Ruba una mela, per fame, è a rischio galera

Condividi questo articolo

Alzi la mano, si faccia avanti chi ritiene vi sia un’alternativa al sistema giudiziario in situazione di scacco, sconfitta da pool di legali retribuiti con porcelle milionarie e titolari di sotterranea subordinazione al potere politico, in complicità con una delle correnti interne che si riconoscono impropriamente in questo o quel partito. Riflessione malevola?  Per giudicarlo è significativo osservare questo ‘insolito’ bilancio: Silvio Berlusconi, in venticinque anni, è stato sottoposto a 36 (sì, trentasei) processi e quattro sono ancora in corso (anche il ‘Ruby ter’). L’esito in numeri: 11 sentenze di assoluzione, 10 processi archiviati, 8 prescritti. Per 2 è intervenuta l’amnistia. Condanne? Una, per il processo Mediaset del 2013 (frode fiscale).

Due tesi disponibili. O Berlusconi è vittima di stolking giudiziario, ‘imprenditore prestato alla politica, perseguitato pregiudizialmente dalla magistratura, o la potenza dei collegi di suoi difensori ha trovato terreno fertile, ‘sponda benevola’ in una giustizia ingiusta, che assolve i potenti per interessata deferenza.

Questo il prologo di una sensazione che paventa un nuovo flop della giustizia, in contraddizione con la richiesta di condanna a sei anni del ‘cavaliere’, per corruzione in atti giudiziari, la confisca degli immobili destinati a pagare le false testimonianze, o il silenzio, delle ragazze accusate di mentire sulle serate di Arcore e il sequestro di 10.846.123 euro. Cinque anni per Karima El Mahrou, 1 anno e 4 mesi alla senatrice Maria Rosaria Rossi (per falsa testimonianza), 2 anni al giornalista Carlo Rossella (anche lui per aver dichiarato il falso), 6 anni e 6 mesi per Luca Risso, ex compagno di Ruby, la confisca nei confronti di Ruby di 5 milioni di euro e di 3 milioni per Risso, varie condanne per le venti donzelle, ex ospiti delle serate di Arcore, che dalle requisitorie dei procuratori sono accusate di mentire perché ‘comprate’ dal patron di Mediaset e fondatore di Forza Italia, ridimensionato a ‘partitino’ (8%) e personalmente decimo nella graduatoria dei gradimenti dopo Draghi, Gentiloni, Conte, Meloni, Speranza, Franceschini, Bonino, Letta e Di Maio.

Richieste uguale a condanne? La mole ponderosa di precedenti ‘nulla di fatto’ non concede margini di ottimismo. Non a caso il legale di Berlusconi ha dichiarato spavaldo “Abbiamo argomenti solidi, molto solidi, per arrivare ad una definizione assolutoria. Il reato non c’è e tutto quello che è stato fatto oggetto di contestazione, è smentibile”. L’esternazione induce a sana curiosità: di argomenti parla? L’unica risposta è plasticamente rappresentata dai 35 precedenti di processi conclusi con la ‘non colpevolezza di Berlusconi, a dispetto di prove e testimonianze probanti.

Giustizia da riformare? Nessun dubbio, certamente non con il referendum del 12 giugno, di un test disseminato di ambiguità e compromessi.

E attenzione: “appello” rivolto a chi ha fame e ruba una mela. Non fatelo, la giustizia non vi perdonerà.

Condividi questo articolo

Lascia un commento