisi che avrebbe dovuto concludersi con l’eliminazione delle forze di sicurezza irachene da parte dei missili da crociera statunitensi, mentre un’unità delle guardie di sicurezza presidenziali reclutata dalla CIA avrebbe assassinato Saddam Hussein sostituendolo con una risorsa scelta dalla CIA. Il colpo di Stato falì in modo spettacolare, umiliando la CIA, che a sua volta cercò qualcuno da incolpare.

Quel qualcuno ero io.

Non sapevo assolutamente nulla del progettato colpo di Stato. Tuttavia, ero stato impegnato nel debriefing di disertori iracheni che erano sotto la protezione dei servizi segreti giordani. In seguito appresi che questi disertori stavano contemporaneamente lavorando con la CIA a sostegno del colpo di Stato. Io cercavo di ottenere informazioni su come avevano nascosto le armi di distruzione di massa all’UNSCOM; la CIA cercava informazioni su come avevano protetto il presidente iracheno.

La Direzione delle Operazioni della CIA dette la colpa a me, sostenendo che avevo fatto una soffiata all’Iraq sulle informazioni che avevo appreso interrogando i disertori iracheni.

Stanchi di dipingermi come una spia russa, ora venivo dipinto come una spia dell’Iraq.

Ogni aspetto del mio lavoro veniva ora preso di mira e disturbato dalla CIA. Ecco alcuni esempi:

  • il direttore della CIA intervenne personalmente per impedire il programma congiunto di sfruttamento delle immagini U-2 con Israele;
  • il capo della stazione della CIA ad Amman, in Giordania, intervenne presso il re di Giordania per impedire lo sfruttamento congiunto di componenti di guida e controllo missilistico intercettati in Giordania a seguito di un’operazione congiunta che coinvolgeva me, Israele e la Giordania. La CIA dirottò invece i materiali sequestrati sotto il proprio controllo e condusse una valutazione tecnica indipendente dall’UNSCOM;
  • la deliberata diffusione di informazioni relative all’operazione di intercettazione di segnali segreti condotta da operatori britannici sotto il controllo dell’UNSCOM, in modo da compromettere l’operazione e mettere a rischio la vita degli stessi operatori. Alla fine la CIA pose fine al coinvolgimento britannico e prese il controllo dell’operazione stessa, utilizzando l’UNSCOM come copertura, ma senza alcuna partecipazione dell’UNSCOM;
  • il sabotaggio di un’operazione congiunta UNSCOM-Regno Unito-Israele-Romania per infiltrarsi in una rete di approvvigionamento irachena segreta in Romania e rintracciare attrezzature missilistiche illecite in Iraq, dove sarebbero state scoperte dagli ispettori grazie a un dispositivo di tracciamento installato in Romania;
  • l’uso delle telecamere di sorveglianza dell’UNSCOM, installate come parte della missione di monitoraggio a lungo termine, come programma di intercettazione delle comunicazioni senza l’autorità dell’UNSCOM.
  • La CIA aveva, di fatto, dichiarato guerra all’UNSCOM. Si trattava di una guerra condotta dalla Direzione per le Operazioni, mentre allo stesso tempo la Direzione per l’Intelligence (il braccio analitico della CIA) continuava a fornire agli ispettori informazioni sempre meno valide.

Alla fine la CIA riuscì a chiudere praticamente tutti i rapporti di intelligence che avevo costruito nel corso di sette anni di lavoro di collegamento.

Ma non bastò. Usando come scusa il programma di condivisione delle immagini degli U-2 con Israele, la Direzione delle Operazioni della CIA notificò all’FBI che stavo commettendo spionaggio portando immagini classificate degli U-2 in Israele.

Ciò ignorava la realtà che il programma di condivisione delle immagini dell’U-2 era stato approvato dalla CIA nel luglio 1995, in occasione della riunione del Princeton Club e che, ai fini dell’esplorazione congiunta, la CIA aveva consegnato all’UNSCOM ogni bobina di pellicola coinvolta.

Ciò portò ad un’indagine pluriennale dell’FBI con l’accusa di spionaggio a favore di Israele.

Ora ero una spia russa, irachena e israeliana.

Nell’agosto 1998 mi dimisi dalla mia posizione di ispettore UNSCOM. Prima di partire, fui chiamato negli uffici della CIA presso la Missione degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, a New York. Mi incontrai con Larry Sanchez, il funzionario della CIA responsabile del “cliente” UNSCOM.

“Se si dimette”, mi avvertì Sanchez, “l’FBI si scatenerà. La accuseranno di spionaggio e probabilmente verrà arrestato”.

La mia unica alternativa sarebbe stata quella di rimanere all’UNSCOM e diventare uno strumento compiacente della CIA.

Scelsi di dimettermi. Il resto è storia.

La meschinità e la totale mancanza di integrità che hanno sottolineato la natura del mio rapporto con la CIA non sono un evento isolato. La CIA può essere composta da alcune brave persone, ma come istituzione è marcia fino al midollo.

Non solo la CIA ha fatto del suo meglio per distruggermi come individuo, ma ha anche cospirato per distruggere l’UNSCOM come istituzione. Il risultato è stato uno dei più grandi fallimenti di intelligence di qualsiasi servizio di intelligence nella storia moderna: il caso fondamentalmente errato della CIA secondo cui l’Iraq possedeva armi di distruzione di massa, che è stato usato per giustificare l’invasione e l’occupazione dell’Iraq nel 2003.

La CIA rifiutò di assumersi la responsabilità del suo fallimento. Stu Cohen, con cui avevo lavorato tra il 1992 e il 1994, fu chiamato per tentare uninsabbiamento, ma la storia ha dimostrato quanto il suo sforzo fosse intellettualmente disonesto.

Proprio come l’agenzia per cui lavorava.

La mia interazione personale con la Central Intelligence Agency mi ha aiutato a vedere oltre la sua mistica infarcita di leggende e a capire che non ha fatto altro che servire come guardia del corpo della menzogna. Ecco perché il mio unico desiderio per il suo 75° compleanno è che non ci sia un 76°.

 

FONTE

Russia Today

Link: https://www.rt.com/news/563489-cia-75-anniversary-history/

Condividi questo articolo

Lascia un commento