Ucraina: tra afganizzazione e sirianizzazione

Condividi questo articolo

L’Ucraina è finita come nazione – nessuna delle due parti riposerà in questa guerra. L’unica domanda è se sarà un finale in stile afgano o siriano.

Di Pepe Escobar

 

Un anno dopo la stupefacente umiliazione degli Stati Uniti a Kabul – e sull’orlo di un’altra grave punizione nel Donbass – c’è motivo di credere che Mosca diffida del fatto che Washington cerchi vendetta: sotto forma di “afghanizzazione” dell’Ucraina.

Con la fine in vista delle armi e della finanza occidentali che affluiscono a Kiev, va riconosciuto che la battaglia ucraina rischia di disintegrarsi in un’altra guerra senza fine. Come la jihad afgana negli anni ’80 che impiegò guerriglie armate e finanziate dagli Stati Uniti per trascinare la Russia nelle sue profondità, i sostenitori dell’Ucraina utilizzeranno quei metodi collaudati dalla guerra per condurre una lunga battaglia che può estendersi alle terre russe confinanti.

Tuttavia, questo tentativo statunitense di cripto-afghanizzazione accelererà nel migliore dei casi il completamento di quelli che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu descrive come i “compiti” della sua operazione militare speciale (SMO) in Ucraina. Per Mosca in questo momento, quella strada porta fino a Odessa.

Non doveva essere così. Fino al recente assassinio di Darya Dugina alle porte di Mosca, il campo di battaglia in Ucraina era in realtà sotto un processo di “sirianizzazione”.

Come la guerra per procura straniera in Siria nell’ultimo decennio, le linee del fronte attorno alle città ucraine significative si erano approssimativamente stabilizzate. Perdendo sui campi di battaglia più ampi, Kiev si era sempre più spostata per impiegare tattiche terroristiche. Nessuna delle parti poteva dominare completamente l’immenso teatro di guerra a portata di mano. Quindi l’esercito russo ha deciso di mantenere forze minime in battaglia, contrariamente alla strategia adottata nell’Afghanistan degli anni ’80.

Ricordiamoci alcuni fatti siriani: Palmira è stata liberata a marzo 2016, poi persa e riconquistata nel 2017. Aleppo è stata liberata solo a dicembre 2016. Deir Ezzor a settembre 2017. Una fetta di Hama settentrionale a dicembre e gennaio 2018. La periferia di Damasco nella primavera del 2018. Idlib – e, significativamente, oltre il 25% del territorio siriano – non sono ancora liberati. Questo dice molto sul ritmo in un teatro di guerra.

L’esercito russo non ha mai preso la decisione consapevole di interrompere il flusso multicanale di armi occidentali a Kiev. Distruggere metodicamente quelle armi una volta che sono in territorio ucraino – con molto successo – è un’altra questione. Lo stesso vale per distruggere le reti di mercenari.

Mosca è ben consapevole che qualsiasi negoziato con coloro che tirano i fili a Washington – e dettare tutti i termini ai burattini a Bruxelles e Kiev – è inutile. La lotta nel Donbass e oltre è un affare da fare o da morire.

Quindi la battaglia andrà avanti, distruggendo ciò che resta dell’Ucraina, proprio come ha distrutto gran parte della Siria. La differenza è che economicamente, molto più che in Siria, ciò che resta dell’Ucraina sprofonda in un vuoto nero. Solo il territorio sotto il controllo russo sarà ricostruito e ciò include, in modo significativo, la maggior parte delle infrastrutture industriali dell’Ucraina.

Ciò che è rimasto – la groppa dell’Ucraina – è già stato comunque saccheggiato, poiché Monsanto, Cargill e Dupont hanno già insaccato 17 milioni di ettari di seminativi fertili e di prima qualità – oltre la metà di ciò che l’Ucraina possiede ancora. Ciò si traduce de facto in BlackRock, Blackstone e Vanguard, i principali azionisti dell’agro-business, che possiedono tutte le terre che contano davvero nell’Ucraina non sovrana.

Andando avanti, entro il prossimo anno i russi si impegneranno a tagliare Kiev dalle forniture di armi della NATO. Man mano che ciò si sviluppa, gli anglo-americani alla fine sposteranno qualsiasi regime fantoccio rimasto a Leopoli. E il terrorismo di Kiev – condotto dai fedeli di Bandera – continuerà ad essere la nuova normalità nella capitale.

 

Il doppio gioco kazako

Ormai è del tutto chiaro che questa non è una mera guerra di conquista territoriale. Fa certamente parte di una guerra di corridoi economici, poiché gli Stati Uniti non risparmiano sforzi per sabotare e distruggere i molteplici canali di connettività dei progetti di integrazione dell’Eurasia, siano essi a guida cinese (Belt and Road Initiative, BRI) o a guida russa (Unione economica eurasiatica , EAEU).

Proprio come la guerra per procura in Siria ha ricostruito vaste aree dell’Asia occidentale (testimone, per esempio, Erdogan che sta per incontrare Assad), la lotta in Ucraina, in un microcosmo, è una guerra per la riconfigurazione dell’attuale ordine mondiale, dove l’Europa è una semplice vittima autoinflitta in una sottotrama minore. Il quadro generale è l’emergere della multipolarità.

La guerra per procura in Siria è durata un decennio e non è ancora finita. Lo stesso può accadere alla guerra per procura in Ucraina. Allo stato attuale, la Russia ha preso un’area che è più o meno equivalente a Ungheria e Slovacchia messe insieme. Questo è ancora lontano dall’adempimento del “compito” – ed è destinato ad andare avanti fino a quando la Russia non avrà preso tutta la terra fino al Dnepr e a Odessa, collegandola alla repubblica separatista della Transnistria.

È illuminante vedere quanto importanti attori eurasiatici stiano reagendo a tali turbolenze geopolitiche. E questo ci porta ai casi del Kazakistan e della Turchia.

Il canale Telegram Rybar (con oltre 640.000 follower) e il gruppo di hacker Beregini hanno rivelato in un’indagine che il Kazakistan stava vendendo armi all’Ucraina, il che si traduce di fatto come tradimento contro i propri alleati russi nell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO). Considera anche che il Kazakistan fa anche parte della Shanghai Cooperation Organization (SCO) e dell’EAEU, i due hub dell’ordine multipolare a guida eurasiatica.

In conseguenza dello scandalo, il Kazakistan è stato costretto ad annunciare ufficialmente la sospensione di tutte le esportazioni di armi fino alla fine del 2023.

È iniziato con gli hacker che hanno svelato come Technoexport, una società kazaka, vendesse veicoli per il trasporto di personale armato, sistemi anticarro e munizioni a Kiev tramite intermediari giordani, agli ordini del Regno Unito. L’accordo stesso è stato supervisionato dall’addetto militare britannico a Nur-Sultan, la capitale kazaka.

Nur-Sultan ha prevedibilmente cercato di respingere le accuse, sostenendo che Technoexport non aveva chiesto licenze di esportazione. Questo era essenzialmente falso: il team di Rybar ha scoperto che Technoexport usava invece Blue Water Supplies, un’azienda giordana, per quelli. E la storia diventa ancora più succosa. Tutti i documenti contrattuali sono stati trovati nei computer dell’intelligence ucraina.

Inoltre, gli hacker sono venuti a conoscenza di un altro accordo che coinvolgeva Kazspetsexport, tramite un acquirente bulgaro, per la vendita di Su-27 kazaki, turbine per aeroplani ed elicotteri Mi-24. Questi sarebbero stati consegnati negli Stati Uniti, ma la loro destinazione finale era l’Ucraina.

La ciliegina su questa torta dell’Asia centrale è che il Kazakistan vende anche quantità significative di petrolio russo, non kazako, a Kiev.

Quindi sembra che Nur-Sultan, forse ufficiosamente, contribuisca in qualche modo all'”afghanizzazione” nella guerra in Ucraina. Nessuna fuga di notizie diplomatiche lo conferma, ovviamente, ma si può scommettere Putin ha avuto alcune cose da dire al presidente Kassym-Jomart Tokayev nel loro recente – cordiale – incontro.

 

L’equilibrio del Sultano

La Turchia è un caso molto più complesso. Ankara non è membro della SCO, della CSTO o della EAEU. Sta ancora coprendo le sue scommesse, calcolando a quali termini si unirà alla ferrovia ad alta velocità dell’integrazione eurasiatica. Eppure, attraverso diversi schemi, Ankara permette a Mosca di eludere la valanga di sanzioni ed embarghi occidentali.

Le imprese turche – letteralmente tutte con stretti legami con il presidente Recep Tayyip Erdogan e il suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) – stanno facendo una strage e assaporando il loro nuovo ruolo di magazzino crocevia tra la Russia e l’Occidente. È un chiaro vanto a Istanbul che ciò che la Russia non può acquistare dalla Germania o dalla Francia, lo comprano “da noi”. E in effetti diverse aziende dell’UE sono coinvolte.

L’equilibrio di Ankara è dolce come un buon baklava. Raccoglie il sostegno economico di un partner molto importante proprio nel mezzo dell’infinita e gravissima debacle economica turca. Sono d’accordo su quasi tutto: gas russo, sistemi missilistici S-400, costruzione della centrale nucleare russa, turismo – Istanbul è piena zeppa di russi – frutta e verdura turca.

Ankara-Mosca impiega una solida geopolitica da manuale. Lo suonano apertamente, in piena trasparenza. Ciò non significa che siano alleati. Sono solo affari pragmatici tra stati. Ad esempio, una risposta economica può alleviare un problema geopolitico e viceversa.

Ovviamente l’Occidente collettivo ha completamente dimenticato come funziona quel normale comportamento da stato a stato. È patetico. La Turchia viene “denunciata” dall’Occidente come traditrice, tanto quanto la Cina.

Ovviamente anche Erdogan ha bisogno di suonare nelle tribune, quindi ogni tanto dice che la Crimea dovrebbe essere riconquistata da Kiev. Dopotutto, le sue aziende fanno affari anche con l’Ucraina: droni Bayraktar e altro.

E poi c’è il proselitismo: la Crimea rimane teoricamente matura per l’influenza turca, dove Ankara può sfruttare le nozioni di panislamismo e soprattutto panturkismo, capitalizzando le relazioni storiche tra la penisola e l’Impero Ottomano.

Mosca è preoccupata? Non proprio. Per quanto riguarda quei Bayraktar TB2 venduti a Kiev, continueranno a essere inesorabilmente ridotti in cenere. Niente di personale. Solo affari.

 

 

FONTE

THE CRADLE

https://thecradle.co/Article/Columns/14989

Condividi questo articolo

Lascia un commento