L’Armageddon energetico europeo viene da Berlino e Bruxelles, non da Mosca

Condividi questo articolo

DIWilliam F. Engdahl

Il 22 agosto il prezzo di mercato in borsa del gas naturale nell’hub del gas tedesco THE (Trading Hub Europe) era scambiato oltre il 1000% in più rispetto a un anno fa. Alla maggior parte dei cittadini viene detto dal regime di Scholz che il motivo è la guerra di Putin e della Russia in Ucraina. La verità è del tutto diversa. I politici dell’UE e i principali interessi finanziari stanno usando la Russia per coprire quella che è una crisi energetica Made in Germany e Bruxelles. Le conseguenze non sono casuali.

 

Non è perché politici come Scholz o il ministro tedesco dell’Economia verde Robert Habeck, né il vicepresidente della Commissione europea per l’energia verde Frans Timmermans siano stupidi o all’oscuro. Corrotti e disonesti, forse sì. Sanno esattamente cosa stanno facendo. Stanno leggendo un copione.

 

Fa tutto parte del piano dell’UE per deindustrializzare una delle concentrazioni industriali più efficienti dal punto di vista energetico del pianeta.

 

Questa è la Green Agenda 2030 delle Nazioni Unite, altrimenti nota come Great Reset di Klaus Schwab.

 

 

Mercato del gas dell’UE deregolamentato

Ciò che la Commissione Europea e i ministri del governo in Germania e in tutta l’UE nascondono con cura è la trasformazione che hanno creato nel modo in cui il prezzo del gas naturale viene determinato oggi.

 

Per quasi due decenni la Commissione UE, appoggiata dalle megabanche come JP MorganChase o dai grandi hedge fund speculativi, ha iniziato a gettare le basi per quella che oggi è una completa deregolamentazione del mercato del gas naturale.

 

È stata promossa come la «liberalizzazione» del mercato del gas naturale dell’Unione Europea. Ciò che ora consente è che il trading sul mercato libero in tempo reale non regolamentato fissi i prezzi piuttosto che i contratti a lungo termine.

 

A partire dal 2010 circa, l’UE ha iniziato a spingere un cambiamento radicale nelle regole per la determinazione dei prezzi del gas naturale. Prima di quel momento la maggior parte dei prezzi del gas era fissata in contratti fissi a lungo termine per la consegna via gasdotto.

 

Il più grande fornitore, la russa Gazprom, ha fornito gas all’UE, soprattutto alla Germania, in contratti a lungo termine ancorati al prezzo del petrolio.

 

Fino agli ultimi anni quasi nessun gas veniva importato tramite navi GNL. Con una modifica delle leggi statunitensi per consentire l’esportazione di GNL dall’enorme produzione di gas di scisto nel 2016, i produttori di gas statunitensi hanno iniziato un’importante espansione della costruzione di terminali di esportazione di GNL.

 

La costruzione dei terminal richiede in media dai 3 ai 5 anni. Allo stesso tempo Polonia, Olanda e altri Paesi dell’UE hanno iniziato a costruire terminali di importazione di GNL per ricevere il GNL dall’estero.

 

I giganti petroliferi angloamericani, allora chiamati le Sette sorellem emersi dalla seconda guerra mondiale come fornitore leader mondiale di petrolio, crearono un monopolio globale del prezzo del petrolio.

 

Come notò Henry Kissinger durante gli shock petroliferi degli anni ’70, «Controlla il petrolio e controlli intere nazioni».

 

Dagli anni ’80 le banche di Wall Street, guidate da Goldman Sachs, hanno creato un nuovo mercato nel «petrolio di carta», o futures e negoziazione di derivati ​​di futuri barili di petrolio. Ciò ha creato un enorme casinò di profitti speculativi che era controllato da una manciata di banche giganti a New York e nella City di Londra.

 

Quegli stessi potenti interessi finanziari hanno lavorato per anni per creare un simile mercato globalizzato del «gas di carta» in futures che potevano controllare.

 

La Commissione Europea e il loro programma del Green Deal per «decarbonizzare» l’economia entro il 2050, eliminando petrolio, gas e combustibili da carbone, hanno fornito la trappola ideale che ha portato al picco esplosivo dei prezzi del gas nell’UE dal 2021.

 

Per creare quel «singolo» controllo del mercato, l’UE è stata sollecitata dagli interessi globalisti per imporre modifiche alle regole draconiane e di fatto illegali a Gazprom per costringere il proprietario russo di varie reti di gasdotti di distribuzione nell’UE ad aprirle al gas concorrente.

 

Le grandi banche e gli interessi energetici che controllano la politica dell’UE a Bruxelles avevano creato un nuovo sistema di prezzi indipendente parallelo ai prezzi stabili a lungo termine del gasdotto russo che non controllavano.

 

Entro il 2019 la serie di direttive burocratiche sull’energia della Commissione europea di Bruxelles ha consentito al mercato del gas completamente deregolamentato di fissare di fatto i prezzi del gas naturale nell’UE, nonostante la Russia fosse ancora di gran lunga la principale fonte di importazione di gas.

 

Una serie di «hub» commerciali virtuali è stata istituita per negoziare contratti future sul gas in diversi Paesi dell’UE. Entro il 2020 il TTF (Title Transfer Facility) olandese era divenuto il centro commerciale dominante per il gas dell’UE, il cosiddetto benchmark del gas dell’UE.

 

In particolare, TTF è una piattaforma virtuale di scambi di contratti di gas a termine tra gli scambi tra banche e altri investitori finanziari, «da banco». Ciò significa che di fatto non è regolamentato, al di fuori di qualsiasi borsa regolamentata. Questo è fondamentale per comprendere il gioco in corso nell’UE oggi.

 

Nel 2021 solo il 20% di tutte le importazioni di gas naturale nell’UE erano gas GNL, i cui prezzi erano in gran parte determinati da operazioni a termine nell’hub TTF, il benchmark di fatto del gas dell’UE, di proprietà del governo olandese, lo stesso governo che distruggeva le sue fattorie per un’affermazione fraudolenta sull’inquinamento da azoto.

 

La quota maggiore di importazione di gas europeo proveniva dalla Gazprom russa, che forniva oltre il 40% delle importazioni dell’UE nel 2021. Quel gas avveniva tramite contratti di gasdotti a lungo termine il cui prezzo era di gran lunga inferiore al prezzo di speculazione TTF di oggi.

 

Nel 2021 gli Stati dell’UE hanno pagato una sanzione stimata per un costo di circa 30 miliardi di dollari in più per il gas naturale nel 2021 rispetto a quanto se fossero rimasti con i prezzi di indicizzazione del petrolio di Gazprom. Le banche lo adoravano. L’industria statunitense e consumatori no.

 

Solo distruggendo il mercato russo del gas nell’UE gli interessi finanziari e i sostenitori del Green Deal potrebbero creare il loro controllo sul mercato del GNL.

 

 

Chiusura del gasdotto dell’UE

Con il pieno sostegno dell’UE per il nuovo mercato all’ingrosso del gas, Bruxelles, la Germania e la NATO hanno iniziato sistematicamente a chiudere all’UE gasdotti stabili e a lungo termine.

 

Dopo aver rotto i legami diplomatici con il Marocco nell’agosto 2021 sui territori contesi, l’Algeria ha annunciato che il gasdotto Maghreb-Europe (MGE), lanciato nel 1996, avrebbe cessato l’attività il 31 ottobre 2021, alla scadenza del relativo accordo.

 

Nel settembre 2021 Gazprom ha completato il suo gasdotto sottomarino Nord Stream 2 multimiliardario dalla Russia attraverso il Mar Baltico fino alla Germania settentrionale. Raddoppierebbe la capacità del Nord Stream 1 a 110 miliardi di metri cubi all’anno, consentendo a Gazprom di essere indipendente dalle interferenze con le consegne di gas attraverso il gasdotto Soyuz che attraversa l’Ucraina.

 

La Commissione UE, sostenuta dall’amministrazione Biden, ha bloccato l’apertura del gasdotto con sabotaggi burocratici e, infine, il 22 febbraio il cancelliere tedesco Scholz ha sanzionato il gasdotto per il riconoscimento russo della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Lugansk.

 

Con la crescente crisi del gas da allora, il governo tedesco ha rifiutato di aprire il Nord Stream 2 nonostante sia finito.

 

Quindi, il 12 maggio 2022, sebbene le consegne di Gazprom al gasdotto Soyuz attraverso l’Ucraina siano state ininterrotte per quasi tre mesi di conflitto, nonostante le operazioni militari russe in Ucraina, il regime Zelens’kyj controllato dalla NATO a Kiev ha chiuso un importante gasdotto russo attraverso Lugansk, che da cui si abbuffavano di gas russo sia la sua Ucraina che gli stati dell’UE, dichiarando che sarebbe rimasto chiuso fino a quando Kiev non avrà il pieno controllo del suo sistema di gasdotti che attraversa le due repubbliche del Donbass.

 

Quella sezione del gasdotto Ucraina Soyuz ha tagliato un terzo del gas attraverso Soyuz all’UE.

 

Certamente non ha aiutato l’economia dell’UE in un momento in cui Kiev chiedeva più armi da quegli stessi paesi della NATO. Soyuz ha aperto nel 1980 sotto l’Unione Sovietica portando gas dal giacimento di Orenburg.

 

Poi è arrivato il gasdotto Jamal Russian attraverso la Bielorussia e attraverso la Polonia fino alla Germania.

Nel dicembre 2021, due mesi prima del conflitto in Ucraina, il governo polacco ha chiuso la parte polacca del gasdotto tagliando la fornitura di gas Gazprom a prezzi bassi alla Germania e alla Polonia.

 

Invece, le compagnie del gas polacche hanno acquistato gas russo nello stoccaggio delle compagnie del gas tedesche, attraverso la sezione polacco-tedesca del gasdotto Jamal a un prezzo più alto in un flusso inverso.

 

Le compagnie tedesche del gas hanno ottenuto il loro gas russo tramite un contratto a lungo termine a un prezzo contrattuale molto basso e lo hanno rivenduto alla Polonia con un enorme profitto.

 

Questa follia è stata deliberatamente minimizzata dal ministro dell’Economia verde Habeck e dal cancelliere Scholz e dai media tedeschi, anche se ha costretto i prezzi del gas tedesco ancora più alti e ha peggiorato la crisi del gas tedesco.

 

Il governo polacco ha rifiutato di rinnovare il contratto del gas con la Russia e invece acquista gas sul mercato libero a prezzi notevolmente più elevati. Di conseguenza non scorre più gas russo verso la Germania attraverso Jamal.

 

Infine, la fornitura di gas tramite il gasdotto sottomarino Nord Stream 1 è stata interrotta a causa della necessaria riparazione di una turbina a gas prodotta da Siemens. La turbina è stata inviata a una struttura speciale della Siemens in Canada, dove il regime anti-russo di Trudeau l’ha trattenuta per mesi prima di rilasciarla finalmente su richiesta del governo tedesco.

 

Eppure hanno deliberatamente rifiutato di consegnarlo al suo proprietario russo, ma invece a Siemens Germania, dove si trova, poiché i governi tedesco e canadese si rifiutano di concedere un’esenzione dalle sanzioni legalmente vincolanti per il trasferimento in Russia.

 

In questo modo anche il gas Gazprom attraverso il Nord Stream 1 viene drasticamente ridotto al 20% del normale.

 

A gennaio 2020 Gazprom ha iniziato a inviare gas dal suo gasdotto TurkStream attraverso la Turchia e poi in Bulgaria e Ungheria.

 

Nel marzo 2022 la Bulgaria ha interrotto unilateralmente, con il sostegno della NATO, le sue forniture di gas da TurkStream.

 

L’ungherese Viktor Orban, al contrario, si è assicurato la continuazione con la Russia del gas TurkStream. Di conseguenza oggi l’Ungheria non ha crisi energetiche e importa gas dall’oleodotto russo a prezzi fissi molto bassi.

 

Sanzionando o chiudendo sistematicamente le consegne di gas da gasdotti a lungo termine ea basso costo verso l’UE, gli speculatori di gas tramite il TTP olandese sono stati in grado di sfruttare ogni singhiozzo o shock energetico nel mondo, sia che si tratti di una siccità record in Cina o del conflitto in Ucraina , alle restrizioni all’esportazione negli Stati Uniti, a fare offerte ai prezzi del gas all’ingrosso dell’UE attraverso tutti i limiti.

 

A metà agosto il prezzo dei future al TTP era superiore del 1.000% rispetto a un anno fa e aumentava quotidianamente.

 

 

La follia tedesca del prezzo più alto

Il sabotaggio deliberato dei prezzi dell’energia e dell’elettricità diventa ancora più assurdo.

 

Il 28 agosto, il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner, unico membro del gabinetto del Partito liberale (FDP), ha rivelato che, nei termini poco chiari delle complesse misure di riforma del mercato elettrico dell’UE, i produttori di elettricità da solare o eolico ricevono automaticamente lo stesso prezzo per la loro elettricità «rinnovabile» chevendono alle società elettriche per la rete al costo più alto, ovvero quello del gas naturale!

 

Lindner ha chiesto una modifica «urgente» alla legge tedesca sull’energia per disaccoppiare i diversi mercati. Il fanatico ministro dell’Economia verde Robert Habeck ha subito risposto che «stiamo lavorando sodo per trovare un nuovo modello di mercato», ma avvertendo che il governo deve essere attento a non intervenire troppo: «Servono mercati funzionanti e, allo stesso tempo, dobbiamo stabilire le regole giuste per non abusare delle posizioni nel mercato».

 

Habeck infatti sta facendo tutto il possibile per costruire l’Agenda Verde ed eliminare gas, petrolio e nucleare, le uniche fonti energetiche al momento affidabili. Si rifiuta di prendere in considerazione la riapertura di tre centrali nucleari chiuse un anno fa o di riconsiderare la chiusura delle restanti tre a dicembre.

 

Pur dichiarando in un’intervista a Bloomberg che «non affronterò questa domanda ideologicamente», nel respiro successivo ha dichiarato: «l’energia nucleare non è la soluzione, è il problema».

 

Habeck e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno ripetutamente dichiarato che maggiori investimenti nell’eolico e nel solare inaffidabili sono la risposta a una crisi del prezzo del gas che le loro politiche hanno deliberatamente creato.

 

Sotto ogni aspetto la crisi energetica suicida in corso in Europa è stata «Made in Germany», non in Russia.

 

William F. Engdahl

FONTE

Questo articolo è stato tradotto e pubblicato da Renovatio 21

Condividi questo articolo

Lascia un commento