VOLA COME UN’AQUILA, DARYA DUGINA

Condividi questo articolo

Di Pepe Escobar

strategic-culture.org

 

Darya Dugina, 30 anni, figlia di Alexander Dugin, una giovane donna intelligente, forte, vivace e intraprendente, che avevo conosciuto a Mosca e che ho avuto l’onore di avere come amica, è stata brutalmente assassinata.

Come giovane giornalista e analista, si poteva prevedere che si sarebbe ritagliata un percorso luminoso verso un ampio riconoscimento e un totale rispetto (qui un suo intervento sul femminismo).

Non molto tempo fa, l’FSB era direttamente impegnato a stroncare i tentativi di omicidio, organizzati dall’SBU, contro i giornalisti russi, come nel caso di Olga Skabaeyeva e Vladimir Soloviev. È incredibile che Dugin e la sua famiglia non siano stati protetti dall’apparato di intelligence/sicurezza russo.

I fatti principali della tragedia sono già stati accertati. Un SUV Land Cruiser Prado, di proprietà di Dugin e con Darya al volante, è saltato in aria in autostrada vicino al villaggio di Bolchie Vyazemy, a poco più di 20 km da Mosca.

Entrambi stavano tornando da una festa di famiglia, dove Dugin aveva tenuto un discorso. All’ultimo momento, Darya ha preso il SUV e Dugin l’ha seguita con un’altra auto.

Secondo i testimoni oculari, c’è stata un’esplosione sotto il SUV, che è stato immediatamente avvolto dalle fiamme ed è andato a sbattere contro un edificio a lato della strada. Il corpo di Darya è bruciato in modo irriconoscibile.

Il Comitato investigativo russo ha subito accertato che l’ordigno esplosivo improvvisato – circa 400 g di TNT, non incapsulato – era stato piazzato sotto il pianale del SUV, sul lato del conducente.

Gli investigatori ritengono che si tratti di un attentato premeditato.

Non si sa ancora se l’ordigno fosse dotato di un timer o se qualche sicario nelle vicinanze abbia usato un telecomando.

Quello che si sa è che Alexander Dugin era un obiettivo nella lista Myrotvorets. Myrotvorets è l’acronimo di Centro per la Ricerca dei Segnali Criminosi contro la sicurezza nazionale dell’Ucraina. Lavora fianco a fianco con la NATO raccogliendo informazioni su “terroristi e separatisti filorussi.”

Denis Pushilin, il capo della RPD, non ha tardato ad accusare “i terroristi del regime ucraino” per l’assassinio di Darya. L’inestimabile Maria Zakharova è stata più, beh, diplomatica: ha detto che se la pista ucraina sarà confermata, sarà la conferma di una politica di terrorismo di Stato messa in atto da Kiev.

Una guerra esistenziale

In diversi saggi – questo è probabilmente il più essenziale – Dugin aveva ampiamente chiarito l’enormità della posta in gioco. Questa è una guerra di idee. E una guerra esistenziale: la Russia contro l’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti.

L’SBU, la NATO, o molto probabilmente la combinazione dei due – considerando che l’SBU prende ordini dalla CIA e dall’MI6 – non hanno scelto di attaccare Putin, Lavrov, Patrushev o Shoigu. Hanno preso di mira un filosofo e hanno finito per assassinarne la figlia, rendendo il tutto ancora più doloroso. Hanno attaccato un intellettuale che formula idee. Dimostrando ancora una volta che la cancellazione della cultura occidentale si trasforma senza soluzione di continuità nell’annullamento della persona.

Va bene che il Ministero della Difesa russo stia per avviare la produzione dell’ipersonico Mr. Zircon, mentre continua a sfornare un sacco di Mr Khinzal. O che tre intercettori supersonici Mig-31 siano stati dispiegati a Kaliningrad equipaggiati con i Khinzal e messi in servizio di combattimento 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Il problema è che le regole sono cambiate e l’accoppiata SBU/NATO, di fronte ad una debacle indescrivibile nel Donbass, sta alzando il tiro del sabotaggio, della contro-intelligence e della contro-diversione.

Hanno iniziato bombardando il territorio russo; si sono sparpagliati nel Donbass – come nel tentativo di uccidere il sindaco di Mariupol, Konstantin Ivachtchenko; hanno persino lanciato droni contro il quartier generale della Flotta del Mar Nero a Sebastopoli; e ora – con la tragedia di Darya Dugina – sono alle porte di Mosca.

Il punto non è che tutto ciò sia irrilevante nel cambiare sul campo la realtà imposta dall’operazione militare speciale. Il punto è che questa continua serie di sanguinose psyops progettate per un puro effetto di PR può diventare estremamente dolorosa per l’opinione pubblica russa – che chiederà una punizione esemplare.

È chiaro che Mosca e San Pietroburgo sono ora obiettivi primari. L’ISIS ucraino è cosa fatta. Naturalmente, i loro gestori hanno una vasta esperienza in materia, in tutto il Nord/Sud del mondo. Tutte le linee rosse sono state superate.

L’avvento dell’ISIS ucraino

Il comico cocainomane ha debitamente anticipato qualsiasi reazione russa, secondo il copione della NATO che gli viene propinato quotidianamente: La Russia potrebbe tentare di fare qualcosa di “particolarmente disgustoso” la prossima settimana.

Questo è irrilevante. La vera domanda – scottante – è fino a che livello il Cremlino e l’intelligence russa reagiranno quando sarà pienamente accertato che l’SBU/NATO ha architettato l’attentato a Dugin. Questo è terrorismo di Kiev alle porte di Mosca. Questo grida “linea rossa,” ma in rosso sangue, e una risposta legata alla promessa, reiterata dallo stesso Putin, di colpire i “centri decisionali.”

Sarà una decisione fatale. Mosca non è in guerra con le marionette di Kiev, ma, in sostanza, con la NATO. E viceversa. Sono aperte tutte le scommesse su come la tragedia di Darya Dugina potrà accelerare la tabella di marcia dei Russi, in termini di revisione radicale della loro strategia a lungo termine.

Mosca può decapitare il racket di Kiev con qualche biglietto da visita ipersonico. Ma è troppo facile: dopo, con chi negoziare il futuro della nuova Ucraina?

Al contrario, non fare sostanzialmente nulla significa accettare un’imminente invasione terroristica de facto della Federazione Russa: la tragedia di Darya Dugina sotto steroidi.

Nel suo penultimo post su Telegram, Dugin aveva nuovamente inquadrato la posta in gioco. Ecco i punti salienti.

Chiedeva “trasformazioni strutturali, ideologiche, del personale, istituzionali e strategiche” da parte della leadership russa.

Valutando le prove – dall’aumento degli attacchi alla Crimea ai tentativi di provocare una catastrofe nucleare a Zaporozhye – concludeva correttamente che la sfera della NATO ha “deciso di stare dall’altra parte fino alla fine. Possono essere capiti: La Russia ha effettivamente (e questa non è propaganda) sfidato l’Occidente come civiltà.”

La conclusione è cruda: “Quindi dobbiamo andare fino in fondo.” Ciò si ricollega a quanto affermato dallo stesso Putin: “Non abbiamo ancora iniziato nulla.” Dugin: “Ora dobbiamo iniziare.”

Dugin ritiene che l’attuale status quo dell’Operazione Z non possa durare più di sei mesi. Non c’è dubbio che “le placche tettoniche si sono spostate.” Darya Dugina volerà come un’aquila in un cielo ultraterreno. La domanda è se la sua tragedia farà da catalizzatore per spingere l’ambiguità strategica di Putin ad un livello completamente nuovo.

 

FONTE: https://www.strategic-culture.org/news/2022/08/21/fly-like-an-eagle-darya-dugina/

Scelto e tradotto da per comedonchisciotte.org

Condividi questo articolo

Lascia un commento