UCRAINA / E ADESSO GLI USA INVIANO MILITANTI DELL’ISIS

Condividi questo articolo

La CIA sta lavorando attivamente per reclutare militanti dell’ISIS da inviare come mercenari sul fronte ucraino.

Lo rivelano alcune fonti americane, secondo cui l’esercito a stelle e strisce sta trasferendo i militanti nella base militare di Al-Tanf, nel sud della Siria, per fornir loro l’addestramento necessario prima di inviarli a combattere contro le truppe russe.

Ecco cosa dettaglia, ad esempio, una fonte: “Finora i curdi hanno consegnato alla parte americana diversi leader di alto rango e circa 90 combattenti dell’ISIS, la maggior parte dei quali sono cittadini dei paesi dell’Unione europea e dell’Iraq, nonché immigrati della Cecenia e della regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina”.  E aggiunge: “In futuro, visto che il conflitto durerà ancora a lungo, Washington intende inviare questi militanti in Ucraina in modo che possano prendere parte alle ostilità contro le forze armate russe”.

Stando alle ultime ricostruzioni, dall’inizio dell’invasione russa, centinaia e centinaia di militanti appartenenti ad Al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS) eISIS sarebbero stati trasferiti nell’Europa orientale dopo essere stati addestrati ad Al-Tanf, la base logistica in questo momento particolarmente strategica.

Secondo un reportage di ‘RT Arabic Tv’, circa 500 combattenti e militanti dell’ISIS provenienti dai paesi del Caucaso e dell’Asia centrale sono in fase di addestramento presso la base Usa, pronti  ad effettuare attacchi e incursioni contro unità dell’esercito russo sia all’interno della Siria che in Ucraina.

Circa un mese fa, il portavoce del ministero delle Difesa russo, Igor Konashenkov, ha sostenuto che “mercenari e specialisti militari di 64 paesi sono coinvolti nelle ostilità in Ucraina”.

L’esercito statunitense è stato spesso accusato di offrire supporto ai combattenti dell’ISIS in Iraq e Siria.

Ma mai niente è successo a livello internazionale: tutto ok.

Del resto, fin dal 2015, cioè in seguito all’inizio del conflitto tra l’Ucraina e le repubbliche separatiste del Donbass, il ‘New York Times’ ha documentato come i combattenti dell’ISIS si sono apertamente schierati con Kiev per combattere i separatisti filorussi.

Condividi questo articolo

Lascia un commento