COVID 19 E GRAVIDANZA – UNO STUDIO AMERICANO

Condividi questo articolo

Il meraviglioso processo biologico della riproduzione è l’aspetto più naturale e profondo della biologia umana. Nel corso dei millenni, tutti gli organismi hanno sviluppato metodi di riproduzione autosufficienti e robusti.  Facciamo affidamento su questi principi in ostetricia per consentire il parto più naturale possibile fornendo sicurezza a madre e bambino.

Lo scopo del ricovero, del taglio cesareo, del monitoraggio fetale, delle forme di parto assistito e delle unità neonatali è quello di fornire un ambiente sicuro per evitare complicazioni per un breve periodo prima che la vita familiare inizi a casa. Questo è il motivo per cui l’ostetricia non ammette farmaci nuovi o sperimentali o iniezioni di alcun tipo nelle cure di routine. Sono ammessi solo i prodotti più antichi e collaudati che abbiamo un profilo di sicurezza in gravidanza ben consolidato e testato.

Il CDC raccomanda un mese o due PRIMA della gravidanza per aggiornare il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia (MMR) se questi non sono stati precedentemente somministrati. Durante la gravidanza, sono raccomandati solo due vaccini:  il vaccino antinfluenzale inattivato (il vaccino per iniezione, non il vaccino antinfluenzale nasale vivo) e il vaccino Tdap (tetano, difterite e pertosse). 1

Nessuna di queste malattie è frequente o pericolosa per le giovani donne nell’era degli antibiotici e delle cure. Quindi si potrebbe fare il caso per evitare reazioni allergiche o complicazioni rinviando questi scatti intorno al periodo della gravidanza. La scelta è sempre elettiva e tra il paziente e il medico.

I produttori di vaccini COVID-19 con la FDA statunitense hanno escluso le donne in gravidanza e le donne in età fertile dallo studio in studi randomizzati a causa dei rischi materno-fetali con nanoparticelle lipidiche, mRNA e PEG.  È prassi regolamentare rigorosa che, quando un gruppo è escluso dalle sperimentazioni randomizzate di registrazione di un nuovo prodotto, a tale gruppo sia altresì vietato assumere o utilizzare quel medicinale nella pratica per ovvi motivi di sicurezza. Questa considerazione è sempre applicata alla gravidanza senza eccezioni.

All’inizio della campagna, i vaccini COVID-19 sono stati dichiarati “Categoria di gravidanza X” in una pubblicazione guidata dal Dr. McCullough e dall’esperto di perdite fetali Dr. Raphael Stricker. 2 Nonostante questo avvertimento, il programma di vaccinazione CDC/FDA COVID-19 ha violato tale standard normativo e, dapprima delicatamente e poi con molta forza, ha fortemente incoraggiato le donne in gravidanza a correre dei rischi e ad accettare uno dei vaccini COVID-19. Brock et al. hanno dimostrato un rischio aumentato di 7-8 volte di natimortalità dopo la vaccinazione COVID-19. 3

Con gli avvertimenti della FDA per danni cardiaci, coaguli di sangue, danni neurologici e gravi reazioni allergiche, si può immaginare che se la portata delle informazioni fosse limitata a quella fornita dalla sola FDA statunitense, una donna ragionevole e suo marito rifiuterebbero un’iniezione sperimentale. Consideriamo ora l’intero database con > 1000 pubblicazioni peer-reviewed o del server di prestampa su complicazioni, effetti collaterali, lesioni, disabilità e decessi del vaccino COVID-19; si può vedere quale straordinario pericolo incombe sulle nostre madri e sui futuri figli.

Indissolubilmente, l’American College of Obstetrics and Gynecology, per la prima volta nella sua storia, approva ufficialmente la vaccinazione sperimentale COVID-19 non provata nelle donne. 4 Gli esiti delle donne in gravidanza che contraggono la malattia respiratoria COVID-19 erano leggermente migliori rispetto alle donne non gravide con le varianti legacy. 5

Negli studi pubblicati su rari casi fatali di COVID-19 ospedalizzati e ancora più rari, il determinante comune è la mancanza o l’inadeguatezza del trattamento preospedaliero precoce. Poiché la gravidanza è un solido stato di immunità, la maggior parte delle donne con COVID-19 non richiede alcun trattamento. La maggior parte dei dipartimenti di travaglio e parto ha avuto tassi costanti di positività ai test di routine del 13,5% circa per molti mesi durante la pandemia. 6

Le donne ad alto rischio che presentano sintomi gravi possono essere trattate in sicurezza durante la gravidanza con lavaggi nasali virucidi, nutraceutici e integratori, idrossiclorochina, ivermectina, azitromicina, budesonide per via inalatoria, prednisone orale, aspirina ed eparina a basso peso molecolare. 7 Anche i rapporti aneddotici sulla somministrazione di anticorpi monoclonali hanno avuto successo.

Tutti i casi ospedalizzati pubblicati fino ad oggi non sono riusciti a eseguire e riferire sul trattamento completo prima dell’ospedale.

Abbiamo un formato di intervista lungo per questo spettacolo con il dottor James A. Thorp, un ginecologo/ginecologo certificato che fornisce un’analisi importante sulla gravidanza e COVID-19, sui trattamenti e sulla vaccinazione. 8

Quindi diventiamo reali, diventiamo forti; su  America Out Loud Talk Radio , questo è  The McCullough Report!

 

Peter A. McCullough

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento