Come un missile a Kabul si collega a uno Speaker a Taipei

Condividi questo articolo

Di Pepe Escobar

La dimostrazione di forza di Washington di eliminare Al-Zawahiri di Al-Qaeda non sarà ricambiata da Pechino per la visita provocatoria di Pelosi a Taiwan. Tuttavia, seppellisce definitivamente l’era decennale delle relazioni cooperative USA-Cina.

 

Questo è il modo in cui la “Global War on Terror” (GWOT) finisce, ancora e ancora: non con un botto, ma un piagnucolio.

 

Due missili Hellfire R9-X lanciati da un drone MQ9 Reaper sul balcone di una casa a Kabul. L’obiettivo era Ayman Al-Zawahiri con una taglia di 25 milioni di dollari in testa. Il leader invisibile della “storica” ​​Al-Qaeda dal 2011, è stato finalmente licenziato.

 

Tutti noi che abbiamo trascorso anni della nostra vita, specialmente negli anni 2000, scrivendo e monitorando Al-Zawahiri, sappiamo come le “intel” americane hanno giocato ogni trucco nel libro – e al di fuori del libro – per trovarlo. Ebbene, non si è mai esposto sul balcone di una casa, tanto meno a Kabul.

 

Un’altra risorsa usa e getta

 

Perché ora? Semplice. Non più utile – e molto oltre la sua data di scadenza. Il suo destino è stato segnato come una “vittoria” di politica estera pacchiana: il “momento di Osama bin Laden” remixato di Obama che non si registrerà nemmeno nella maggior parte del sud del mondo. Dopotutto, regna la percezione che il GWOT di George W. Bush sia da tempo metastatizzato nell’ordine internazionale “basato su regole”, in realtà “basato su sanzioni economiche”.

 

Ritorno a 48 ore dopo, quando centinaia di migliaia di persone in tutto l’ovest sono state incollate allo schermo di flighradar24.com (fino a quando il sito Web non è stato violato), rintracciando “SPAR19” – il jet dell’aeronautica americana che trasportava la presidente della Camera Nancy Pelosi – mentre attraversava lentamente Il Kalimantan da est a ovest, il Mare di Celebes, è andato verso nord parallelamente alle Filippine orientali, e poi ha fatto una brusca oscillazione verso ovest verso Taiwan, in uno spettacolare spreco di carburante per aerei per eludere il Mar Cinese Meridionale.

 

Nessun “momento di Pearl Harbor”

 

Ora confrontalo con centinaia di milioni di cinesi che non sono su Twitter ma su Weibo e una leadership a Pechino che è impermeabile all’isteria prebellica e postmoderna manifatturiera occidentale.

 

Chiunque comprenda la cultura cinese sapeva che non ci sarebbe mai stato un momento di “missile su un balcone di Kabul” nello spazio aereo taiwanese. Non ci sarebbe mai stato un replay del perenne sogno bagnato dei neocon: un “momento di Pearl Harbor”. Semplicemente non è il modo cinese.

 

Il giorno dopo, quando l’oratore narcisista, così orgoglioso di aver portato a termine la sua acrobazia, è stato insignito dell’Ordine delle nuvole di buon auspicio per la sua promozione delle relazioni bilaterali USA-Taiwan, il ministro degli Esteri cinese ha rilasciato un commento che fa riflettere: la riunificazione di Taiwan con la terraferma è un’inevitabilità storica.

 

È così che ti concentri, strategicamente, nel gioco lungo.

 

Quello che succede dopo era già stato telegrafato, in qualche modo nascosto in un rapporto del Global Times. Ecco i due punti chiave:

 

Punto 1: “La Cina la vedrà come un’azione provocatoria consentita dall’amministrazione Biden piuttosto che una decisione personale presa da Pelosi”.

 

Questo è esattamente ciò che il presidente Xi Jinping aveva detto personalmente all’inquilino della Casa Bianca che leggeva il teleprompt durante una telefonata tesa la scorsa settimana. E questo riguarda l’ultima linea rossa.

 

Xi sta ora raggiungendo la stessa identica conclusione raggiunta dal presidente russo Vladimir Putin all’inizio di quest’anno: gli Stati Uniti sono “non in grado di accettare accordi” e non ha senso aspettarsi che rispettino la diplomazia e/o lo stato di diritto nelle relazioni internazionali.

 

Il punto 2 riguarda le conseguenze, riflettendo un consenso tra i massimi analisti cinesi che rispecchia il consenso del Politburo: “La crisi Russia-Ucraina ha appena fatto vedere al mondo le conseguenze di mettere una grande potenza in un angolo… La Cina accelererà costantemente la sua processo di riunificazione e dichiarare la fine del dominio statunitense sull’ordine mondiale”.

 

Scacchi, non dama

 

La matrice sinofobica ha prevedibilmente respinto la reazione di Xi al fatto sul campo – e nei cieli – a Taiwan, completa di retorica che denunciava la “provocazione dei reazionari americani” e la “campagna incivile degli imperialisti”.

 

Questo può essere visto come Xi nel ruolo del presidente Mao. Può avere ragione, ma la retorica è pro forma. Il fatto cruciale è che Xi è stato personalmente umiliato da Washington, così come il Partito Comunista Cinese (PCC), una grave perdita di faccia – qualcosa che nella cultura cinese è imperdonabile. E tutto ciò si è unito a una vittoria tattica degli Stati Uniti.

 

Quindi la risposta sarà inevitabile, e sarà il classico Sun Tzu: calcolato, preciso, duro, a lungo termine e strategico, non tattico. Ciò richiede tempo perché Pechino non è ancora pronta in una serie di domini prevalentemente tecnologici. Putin ha dovuto aspettare anni perché la Russia agisse con decisione. Arriverà il momento della Cina.

 

Per ora, ciò che è chiaro è che tanto quanto con le relazioni Russia-USA lo scorso febbraio, il Rubicone è stato attraversato nella sfera USA-Cina.

 

Il prezzo del danno collaterale

 

La Banca centrale dell’Afghanistan ha incassato 40 milioni di dollari in contanti come “aiuto umanitario” subito dopo quel missile su un balcone a Kabul.

 

Quindi questo è stato il prezzo dell’operazione Al-Zawahiri, mediata dall’agenzia di intelligence pakistana attualmente allineata agli Stati Uniti, l’Inter-Services Intelligence (ISI). Così economico.

 

Il drone MQ-9 Reaper che trasportava i due Hellfire R9X che uccise Al-Zawahiri ha dovuto sorvolare lo spazio aereo pakistano, decollando da una base statunitense nel Golfo Persico, attraversando il Mar Arabico e sorvolando il Balochistan per entrare in Afghanistan da sud. Gli americani potrebbero anche aver ottenuto l’intelligenza umana come bonus.

 

Un accordo del 2003, secondo il quale Islamabad facilita i corridoi aerei per i voli militari statunitensi, potrebbe essere scaduto con la debacle del ritiro americano lo scorso agosto, ma potrebbe sempre essere ripreso.

 

Nessuno dovrebbe aspettarsi un’indagine approfondita su ciò che esattamente l’ISI – storicamente molto vicino ai talebani – ha dato a Washington su un piatto d’argento.

 

Rapporti ambigui

 

Segnala un’intrigante telefonata la scorsa settimana tra l’onnipotente capo di stato maggiore dell’esercito pakistano, il generale Qamar Javed Bajwa, e il vice segretario di Stato americano Wendy Sherman. Bajwa stava facendo pressioni affinché il Fondo Monetario Internazionale (FMI) rilasci al più presto un prestito cruciale, altrimenti il ​​Pakistan andrà in default sul suo debito estero.

 

Se l’ex primo ministro Imran Khan fosse ancora al potere, non avrebbe mai permesso quella telefonata.

 

La trama si infittisce, poiché gli scavi di Kabul di Al-Zawahiri in un quartiere elegante sono di proprietà di uno stretto consigliere di Sirajuddin Haqqani, capo della rete “terrorista” (definita dagli Stati Uniti) Haqqani e attualmente ministro dell’Interno talebano. La rete Haqqani, inutile aggiungere, è sempre stata molto amica dell’Isi.

 

E poi, tre mesi fa, abbiamo avuto il capo dell’ISI, il tenente generale Nadeem Anjum, che ha incontrato il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden Jake Sullivan a Washington, presumibilmente per rimettere in carreggiata la loro ex macchina congiunta, segreta e antiterrorismo.

 

Ancora una volta, l’unica domanda ruota attorno ai termini dell'”offerta che non puoi rifiutare” – e questo potrebbe essere collegato all’aiuto del FMI. In queste circostanze, Al-Zawahiri era solo un misero danno collaterale.

 

Sun Tzu schiera le sue sei lame

 

Dopo l’impresa dell’altoparlante Pelosi a Taiwan, i danni collaterali sono destinati a moltiplicarsi come le lame di un missile R9-X.

 

La prima fase è che l’Esercito popolare di liberazione (PLA) si sia già impegnato in esercitazioni antincendio dal vivo, con massicci bombardamenti in direzione dello Stretto di Taiwan fuori dalla provincia del Fujian.

 

Al via anche le prime sanzioni, contro due fondi taiwanesi. L’esportazione di zibellino a Taiwan è vietata; lo zibellino è un prodotto essenziale per l’industria elettronica, quindi ciò aumenterà il livello di dolore nei settori high-tech dell’economia globale.

 

La cinese CATL, il più grande produttore mondiale di celle a combustibile e batterie agli ioni di litio, sta rinviando a tempo indeterminato la costruzione di un’enorme fabbrica da 5 miliardi di dollari e 10.000 dipendenti che produrrebbe batterie per veicoli elettrici in tutto il Nord America, fornendo tra gli altri Tesla e Ford.

 

Quindi la manovra di Sun Tzu si concentrerà essenzialmente su un blocco economico progressivo di Taiwan, l’imposizione di una no-fly zone parziale, severe restrizioni al traffico marittimo, guerra informatica e il Gran Premio: infliggere dolore all’economia statunitense.

 

La guerra all’Eurasia

 

Per Pechino, il gioco lungo significa l’accelerazione del processo che coinvolge una serie di nazioni in tutta l’Eurasia e oltre, che commerciano in materie prime e prodotti manifatturieri nelle proprie valute. Testeranno progressivamente un nuovo sistema che vedrà l’avvento di un paniere di valute BRICS+/SCO/Eurasia Economic Union (EAEU) e, nel prossimo futuro, una nuova valuta di riserva.

 

La fuga del Presidente è stata concomitante alla sepoltura definitiva del ciclo della “guerra al terrore” e alla sua metastasi nell’era della “guerra all’Eurasia”.

 

Potrebbe aver fornito inconsapevolmente l’ultimo ingranaggio mancante per potenziare il complesso macchinario della partnership strategica Russia-Cina. Questo è tutto ciò che c’è da sapere sulla capacità “strategica” della classe dirigente politica statunitense. E questa volta nessun missile su un balcone potrà cancellare la nuova era.

 

 

FONTE

THE CRADLE

https://thecradle.co

Condividi questo articolo

Lascia un commento