Un giudizio tedesco sulle visite del trio: durissimo

Condividi questo articolo

Maurizio Blondet

Lo ha scritto per DWN il  suo massimo commentatore, il giornalista economico in capo Ronald Barazon.  Ma deve essere un  giudizio condiviso senza dirlo (la Germania, per il suo noto passato, deve essere reticente in politica estera) da molti dirigenti tedeschi.

 

Titolo originale:

La NATO ha provocato la guerra in Ucraina e continua a seminare il caos

Negli ultimi giorni, i leader occidentali hanno tracciato la strada per un’escalation della guerra in Ucraina.  Volevano dare un contributo alla pace, ma le loro misure hanno avuto l’effetto esattamente opposto. Hanno commesso i seguenti errori:

  • I leader dell’UE hanno promesso al presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy che presto entrerà a far parte dell’UE. Tuttavia, bisogna sapere che l’articolo 42, paragrafo 7 del Trattato UE recita: ” In caso di attacco armato sul territorio di uno Stato membro, gli altri Stati membri gli devono tutto l’aiuto e il sostegno in loro potere”. risultato: dal giorno dell’adesione dell’Ucraina, gli stati dell’UE sarebbero in guerra con la Russia. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è recata a Kiev sabato scorso come se fosse un viaggio per visitare un caro amico, seguita giovedì dal trio di Olaf Scholz, Emmanuel Macron e Mario Draghi. Un politico dell’UE dopo l’altro si sta attualmente precipitando a Kiev per apparire sui media insieme a Zelenskiy.
  • In un incontro al quartier generale della NATO a Bruxelles, mercoledì, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha agito come una sorta di alto generale nella guerra dell’Ucraina contro la Russia, coordinando le forniture di armi da 50 paesi. La scena ricordava grottescamente un evento di beneficenza in cui vengono distribuite le donazioni. Solo un piccolo dettaglio: se l’Ucraina minaccia di perdere la guerra, la NATO difficilmente potrà prenderne atto tacitamente . Le armi saranno quasi inevitabilmente seguite dalle truppe. Allo stesso modo, gli Stati Uniti sono scivolati nella guerra del Vietnam.

Un disastro diplomatico – e quello poco prima dei vertici UE e NATO

Fino alla scorsa settimana, l’Occidente è stato in grado di mantenere l’illusione che la guerra in Ucraina fosse principalmente una questione di Ucraina. Le consegne di armi potrebbero essere presentate come supporto per uno stato amico. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha persino affermato che le armi sarebbero state solo prestate  all’Ucraina. Fino alla scorsa settimana, lo slogan era che l’Ucraina sarebbe stata aiutata, ma non autorizzata a entrare in guerra con la Russia, che con ogni probabilità si sarebbe conclusa con una guerra mondiale. Questo principio è stato ora gettato in mare. Anche se si può presumere che gli attori non siano consapevoli di ciò che hanno fatto: Austin è un generale in pensione che vede il mondo dal punto di vista dell’esercito americano e l’intervento, come la storia ha dimostrato più e più volte, è tutt’altro che avverso.

 

La tempistica di questo abbandono di una politica che avrebbe dovuto impedire l’escalation della guerra in Ucraina mostra quanto si stia agendo in modo imbarazzante e senza un concetto. Tra due settimane si svolgono gli appuntamenti cruciali: l’Ue terrà un vertice dal 26 al 28 giugno a Elmau (distretto di Garmisch-Partenkirchen), più precisamente: una riunione del Consiglio dei governi di tutti gli Stati membri. Seguirà una grande conferenza della NATO a Madrid il 29 e 30 giugno. L’UE e la NATO vogliono stabilire la rotta lì; ovviamente sarebbe stato utile non creare in anticipo il caos diplomatico  con la visita del Trio.

 

Ogni paese UE dovrebbe aiutare l’Ucraina  con le proprie forze armate – che non ha”

Al suo vertice, l’UE vuole prendere una decisione fondamentale su sollecitazione del presidente francese e dell’attuale presidente del Consiglio UE Macron: dopo numerosi tentativi falliti, dovrebbe finalmente essere istituito un esercito dell’UE.

  • Tuttavia, l’obbligo di fornire assistenza in caso di attacco a un paese dell’UE, già citato sopra, è già ancorato all’articolo 42. Pertanto, finché non esiste un esercito dell’UE, se l’Ucraina si unisce all’UE, ogni Stato membro dell’UE dovrebbe sostenere l’Ucraina con le proprie forze armate. La situazione ricorda lo scoppio della prima guerra mondiale: anche nel 1914 molti governi rimasero stupiti nello scoprire il modo in cui i trattati trascurati contenevano obblighi.
  • Non è chiaro come dovrebbe essere strutturata l’alleanza di difesa dell’UE. Fondamentalmente, ma molto vagamente, l’articolo 42, già citato, afferma che il controllo avverrebbe a livello della Commissione UE, che i singoli membri dell’UE dovrebbero ampliare le rispettive forze armate e, se necessario, metterle sotto il comando di un esercito congiunto dell’UE. Per far funzionare un tale sistema, tuttavia, è necessaria una struttura funzionante e l’integrazione di tutti gli eserciti degli Stati membri dell’UE. Tali condizioni non esistono nemmeno nella NATO, che almeno ha una nazione dominante che detta il ritmo: gli USA. Non esiste una potenza militare leader paragonabile nell’UE. Il candidato più probabile è la Francia, che finora ha difeso solo il proprio Paese. Macron vuole rinunciare a questa politica per una strategia europea, ma incontra resistenze nel suo stesso Paese. Inoltre, la Grande Nation è ben lungi dall’avere la forza economica per sostenere il principale onere militare e finanziario, seguendo l’esempio degli USA nella NATO.
  • Dato il suo ruolo nella seconda guerra mondiale, la Germania non si considera una potenza militare. La decisione di aumentare di 100 miliardi di euro il budget per la difesa è dovuta alla politica aggressiva della Russia ed è quindi destinata più o meno esclusivamente alla difesa nazionale. Al momento non è chiaro quale ruolo dovrebbe e dovrebbe svolgere il paese dell’UE economicamente più forte di gran lunga nel quadro di un’alleanza di difesa.
  • Negli altri 25 paesi dell’UE non c’è affatto un entusiasmo illimitato per un esercito europeo. Alcuni paesi, in particolare la Polonia, vogliono protezione diretta dagli Stati Uniti. Altri, come l’Ungheria, preferiscono il proprio percorso nazionale.

Pertanto, anche dopo il vertice dell’UE tra due settimane, per molto tempo non ci sarà una politica di difesa uniforme dell’UE. Di conseguenza, come in passato, alla NATO sarà affidato il compito di difendere l’Europa. Il fatto che la NATO sia intesa come garante della sicurezza dell’Europa è dimostrato dagli sforzi degli stati finora neutrali di Svezia e Finlandia di strisciare sotto il loro ombrello di sicurezza, che di fatto significa sotto l’ombrello di sicurezza degli Stati Uniti . Sebbene solo pochi giorni fa il presidente degli Stati Uniti Biden abbia promesso ai partner europei della NATO il pieno sostegno dell’America, l’Alleanza Nord atlantica è in realtà in crisi esistenziale. La ragione:

L’obiettivo principale degli Stati Uniti è il Pacifico

  • All’annuale Shangri-La Dialogue di Singapore, la principale conferenza sulla sicurezza della regione, il capo del Pentagono, ministro della Difesa Austin ha pronunciato un discorso sottolineando gli impegni degli Stati Uniti in materia di sicurezza nella regione e in particolare il suo continuo sostegno a Taiwan. Letteralmente, Austin ha detto: “Militarmente, l’Indo-Pacifico è ‘l’area prioritaria’ per il Dipartimento della Difesa con oltre 300.000 membri del servizio americano nella regione che lavorano con alleati e partner”.

 

Senza dubbio si parlerà molto di Russia e Ucraina al prossimo vertice della NATO. Tuttavia, il fatto che l’organizzazione si concentri da anni su una possibile guerra con la Russia e gli altri due maggiori pericoli – vale a dire la lotta della Cina per la potenza mondiale e l’aumento degli attacchi informatici da parte di stati ostili contro le forze della NATO e altre forze statali – sarà anche discusso. La strategia della NATO deve ora essere riformulata.

Una nota a margine: Dal 2004, l’Ucraina ha la prospettiva dell’adesione alla NATO. In verità, tuttavia, questo non è mai stato dibattuto seriamente perché era chiaro che la Russia non avrebbe accettato un’estensione al confine orientale della Russia, come mostra fin troppo bene la guerra in Ucraina. Ma i rappresentanti della NATO hanno abbracciato i rispettivi presidenti ucraini così ferocemente in ogni occasione che Mosca pensava di poter già vedere i marines americani al confine ucraino-russo.  La battuta sulle scale per niente divertente: in primo luogo, la NATO provoca una guerra tra Russia e Ucraina, poi cita la guerra come prova che l’Ucraina deve entrare nella NATO.

Ma torniamo al riallineamento della strategia della NATO. Nei giorni scorsi, il segretario alla Difesa americano Austin ha chiarito quanto sia importante per gli Stati Uniti la questione di Cina, Taiwan e della regione del Pacifico . Prima di partire per Bruxelles, Austin si è recato in modo dimostrativo in Asia per sottolineare l’importanza prioritaria della regione indo-pacifica per la politica di sicurezza americana.

  • La Cina non si sta solo definendo una potenza mondiale in ascesa in generale, ma ha anche ambizioni molto specifiche. La Repubblica popolare comunista vuole conquistare l’indipendente e democratica Taiwan, che è sotto la protezione degli USA. Inoltre, la Repubblica popolare sta cercando di espandere la sua posizione nella regione del Pacifico e sta provocando gli alleati degli Stati Uniti attraversando i confini con navi e aerei. Inoltre, alcuni discorsi del leader cinese Xi danno l’impressione che sia in gioco molto di più delle immediate vicinanze del gigantesco impero, in altre parole, come se Pechino potesse immaginare di ampliare ulteriormente la propria sfera di potere.
  • La Thailandia è particolarmente legata agli USA nell’ambito del “Joint US Military Advisory Group – Thailand”. A Bangkok, Austin ha persino descritto le forze armate thailandesi come una parte importante della politica di sicurezza degli Stati Uniti. Inoltre, Austin ha parlato con rappresentanti di alleati e partner tra cui Singapore, Giappone, Corea del Sud, Indonesia, Vietnam e Australia.
  • Parlando ai funzionari cinesi a margine dell’incontro di Shangri-La, Austin ha chiarito che in nessun caso gli Stati Uniti cederanno la regione del Pacifico al Regno di Mezzo.

Gli Stati Uniti possono e vogliono effettivamente ” masticare una gomma” allo stesso tempo?

In questo senso, la NATO dovrà dedicare maggiore attenzione alla sfida cinese. Il corso corrispondente è già stato preparato e ora sarà ancorato alla riunione della NATO di fine giugno. Sebbene ad Austin piaccia dire che gli Stati Uniti “possono camminare e masticare gomme allo stesso tempo”, cioè difendere l’Europa e il Pacifico, l’Europa e il Pacifico dovrebbero essere urgentemente considerati in proporzione: le forze armate statunitensi non hanno illimitate risorse umane, militari e anche le risorse economiche. E quando il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti dichiara che il Pacifico è “l’area più importante” per gli Stati Uniti, non c’è dubbio che è tempo che l’Europa costruisca la propria difesa. Tanto più se la NATO ora si concentra maggiormente sulla Cina.

Quindi gli sforzi di Macron per creare un esercito di difesa dell’UE sono sicuramente all’ordine del giorno. Tuttavia, le prospettive di realizzarlo sono così scarse che bisogna riconoscere che l’Europa alla fine non ha difese. Allora, qual è lo scenario per futuri (possibili) conflitti militari? In tutti i conflitti, sia in Europa, nel Pacifico o in qualsiasi altra parte del mondo, ci sarà sempre un’operazione militare statunitense con altri eserciti come alleati. Anche se Joe Biden e Lloyd Austin stanno attualmente confermando la volontà degli Stati Uniti di essere sempre disponibili, in Europa va riconosciuto che il continuo entusiasmo per il ruolo degli Stati Uniti come poliziotto mondiale dall’altra parte dello stagno è limitato, sia all’interno della popolazione che all’interno delle élite politiche di sicurezza. Donald Trump lo ha reso molto chiaro usando l’esempio dell’Afghanistan, quindi non si dovrebbe fare affidamento sullo zio Sam che interviene sempre per salvare tutti.

***

Ronald Barazon è stato per molti anni caporedattore del Salzburger Nachrichten. È uno dei giornalisti economici più rispettati in Europa ed è ora caporedattore della rivista “Der Volkswirt” e presentatore di ORF.

 

 

FONTE

urizio Blondet  BLOG

Condividi questo articolo

Lascia un commento