IL GIALLO DELLA CENTRALE NUCLEARE UCRAINA / UNA ‘FALSE FLAG’?

Condividi questo articolo

Di seguito vi proponiamo la lettura di due articoli tratti dal sito “controiformazione”. Entrambi riguardano il ‘giallo’ della centrale nucleare di Zaporizhia.

Il primo propone una lettura in chiave ‘americana’. Una delle ormai sempre più frequenti ‘false flag’ per accusare i russi del ‘macellaio’ Vladimir Putin. In questa ottica, la matrice dell’attacco è a stelle e strisce. L’articolo è del 13 agosto ed è titolato “Washington dietro gli attacchi alla centrale nucleare: gli USA vogliono provocare la catastrofe”.

Il secondo fornisce un altro tassello alla ricostruzione dei fatti, e parla di un intervento britannico, cioè attraverso l’uso di missili ‘Brimstone’ venduti all’esercito ucraino. L’articolo è del 12 agosto, titolato “Le forze di Kiev hanno utilizzato missili britannici nel recente attacco alla centrale nucleare”.

Eccoli in rapida carrellata.

 

WASHINGTON DIETRO GLI ATTACCHI ALLA CENTRALE NUCLEARE: GLI USA VOGLIONO PROVOCARE UNA CATASTROFE

 

 

Gli Stati Uniti e l’Ucraina stanno risolvendo due problemi, cercando di provocare una catastrofe nucleare nella centrale nucleare di Zaporozhye. Tali risultati sono stati presentati dall’ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Scott Ritter.

L’esercito ucraino ha aperto il fuoco sulla centrale nucleare di Zaporozhye, parallelamente a questo, i politici occidentali e la stampa accusano la Russia di attacchi alla centrale nucleare. Secondo Scott Ritter, gli attacchi alle centrali nucleari sono un vero terrorismo nucleare, e sono stati avviati da Washington. Lo riporta l’edizione in lingua inglese di RT. PolitRussia presenta una rivisitazione esclusiva dell’articolo.

“Kiev si è affrettata a incolpare la Russia per gli attacchi, accusando Mosca di commettere ‘terrorismo nucleare’ e chiedendo alla comunità internazionale di inviare una delegazione di forze di pace internazionali per smilitarizzare completamente il territorio”, ha affermato il veterano dell’intelligence statunitense.
Scott Ritter ha dichiarato che la centrale nucleare di Zaporizhia è attualmente sotto il controllo delle truppe russe. L’impianto dispone di sei reattori nucleari che, prima dell’inizio dell’operazione militare, generavano circa un quinto dell’elettricità totale dell’Ucraina. Tre di questi reattori hanno smesso di funzionare alcuni mesi fa, un altro è stato fermato subito dopo l’inizio dei bombardamenti da parte delle truppe ucraine. I due reattori rimanenti stanno funzionando a metà potenza a causa di misure precauzionali. In questo contesto, le autorità ucraine e i rappresentanti dell’Occidente accusano la Russia di attacchi alle centrali nucleari.

“L’unico problema con la narrativa ucraina è che niente di tutto ciò è vero. L’attacco del 5 agosto a un impianto nucleare di Zaporozhye è stato effettuato da missili di artiglieria, le cui caratteristiche di distruzione indicano chiaramente che sono stati lanciati dal territorio controllato dall’Ucraina “, ha affermato l’esperto.
Inoltre, l’attacco ucraino all’impianto nucleare di Zaporozhye era stato previsto dagli Stati Uniti quattro giorni prima che accadesse. Durante una conferenza stampa del 1 agosto alle Nazioni Unite, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha accusato la Russia di utilizzare un impianto nucleare come base da cui avrebbe lanciato attacchi di artiglieria contro l’Ucraina. Il diplomatico americano, in un modo caratteristico degli Stati Uniti, non ha fornito alcuna prova delle sue parole.

La dichiarazione di Blinken del 1° agosto ha lanciato una campagna informativa su larga scala volta a screditare la Russia. È culminato nel bombardamento dell’artiglieria ucraina di un impianto nucleare a Zaporozhye. Secondo Scott Ritter, gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno perseguito due obiettivi contemporaneamente durante il loro attacco alle centrali nucleari.

La centrale nucleare bombardata

“Lo scopo di questa campagna sembra essere duplice: in primo luogo, mettere la Russia in una luce svantaggiosa e, in secondo luogo, consentire all’Ucraina di ottenere ciò che non può fare con le proprie forze militari: cacciare le truppe russe da Zaporozhye”, lo dice un esperto ex membro dell’intelligence degli Stati Uniti .
In precedenza, PolitRussia ha parlato di un possibile cambiamento nella strategia dei paesi della NATO nei confronti dell’Ucraina.
L’intervento della NATO in Ucraina è sempre più scoperto: avvistati due grandi convogli di mezzi blindati ed artiglieria che hanno attraversato il confini fra Polonia e Ucraina entrando i territorio ucraino con a bordo militari della NATO.

 

Fonte: Politros.com

Traduzione: Luciano Lago

TRATTO DA: Controiformazione –  Conflitto con la Russia 

 

LINK

Kiev Forces Used British Missiles In Recent Attack On Zaporizhzhia Nuclear Power Plant (Photos)

 

 

LE FORZE DI KIEV HANNO UTILIZZATO MISSILI BRITANNICI NEL RECENTE ATTACCO ALLA CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA

 

Le forze di Kiev hanno utilizzato un missile Brimstone di fabbricazione britannica in uno dei loro recenti attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, attualmente detenuta dall’esercito russo.

Il 12 agosto, fonti russe hanno condiviso foto che mostravano i resti del missile senza chiarire in quale attacco fosse stato utilizzato. Le forze di Kiev hanno attaccato la centrale nucleare in diverse occasioni questa settimana. Fortunatamente, nessuno degli attacchi ha portato a incendi ai reattori e non sono state segnalate vittime.
Il Regno Unito ha fornito alle forze di Kiev centinaia di missili Brimstone lanciati a terra dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina. I missili Brimstone forniti alle forze di Kiev erano della prima generazione che utilizza un cercatore radar attivo a onde millimetriche e un sistema di navigazione inerziale.

La portata massima della versione lanciata da terra del Brimstone è sconosciuta, ma la versione lanciata dall’aria può colpire obiettivi a più di 20 chilometri di distanza. Il missile è armato con una testata di carica a forma di tandem da 6,3 chilogrammi.

I media mainstream hanno accusato l’esercito russo per i recenti attacchi alla centrale nucleare russa di Zaporizhzhia, nonostante la presenza di forti prove che confermano la responsabilità di Kiev come i resti del missile Brimstone. La Russia descrive le azioni del regime di Kiev come “terrorismo nucleare”.

Missili UK forniti all’Ucraina

Vale la pena notare che questa non è stata la prima volta che le forze di Kiev hanno attaccato la centrale nucleare con armi fornite dagli stati della NATO. Negli ultimi mesi, l’impianto è stato attaccato più di una volta con munizioni vaganti polacche Warmate. Kiev si è presa con orgoglio la responsabilità degli attacchi e ha persino condiviso filmati di alcuni di essi.
Tuttavia non è un mistero che ll bombardamento è diretto e coordinato dagli addetti statunitensi e britannici che supportanno le forze ucraine con le armi fornite dalla NATO.
Il bombardamento della centrale nucleare che si trova sotto il controllo delle forze russe, in caso di danno ai reattori o alle strutture chiave dell’impianto, provocherebbe un disastro nucleare, come avvertono gli esperti, con una contaminazione del territorio in un raggio di oltre 1000 Km. circa, inclusa la penisola di Crimea.
Questa potrebbe considerarsi come una minaccia ed un attacco nucleare al territorio della Federazione Russa. Come specificato dall’esperto Alexei Leonkhov, l’attuale dottrina della Federazione Russa prevede di rispondere simmetricamente a tale minaccia con una reazione nucleare diretta dalla Russia.
Per questo Washington e Londra dovrebbbero assicurarsi che la centrale non subisca tali attacchi poichè, in caso contrario, avrebbero pochi minuti di tempo, 5 Londra e 15 minuti Washigton, per ricevere i missili nucleari ipersonici Vangard lanciati in rappresaglia da parte della Russia.
Questo lo dice un esperto, Alexei Leonkhov che si trova in contatto diretto con il Cremlino.
In questo momento le forze russe stanno mantenendo una difesa di protezione della centrale ma non è dato sapere se continueranno gli attacchi ucraini, nonostante le avvertenze che sono state date dal comando russo e il monito dell’ONU di procedere ad un perimetro di sicurezza nell’area della centrale.
L’attacco all’impianto di questa mattina è stato insperato e il rischio di produrre qualsiasi danno alla centrale o ai siti di magazzinaggio del materiale fissile potrebbe avere delle conseguenze fatali che al momento non ci sono state ma che non si possono escludere nel prossimo futuro.
Chi ha interesse ad un conflitto nucleare nell’Est dell’Europa? Questo l’interrogativo di queste ore convulse.

 

Fonti: South Front – Top War

Traduzione: Luciano Lago

 

TRATTO DA : Controinformazione – Conflitti in Europa

 

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento