Chi trae profitto da Pipeline Terror?

Condividi questo articolo

DI PEPE ESCOBAR

 

La guerra dei corridoi economici è entrata in un territorio incandescente e inesplorato: Pipeline Terror.

 

Questa settimana una sofisticata operazione militare – che ha richiesto una pianificazione esauriente, forse coinvolgendo diversi attori – ha fatto esplodere quattro sezioni separate dei gasdotti Nord Stream (NS) e Nord Stream 2 (NS2) nelle acque poco profonde dello stretto danese, nel Baltico Mare, vicino all’isola di Bornholm.

 

I sismologi svedesi hanno stimato che la potenza delle esplosioni potrebbe aver raggiunto l’equivalente fino a 700 kg di tritolo. Sia NS che NS2, vicino alle forti correnti intorno a Borholm, sono poste sul fondo del mare a una profondità di 60 metri.

 

I tubi sono costruiti con cemento armato in acciaio, in grado di resistere all’impatto degli ancoraggi delle portaerei, e sono sostanzialmente indistruttibili senza gravi cariche esplosive. L’operazione, che ha causato due perdite vicino alla Svezia e due vicino alla Danimarca, dovrebbe essere effettuata da droni subacquei modificati.

 

Ogni crimine implica movente. Il governo russo voleva – almeno fino al sabotaggio – vendere petrolio e gas naturale all’UE. L’idea che le informazioni russe distruggerebbero gli oleodotti Gazprom è oltre il ridicolo. Tutto quello che dovevano fare era chiudere le valvole. NS2 non era nemmeno operativo, sulla base di una decisione politica di Berlino. Il flusso di gas in NS è stato ostacolato dalle sanzioni occidentali. Inoltre, un tale atto implicherebbe a Mosca la perdita di un’influenza strategica fondamentale sull’UE.

 

Fonti diplomatiche confermano che Berlino e Mosca sono state coinvolte in una trattativa segreta per risolvere sia le questioni NS che NS2. Quindi hanno dovuto essere fermati, senza esclusione di colpi. Geopoliticamente, l’entità che ha avuto il motivo di fermare un accordo ha anatema una possibile alleanza all’orizzonte tra Germania, Russia e Cina.

 

La possibilità di un’indagine “imparziale” su un così monumentale atto di sabotaggio – coordinata nientemeno dalla NATO – è trascurabile. Frammenti degli esplosivi/droni subacquei utilizzati per l’operazione verranno sicuramente trovati, ma le prove potrebbero essere manomesse. Le dita atlantistiche stanno già incolpando la Russia. Questo ci lascia con ipotesi di lavoro plausibili.

 

Questa ipotesi è assolutamente valida e sembra essere basata su informazioni provenienti da fonti dell’intelligence russa. Ovviamente Mosca ha già un’idea abbastanza precisa di quello che è successo (satelliti e monitoraggio elettronico funzionanti 24 ore su 24, 7 giorni su 7), ma non lo renderanno pubblico.

 

L’ipotesi si concentra sulla Marina polacca e le forze speciali come responsabili fisici (abbastanza plausibile; il rapporto offre ottimi dettagli interni), pianificazione e supporto tecnico americano (extra plausibile) e aiuti delle forze armate danesi e svedesi (inevitabile, considerando questo era molto vicino alle loro acque territoriali, anche se avveniva in acque internazionali).

 

L’ipotesi si collega perfettamente a una conversazione con una delle principali fonti dell’intelligence tedesca, che ha detto a The Cradle che il Bundesnachrichtendienst (BND o intelligence tedesca) era “furioso” perché “non erano nel giro”.

 

Ovviamente no. Se l’ipotesi è corretta, si trattava di un’operazione palesemente anti-tedesca, che portava il potenziale di metastatizzazione in una guerra all’interno della NATO.

 

Il tanto citato articolo 5 della NATO – “un attacco a uno di noi è un attacco a tutti noi” – ovviamente non dice nulla su un attacco NATO contro la NATO. Dopo la perforazione dell’oleodotto, la NATO ha rilasciato una mite dichiarazione “credendo” che ciò che è accaduto fosse un sabotaggio e “risponderà” a qualsiasi attacco deliberato alla sua infrastruttura critica. NS e NS2, per inciso, non fanno parte dell’infrastruttura della NATO.

 

L’intera operazione doveva essere approvata dagli americani e implementata con il loro marchio Divide and Rule. Per “americani” in questo caso si intendono i neo-conservatori e i neoliberali che gestiscono la macchina del governo a Washington, dietro il lettore senile del teleprompter.

 

Questa è una dichiarazione di guerra contro la Germania e contro le imprese ei cittadini dell’UE, non contro la macchina kafkiana dell’Eurocrat a Bruxelles. Non fraintendetemi: la NATO gestisce Bruxelles, non il capo della Commissione Europea (CE) e la rabbiosa russofoba Ursula von der Leyen, che è solo una umile ancella del capitalismo finanziario.

 

Non c’è da meravigliarsi se i tedeschi sono assolutamente mamma; nessuno del governo tedesco, finora, ha detto nulla di sostanziale.

 

Il corridoio polacco

 

Ormai, classi di chiacchiere assortite sono a conoscenza del tweet dell’ex ministro della Difesa polacco e attuale eurodeputato Radek Sirkorski: “Grazie, USA”. Ma perché la piccola Polonia dovrebbe essere in prima linea? C’è la russofobia atavica, una serie di ragioni politiche interne molto contorte, ma soprattutto un piano concertato per attaccare la Germania basato sul risentimento represso, comprese le nuove richieste di riparazioni della seconda guerra mondiale.

I polacchi, inoltre, sono terrorizzati dal fatto che con la parziale mobilitazione della Russia e la nuova fase dell’Operazione militare speciale (SMO) – che presto si trasformerà in un’operazione antiterrorismo (CTO) – il campo di battaglia ucraino si sposterà verso ovest. La luce elettrica e il riscaldamento ucraini saranno sicuramente distrutti. Milioni di nuovi rifugiati nell’Ucraina occidentale tenteranno di attraversare la Polonia.

 

Allo stesso tempo c’è un senso di “vittoria” rappresentato dall’apertura parziale del Baltic Pipe nel nord-ovest della Polonia, quasi contemporaneamente al sabotaggio.

 

Parla di tempismo. Baltic Pipe trasporterà il gas dalla Norvegia alla Polonia attraverso la Danimarca. La capacità massima è di soli 10 miliardi di metri cubi, che risulta essere dieci volte inferiore al volume fornito da NS e NS2. Quindi Baltic Pipe potrebbe essere sufficiente per la Polonia, ma non ha alcun valore per altri clienti dell’UE.

 

Nel frattempo, la nebbia della guerra diventa di minuto in minuto più fitta. È già stato documentato che solo pochi giorni fa elicotteri statunitensi stavano sorvolando i nodi del sabotaggio; che una nave da “ricerca” del Regno Unito stava girovagando nelle acque danesi da metà settembre; che la NATO ha twittato sui test di “nuovi sistemi senza pilota in mare” lo stesso giorno del sabotaggio. Per non parlare del fatto che Der Spiegel ha pubblicato un rapporto sorprendente intitolato “La CIA ha messo in guardia il governo tedesco contro gli attacchi agli oleodotti del Mar Baltico”, forse un gioco intelligente per negazioni plausibili.

 

Il ministero degli Esteri russo è stato affilato come un rasoio: “L’incidente è avvenuto in un’area controllata dai servizi segreti americani”. La Casa Bianca è stata costretta a “chiarire” che il presidente Joe Biden – in un video di febbraio diventato virale – non ha promesso di distruggere NS2; ha promesso di “non permettere” che funzioni. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che l’idea che gli Stati Uniti fossero coinvolti è “assurda”.

 

Stava al portavoce del Cremlino Dmitry Peskov offrire una buona dose di realtà: i danni ai gasdotti hanno rappresentato un “grosso problema” per la Russia, che ha sostanzialmente perso le rotte di approvvigionamento del gas verso l’Europa. Entrambe le linee NS2 erano state riempite di gas e, soprattutto, erano pronte a consegnarlo in Europa; questo è Peskov che ammette cripticamente che i negoziati con la Germania erano in corso.

 

Peskov ha aggiunto: “questo gas è molto costoso e ora sta salendo tutto nell’aria”. Ha sottolineato ancora una volta che né la Russia né l’Europa hanno nulla da guadagnare dal sabotaggio, in particolare la Germania. Questo venerdì ci sarà una sessione speciale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul sabotaggio, indetta dalla Russia.

 

L’attacco degli Straussiani

 

Ora per il quadro generale. Pipeline Terror fa parte di un’offensiva straussiana, che porta la divisione di Russia e Germania al livello più alto (come la vedono loro). Leo Strauss and the Conservative Movement in America: A Critical Appraisal, di Paul E. Gottfried (Cambridge University Press, 2011) è necessaria per comprendere questo fenomeno.

 

Leo Strauss, il filosofo ebreo-tedesco che insegnò all’Università di Chicago, è alla base di quella che poi, in modo molto contorto, è diventata la Dottrina Wolfowitz, scritta nel 1992 come Defence Planning Guidance, che definiva “la missione dell’America in l’era del dopo Guerra Fredda”.

 

La Dottrina Wolfowitz va dritta al punto: qualsiasi potenziale concorrente dell’egemonia statunitense, in particolare “nazioni industriali avanzate” come Germania e Giappone, deve essere distrutto. L’Europa non dovrebbe mai esercitare la sovranità: “Dobbiamo stare attenti a prevenire l’emergere di un sistema di sicurezza puramente europeo che minerebbe la NATO, e in particolare la sua struttura di comando militare integrata”.

Avanti veloce all’Ucraina Democracy Defense Lend-Lease Act, adottato solo cinque mesi fa. Stabilisce che Kiev ha un pranzo gratuito quando si tratta di tutti i meccanismi di controllo degli armamenti. Tutte queste armi costose vengono noleggiate dagli Stati Uniti all’UE per essere inviate in Ucraina. Il problema è che qualunque cosa accada sul campo di battaglia, alla fine, sarà l’UE a dover pagare i conti.

 

Il segretario di Stato americano Blinken e la sua subordinata, Victoria “F**k the EU” Nuland, sono straussiani, ora completamente scatenati, dopo aver approfittato del vuoto nero alla Casa Bianca. Così com’è, ci sono almeno tre diversi “silos” di potere in una Washington fratturata. Per tutti gli straussiani, una stretta operazione bipartisan, che unisce diversi soliti sospetti di alto profilo, distruggendo la Germania è fondamentale.

 

Una seria ipotesi di lavoro li colloca dietro l’ordine di condurre Pipeline Terror. Il Pentagono ha negato con forza ogni coinvolgimento nel sabotaggio. Esistono canali segreti tra il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev e il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan.

 

E fonti dissidenti di Beltway giurano che anche la CIA non fa parte di questo gioco; L’agenda di Langley sarebbe costringere gli Straussiani a fare marcia indietro con la Russia che reintegra Novorossiya e consentire a Polonia e Ungheria di divorare tutto ciò che vogliono nell’Ucraina occidentale prima che l’intero governo degli Stati Uniti cada in un vuoto nero.

 

Vieni a trovarmi nella Cittadella

 

Sulla Grande Scacchiera, il vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) a Samarcanda, in Uzbekistan, due settimane fa ha dettato il quadro del mondo multipolare che ci aspetta. Abbinalo ai referendum sull’indipendenza a DPR, LPR, Kherson e Zaporozhye, che il presidente russo Vladimir Putin incorporerà formalmente in Russia, forse già venerdì.

 

Con la finestra di opportunità che si sta rapidamente chiudendo per una svolta a Kiev prima delle prime agitazioni di un freddo inverno, e la parziale mobilitazione della Russia per entrare presto nella rinnovata SMO e aggiungersi al panico occidentale generalizzato, Pipeline Terror avrebbe almeno il “merito” di consolidare un Vittoria tattica straussiana: Germania e Russia si separarono fatalmente.

 

Eppure il contraccolpo sarà inevitabile – in modi inaspettati – anche se l’Europa diventerà sempre più ucraina e persino polacca: un burattino intrinsecamente neofascista e imperturbabile degli Stati Uniti come predatore, non partner. Pochissimi in tutta l’UE non hanno subito il lavaggio del cervello abbastanza per capire come l’Europa si sta preparando per l’ultima caduta.

 

La guerra, da parte di quegli Straussiani nascosti nel Deep State – neocon e neoliberisti allo stesso modo – non cederà. È una guerra contro Russia, Cina, Germania e varie potenze eurasiatiche. La Germania è stata appena abbattuta. La Cina sta attualmente osservando, con attenzione. E la Russia, nucleare e ipersonica, non sarà vittima di bullismo.

 

Il grande maestro di poesia C.P. Cavafy, in Aspettando i barbari, scriveva “E ora che ne sarà di noi, senza barbari? Quelle persone erano una specie di soluzione”. I barbari non sono alle porte, non più. Sono all’interno della loro Cittadella d’oro.        

 

 

LINK ORIGINALE

https://thecradle.co/Article/columns/16307

Condividi questo articolo

Lascia un commento