“MODERNA /RNA MESSAGGERO PRODOTTO DA UNA SOCIETA’ LEGATA ALLA CIA”

Condividi questo articolo

Dalla fine dello scorso anno, l’RNA messaggero per i vaccini COVID-19 di Moderna, incluso il suo booster Omicron recentemente riformulato, è stato prodotto esclusivamente da una società poco conosciuta con legami significativi con l’intelligence statunitense.

 

Whitney Webb

All’inizio di questa settimana, il Regno Unito è diventato il primo paese ad approvare la versione riformulata di Moderna del suo vaccino COVID-19, che afferma di fornire protezione sia contro la forma originale del virus che contro la variante Omicron significativamente meno letale ma più trasmissibile. Il prodotto è stato approvato dalla Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) del Regno Unito con il supporto della Commission on Human Medicines del governo del Regno Unito.

Descritto dai funzionari del Regno Unito come uno “strumento affinato ” nella continua campagna di vaccinazione della nazione, il vaccino riformulato combina il vaccino COVID-19 precedentemente approvato con un ” candidato vaccino ” mirato alla variante Omicron BA.1. Quel candidato al vaccino non è mai stato approvato in precedenza e non è stato oggetto di studio indipendente. L’MHRA ha approvato il vaccino sulla base di un unico studio umano incompleto attualmente condotto da Moderna. La società ha promosso dati incompleti da quel processo nei comunicati stampa della società a giugno e luglio . Lo studio deve ancora essere pubblicato su una rivista medica o sottoposto a revisione paritaria. Nessuna agenzia di regolamentazione, inclusa l’MHRA, ha sollevato preoccupazioni per quanto riguarda la storia passata di Moderna di impegnarsi in attività sospette e probabilmente illegali in precedenti sperimentazioni sui prodotti, anche per il suo vaccino originale contro il COVID-19.

L’approvazione arriva poco prima che diversi paesi occidentali, incluso il Regno Unito, pianifichino di condurre una massiccia campagna di vaccinazione di richiamo contro il COVID-19 questo autunno. Moderna ha anche notato che l’approvazione per il suo vaccino di richiamo Omicron è in sospeso negli Stati Uniti, nell’UE, in Australia e in Canada, che stanno anche pianificando campagne di vaccinazione autunnale incentrate sul COVID-19. Il CEO dell’azienda, Stéphane Bancel, ha definito il vaccino riformulato “il nostro principale candidato per un booster dell’autunno 2022”.

 

Tuttavia, a differenza del vaccino COVID-19 originale dell’azienda, il materiale genetico, o RNA messaggero (mRNA), per questo nuovo vaccino, compreso il materiale genetico di nuova formulazione inteso a fornire protezione contro la variante Omicron, è prodotto, non da Moderna, ma da una società relativamente nuova che non ha ricevuto quasi nessuna attenzione da parte dei media, nonostante i suoi evidenti legami con l’intelligence statunitense. Lo scorso settembre, è stato annunciato in silenzio che una società chiamata National Resilience (spesso indicata semplicemente come Resilience) avrebbe iniziato a produrre l’mRNA per i prodotti vaccinali di Moderna COVID-19. Secondo i termini dell’accordo pluriennale, “Resilience produrrà mRNA per il vaccino Moderna COVID-19 nella sua struttura a Mississauga, in Ontario, per la distribuzione in tutto il mondo”.

Reinventare la bioproduzione”

National Resilience è stata fondata in tempi relativamente recenti, nel novembre 2020, e si descrive come “un’azienda manifatturiera e tecnologica dedicata ad ampliare l’accesso a farmaci complessi e a proteggere le catene di approvvigionamento biofarmaceutiche dalle interruzioni”. Da allora ha costruito “una rete sostenibile di soluzioni di produzione end-to-end ad alta tecnologia con l’obiettivo di garantire che i farmaci di oggi e di domani possano essere prodotti in modo rapido, sicuro e su larga scala”. Prevede inoltre di “reinventare la bioproduzione” e “democratizzare l’accesso ai farmaci”, in particolare terapie geniche, vaccini sperimentali e altre “medicinali di domani” .

Nel perseguimento di tali obiettivi, la società ha annunciato che “investirà attivamente nello sviluppo di nuove potenti tecnologie per la produzione di farmaci complessi che stanno definendo il futuro delle terapie, comprese le terapie cellulari e geniche, i vettori virali, i vaccini e le proteine”. È stata fondata con l’ intenzione dichiarata di “costruire un sistema migliore per la produzione di farmaci complessi per combattere malattie mortali” come un modo per migliorare la “preparazione alla pandemia” post-COVID.

L’azienda inizialmente ha commercializzato le sue capacità di produzione come “piattaforma di resilienza” e offre principalmente “Modalità RNA”, compreso lo sviluppo di RNA per vaccini, editing genetico e terapeutici; e “Produzione di virus”, inclusi vettori virali, virus oncolitici (ovvero un virus progettato per attaccare preferenzialmente le cellule tumorali), virus da utilizzare nello sviluppo di vaccini e virus geneticamente modificati per scopi non specificati. Vale la pena notare che, ad oggi, molti controversi esperimenti di “guadagno di funzione” hanno giustificato la modifica dei virus per gli stessi scopi descritti dalle capacità di produzione di virus di National Resilience. Inoltre, National Resilience offre formulazioni di prodotti e altre modalità, come farmaci biologici e terapie cellulari, alla sua clientela e da allora la “Produzione di virus” del suo sito Web è stata rimossa.
National Resilience, essendo un’azienda così giovane, ha pochissimi clienti e ci sono poche informazioni pubblicamente disponibili sulle sue capacità produttive a parte il sito web dell’azienda. L’azienda ha acquisito il suo primo stabilimento di produzione commerciale solo nel marzo 2021, situato a Boston, MA e acquistato da Sanofi, seguito poco dopo dall’acquisizione di un altro stabilimento separato situato a Mississauga, Ontario, Canada. Sono stati annunciati rifacimenti per gli impianti, ma poco si sa pubblicamente dei loro progressi. Prima delle acquisizioni, la società aveva subaffittato una struttura nell’area della baia a Fremont, in California. I giornalisti erano perplessi al momento del motivo per cui un’azienda con circa 700 dipendenti all’epoca aveva acquisito un totale di 599,00 piedi quadrati di spazio di produzione dopo essere emersa dalla furtività solo meno di 6 mesi prima.

Nell’aprile 2021, National Resilience ha acquisito Ology Bioservices Inc., che aveva ricevuto un contratto da 37 milioni di dollari dalle forze armate statunitensi nel novembre precedente per sviluppare un trattamento avanzato con anticorpi monoclonali anti-COVID-19. Questa acquisizione ha anche fornito a National Resilience il suo primo laboratorio di Biosafety Level 3 (BSL-3) e la capacità di produrre terapie cellulari e geniche, vaccini e vettori virali vivi e virus oncolitici.

Nonostante fosse nelle prime fasi dello sviluppo delle sue capacità produttive “rivoluzionarie”, National Resilience ha stretto una partnership con il governo del Canada nel luglio dello scorso anno. In base a tale accordo, il governo canadese prevede di investire 199,2 milioni di CAD (circa 154,9 milioni di dollari) nella sussidiaria di National Resilience con sede in Ontario, Resilience Biotechnologies Inc. La maggior parte di questi fondi sono destinati all’espansione della struttura dell’Ontario che Resilience ha acquisito lo scorso marzo e che sta ora producendo l’mRNA per i prodotti COVID-19 di Moderna. Il ministro canadese dell’Innovazione, della scienza e dell’industria, François-Philippe Champagne, ha affermato all’epoca che l’investimento avrebbe “costruito la futura preparazione alla pandemia” e aiutato “a far crescere l’ecosistema canadese delle scienze della vita come motore per la nostra ripresa economica”. Più di recente, nel 2022, la società ha annunciato alcuni nuovi clienti : Takeda, Opus Genetics e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Secondo i dirigenti di National Resilience, le ambizioni dell’azienda vanno ben oltre la produzione di RNA e virus. Ad esempio, il CEO di Resilience Rahul Singhvi ha affermato che l’azienda sta cercando di costruire ” l’ecosistema di produzione biofarmaceutica più avanzato al mondo “. Tuttavia, Singhvi ha rifiutato di offrire molto in termini di dettagli quando si tratta esattamente di come l’azienda intende diventare l’azienda di bioproduzione più elitaria del pianeta.

In un’intervista al San Francisco Business Times , Singhvi afferma che Resilience sta cercando di riempire i suoi enormi impianti di produzione con “tecnologie e persone in grado di stabilire e applicare nuovi standard per la produzione di terapie cellulari e terapie geniche, nonché trattamenti a base di RNA”. Prima di Resilience , Singhvi è stato CEO di NovaVax e partner operativo di Flagship Pioneering, che ha svolto un ruolo importante nella creazione e nell’ascesa di Moderna.

Singhvi ha inoltre insistito sul fatto che National Resilience “non è un’azienda terapeutica, non un appaltatore e non un’azienda di strumenti” e mira invece “a potenziare la produzione utilizzando le nuove modalità terapeutiche” come i trattamenti a base di RNA, che si sono normalizzati nel COVID -19 epoca. Mentre i produttori a contratto “sono come le cucine, con pentole e padelle pronte per qualsiasi ricetta”, “quello che stiamo cercando di fare è aggiustare le ricette”, ha spiegato Singhvi. Un membro del consiglio di amministrazione di Resilience, l’ex commissario della FDA e membro del consiglio di Pfizer Scott Gottlieb, ha descritto l’azienda come un tentativo di agire come l’equivalente di Amazon Web Services per l’industria delle biotecnologie.

In sostanza, Resilience si propone di offrire soluzioni che consentiranno di produrre farmaci “futuristici”, compresi i vaccini mRNA, in modo più rapido ed efficiente, con l’apparente obiettivo di monopolizzare alcune parti del processo di bioproduzione. Sembra anche pronto a diventare il produttore preferito per i vaccini mRNA e le terapie sperimentali in caso di una futura pandemia, che alcuni “filantropi” della salute pubblica come Bill Gates hanno affermato essere imminente.

Forse l’ambizione più degna di nota dell’azienda riguarda le sue affermazioni di supportare i clienti attraverso il processo di regolamentazione del governo. Data l’enfasi dell’azienda sulla rapida produzione di massa di terapie geniche sperimentali, la sua intenzione dichiarata di immettere sul mercato i prodotti medici “futuristici” che produce il più rapidamente possibile sembra in contrasto con i processi di regolamentazione tradizionali più lenti. In effetti, si potrebbe facilmente sostenere che l’approvazione dei vaccini mRNA per la prima volta nella storia umana durante la crisi del COVID-19 fosse possibile solo a causa del maggiore allentamento delle procedure normative e dei test di sicurezza a causa della percepita urgenza della situazione.

La resilienza sembra intenzionata a vedere quel fenomeno ripetersi. Come accennato in precedenza, la società afferma di consentire la definizione e l’applicazione di “nuovi standard per la produzione di terapie cellulari e terapie geniche” e afferma anche che prevede di diventare un “portatore di standard di aggregazione tecnologica che aiuti le terapie a entrare sul mercato in modo più efficiente”. In precedenza offriva sul suo sito Web “supporto normativo” e “consulenza strategica” ai clienti, suggerendo che avrebbe cercato di mediare tra i clienti e le autorità di regolamentazione del governo per raggiungere il suo obiettivo di portare i prodotti che produce sul mercato più rapidamente. Inoltre, al momento del lancio, la società ha affermato prevedeva di ottenere “capacità normative” non specificate. Se è così, è certamente degno di nota il fatto che gli ex alti funzionari della Food and Drug Administration (FDA) o siano nel consiglio di amministrazione dell’azienda o, come si noterà a breve, abbiano svolto un ruolo importante nella creazione dell’azienda.

 

Le persone dietro Resilience

Resilience è stato co-fondato dal venture capitalist biotecnologico Robert Nelsen, noto per aver ascoltato “i primi sussurri della scienza, anche quando i dati sono troppo presto per chiunque altro”. Nelsen è stato uno dei primi investitori in Illumina, un gigante californiano di hardware e software per il sequenziamento genico che si ritiene attualmente domini il campo della genomica. Come menzionato in una precedente  indagine di Unlimited Hangout , Illumina è strettamente legata all’equivalente DARPA del Wellcome Trust noto come Wellcome Leap, anch’esso incentrato su “medicine” “futuristiche” e transumanistiche. Nelsen è ora presidente del consiglio di amministrazione di National Resilience, che è un “Who’s Who” di grandi attori dello Stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Big Pharma e “filantropia” legata al settore farmaceutico.

 

Tuttavia, mentre Nelsen ha avuto gran parte del merito di aver creato Resilience, ha rivelato in un’intervista che l’idea per l’azienda era in realtà venuta da qualcun altro: Luciana Borio. Nel luglio dello scorso anno, Nelsen ha rivelato che era stato mentre parlava con Borio del “suo lavoro di preparazione alla pandemia sull’NSC [Consiglio di sicurezza nazionale]” che aveva “aiutato a portare al lancio della startup di Nelsen per la produzione di prodotti biologici da 800 milioni di dollari Resilience”.

Al momento della loro conversazione, Borio era il vicepresidente di In-Q-tel , il ramo di venture capital della CIA che è stato utilizzato sin dalla sua creazione nei primi anni 2000 per fondare numerose società, molte delle quali agiscono come Agenzia fronti. Prima di In-Q-Tel, è stata direttrice della preparazione medica e della biodifesa presso il Consiglio di sicurezza nazionale durante l’amministrazione Trump e in precedenza era stata la scienziata capo ad interim presso la FDA dal 2015 al 2017.

Borio è attualmente un ricercatore senior per la salute globale presso il Council on Foreign Relations, un consulente di Goldman Sachs, un membro dell’alleanza per i vaccini finanziata da Bill Gates CEPI e un partner della società di venture capital di Nelsen ARCH Venture Partners, che finanzia Resilience. L’ARCH di Nelsen ha precedentemente finanziato Nanosys, la compagnia del controverso scienziato Charles Lieber . All’incirca nel periodo della sua conversazione con Nelsen che ha portato alla creazione di Resilience, Borio stava co-scrivendo un documento politico per il Johns Hopkins Center for Health Security che raccomandava di collegare lo stato di vaccinazione COVID-19 con programmi di buoni pasto e assistenza per l’affitto come possibile mezzo di costringendo alcune popolazioni a prendere il vaccino sperimentale.

Borio non è certo l’unico collegamento In-Q-Tel di Resilience, poiché il CEO di In-Q-Tel, Chris Darby, siede nel consiglio di amministrazione dell’azienda. Darby è anche nel consiglio di amministrazione della CIA Officers Memorial Foundation. Darby è stato anche recentemente membro della National Security Commission on Artificial Intelligence (NSCAI), dove membri dell’esercito, della comunità dell’intelligence e delle migliori aziende della Silicon Valley hanno sostenuto la necessità di ridurre l’uso di “sistemi legacy” a favore di quelli incentrati sull’intelligenza artificiale alternative come imperativo di sicurezza nazionale. Tra quei “sistemi legacy” individuati dalla NSCAI erano visite mediche di persona e persino ricevere cure mediche da un medico umano, al contrario di un “dottore” AI. La NSCAI ha anche sostenuto la rimozione delle “barriere normative” che impediscono a queste nuove tecnologie di sostituire i “sistemi legacy”.
Un altro importante membro del consiglio, nel discutere i legami di intelligence di Resilience, è Drew Oetting. Oetting lavora per Cerberus Capital Management, l’azienda guidata da Steve Feinberg che in precedenza ha guidato il President’s Intelligence Advisory Board sotto l’amministrazione Trump. Cerberus è in particolare la società madre di DynCorp, un controverso appaltatore della sicurezza nazionale statunitense legato a numerosi scandali, inclusi quelli relativi al traffico sessuale nelle zone di conflitto . Oetting fa anche parte della ONG Thorn collegata alla CIA apparentemente focalizzata sulla lotta alla tratta di bambini che è stata oggetto di una  precedente  indagine di Unlimited Hangout .

Oetting è anche il co-fondatore di 8VC, una società di venture capital che è uno dei principali investitori in Resilience. L’altro co-fondatore di 8VC è ​​Joe Lonsdale e Oetting “ha iniziato la sua carriera” come capo dello staff di Lonsdale. Lonsdale è il co-fondatore, insieme a Peter Thiel e Alex Karp, di Palantir, una società di facciata della CIA e appaltatore di intelligence che è il successore del controverso programma di sorveglianza di massa e data mining Total Information Awareness (TIA) della DARPA. Inoltre, Oetting ha lavorato in precedenza per il fondo di investimento di Bill Gates.

Degna di nota è anche la presenza di Joseph Robert Kerrey , ex senatore degli Stati Uniti per il Nebraska ed ex membro della Commissione sull’11 settembre in conflitto di interessi, nel consiglio di Resilience. Kerrey è attualmente amministratore delegato di Allen & Co., una società di banche d’affari di New York che ospita un ” campo estivo per miliardari ” annuale dal 1983. Allen & Co. è stato a lungo uno dei principali attori nelle reti in cui la criminalità organizzata e l’intelligence si intersecano, ed è menzionato più volte nel mio prossimo libro One Nation Under Blackmail. Ad esempio, Charles e Herbert Allen, che hanno guidato l’azienda per decenni, hanno avuto considerevoli rapporti d’affari con i boss della criminalità organizzata e i frontmen di famigerati gangster come Meyer Lansky, in particolare alle Bahamas. Erano anche partner commerciali dei mentori di Leslie Wexner, A. Alfred Taubman e Max Fisher, nonché soci di Earl Brian, uno degli artefici dello scandalo del software PROMIS, che ha visto la criminalità organizzata e le reti di intelligence collaborare per rubare e quindi compromettere il software PROMIS per scopi di ricatto e raccolta di informazioni clandestine. Allen & Co. è stato uno dei principali investitori negli interessi commerciali di Brian nel settore tecnologico che Brian ha utilizzato nel tentativo di mandare in bancarotta gli sviluppatori di PROMIS, Inslaw Inc. e di commercializzare versioni di PROMIS che erano state compromesse prima dall’intelligence israeliana e, successivamente,

Oltre a questi individui legati all’intelligence, il resto del consiglio di Resilience include l’ex CEO della Bill & Melinda Gates Foundation, Susan Desmond-Hellmann; l’ex commissario della FDA e membro del consiglio di Pfizer, Scott Gottlieb; due ex dirigenti di Johnson & Johnson; l’ex presidente e CEO della filiale nordamericana di Teva Pharmaceuticals, George Barrett; Professore CalTech e membro del consiglio di Alphabet (ovvero Google) e Illumina, Frances Arnold; l’ex dirigente di Genentech e Merck, Patrick Yang; e il CEO di Resilience Rahul Singhvi.

 

Potenziare o non potenziare

È certamente significativo che Moderna, normalmente affamata di pubblicità, abbia detto così poco sulla sua partnership con Resilience e che Resilience, nonostante i suoi piani ambiziosi, abbia anche evitato le luci della ribalta dei media. Considerando la storia di Moderna e le connessioni di Resilience, potrebbe esserci di più in questa partnership che incontra l’occhio e il pubblico interessato farebbe bene a tenere d’occhio Resilience, le sue partnership e i prodotti che sta producendo.

Dato che ora viviamo in un mondo in cui le decisioni di regolamentazione del governo sull’approvazione dei medicinali sono sempre più influenzate dai comunicati stampa aziendali e le normali procedure di regolamentazione sono cadute nel dimenticatoio per essere troppo “lente”, è probabile che ci sia poco controllo della genetica materiale che Resilience produce per i “medicinali di domani”. Questo sembra essere già vero per il vaccino COVID-19 recentemente riorganizzato di Moderna, poiché non vi è stato alcun esame indipendente della nuova sequenza genetica dell’mRNA utilizzata nel candidato vaccino specifico per Omicron o dei suoi effetti sul corpo umano a breve, medio o lungo termine. Per coloro che sono scettici sul ruolo smisurato che le aziende legate all’intelligence stanno svolgendo nella tentata “rivoluzione” tecnologica in campo medico,

 

FONTE

www.maurizioblondet.it

Condividi questo articolo

Lascia un commento