VACCINI / LA NECESSITA’ DI TEST GENETICI PER PREVENIRE EFFETTI AVVERSI

Condividi questo articolo

Il sito ‘The Defender’, costola dell’associazione ‘Children’s Health Defence’ fondata e animata da Robert Kennedy junior, ha appena pubblicato un interessante articolo, firmato dal ricercatore Michael Nevradakis (un PhD), sul caso di una donna, la quarantacinquenne Heather Elkins, che negli Stati Uniti “non ha potuto ottenere un’esenzione medica del suo datore di lavoro dal vaccino Covid-19, nonostante una condizione cardiaca preesistente. Ora non può più lavorare”. Significativo il titolo dell’   intervento: “Exclusive: Woman injured by Pfizer shot Forced to get Vaccine despite Pre-Existing Heart Issue” (“Esclusivo: Una donna ferita da una dose obbligata di vaccino Pfizer nonostante problemi cardiaci pre-esistenti”).

E’ la situazione che balza in tutta la sua evidenza nella parte finale del libro appena pubblicato da ‘Helikon’ e firmato dal virologo Giulio Tarro, titolato “Covid-19 – La fine di un incubo”, di cui la ‘Voce’ ha più volte scritto (potete trovare gli articoli cliccando sui link in basso).

Tarro, infatti, sottolinea la fondamentale importanza di alcuni TEST GENETICI, i soli in grado di poter stabilire se le condizioni di salute del paziente consentono la somministrazione del vaccino, soprattutto se a mRNAmessaggero (Pfizer e Moderna). La questione è di particolare rilevanza per il sistema cardiocircolatorio: proprio come è successo nel caso di Heather Elkins descritto nell’intervento pubblicato da ‘The Defender’.

Si tratta, a tutt’oggi, di esami genetici molto costosi. Per cui sorge spontanea la domanda: come mai lo Stato, che ha reso obbligatori i vaccini, non rende altrettanto obbligatori – e gratuiti – tali test genetici? Si tratta di un minimo dovere civico: in grado, però, di salvare tante vite umano e di ridurre in modo sensibile gli effetti avversi prodotti dai vaccini, soprattutto a livello cardiocircolatorio, per prevenire trombosi, ictus, infarti.

Di seguito, potete leggere l’articolo firmato dal professor Nevradakis. E vi raccomandiamo vivamente di leggere il libro di Giulio Tarro, l’allievo prediletto – non dimentichiamolo – di Albert Sabin, che scoprì il vaccino antipolio.

Il professor Giulio Tarro

Uno scienziato che conosce virus e vaccini come pochi al mondo, Tarro, che ha già firmato due importanti libri sui vaccini: nel 2018 “10 cose da sapere sui vaccini”, ossia quelli tradizionali (un libro che tutti i genitori dovrebbero avere in casa); e a giugno 2020, quindi a pochissimi mesi dallo scoppio della pandemia, un premonitore “Covid-19 – Il virus della paura”, dove vengono già denunciati i primi gravissimi errori del governo e degli scienziati (sic) riuniti nel CTS che per ben 10 mesi non adottarono i provvedimenti necessari a fronteggiare la pandemia (quindi cure e farmaci già esistenti in commercio, come l’idrossiclorochina) ma si limitarono al letale diktat ‘Tachipirina e vigile attesa’ che ha causato la perdita di tante vite innocenti.

 

 

Esclusivo: donna ferita da un colpo di Pfizer costretta a vaccinarsi nonostante un problema cardiaco preesistente

Heather Elkins, 45 anni, non ha potuto ottenere un’esenzione medica dal mandato del vaccino COVID-19 del suo datore di lavoro nonostante una condizione cardiaca preesistente – ora non può lavorare affatto.

Di Michael Nevradakis, Ph.D.

 

Quando il suo datore di lavoro nel 2021 ha imposto a tutti i dipendenti di ricevere il vaccino contro il COVID-19 , Heather Elkins, che aveva una malattia cardiaca preesistente, ha chiesto un’esenzione medica.

Ma il Dipartimento dei servizi umani dell’Oregon ha rifiutato la sua domanda, anche se Elkins era passata, nel 2020, a un dipendente permanente che lavora da casa.

Elkins ha detto a The Defender :

“Tutti i dipendenti dello Stato dell’Oregon sono stati incaricati dal governatore Kate Brown di essere completamente vaccinati contro COVID-19 o di soddisfare un’esenzione qualificante indipendentemente dal fatto che il dipendente stesse lavorando da casa o meno e se non avessimo rispettato, avremmo perso il lavoro !”

Elkins, 45 anni, era riluttante a ricevere il vaccino per diversi motivi, ha detto:

“Non sono affatto contrario ai vaccini. Detto questo, non ero a mio agio con il vaccino COVID-19 per una serie di motivi. In primo luogo, non mi sentivo come se si sapesse abbastanza a riguardo e gli effetti a lungo termine che avrebbe potuto avere.

“In secondo luogo, ho visto rapporti che affermavano che le persone stavano sviluppando problemi cardiaci e, dato che io stesso ho un problema cardiaco, non mi sentivo a mio agio con il vaccino”.

Ha aggiunto: “È il mio corpo e la decisione dovrebbe essere una mia scelta! So come reagisce il mio corpo a traumi, malattie, ecc. Dovrei essere in grado di scegliere cosa c’è dentro”.

Elkins ha provato tutte le strade disponibili nel suo tentativo di ottenere un’esenzione. Ha detto a The Defender:

“Ho parlato più volte con la direzione, le risorse umane e il mio sindacato, [Service Employees International Union] SEIU, di quanto mi sentissi a disagio quando ricevevo il vaccino COVID-19. Ho anche parlato con i miei medici… più volte delle mie preoccupazioni e ho chiesto un’esenzione medica. Continuavano a consigliarmi di fare il vaccino e affermavano che “la ricompensa supera il rischio”.

“Ho persino contattato il mio cardiologo … e sono stato trasferito dall’infermiera del mio cardiologo, che ha dichiarato: ‘non stiamo consigliando se dovresti ricevere o meno il vaccino COVID-19.'”

Elkins ha detto che dato che i vaccini stavano causando problemi al cuore, pensava che il suo cardiologo, tra tutte le persone, sarebbe stato disposto a intervenire.

«Non era il caso qui, ha detto. “Hanno chiuso un occhio”.

Dopo aver esaurito le opzioni, incluso il non soddisfare nemmeno i requisiti per un’esenzione religiosa, Elkins è stata costretta a scegliere tra il vaccino e il suo lavoro.

I sintomi si sono verificati “entro un’ora” dal primo colpo di Pfizer

Elkins ha ricevuto il vaccino Pfizer il 12 settembre 2021 e “entro circa un’ora”, ha detto, ha iniziato a manifestare reazioni avverse .

Le reazioni che ha vissuto dopo il primo colpo non l’hanno qualificata per un’esenzione medica dal secondo colpo, ha detto:

“Ho anche chiesto un’esenzione medica dalla seconda dose del vaccino dopo diverse visite dal medico per sintomi gravi dopo aver ricevuto la prima dose di Pfizer.

“Mi è stato detto che non avrebbero concesso esenzioni mediche perché la ‘ricompensa supera il rischio'”.

Quindi, nonostante i continui sforzi per ottenere un’esenzione medica, Elkins ha ricevuto il suo secondo vaccino Pfizer il 3 ottobre 2021 e ha sperimentato “la stessa grave reazione della prima dose”.

I sintomi includevano “forte mal di testa [i], forti dolori muscolari, [un] battito cardiaco accelerato … nausea, grave affaticamento e vertigini / problemi di equilibrio, pressione / costrizione toracica, mancanza di respiro [e] una forte tosse”, ha detto.

Un anno dopo, Elkins continua a manifestare sintomi che influiscono sulla sua capacità di lavorare.

Elkins ha detto a The Defender:

“Ad oggi, sto riscontrando tutti gli stessi problemi oltre ad altri sintomi come nebbia cerebrale, orribili dolori articolari, sensazioni di formicolio, dolorose scosse nervose, tremori e tremori alle mani e ai piedi e problemi di vista.

“A volte, alcuni dei sintomi sono peggiori di altri, ma i sintomi nel loro insieme sono stati così debilitanti ogni giorno che alla fine non ho potuto continuare a lavorare e per ora ho dovuto pagare un compenso da operaio”.

Prima di ricevere i vaccini, Elkins ha detto che stava “vivendo una vita normale, camminando e facendo jogging più volte alla settimana per fare esercizio e vivere una vita normale”.

Ma ora, ha detto, “Sono stata per lo più confinata nel mio letto negli ultimi 11 mesi, incapace di svolgere attività minime a causa dei miei sintomi debilitanti”, ha detto. “Compiti che prima sembravano facili, come lavorare sull’artigianato, lavare i piatti, cucinare o andare al negozio sono fisicamente estenuanti e i miei sintomi sono opprimenti”.

Dopo aver visitato una serie di medici – tra cui il suo medico di base, uno specialista in recupero COVID-19, un fisioterapista, un logopedista, un cardiologo, un pneumologo, un reumatologo, un neurologo e un oculista – a Elkins è stata diagnosticata la disautonomia , una condizione caratterizzata da un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo, ha detto.

“La maggior parte dei medici che ho visto pensa che sto avendo una sorta di risposta immunitaria al vaccino, ma non sa perché o come fermarlo perché si sa così poco”.

Ha provato una varietà di farmaci e trattamenti, tra cui terapia fisica, logopedia, una dieta pulita e persino succo di sedano, ma “nessuno di loro sembra aiutare”, ha detto Elkins.

“Il pneumologo mi ha dato un inalatore di steroidi che aiuta finché non ho lunghe conversazioni o mi sforzo.

Lei ha aggiunto:

“Non ho vita personale perché ogni volta che cerco di uscire di casa e fare qualcosa di sociale, i miei sintomi sono esacerbati. Passo la maggior parte delle mie giornate a letto. E nelle belle giornate, esco in soggiorno per riposarmi su una poltrona reclinabile.

Sebbene non sia stata in grado di ottenere un’esenzione medica per la sua prima o seconda dose, Elkins ha affermato che “ora le è stato detto che posso avere un’esenzione dal richiamo” – ma solo dopo “più visite con più medici”, che le hanno detto che la reazione che ha vissuto “è grave”.

Elkins ha detto che il suo medico di base “da allora mi ha chiesto scusa verbalmente per non aver ascoltato le mie preoccupazioni quando ho chiesto l’esenzione medica”.

Sebbene fosse troppo tardi per aiutare Elkins, il suo datore di lavoro ha successivamente rimosso il mandato, “allo stesso tempo stavano facendo una grande spinta all’assunzione di nuovi dipendenti”, ha detto.

 

Il governo “lo nasconde sotto il tappeto, come se non fosse reale”

Sebbene gli amici e la famiglia abbiano fornito un po’ di supporto, non capiscono appieno cosa sta vivendo, ha detto Elkins.

“O sono tranquilli di supporto, o semplicemente cercano di spiegare il motivo dei miei sintomi come… ‘forse il vaccino ha esacerbato una condizione che già avevi di cui non sapevi o che era dormiente.'”

Elkins, che ha affermato di sapere “con il 100% di certezza che ero in buona salute prima del vaccino contro il COVID-19”, ha trovato un maggiore livello di supporto attraverso gruppi di supporto online per i gruppi di feriti da vaccino, incluso il Vaccine Injury/Side Effects Support Group , Real Not Rare e ReAct19 .

“Sono stati tutti una ricchezza di informazioni”, ha detto.

Anche se “è triste sentire le storie che vengono condivise”, ha detto Elkins, “è confortante sapere che gli altri capiscono e sanno com’è vivere quello che tu stai [passando]. Questi effetti collaterali sono debilitanti ed è molto facile diventare depressi, anche se sei come me che non l’ha mai sperimentato in passato”.

Ha detto che le persone in questi gruppi di supporto sono “vitali” per la guarigione. “Non solo siamo in grado di relazionarci l’uno con l’altro, ma questi ‘perfetti sconosciuti’ capiscono in modi che i tuoi familiari e amici più stretti non possono”.

Elkins spera che questi gruppi – e le persone ferite dal vaccino che stanno parlando – si traducano in pressioni sulle autorità governative.

“Il nostro governo deve assumersi la responsabilità della mancanza di trasparenza con i vaccini COVID-19”, ha affermato Elkins. “La loro mancanza di trasparenza e ombra che circonda le reazioni avverse sta danneggiando così tante persone, ma continuano semplicemente a nasconderlo sotto il tappeto come se non fosse reale o accadesse”.

 

 

LINK

 

UNO STUDIO DEL PROFESSOR GIULIO TARRO SUL ‘BRITISH JOURNAL OF HEALTHCARE’

1 Settembre 2022 di Andrea Cinquegrani

 

 

“COVID-19, LA FINE DI UN INCUBO” / GIULIO TARRO NE DISCUTE A “LA CRITICA”  

21 Settembre 2022 di  Redazione

 

GIULIO TARRO / COVID-19, LA FINE DI UN INCUBO

10 Agosto 2022 di Andrea Cinquegrani

Condividi questo articolo

Lascia un commento