PEPE ESCOBAR / I SEI MESI CHE CAMBIARONO IL MONDO  

Condividi questo articolo

Pepe Escobar è uno dei principali analisti geopolitici brasiliani. Giornalista e scrittore, ha firmato grandi reportage, soprattutto sull’Afghanistan e il Pakistan.

Pepe Escobar

La ‘Voce’ ne riprende spesso gli interventi, che potete trovare  soprattutto sul sito di contro-informazione geopolitica che ha fondato e anima, ‘The Cradle.co’ (‘il Nido’). ‘Asia Times’ pubblica regolarmente un suo fondo molto seguito, ‘The Roving Eye’ (‘L’Occhio Vagabondo’), in cui analizza minuziosamente “la competizione multi-nazionale per il dominio sul Medio-Oriente e l’Asia Centrale”.

Di seguito potete leggere due suoi recenti interventi: uno sul complesso puzzle euro-asiatico, l’altro sui sei mesi di conflitto in Ucraina che stanno cambiando i destini del mondo.

 

Un puzzle eurasiatico: l’interconnettività BRI e INSTC completerà il puzzle

Superando gli ostacoli occidentali, gli ambiziosi progetti di connettività dell’Eurasia guidati da Cina e Russia stanno ora procedendo in profondità nel cuore dell’Asia

Di Pepe Escobar

 

SAMARKAND – Interconnecting Inner Eurasia è un esercizio di equilibrio taoista: aggiungere pezzo per pezzo, con pazienza, a un gigantesco puzzle. Ci vuole tempo, abilità, visione e, naturalmente, importanti scoperte.

Un pezzo chiave è stato aggiunto di recente al puzzle in Uzbekistan, rafforzando i collegamenti tra la Belt and Road Initiative (BRI) e l’International North South Transportation Corridor (INSTC).

 

Il governo Mirzoyoyev a Tashkent è profondamente impegnato nella guida turbo di un altro corridoio di trasporto dell’Asia centrale: una ferrovia Cina-Kirghizistan-Uzbekistan-Afghanistan.

 

Questo è stato al centro di un incontro tra il presidente del consiglio di amministrazione di Temir Yullari – le ferrovie nazionali uzbeke – e i suoi omologhi in Kirghizistan e Afghanistan, nonché i manager della società di logistica cinese Wakhan Corridor.

 

In termini di complessa intersezione dello Xinjiang con l’Asia centrale e meridionale, questo è quanto mai rivoluzionario, come parte di quella che chiamo la Guerra dei corridoi economici.

 

Gli uzbeki hanno pragmaticamente considerato il nuovo corridoio essenziale per il trasporto di merci a tariffe basse, ma ciò va ben oltre i semplici calcoli commerciali.

 

Immaginate, in pratica, container cargo che arrivano in treno da Kashgar nello Xinjiang a Osh in Kirghizistan e poi a Hairatan in Afghanistan. Il volume annuale dovrebbe raggiungere i 60.000 container solo nel primo anno.

 

Sarebbe fondamentale per sviluppare il commercio produttivo dell’Afghanistan, lontano dall’ossessione degli “aiuti” dell’occupazione statunitense. I prodotti afgani potranno finalmente essere facilmente esportati nei vicini dell’Asia centrale e anche in Cina, ad esempio nel vivace mercato di Kashgar.

 

E quel fattore stabilizzante rafforzerebbe le casse dei talebani, ora che la leadership di Kabul è molto interessata ad acquistare petrolio, gas e grano russi con sconti estremamente interessanti.

 

Come riportare l’Afghanistan in gioco

 

C’è anche la possibilità di far nascere da questa ferrovia un progetto stradale che attraversi l’ultra-strategico corridoio Wakhan, qualcosa che Pechino sta già contemplando da alcuni anni.

 

Il Wakhan è condiviso dal nord dell’Afghanistan e dalla regione autonoma del Gorno-Badakhshan del Tagikistan: una lunga, arida e spettacolare striscia geologica, che avanza fino allo Xinjiang.

 

Ormai è chiaro non solo a Kabul, ma anche ai membri della Shanghai Cooperation Organization (SCO), che gli americani umiliati non restituiranno i miliardi di dollari “sequestrati” dalle riserve della Banca centrale afgana, cosa che almeno mitigherebbe la attuale, terribile crisi economica e imminente carestia di massa.

 

Quindi il Piano B è quello di rafforzare le catene commerciali e di approvvigionamento afghane, per il momento devastate. La Russia si occuperà della sicurezza di tutto il crocevia centro-sud asiatico. La Cina fornirà la maggior parte del finanziamento. Ed è qui che si inserisce la ferrovia Cina-Kirghizistan-Uzbekistan-Afghanistan.

 

La Cina vede una strada attraverso il Wakhan – una proposta molto complicata – come un corridoio BRI aggiuntivo, che si collega all’autostrada del Pamir ripavimentata in Cina in Tagikistan e alle strade del Kirghizistan ricostruite in Cina.

 

L’Esercito popolare di liberazione (PLA) ha già costruito una strada di accesso di 80 km dal tratto cinese dell’autostrada del Karakoram – prima che raggiunga il confine con il Pakistan – a un passo di montagna nel Wakhan, attualmente disponibile solo per auto e jeep.

 

La prossima mossa cinese sarebbe quella di proseguire lungo quella strada di 450 km, fino a Fayzabad, la capitale provinciale del Badakhshan afghano. Ciò costituirebbe il corridoio di riserva lungo la strada per la ferrovia Cina-Asia centrale-Afghanistan.

 

Il punto chiave è che i cinesi, quanto gli uzbeki, comprendono appieno la posizione estremamente strategica dell’Afghanistan: non solo come crocevia centro-sud asiatico, collegandosi ai principali porti oceanici del Pakistan e dell’Iran (Karachi, Gwadar, Chabahar) e al Mar Caspio attraverso il Turkmenistan, ma anche aiutando l’Uzbekistan senza sbocco sul mare a connettersi ai mercati dell’Asia meridionale.

 

Fa tutto parte del labirinto del corridoio BRI; e allo stesso tempo interconnette con l’INSTC per il ruolo chiave dell’Iran (a sua volta sempre più legato alla Russia).

 

Teheran è già impegnata nella costruzione di una ferrovia per Herat, nell’Afghanistan occidentale (ha già ricostruito la strada). Quindi avremo l’Afghanistan integrato sia nella BRI (come parte del China-Pakistan Economic Corridor, CPEC) che nell’INSTC, dando slancio a un altro progetto: una ferrovia Turkmenistan-Afghanistan-Tagikistan (TAT), da collegare all’Iran e quindi l’INSTC.

 

Dal Karakorum a Pakafuz

L’autostrada del Karakoram – la cui parte settentrionale è stata ricostruita dai cinesi – potrebbe prima o poi avere una sorella ferroviaria. I cinesi ci pensano dal 2014.

 

Entro il 2016, una ferrovia dal confine tra Cina e Pakistan a Gilgit, nelle aree settentrionali e poi più in basso fino a Peshawar, è stata inserita nel progetto del corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC). Ma poi non è successo niente: la ferrovia non è inclusa nel Piano a Lungo Termine del Cpec 2017-2030.

 

Ciò potrebbe eventualmente accadere nel prossimo decennio: l’ingegneria e la logistica sono una sfida enorme, come lo sono state per la costruzione dell’autostrada del Karakoram.

 

E poi c’è l’angolo “segui i soldi”. Le prime due banche cinesi che finanziano progetti BRI – e quindi CPEC – sono la China Development Bank e la Export Import Bank. Già prima del Covid stavano già attenuando i loro prestiti. E con Covid, ora devono bilanciare progetti esteri con prestiti interni per l’economia cinese.

 

La priorità della connettività si è invece spostata sulla ferrovia Pakistan-Afghanistan-Uzbekistan (Pakafuz).

 

Il tratto chiave di Pakafuz collega Peshawar (la capitale delle aree tribali) a Kabul. Al termine, vedremo Pakafuz interagire direttamente con l’imminente ferrovia Cina-Asia centrale-Afghanistan: un nuovo labirinto BRI direttamente collegato all’INSTC.

 

Tutti gli sviluppi di cui sopra rivelano la loro vera complessità quando vediamo che sono simultaneamente inseriti nell’interazione tra BRI e INSTC e nell’armonizzazione tra BRI e Eurasia Economic Union (EAEU).

 

In sostanza, in termini geopolitici e geoeconomici, la relazione tra i progetti BRI e EAEU consente a Russia e Cina di cooperare in tutta l’Eurasia evitando una corsa per raggiungere una posizione dominante nell’Heartland.

 

Ad esempio, sia Pechino che Mosca concordano sulla necessità suprema di stabilizzare l’Afghanistan e aiutarlo a gestire un’economia sostenibile.

 

Parallelamente, alcuni importanti membri della BRI – come l’Uzbekistan – non sono membri dell’EAEU, ma ciò è compensato dalla loro appartenenza alla SCO. Allo stesso tempo, l’intesa BRI-EAEU facilita la cooperazione economica tra i membri dell’EAEU come il Kirghizistan e la Cina.

 

Pechino di fatto ha ottenuto la piena approvazione da Mosca per investire in Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Armenia, tutti membri dell’EAEU. Una futura valuta o paniere di valute che aggiri il dollaro USA è in discussione congiuntamente tra l’EAEU – guidata da Sergei Glazyev – e la Cina.

 

La Cina si concentra sull’Asia centrale/occidentale

Non c’è dubbio che la guerra per procura in Ucraina tra Stati Uniti e Russia abbia creato seri problemi all’espansione della BRI. Dopotutto, la guerra degli Stati Uniti alla Russia è anche una guerra contro la BRI.

 

I primi tre corridoi BRI dallo Xinjiang all’Europa sono il New Eurasian Land Bridge, il Corridoio economico Cina-Asia centrale-Asia occidentale e il Corridoio economico Cina-Russia-Mongolia.

 

Il New Eurasian Land Bridge utilizza la Transiberiana e un secondo collegamento attraverso lo Xinjiang-Kazakistan (attraverso il porto di terraferma di Khorgos) e poi la Russia. Il corridoio via Mongolia è infatti costituito da due corridoi: uno da Pechino-Tianjin-Hebei alla Mongolia Interna e poi alla Russia; e l’altro da Dalian e Shenyang e poi a Chita in Russia, vicino al confine cinese.

Allo stato attuale, i cinesi non stanno utilizzando il Land Bridge e il corridoio mongolo come prima, principalmente a causa delle sanzioni occidentali alla Russia. L’attuale enfasi della BRI è attraverso l’Asia centrale e l’Asia occidentale, con un ramo che si divide poi in due verso il Golfo Persico e il Mediterraneo.

 

Ed è qui che vediamo un altro livello di intersezione, estremamente complesso, in rapido sviluppo: come l’importanza crescente per la Cina dell’Asia centrale e dell’Asia occidentale si mescola con la crescente importanza dell’INSTC sia per la Russia che per l’Iran nel loro commercio con l’India.

 

Chiamalo il vettore amichevole della Guerra dei corridoi di trasporto.

Il vettore hardcore – la vera guerra – è già stato schierato dai soliti sospetti. Sono prevedibilmente decisi a destabilizzare e/o distruggere qualsiasi nodo dell’integrazione BRI/INSTC/EAEU/SCO Eurasia, con ogni mezzo necessario: che si tratti di Ucraina, Afghanistan, Belucistan, gli “stans” dell’Asia centrale o Xinjiang.

 

Per quanto riguarda i principali attori eurasiatici, è destinato a essere un treno anglo-americano verso il nulla.

 

ARTICOLO ORIGINALE:

https://thecradle.co/Article/Columns/14439

 

 

 

A sei mesi dal crollo dell’Ucraina, il mondo è cambiato per sempre

Linevitabile trasferimento di potere dall’occidente sta portando a un’impennata del terrorismo sponsorizzato dallo stato, ma questo farà ben poco per invertire la tendenza

 

Di Pepe Escobar

 

Sei mesi dopo l’inizio dell’operazione militare speciale (SMO) della Russia in Ucraina, le placche tettoniche geopolitiche del 21° secolo sono state dislocate a velocità e profondità sorprendenti, con immense ripercussioni storiche già a portata di mano.

 

Parafrasando T.S. Eliot, è così che inizia il (nuovo) mondo, non con un lamento ma con un botto.

L’assassinio a sangue freddo di Darya Dugina – il terrorismo alle porte di Mosca – potrebbe essere fatalmente coinciso con il punto di intersezione di sei mesi, ma non farà nulla per cambiare le dinamiche dell’attuale cambiamento storico in corso di lavorazione.

Il Servizio di sicurezza federale russo (FSB) sembrava aver risolto il caso in poco più di 24 ore, designando l’autore come un agente neonazista Azov strumentalizzato dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU), a sua volta un semplice strumento della CIA/MI6 combo che de facto governa Kiev.

 

L’agente Azov è solo un pasticcio. L’FSB non rivelerà mai pubblicamente le informazioni che ha accumulato su coloro che hanno emesso gli ordini e come verranno trattati.

Un certo Ilya Ponomaryov, un personaggio minore anti-Cremlino a cui è stata assegnata la cittadinanza ucraina, si è vantato di essere in contatto con l’organizzazione che ha preparato il colpo alla famiglia Dugin. Nessuno lo ha preso sul serio.

Ciò che è manifestamente grave, tuttavia, è come le fazioni criminali organizzate legate all’oligarchia in Russia avrebbero un motivo per eliminare Alexander Dugin, il filosofo nazionalista cristiano ortodosso che, secondo loro, potrebbe aver influenzato il perno del Cremlino verso l’Asia (non lo fece ).

 

Queste fazioni della criminalità organizzata hanno accusato Dugin di un’offensiva concertata del Cremlino contro il potere sproporzionato degli oligarchi ebrei in Russia. Quindi questi attori avrebbero sia il motivo che il know-how locale per organizzare un simile colpo di stato.

Se è così, si tratta potenzialmente di un’operazione collegata al Mossad, soprattutto considerando il grave scisma nelle recenti relazioni di Mosca con Tel Aviv. Quel che è certo è che l’FSB terrà le proprie carte molto vicine al petto e la punizione sarà rapida, precisa e invisibile.

 

La goccia che ha fatto traboccare il vaso

 

Invece di sferrare un duro colpo alla psiche della Russia che potrebbe avere un impatto sulla dinamica delle sue operazioni in Ucraina, l’assassinio di Darya Dugina ha solo rivelato gli autori come assassini pacchiani che hanno esaurito le loro opzioni.

 

Uno IED non può uccidere un filosofo o sua figlia. In un saggio essenziale, lo stesso Dugin ha spiegato come la vera guerra – la Russia contro l’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti – sia una guerra di idee. Una guerra esistenziale.

 

Dugin definisce correttamente gli Stati Uniti come una “talassocrazia”, ​​erede di “La Britannia governa le onde”. Eppure ora le placche tettoniche geopolitiche stanno enunciando un nuovo ordine: Il ritorno dell’Heartland.

 

Lo stesso presidente russo Vladimir Putin lo ha spiegato per la prima volta alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2007. Il cinese Xi Jinping lo ha messo in atto lanciando le Nuove Vie della Seta nel 2013. L’Impero ha reagito con Maidan nel 2014. La Russia ha contrattaccato arrivando al aiuti della Siria nel 2015.

 

L’Impero ha raddoppiato l’Ucraina, con la NATO che l’ha armata ininterrottamente per otto anni. Alla fine del 2021 Mosca ha invitato Washington a un serio dialogo sull’“indivisibilità della sicurezza” in Europa. Che è stato respinto con una risposta senza risposta.

 

Mosca non ha tardato a valutare che una pericolosa tripletta a guida Usa era invece in lavorazione: un imminente blitzkrieg di Kiev contro il Donbass; L’Ucraina che flirta con l’acquisizione di armi nucleari; e il lavoro dei laboratori di armi biologiche statunitensi. Quella fu la goccia che fece traboccare il vaso.

 

Un’analisi coerente degli interventi pubblici di Putin in questi ultimi mesi rivela che il Cremlino – così come il Consiglio di sicurezza Yoda Nikolai Patrushev – si rendono pienamente conto di come le teste parlanti politico/media e le truppe d’assalto dell’Occidente collettivo siano dirette dai governanti del capitalismo finanziario.

Come diretta conseguenza, si rendono anche conto di come l’opinione pubblica occidentale sia assolutamente all’oscuro, in stile cavernicolo di Platone, totalmente prigioniera della classe finanziaria dominante, che non può tollerare alcuna narrativa alternativa.

 

Quindi Putin, Patrushev e i loro coetanei non presumeranno mai che un lettore senile di teleprompter alla Casa Bianca o un comico cocainomane a Kiev “regolino” qualsiasi cosa.

 

Poiché gli Stati Uniti governano la cultura pop globale, è opportuno prendere in prestito da ciò che Walter White/Heisenberg, un americano medio che canalizza il suo male interiore, afferma in Breaking Bad: “Sono nel business dell’Impero”. E l’affare dell’Impero è esercitare il potere grezzo, mantenuto con spietatezza, con tutti i mezzi necessari.

 

La Russia ha rotto quell’incantesimo. Ma la strategia di Mosca è molto più sofisticata che livellare Kiev con armi ipersoniche, qualcosa che avrebbe potuto essere fatto in qualsiasi momento, a partire da sei mesi fa.

 

Quello che invece Mosca sta facendo è parlare praticamente a tutto il Sud del mondo, bilateralmente oa gruppi di attori, spiegando come il sistema-mondo stia cambiando proprio davanti ai nostri occhi, con gli attori chiave del futuro configurati come la Belt and Road Initiative ( BRI), Shanghai Cooperation Organization (SCO), Eurasian Economic Union (EAEU), BRICS+, Greater Eurasia Partnership.

 

E quello che vediamo sono vaste fasce del Sud del mondo – o l’85% della popolazione mondiale – che lentamente ma inesorabilmente si stanno preparando a impegnarsi nell’espellere i capitalisti finanziari dai loro orizzonti nazionali e, infine, abbatterli: una battaglia lunga e tortuosa che implicano più battute d’arresto.

 

I fatti sul campo

 

A terra nella futura groppa dell’Ucraina, le armi ipersoniche Khinzal lanciate dai bombardieri Tu-22M3 o dagli intercettori Mig-31 continueranno ad essere impiegate.

 

Pile di HIMARS continueranno a essere catturate. TOS 1A I lanciafiamme pesanti continueranno a inviare inviti alle porte dell’inferno. La Crimea Air Defense continuerà a intercettare tutti i tipi di piccoli droni con IED collegati. Il terrorismo delle cellule SBU locali verrà infine distrutto.

 

Utilizzando essenzialmente un fenomenale sbarramento di artiglieria – economico e prodotto in serie – la Russia annetterà il Donbass, molto prezioso in termini di terra, risorse naturali e potenza industriale. E poi a Nikolaev, Odessa e Kharkov.

 

Geoeconomicamente, la Russia può permettersi di vendere il suo petrolio con grossi sconti a qualsiasi cliente del Sud del mondo, per non parlare dei partner strategici Cina e India. Il costo di estrazione raggiunge un massimo di 15 dollari al barile, con un budget nazionale basato sui 40-45 dollari per un barile di Urali, il cui valore di mercato oggi è quasi il doppio.

 

Un nuovo benchmark russo è imminente, così come il petrolio in rubli seguendo lo schema gas per rubli di grande successo.

 

L’assassinio di Darya Dugina ha provocato infinite speculazioni sul Cremlino e sul Ministero della Difesa che hanno finalmente infranto la loro disciplina. Non succederà. I progressi della Russia lungo l’enorme fronte di battaglia di 1.800 miglia sono implacabili, altamente sistematici e profondamente investiti in un quadro strategico più ampio.

Un vettore chiave è se la Russia ha una possibilità di vincere la guerra dell’informazione con l’Occidente. Ciò non accadrà mai all’interno del regno della NATO, anche se successi dopo successi si stanno diffondendo in tutto il Sud del mondo.

 

Come Glenn Diesen ha magistralmente dimostrato nel suo ultimo libro, Russophobia, l’Occidente collettivo è visceralmente insensibile ad ammettere qualsiasi merito sociale, culturale e storico della Russia.

 

Si sono già catapultati nella stratosfera dell’irrazionalità: la frantumazione e la demilitarizzazione di fatto dell’esercito per procura imperiale in Ucraina sta facendo impazzire i gestori dell’Impero e i suoi vassalli.

 

Ma il Sud del mondo non dovrebbe mai perdere di vista il “business dell’Impero”. Quell’industria eccelle nel produrre caos e saccheggio, sempre supportata da estorsioni, corruzione delle élite locali e omicidi a buon mercato. Ogni trucco nel libro Divide and Rule dovrebbe essere previsto in qualsiasi momento. Mai sottovalutare un impero amaro, ferito, profondamente umiliato e in declino.

 

Allaccia le cinture di sicurezza per più di questa dinamica tesa per il resto del decennio.

 

Ma prima, lungo tutta la torre di guardia, preparati all’arrivo del generale Winter, i cui cavalieri si stanno avvicinando rapidamente. Quando i venti cominceranno a ululare, l’Europa gelerà nel cuore delle notti buie, illuminata di tanto in tanto dai suoi capitalisti finanziari che fumano sigari grassi.

 

 

ARTICOLO ORIGINALE:

https://thecradle.co/Article/columns/14747

Condividi questo articolo

Lascia un commento