Lo “Spirito di Samarcanda” sarà guidato da “poteri responsabili” Russia e Cina

Condividi questo articolo

DI PEPE ESCOBAR

In mezzo a gravi tremori nel mondo della geopolitica, è così appropriato che il vertice dei capi di stato dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) di quest’anno si sia svolto a Samarcanda, l’ultimo crocevia della Via della Seta da 2.500 anni.

Quando nel 329 a.C. Alessandro Magno raggiunse l’allora città sogdiana di Marakanda, parte dell’impero achemenide, rimase sbalordito: “Tutto quello che ho sentito su Samarcanda è vero, tranne che è ancora più bella di quanto avessi immaginato”.

Avanti veloce a un editoriale del presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev pubblicato prima del vertice SCO, dove sottolinea come Samarcanda ora “può diventare una piattaforma in grado di unire e riconciliare gli stati con varie priorità di politica estera”.

Dopotutto, storicamente, il mondo dal punto di vista del punto di riferimento della Via della Seta è sempre stato “percepito come uno e indivisibile, non diviso. Questa è l’essenza di un fenomeno unico: lo “spirito di Samarcanda”.

E qui Mirziyoyev lega lo “Spirito di Samarcanda” all’originale SCO “Shanghai Spirit” fondato all’inizio del 2001, pochi mesi prima degli eventi dell’11 settembre, quando il mondo fu costretto a conflitti e guerre senza fine, quasi da un giorno all’altro.

In tutti questi anni, la cultura della SCO si è evoluta in un caratteristico modo cinese. Inizialmente, gli Shanghai Five erano concentrati sulla lotta al terrorismo, mesi prima che la guerra del terrore statunitense (corsivo mio) si trasformasse in metastasi dall’Afghanistan all’Iraq e oltre.

Nel corso degli anni, i “tre no” iniziali – nessuna alleanza, nessun confronto, nessun prendere di mira terzi – hanno finito per equipaggiare un veicolo ibrido veloce le cui “quattro ruote” sono “politica, sicurezza, economia e scienze umane”, completo di un’iniziativa di sviluppo globale, tutte in netto contrasto con le priorità di un Occidente egemonico e conflittuale.

Probabilmente il più grande asporto del vertice di Samarcanda di questa settimana è che il presidente cinese Xi Jinping ha presentato Cina e Russia, insieme, come “potenze globali responsabili” decise a garantire l’emergere della multipolarità e a rifiutare l'”ordine” arbitrario imposto dagli Stati Uniti e dai suoi visione unipolare del mondo.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha definito “eccellente” la conversazione bilaterale di Xi con il presidente Vladimir Putin. Xi Jinping, prima del loro incontro, rivolgendosi direttamente a Putin, aveva già sottolineato gli obiettivi comuni Russia-Cina:

“Di fronte ai colossali cambiamenti del nostro tempo su scala globale, senza precedenti nella storia, siamo pronti con i nostri colleghi russi a dare l’esempio di una potenza mondiale responsabile e svolgere un ruolo di primo piano per mettere un mondo in così rapido cambiamento sulla traiettoria di uno sviluppo sostenibile e positivo”.

Più tardi, nel preambolo alla riunione dei capi di Stato, Xi è andato dritto al tentativi: è importante “impedire da parte di forze esterne di punto organizzazione ‘rivoluzioni colorate’ nei Paesi SCO”. Ebbene, l’Europa non saprebbe dirlo, perché dal 1945 ha rivoluzionato il colore ininterrottamente.

Putin, da parte sua, ha inviato un messaggio che risonerà in tutto il Sud del mondo: “Sono state delineate trasformazioni fondamentali nella politica e nell’economia mondiale e sono irreversibili”. (corsivo mio)

 

Iran: è l’ora dello spettacolo

L’Iran è stata la guest star dello spettacolo di Samarcanda, riconosciuto come il nono membro della SCO. Il presidente Ebrahim Raisi, in modo significativo, ha sottolineato prima di incontrare Putin che “l’Iran non riconosce sanzioni contro la Russia”. La loro partnership strategica sarà rafforzata. Sul fronte degli affari, una nutrita delegazione composta da leader di 80 grandi aziende russe sarà in visita a Teheran la prossima settimana.

La crescente interpolazione Russia-Cina-Iran – i tre principali motori dell’integrazione dell’Eurasia – spaventa a morte i soliti sospetti, che potrebbero iniziare a capire come la SCO rappresenti, a lungo, una seria sfida al loro gioco geoeconomico. Quindi, come ogni granello di sabbia in ogni deserto di Heartland sa già, la pressione geopolitica contro il trio aumenterà esponenzialmente.

E poi c’è stata la trilaterale mega-cruciale di Samarcanda: Russia-Cina-Mongolia. Non ci sono stati perditempo ufficiali, ma questo trio probabilmente ha discusso del gasdotto Power of Siberia-2, l’interconnessione da costruire in tutta la Mongolia; e il ruolo rafforzato della Mongolia in un corridoio di connettività della Belt and Road Initiative (BRI), ora che Cina non sta utilizzando la rotta transiberiana per le esportazioni verso l’Europa a causa delle sanzioni.

Putin ha informato Xi su tutti gli aspetti dell’operazione militare speciale (SMO) russa in Ucraina e probabilmente ha risposto ad alcune domande davvero difficili, molte delle quali circolano selvaggiamente sul web cinese da mesi ormai.

Il che ci porta al presser di Putin alla fine del vertice, con quasi tutte le domande che ruotano prevedibilmente attorno al teatro militare in Ucraina.

Il punto chiave del russo presidente: “Non ci sono cambiamenti nel piano SMO. I compiti principali sono in corso di attuazione”. Sulle prospettive di pace, è l’Ucraina che “non è pronta a parlare con la Russia”. E nel complesso, “è deplorevole che l’Occidente abbia avuto l’idea di usare l’Ucraina per cercare di far crollare la Russia”.

Sulla telenovela sui fertilizzanti, Putin ha osservato, “approvvigionamento alimentare, approvvigionamento energetico, loro (l’Occidente) hanno creato questi problemi e ora stanno cercando di risolverli a spese di qualcun altro” – intendendo le nazioni più povere. “I paesi europei sono ex poteri coloniali e hanno ancora questo paradigma di filosofia coloniale. È giunto il momento di cambiare il loro comportamento, di diventare più civili”.

Sul suo incontro con Xi Jinping: “Era solo un incontro regolare, era un po’ di tempo che non ci incontravamo faccia a faccia”. Hanno parlato di come “ampliare il fatturato commerciale” e aggirare le “guerre commerciali causate dai cosiddetti nostri partner”, con “l’espansione degli insediamenti nelle valute nazionali che non procede alla velocità che vorremmo”.

Rafforzamento della multipolarità

Il bilaterale di Putin con il primo ministro indiano Narendra Modi non avrebbe potuto essere più cordiale – su un registro di “amicizia molto speciale” – con Modi che chiede soluzioni serie alla crisi alimentare e del, rivolgendosi di fatto all’occidente. Nel frattempo, la State Bank of India aprirà conti speciali in rupie per gestire il commercio legato alla Russia.

Questo è il primo viaggio all’estero di Xi dalla pandemia di Covid. Potrebbe farlo perché è assolutamente fiduciario di ricevere un terzo mandato durante il Congresso del Partito Comunista il mese prossimo a Pechino. Xi ora controlla e/o ha alleati almeno il 90 per cento del Politburo.

L’altro motivo serio era ricaricare l’appello della BRI in stretto collegamento con la SCO. L’ambizioso progetto cinese BRI è stato lanciato lanciato da Xi ad Astana (Nur-Sultan) nove anni fa. Rimarrà il concetto generale di politica estera cinese per decenni a venire.

L’enfasi della BRI sul commercio e la connettività si lega ai meccanismi di cooperazione multilaterale in evoluzione della SCO, riunendo le nazioni che si concentrano sullo economico indipendente dal nebuloso ed egemonico “ordine basato sulle regole”. Anche l’India di Modi sta ripensando a fare affidamento sui blocchi occidentali, dove New Delhi è al massimo un “partner” neocolonizzato.

Così Xi e Putin, a Samarcanda, hanno delineato a tutti gli effetti una road map per rafforzare la multipolarità, come sottolineato dalla dichiarazione finale di Samarcanda firmata da tutti i membri della SCO.

 

Il puzzle kazako

Ci saranno molti dossi sulla strada. Non è un caso che Xi abbia iniziato il suo viaggio in Kazakistan, la mega-strategica retroguardia occidentale della Cina, che condivide un lunghissimo confine con lo Xinjiang. Il tri-confine al porto asciutto di Khorgos – per autocarri, autobus e treni, separatamente – è piuttosto qualcosa, un nodo BRI assolutamente chiave.

L’amministrazione del presidente Kassym-Jomart Tokayev a Nur-Sultan (che presto sarà nuovamente ribattezzata Astana) è piuttosto complicata, oscilla tra orientamenti politici orientali e occidentali e infiltrata dagli americani tanto quanto durante l’era del predecessore Nursultan Nazarbayev, il presidente del Kazakistan primo presidente post-URSS.

All’inizio di questo mese, ad esempio, Nur-Sultan, in collaborazione con Ankara e British Petroleum (BP) – che virtualmente governa l’Azerbaigian – ha concordato di aumentare il volume di petrolio sull’oleodotto Baku-Tblisi-Ceyhan (BTC) fino a 4 milioni tonnellate al mese entro la fine di quest’anno. Chevron ed ExxonMobil, molto attivi in ​​Kazakistan, fanno parte dell’accordo.

L’agenda dichiarata dei soliti sospetti è “alla fine disconnettere le economie dei paesi dell’Asia centrale dall’economia russa”. Poiché il Kazakistan è membro non solo dell’Unione economica eurasiatica (EAEU) a guida russa, ma anche della BRI, è lecito presumere che Xi – così come Putin – abbia discusso di alcune questioni piuttosto serie con Tokayev, gli abbia detto di capire quale tira il vento e gli ha consigliato di tenere sotto controllo la situazione politica interna (vedi il colpo di stato fallito a gennaio, quando Tokayev è stato di fatto salvato dall’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva a guida russa [CSTO]).

Non c’è dubbio che l’Asia centrale, storicamente conosciuta come una “scatola di gemme” al centro dell’Heartland, che percorre le antiche vie della seta e benedetta da un’immensa ricchezza naturale – combustibili fossili, metalli delle terre rare, fertili terre agrarie – sarà utilizzata dal soliti sospetti come un vaso di Pandora, che rilascia ogni sorta di trucchi tossici contro la legittima integrazione eurasiatica.

Ciò è in netto contrasto con l’Asia occidentale, dove l’Iran nella SCO aumenterà il suo ruolo chiave di connettività di crocevia tra Eurasia e Africa, in connessione con la BRI e l’International North-South Transportation Corridor (INSTC).

Quindi non sorprende che gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain e il Kuwait, tutti nell’Asia occidentale, riconoscano da che parte soffia il vento. I tre stati del Golfo Persico hanno ricevuto lo “status di partner” ufficiale della SCO a Samarcanda, insieme alle Maldive e al Myanmar.

 

Una coesione di obiettivi

Samarcanda ha anche dato un ulteriore impulso all’integrazione lungo il partenariato della Grande Eurasia concettualizzato dalla Russia – che include l’Unione economica eurasiatica (EAEU) – e che, appena due settimane dopo il rivoluzionario Forum economico dell’Est (EEF) tenutosi a Vladivostok, sulla Russia strategica costa del Pacifico.

La priorità di Mosca all’EAEU è implementare uno stato-unione con la Bielorussia (che sembra destinata a diventare un nuovo membro della SCO prima del 2024), fianco a fianco con una più stretta integrazione con la BRI. Anche Serbia, Singapore e Iran hanno accordi commerciali con l’EAEU.

La Greater Eurasian Partnership è stata proposta da Putin nel 2015 e sta diventando più nitida quando la commissione EAEU, guidata da Sergey Glazyev, progetta attivamente un nuovo sistema finanziario, basato sull’oro e sulle risorse naturali e contrastando il sistema di Bretton Woods. Una volta che il nuovo quadro sarà pronto per essere testato, è probabile che il principale divulgatore sarà la SCO.

Quindi qui vediamo in gioco la piena coesione degli obiettivi – e dei meccanismi di interazione – implementati da Greater Eurasia Partnership, BRI, EAEU, SCO, BRICS+ e INSTC. È una lotta titanica unire tutte queste organizzazioni e tenere conto delle priorità geoeconomiche di ciascun membro e partner associato, ma è esattamente quello che sta succedendo, a una velocità vertiginosa.

In questa festa della connettività, gli imperativi pratici vanno dalla lotta alle strozzature locali alla creazione di complessi corridoi multipartitici: dal Caucaso all’Asia centrale, dall’Iran all’India, tutto discusso in più tavole rotonde.

I successi sono già notevoli: dalla Russia e dall’Iran che introducono insediamenti diretti in rubli e rial, a Russia e Cina che aumentano il loro commercio in rubli e yuan al 20 per cento – e contando. A Vladivostok potrebbe essere presto istituita una borsa merci orientale per facilitare il commercio di futures e derivati ​​con l’Asia-Pacifico.

La Cina è il principale creditore/investitore indiscusso di infrastrutture in tutta l’Asia centrale. Le priorità di Pechino potrebbero essere importare gas dal Turkmenistan e dall’Uzbekistan e petrolio dal Kazakistan, ma la connettività non è da meno.

La costruzione da 5 miliardi di dollari della ferrovia Pakistan-Afghanistan-Uzbekistan (Pakafuz) lunga 600 km consegnerà merci dall’Asia centrale all’Oceano Indiano in soli tre giorni invece di 30. E quella ferrovia sarà collegata al Kazakistan e al già in corso Ferrovia di costruzione cinese lunga 4.380 km da Lanzhou a Tashkent, un progetto BRI.

Nur-Sultan è anche interessata a una ferrovia Turkmenistan-Iran-Türkiye, che collegherebbe il suo porto di Aktau sul Mar Caspio con il Golfo Persico e il Mar Mediterraneo.

Türkiye, nel frattempo, ancora un osservatore della SCO e costantemente al riparo dalle sue scommesse, sta lentamente ma inesorabilmente cercando di far avanzare strategicamente la propria Pax Turcica, dallo sviluppo tecnologico alla cooperazione in materia di difesa, il tutto in una sorta di pacchetto politico-economico-di sicurezza. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ne ha discusso a Samarcanda con Putin, poiché quest’ultimo ha successivamente annunciato che il 25% del gas russo acquistato da Ankara sarà pagato in rubli.

 

Benvenuto in Great Game 2.0

La Russia, ancor più della Cina, sa che i soliti sospetti stanno andando in rovina. Solo nel 2022 c’è stato un colpo di stato fallito in Kazakistan a gennaio; guai a Badakhshan, in Tagikistan, a maggio; problemi in Karakalpakstan in Uzbekistan a giugno; i continui scontri di confine tra Tagikistan e Kirghizistan (entrambi i presidenti, a Samarcanda, hanno almeno concordato un cessate il fuoco e di rimuovere le truppe dai loro confini).

E poi c’è l’Afghanistan recentemente liberato, con non meno di 11 province attraversate da ISIS-Khorasan e dai suoi associati tagiki e uzbeki. Migliaia di aspiranti jihadisti di Heartland hanno fatto il viaggio a Idlib in Siria e poi di nuovo in Afghanistan, “incoraggiati” dai soliti sospetti, che useranno ogni trucco sotto il sole per molestare e “isolare” la Russia dall’Asia centrale.

Quindi Russia e Cina dovrebbero essere pronte a essere coinvolte in una sorta di Great Game 2.0 immensamente complesso, con steroidi, con Stati Uniti/NATO che combattono l’Eurasia unita e Turkiye nel mezzo.

Su una nota più brillante, Samarcanda ha dimostrato che almeno esiste un consenso tra tutti gli attori delle diverse organizzazioni istituzionali che: la sovranità tecnologica determinerà la sovranità; e che la regionalizzazione – in questo caso eurasiatica – è destinata a sostituire la globalizzazione governata dagli Stati Uniti.

Questi giocatori capiscono anche che l’era di Mackinder e Spykman sta volgendo al termine, quando l’Eurasia era “contenuta” in una forma semismontata in modo che le potenze marittime occidentali potessero esercitare il dominio totale, contrariamente agli interessi nazionali degli attori del Sud del mondo.

Ora è un gioco con la palla completamente diverso. Per quanto la Greater Eurasia Partnership sia pienamente supportata dalla Cina, entrambe favoriscono l’interconnessione dei progetti BRI e EAEU, mentre la SCO crea un ambiente comune.

Sì, questo è un progetto di civiltà eurasiatica per il 21° secolo e oltre. Sotto l’egida dello “Spirito di Samarcanda”.

 

 

FONTE

THE CRADLE

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento