Fedina penale pulita? Scoprilo con il casellario giudiziale

Condividi questo articolo

Con l’espressione fedina penale ci si riferisce alla presenza o assenza di condanne penali, a carico di una persona.

Le varie condanne sono quasi sempre presenti in un archivio, ovvero il registro delle fedine penali. Esso è consultabile attraverso il casellario giudiziale, vale a dire un documento disciplinato dal D.P.R. n 313/2002 e rilasciato presso la Procura della Repubblica.

Pertanto, nel momento in cui si scarica il casellario giudiziale, è possibile consultare tutti i provvedimenti presi verso un soggetto, definitivi e irrevocabili.

Tutti coloro che necessitano di tale certificato, dovranno recarsi presso la Procura della Repubblica di competenza del territorio di riferimento. C’è proprio uno sportello apposito, dedicato alle richieste di controllo fedine penali.

Allo stesso tempo però, si tratta di una procedura che può richiedere diversi giorni. Tuttavia, è possibile chiedere il certificato del casellario giudiziale in via telematica. Esistono infatti dei siti che vi consentono di consultare questa documentazione, tranquillamente da casa vostra. Basti pensare al sito Tutto Visure, il leader nel settore.

Tra l’altro, procedendo con la domanda online, si avrà modo di accorciare le tempistiche. Di conseguenza, avrete l’opportunità di scoprire se una persona ha la fedina penale pulita nel giro di pochi giorni.

 

Casellario giudiziale certificato

Per chi non lo sapesse, non esiste soltanto un tipo certificato casellario giudiziale.

Andando nello specifico, è possibile distinguerne tre categorie: penale, civile e generale. Ognuno di essi ha una durata pari a sei mesi dal giorno dell’emissione e come suggerisce la loro denominazione, all’interno di ogni documento ci saranno i diversi tipi di reato.

Infatti, nel certificato civile ci sono tutti quei provvedimenti riguardanti la capacità dell’individuo (l’interdizione giudiziale, l’inabilitazione, oppure l’interdizione legale e l’amministrazione di sostegno), ma anche i fallimenti, i vari processi di espulsione e i ricorsi.

Consultando il certificato penale invece, si va proprio a scoprire la fedina penale di una persona. E’ senza ombra di dubbio uno dei documenti più importanti e utili nel campo lavorativo, dell’amministrazione e in quello elettorale.

Ma se si avesse intenzione di fare un quadro più completo, il certificato generale è senza ombra di dubbio quello più idoneo. Il motivo risiede nel fatto che include sia le possibili condanne penali, sia quelle di natura civile o amministrativa.

Consultare il casellario giudiziale risulta essere fondamentale in svariati settori. Basti pensare ai concorsi, alle gare d’appalto, alle richieste di adozioni e permessi di soggiorno/cittadinanza, così come per qualsiasi tipo di assunzione lavorativa.

 

Casellario giudiziale come richiederlo

A questo punto sorge spontanea la domanda: in che modo è possibile ottenere il certificato?

Come vi abbiamo già accennato in precedenza, si può chiedere il documento presso uno degli sportelli fisici adibiti alle pratiche sulle fedine penali, presso la Procura della Repubblica del proprio territorio.

Il certificato potrà richiederlo soltanto il titolare oppure un suo delegato. Questo perché la persona interessata, sarà tenuta a firmare una serie di moduli preimpostati, volti all’ottenimento del documento. Ci sono comunque casi rari in cui è un altro soggetto a farne le veci, come ad esempio un casellario giudiziale su minore, o un detenuto.

Tuttavia, nel caso in cui non si dovesse avere modo o tempo di recarsi fisicamente agli uffici, sarà possibile chiedere il casellario giudiziale online, attraverso pochi e semplici passaggi.

Per avviare la procedura, dovrete innanzitutto collegarvi sul sito web che offre questo servizio (come ad esempio Tutto Visure). A questo punto, vi chiederanno di inserire una serie di dati anagrafici e di specificare quale tipo di certificato desiderate (se per l’appunto civile, penale o generale).

Una volta effettuata la domanda, riceverete il responso nella vostra casella di posta elettronica, in una decina di giorni massimo.

Condividi questo articolo

Lascia un commento