PANDEMIA & UCRAINA / TUTTE LE RESPONSABILITA’ DEL DIPARTIMENTO USA DELLA DIFESA

Condividi questo articolo

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha programmato studi & ricerche border line sul Covid-19 molti anni prima che il virus poi esplodesse in tutta la sua virulenza. Epicentro di queste ‘attività’ – udite udite – nientemeno che l’Ucraina, oggi coinvolta    nel conflitto che terrorizza il mondo.

Ai confini della realtà.

Hunter Biden. In apertura il Pentagono e Anthony Fauci

Dati, date e cifre stanno man mano trapelando dalle maglie sempre meno strette della Difesa Usa, che per anni, contemporaneamente, ha attivato una sfilza di bio-laboratori militari e segreti, 13 quelli ufficiali, parecchi altri quelli ‘ufficiosi’, ed in queste operazioni c’è perfino lo zampino (o lo zampone) di Hunter Biden, il rampollo del presidente Usa: ed insieme i due,  Joe e Hunter, durante gli anni della ‘occupazione’ dell’Ucraina – decollata nel 2014 – hanno avuto modo di mettere le mani su un altro colossale affare, proprio quello del gas, tanto che l’allora vice presidente Usa è riuscito a piazzare ‘dear’ Hunter nientemeno che nel consiglio d’amministrazione del colosso energetico ucraino, ‘Burisma’, l’equivalente del nostro ENI  (appannaggio mensile da 80 mila dollari mese e a digiuno di conoscenze ‘energetiche’!).

Ma torniamo a bomba. Ossia a test e ricerche finanziate in Ucraina già in tempi ben lontani. Una ricostruzione che dove per forza seguire una scansione cronologica.

 

TUTTE LE TAPPE DELLA “DIFESA” AMERICANA

Dobbiamo partire da lontano, vale a dire dal 2012, esattamente   10 anni fa.

E’ infatti datato 20 settembre 2012 un contratto d’appalto assegnato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ad una  misteriosa società, una delle tante che gravitano nel ricco mondo dei maxi appalti militari a stelle e strisce. La sigla si chiama “Black & Veatch Special Projects Cor”, un nome che incute un certo timore: è – recita il suo oggetto sociale – “una società globale di ingegneria, approvvigionamento, consulenza e costruzione specializzata nello sviluppo di infrastrutture”. L’appalto è finalizzato alla fornitura di “Servizi professionali, scientifici e tecnici”.

Nella complessa geografia degli appalti militari statunitensi, in particolare, si tratta di una “Ricerca Premio”, la quale, a sua volta, si ramifica in una serie di “Sub-premi”, tanto per rendere più ardua la ricerca per i ficcanaso circa i vorticosi business dell’Esercito Usa; ma anche per gli inquirenti.

Proseguiamo nella classica ‘Catena di Sant’Antonio’ e tra i Sub-premi ne troviamo uno di particolare interesse (alla luce dei fatti pandemici successivi): è stato assegnato alla ennesima misteriosa sigla della serie, ‘Labyrinth Gobal Health INC’. Ed ancor più interessante (ed anche criptico) è l’oggetto della ricerca che la società è stata incaricata di svolgere: “SME Manuscript Documentation and Covid-19 Research”.

Siamo già arrivati ad un punto molto bollente: 10 anni fa, in Ucraina, venivano autorizzati e avviati dalla Difesa Usa ‘studi e ricerche’ sul Covid 19: 10 anni prima della sua esplosione!

Sorge spontanea, a questo punto, la domanda: ma si erano sentiti, i vertici del Dipartimento della Difesa Usa, con Bill Gates, all’epoca pienamente in sella alla sua creatura, ‘Microsoft’, ma già tutto proteso agli ‘studi’ sui virus, tanto da proclamare che “il decennio 2010-2020 sarà quello delle pandemie”?

Avevano la sfera di cristallo, già allora, 10 anni fa, sia il filantropo-miliardario Gates che il Dipartimento della Difesa Usa?

Domande e interrogativi brucianti, ai quali nessuno degli interessati ha mai voluto dare una risposta. Non sarebbe il caso che la un tempo aggressiva e oggi un po’ assonata magistratura americana desse una sbirciatina, visto la ‘Food and Drug Administration’ è totalmente in balia dei conflitti d’interesse in tema di vaccini e addirittura arriva incredibilmente a secretare i risultati su test e ‘trials’?

 

NEI MEANDRI DI “LABYRINTH”

Il mistero più fitto copre quanto è successo negli anni successivi. Soprattutto perché la sempre più opaca ‘Labyrinth’ (vera società labirinto di segreti!) ufficialmente viene costituita solo nel 2017, ed ha un vertice soprattutto al femminile, composto dall’amministratore delegato Karen Saylors, affiancata da Mary Guttieri, in qualità di ‘Chief Science Officer’, cui tiene compagnia, come direttore finanziario, Murat Tartan.

Molto interessante il pedigree di lady Saylors, che come dice il suo cognome ha navigato per molti mari: nel pomposo sito autocelebrativo della società, infatti, si descrivono i suoi trascorsi “nel campo della salute pubblica internazionale per oltre un decennio e ha trascorso molti anni vivendo in Africa creando reti di sorveglianza globale”.

Karen Saylors

E la “collaborazione globale” è un chiodo fisso di ‘Labyrinth’, che punta tutte le sue fiches “sull’accesso locale che include poi la collaborazione globale”. “Abbiamo una vasta rete di collaborazioni – viene trionfalmente annunciato sul sito – in Africa, in Sud est asiatico, in America Latina e in Europa Orientale”.

Ecco altre ‘pennellate’. “Il nostro ufficio e il laboratorio di Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, ospitano il laboratorio biomedico del Ministero della Salute (INRB), un ottimo trampolino di lancio per le nostre iniziative scientifiche. Abbiamo anche un ufficio in Sierra Leone, e una vasta rete di collaborazioni in Camerun, con esperti presso il Centro di Ricerche sanitarie militari del Camerun (CRESAR), nonché all’interno di varie Organizzazioni non governative che collaborano con noi nel Paese”.

Ma eccoci al passaggio decisivo. “La portata globale di Labyrinth viene ulteriormente ampliata attraverso il nostro ufficio a Kiev, in Ucraina, una porta d’accesso a tutta l’Europa Orientale. Basandoci sulla riuscita collaborazione di progetti che abbiamo in Ucraina, Armenia e Azerbaijan, coinvolgiamo ministri e scienziati in attività di collaborazione in tutta la regione”.

E’ la prova del nove. Anche ‘Labyrinth’ ammette di far parte di quel maxi progetto dei bio-laboratori militari segreti sotto l’egida dell’Esercito Usa e del Dipartimento di Stato, tanto che l’attuale numero due, Victoria Nuland (la vice di Tony Blinken), appena ‘occupata’ come al solito democraticamente l’Ucraina nel 2014, trascorse oltre un anno (vera e propria ‘inviata speciale’ Usa) a Kiev per organizzare il lancio dei famigerati bio-laboratori, tante Wuhan sparse sul territorio ucraino per usare i cittadini come ‘cavie’: proprio quanto succede ora con i civili, usati come carne da macello fino alla cacciata degli odiati russi, come proclamano ormai all’unisono il guitto Volodymyr Zelensky e l’invasato Joe Biden.

Ma torniamo sulle tracce di ‘Labyrinth’ e della sua Profeta, Karen Saylors.

 

TUTTE LE CONNECTION ECCELLENTI

A questo punto entrano in scena altre società, altri nomi eccellenti & altre connection.

Come la ‘EcoHealth Alliance’ e la ‘Metabiota’. Due sigle di cui la Voce ha già scritto più volte (potete leggere gli articoli cliccando sui link in basso).

Il nome della prima è salito alla ribalta delle cronache (americane of course, perché i media di casa nostra sono ormai totalmente omologati e cloroformizzati) per aver finanziato direttamente il famigerato laboratorio di Wuhan, protagonista delle ricerche ultra pericolose che ci hanno portato alla pandemia da Covid-19. Un ‘business’, quindi, orchestrato sia dai cinesi che dagli americani, i quali, ora, giocano una ‘guerra di ricatti’ reciproci, avendo entrambi, come si suol dire, ‘la coscienza sporca’.

Pochi sanno, infatti, che il ‘National Institute for Infectious  Desease’ (NIAID) diretto a vita dal supervirologo Usa Anthony Fauci ha generosamente aperto i rubinetti dei fondi pubblici nei confronti di ‘EcoHealth Alliance’, guidata da un ricercatore molto controverso, Peter Daszak: il quale, a sua volta, collaborava a stretto gomito con il laboratorio di Wuhan, sotto il vigile occhio di    Fauci.

Una connection che più diabolica non si può! Ma insabbiata dai media (e dalle magistrature) di mezzo mondo, Italia in pole position, ovviamente per non infastidire il Padrone Americano!

Peter Daszak

Passiamo a ‘Metabiota’: ed è peggio che andar di notte. Perché ‘Metabiota’ è una delle sigle che hanno collaborato in modo stretto con i biolaboratori militari americani in Ucraina; e poi, ciliegina sulla torta, ha ricevuto palate da milioni di euro da un fondo a stelle e strisce che fa diretto riferimento all’onnipresente Hunter Biden. Ad ennesima dimostrazione che i due Biden – padre e figlio – sono impelagati fino al collo negli sporchi affari, ‘the dirty business’ come vengono ormai definiti da svariati media americani.

Ma che volete di più, in una lurida connection globale a base di dollari, affari e salute calpestata di tutti i cittadini?

Beh, una parte del meglio deve ancora venire. E soprattutto le ‘news’, come ciliegina sulla torta.

Per entrare ancor più nello sporco (‘dirty’) labirinto di miliardi & pandemie, leggiamo quanto scrive un ottimo sito di contro-informazione americano,  ‘Humans are Free’, che ci conduce attraverso ulteriori meandri: “Karen Saylors, EcoHealth Alliance e Labyrinth Global Service hanno lavorato insieme al programma ‘PREDICT’ dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) dal 2009, mentre ‘Labyrinth’ ha lavorato insieme ad EcoHealth Alliance e Metabiota al programma ‘PREDICT’ dal 2017”.

 

DENTRO I MISTERI DI “PREDICT

Chiarisce ancora il sito: “Lanciato nel 2009 e finanziato da USAID, ‘PREDICT’ era un sistema di allerta precoce per malattie nuove ed emergenti in 21 paesi. E’ stato guidato dal ‘Davis One Health Institute’ dell’Università della California e i partner principali includevano EcoHealth Alliance, Metabiota, Wildilife Conservation Society e Smithsonian Institutions, oltre ovviamente a Labyrinth. PREDICT è stato un precursore del più ambizioso ‘Global Virome Project’”.

E ancora: “PREDICT ha collaborato con EcoHealth per catalogare in nove anni centinaia di migliaia di campioni biologici, ‘inclusi oltre 10.000 pipistrelli’. Uno studio del 2015 finanziato da PREDICT sulla ‘diversità del coronavirus nei pipistrelli’ includeva anche Peter Daszak, in qualità di presidente di EcoHealth, tra i partecipanti”.

Ma eccoci alla ciliegina finale, anche sotto il profilo ‘temporale’.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) ha assegnato il 12 novembre 2019 il contratto alla ‘Labyrinth Global Health INC.’ per la ‘Ricerca Covid-19’, vale a dire un mese e mezzo prima che scoppiasse ufficialmente la pandemia, le cui notizie sono cominciate a filtrare da Wuhan ai primi di gennaio.

 

ED ARIECCOCI IN UCRAINA!

E siamo alla sorpresa nella sorpresa.

Perché l’ormai famoso (o famigerato) contratto di novembre 2019 per la ‘RicercaCovid-19’ prevedeva espressamente lo svolgimento di studi e test da effettuare in Ucraina.

E non basta ancora. Perché faceva parte di un piano-contratto ben più ampio ed articolato, e di tutta evidenza anche assai più generosamente finanziato. Si tratta – ironia della sorte e dei nomi spesso utilizzati – del ‘Programma di riduzione della minaccia biologica in Ucraina”. Dove – ve lo rammentiamo – dal 2014 sono stati installati dall’Esercito Usa con l’imput del Dipartimento di StatoUsa, i 13 biolaboratori militari ‘segreti’ nei quali sono stati   utilizzati come cavie cittadini ucraini del tutto ignari.

Mentre oggi il guitto Volodymyr Zelensky e il burattinaio Joe Biden (ben spalleggiato dal figlio Hunter, impegnato nei ‘dirty business’) sono d’amore e d’accordo per una guerra totale alla Russia: anche “fino all’ultimo ucraino”.

Sorge spontaneo un interrogativo.

Ma prendiamo ad esempio due enti che, sulla carta, dovrebbero tutelare i destini dei cittadini di tutto il mondo: l’ONU e l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e poi, perché no?, le Corti internazionali per i crimini contro l’umanità: dormono, sonnecchiano o cosa fanno?

 

 

Leggi l’articolo di Humans are free

D.O.D. Issued A Contract For ‘COVID-19 Research’ In Ukraine 3 Months Before COVID-19 Officially Existed

 

TRADUZIONE

D.O.D. Ha emesso un contratto per la “ricerca COVID-19” in Ucraina 3 mesi prima che COVID-19 esistesse ufficialmente HAFMy 21, 2022

 

Il mondo ha iniziato a sentire parlare per la prima volta di un nuovo coronavirus all’inizio di gennaio 2020, con segnalazioni di una presunta nuova malattia simile alla polmonite che si è diffusa a Wuhan, in Cina. Tuttavia, il mondo non conosceva il Covid-19 fino a febbraio 2020, perché è stato solo l’11 di quel mese che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente chiamato la nuova malattia da coronavirus Covid-19.

d.o.d. ha emesso un contratto per la “ricerca sul covid 19” in Ucraina 3 mesi prima dell’esistenza ufficiale del covid 19

 

Quindi, essendo questa la verità ufficiale, perché i dati del governo degli Stati Uniti mostrano che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) ha assegnato un contratto il 12 novembre 2019 a Labyrinth Global Health INC. per la “Ricerca COVID-19”, almeno un mese prima della presunta comparsa del nuovo coronavirus e tre mesi prima che fosse ufficialmente soprannominato Covid-19?

 

I risultati scioccanti, tuttavia, non finiscono qui. Il contratto aggiudicato nel novembre 2019 per la “Ricerca COVID-19” non solo doveva svolgersi in Ucraina, ma faceva parte di un contratto molto più ampio per un “Programma di riduzione della minaccia biologica in Ucraina”.

 

Forse spiegando perché Labyrinth Global Health ha collaborato con EcoHealth Alliance di Peter Daszak e Metabiota di Ernest Wolfe sin dalla sua formazione nel 2017.

 

covid 19 ricerca in ucraina, 3 mesi prima dell’epidemia

 

Il governo degli Stati Uniti ha un sito web chiamato “USA Spending”, una fonte ufficiale di dati aperti di informazioni sulla spesa federale. Secondo il sito al 12 aprile 2021, il governo degli Stati Uniti ha speso 3,63 trilioni di dollari strabilianti “in risposta al COVID-19”. Ma non sono le uniche informazioni su Covid che si possono trovare sul sito.

 

Spesa Usa per covid 19

 

Nascosti nella “Ricerca del premio” ci sono i dettagli su un contratto assegnato dal Dipartimento della Difesa a una società denominata “Black & Veatch Special Projects Corp”, che sarebbe “una società globale di ingegneria, approvvigionamento, consulenza e costruzione specializzata nello sviluppo di infrastrutture” .

 

L’appalto è stato aggiudicato il 20 settembre 2012 ed è descritto come “Servizi professionali, scientifici e tecnici”. Ovviamente, questo è molto vago e molto probabilmente di scarso interesse per chiunque si imbatta in esso. Ma c’è qualcosa contenuto nel profondo dei dettagli che dovrebbe interessare chiunque e tutti.

 

La “Cronologia dei premi” per il contratto contiene una scheda per i “Sub-premi” che dettaglia i destinatari, la data dell’azione, l’importo e una descrizione molto breve per 115 transazioni di Sub-premio. La maggior parte dei premi secondari sono estremamente banali per cose come “attrezzature di laboratorio per Kiev” o “mobili per ufficio per Kiev”.

 

immagine 164

 

Ma c’è un Sub-premio che spicca tra gli altri, ed è stato assegnato a Labyrinth Global Health INC per “SME Manuscript Documentation and COVID-19 Research”.

 

Un premio per la ricerca sul Covid-19 non è esattamente scioccante quando il mondo è presumibilmente nella morsa di una pandemia di Covid-19, ma considerando il fatto che il subappalto è stato assegnato il 12 novembre 2019, almeno un mese prima della presunta comparsa di il nuovo coronavirus, e tre mesi prima che fosse ufficialmente soprannominato Covid-19, il premio per la ricerca sul Covid-19 dovrebbe essere uno shock per tutti.

 

labirinto della salute globale

Fonte

Ma lo shock non finisce qui, perché il luogo in cui è stato incaricato il contatto per la ricerca sul Covid-19 era l’Ucraina, così come l’intero contratto assegnato dal DOD a Black & Veatch Special Projects Corp.

I dettagli del contratto trovati sul sito “USA Spending” rivelano in realtà che il dipartimento specifico del DOD che ha assegnato l’appalto era la Defense Threat Reduction Agency (DTRA). Il contratto è stato aggiudicato il 20 settembre 2012 e concluso il 13 ottobre 2020.

 

dod ucraina covid 19

 

Sebbene i dettagli siano vaghi, il sito del governo degli Stati Uniti rivela anche che 21,7 milioni di dollari del contratto da 116,6 milioni di dollari sono stati spesi per un “programma di riduzione della minaccia biologica in Ucraina”.

 

riduzione della minaccia biologica ucraina

 

Perché il Dipartimento della Difesa ha pagato una società che è presumibilmente “una società globale di ingegneria, appalti, consulenza e costruzioni specializzata nello sviluppo di infrastrutture”, per aiutare ad attuare un “programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina”?

 

E perché sia ​​il DOD che la suddetta società hanno poi pagato Labyrinth Global Health INC per condurre ricerche sul COVID-19 in Ucraina almeno un mese prima della presunta comparsa del nuovo coronavirus e tre mesi prima che fosse ufficialmente soprannominato Covid-19?

 

Fondata nel 2017, Labyrinth Global Health è presumibilmente una “piccola impresa di proprietà di donne con una profonda esperienza e una comprovata esperienza a sostegno di iniziative per il progresso scientifico e medico”.

 

Si descrivono come “un’organizzazione multiculturale e internazionale con uffici in quattro paesi e un team di esperti con background e competenze diversi, tra cui microbiologia, virologia, salute globale, infermieristica emergente per malattie infettive, antropologia medica, epidemiologia sul campo, ricerca clinica e salute sistemi di informazione.”

 

Uno di questi uffici si trova a Kiev, in Ucraina, che l’azienda definisce “una porta d’accesso all’Europa orientale”.

 

cresar una porta per l’Europa orientale

 

Il team dirigenziale di Labyrinth Global è composto da Karen Saylors, PHD, che è l’amministratore delegato; Mary Guttieri, PHS che è il Chief Science Officer; e Murat Tartan che è il direttore finanziario.

 

Karen Saylors, PhD, che ha co-fondato Labyrinth Global Health, avrebbe lavorato nel campo della salute pubblica internazionale per oltre un decennio e ha trascorso molti anni vivendo in Africa creando reti di sorveglianza globale, “lavorando con i partner per migliorare la politica sanitaria globale sulle malattie infettive rilevamento, risposta e controllo della malattia”.

 

A Labyrinth, il dottor Saylors è specializzato in studi che mirano a comprendere e mitigare i rischi biologici e comportamentali della trasmissione di malattie. Il dottor Saylors ha lavorato con la rete di studi clinici dell’Università di Oxford in Vietnam sulla ricerca sulla sorveglianza delle malattie zoonotiche e continua a coordinarsi con i partner regionali sui focolai emergenti nelle popolazioni animali e umane.

 

Ma chi sono i partner con cui la dott.ssa Karen Saylors e Labyrinth Global Health scelgono di lavorare? Non sono altro che “Eco-Health Alliance” e “Metabiota”.

 

La dott.ssa Karen Saylors, Eco-Health Alliance e Metabiota hanno lavorato insieme al programma “PREDICT” dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) dal 2009, mentre Labyrinth Global Health ha lavorato insieme a EHA e Metabiota al programma PREDICT dal 2017.

 

Lanciato nel 2009 e finanziato da USAID, PREDICT era un sistema di allerta precoce per malattie nuove ed emergenti in 21 paesi. È stato guidato dal Davis One Health Institute dell’Università della California (“UC”) e i partner principali includevano EcoHealth Alliance (“EHA”), Metabiota, Wildlife Conservation Society e Smithsonian Institution, e come abbiamo appena rivelato; Salute globale labirinto. PREDICT è stato un precursore del più ambizioso Global Virome Project.

 

L’USAID descrive PREDICT come aver dato “contributi significativi al rafforzamento delle capacità diagnostiche di laboratorio e di sorveglianza globale per virus sia noti che scoperti di recente all’interno di diversi importanti gruppi di virus, come filovirus (inclusi ebolavirus), virus dell’influenza, paramyxovirus e coronavirus”.

 

Ecco uno dei tanti studi pubblicati da Eco Health Alliance, Metabiota e Labyrinth Global Health che dimostrano la connessione –

 

PREDICT ha collaborato con l’organizzazione no profit Eco Health Alliance (EHA) per svolgere il suo sforzo di 9 anni per catalogare centinaia di migliaia di campioni biologici, “inclusi oltre 10.000 pipistrelli”. Uno studio del 2015 finanziato da PREDICT sulla “diversità del coronavirus nei pipistrelli” includeva anche Peter Daszak, presidente dell’EHA, tra i suoi partecipanti.

 

Eco Health Alliance è elencata come partner del Wuhan Institute of Virology (“WIV”) nelle pagine archiviate del suo sito Web ed è stata menzionata come uno dei “partner strategici” dell’istituto dal vicedirettore generale del WIV nel 2018.

 

In particolare, la relazione tra la WIV e l’establishment americano della biodifesa è stata avanzata dal consulente politico dell’EHA, David R. Franz, ex comandante del laboratorio di armi biologiche degli Stati Uniti a Fort Detrick.

 

Il dottor Shi Zhengli di WIV, alias “Batwoman”, aveva anche lavorato con Daszak di EHA su studi relativi ai pipistrelli. Già nel 2005, Daszak e Zhengli stavano conducendo ricerche sui coronavirus simili alla SARS nei pipistrelli. Diversi studi finanziati da PREDICT su coronavirus simili alla SARS e influenza suina cou

Ulteriori informazioni su I dettagli del contratto trovati sul sito “USA Spending” rivelano in realtà che il dipartimento specifico del DOD che ha aggiudicato l’appalto era la Defense Threat Reduction Agency (DTRA). Il contratto è stato assegnato il 20 settembre 2012 e concluso il 13 ottobre 2020. dod ucraina covid 19 Sebbene i dettagli siano vaghi, il sito del governo degli Stati Uniti rivela anche che 21,7 milioni di dollari del contratto da 116,6 milioni di dollari sono stati spesi per un “programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina ‘. riduzione delle minacce biologiche ucraina Perché il Dipartimento della Difesa ha pagato una società che è presumibilmente “una società globale di ingegneria, approvvigionamento, consulenza e costruzione specializzata nello sviluppo di infrastrutture”, per contribuire all’attuazione di un “programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina”? E perché sia ​​il DOD che la suddetta società hanno poi pagato Labyrinth Global Health INC per condurre ricerche sul COVID-19 in Ucraina almeno un mese prima della presunta comparsa del nuovo coronavirus e tre mesi prima che fosse ufficialmente soprannominato Covid-19? Fondata nel 2017, Labyrinth Global Health è presumibilmente una “piccola impresa di proprietà di donne con una profonda esperienza e una comprovata esperienza a sostegno di iniziative per il progresso scientifico e medico”. Si descrivono come “un’organizzazione multiculturale e internazionale con uffici in quattro paesi e un team di esperti con background e competenze diversi, tra cui microbiologia, virologia, salute globale, infermieristica emergente per malattie infettive, antropologia medica, epidemiologia sul campo, ricerca clinica e salute sistemi di informazione.” Uno di questi uffici si trova a Kiev, in Ucraina, che l’azienda definisce “una porta d’accesso all’Europa orientale”. cresar una porta per l’Europa orientale Il gruppo dirigente di Labyrinth Global è composto da Karen Saylors, PHD, che è l’amministratore delegato; Mary Guttieri, PHS che è il Chief Science Officer; e Murat Tartan che è il direttore finanziario. Karen Saylors, PhD, che ha co-fondato Labyrinth Global Health, avrebbe lavorato nel campo della salute pubblica internazionale per oltre un decennio e ha trascorso molti anni vivendo in Africa creando reti di sorveglianza globale, “lavorando con i partner per migliorare la politica sanitaria globale sulle malattie infettive rilevamento, risposta e controllo della malattia”. A Labyrinth, il dottor Saylors è specializzato in studi che mirano a comprendere e mitigare i rischi biologici e comportamentali della trasmissione di malattie. Il dottor Saylors ha lavorato con la rete di studi clinici dell’Università di Oxford in Vietnam sulla ricerca sulla sorveglianza delle malattie zoonotiche e continua a coordinarsi con i partner regionali sui focolai emergenti nelle popolazioni animali e umane. Ma chi sono i partner con cui la dott.ssa Karen Saylors e Labyrinth Global Health scelgono di lavorare? Non sono altro che “Eco-Health Alliance” e “Metabiota”. La dott.ssa Karen Saylors, Eco-Health Alliance e Metabiota hanno lavorato insieme al programma “PREDICT” dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) dal 2009, mentre Labyrinth Global Health ha lavorato insieme a EHA e Metabiota al programma PREDICT dal 2017. Lanciato nel 2009 e finanziato da USAID, PREDICT era un sistema di allerta precoce per malattie nuove ed emergenti in 21 paesi. È stato guidato dal Davis One Health Institute dell’Università della California (“UC”) e i partner principali includevano EcoHealth Alliance (“EHA”), Metabiota, Wildlife Conservation Society e Smithsonian Institution, e come abbiamo appena rivelato; Salute globale labirinto. PREDICT è stato un precursore del più ambizioso Global Virome Project. L’USAID descrive PREDICT come aver dato “contributi significativi al rafforzamento delle capacità diagnostiche di laboratorio e di sorveglianza globale per virus sia noti che scoperti di recente all’interno di diversi importanti gruppi di virus, come filovirus (inclusi ebolavirus), virus dell’influenza, paramyxovirus e coronavirus”. Ecco uno dei tanti studi pubblicati da Eco Health Alliance, Metabiota e Labyrinth Global Health che dimostrano la connessione: PREDICT ha collaborato con l’organizzazione no profit Eco Health Alliance (EHA) per svolgere il suo sforzo di 9 anni per catalogare centinaia di migliaia di campioni biologici , “inclusi oltre 10.000 pipistrelli”. Uno studio del 2015 finanziato da PREDICT sulla “diversità del coronavirus nei pipistrelli” includeva anche Peter Daszak, presidente dell’EHA, tra i suoi partecipanti. Eco Health Alliance è elencato come partner del Wuhan Institute of Virology (“WIV”) nelle pagine archiviate del suo sito Web ed è stato menzionato come uno dei “partner strategici” dell’istituto dal vicedirettore generale del WIV nel 2018. In particolare, il la relazione tra la WIV e l’establishment americano della biodifesa è stata avanzata dal consulente politico dell’EHA, David R. Franz, ex comandante del laboratorio di armi biologiche degli Stati Uniti a Fort Detrick. Il dottor Shi Zhengli di WIV, alias “Batwoman”, aveva anche lavorato con Daszak di EHA su studi relativi ai pipistrelli. Già nel 2005, Daszak e Zhengli stavano conducendo ricerche sui coronavirus simili alla SARS nei pipistrelli.Malattia da coronavirus (COVID-19)

Ricevi informazioni aggiornate

L’accordo di trasferimento materiale è stato firmato il 12 dicembre 2019 da Ralph Baric, PhD, presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, e poi firmato da Jacqueline Quay, Direttore del Licensing and Innovation Support presso l’Università della Carolina del Nord il 16 dicembre 2019.

metterlo sia tradotto che nella versione originale (caso mai solo i link ma messi in evidenza)

 

 

LEGGI ANCHE

 

JOE & HUNTER BIDEN / I MEDIA AMERICANI DENUNCIANO GLI AFFARI PRESIDENZIALI IN UCRAINA 

28 Aprile 2022 di Andrea Cinquegrani

 

HUNTER BIDEN / TUTTI I “DIRTY BUSINESS” DEL FIGLIO DI JOE CON I BIOLABORATORI UCRAINI

25 Marzo 2022 di Andrea Cinquegrani

 

JOSEPH TRITTO / LA PARTNERSHIP USA-CINA PER COVID & BIOTERRORISMO 

30 Dicembre 2021 di Andrea Cinquegrani

 

BOMBA BIOLABORATORI AMERICANI IN UCRAINA / I PIANI DELLA “ZARINA” VICTORIA NULAND

9 Marzo 2022 di Andrea Cinquegrani

 

PENTAGONO / PROVOCAZIONI E ‘BIOLOGIC WARS’ CONTRO LA RUSSIA, DALL’UCRAINA ALLA GEORGIA

14 Febbraio 2022 di Andrea Cinquegrani

 

NEL CUORE DELL’UCRAINA / I 13 BIO-LABORATORI MILITARI & SUPER SEGRETI DEGLI STATI UNITI 

20 Gennaio 2022 di Andrea Cinquegrani

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento