CINA / SEMPRE PIU’ SCHIERATA CONTRO I ‘BANDITI’ AMERIKANI   

Condividi questo articolo

Alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato con ogni probabilità sono diventati totalmente sordi.

Un giorno sì e l’altro pure i vertici a stelle e strisce chiedono alla Cina di usare la sua influenza per convincere la Russia a mollare.

Ma non sentono – o meglio, non vogliono sentire – quello che le autorità cinesi dicono a chiare lettere. O scrivono a caratteri cubitali attraverso il loro sito ufficiale, ‘Global Times’. Dove regolarmente, ogni giorno, fin dall’inizio del conflitto, campeggiano le prese ‘ufficiali’ di posizione: un netto NO agli Usa, etichettati come fomentatori di guerra, stragisti continui e banditi.

Più chiari di così non si può. Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, come ‘Sleepy’ Joe Biden: se comunque è un pericoloso rincoglionito, perché caso mai il più sveglio numero uno del Dipartimento di Stato, il ‘falco’ Tony Blinken, non gli legge qualche report griffato ‘Global Times’?

Passiamo quindi, in rapida carrellata, un paio di servizi al calor bianco contro gli Usa.

11 aprile. Scrive testualmente il sito cinese: “L’imposizione di sanzioni ad altri paesi e il congelamento dei loro beni hanno reso gli Stati Uniti il numero uno dei banditi economici al mondo, afferma la Cina”.

“La portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, riferendosi alle sanzioni statunitensi e al congelamento dei beni di altri paesi da parte di Washington, ha descritto gli Usa come il ‘bandito economico’ numero uno al mondo”.

“Truffare il mondo con il Quantitative Easing. Congelamento delle riserve valutarie iraniane. Sequestro dei beni afgani. Congelamento di 300 miliardi di dollari di riserve auree e valutarie della Russia oltre ai beni delle sue società e individui all’estero. Sicuramente questi sono sufficienti per rendere gli Stati Uniti il bandito economico numero uno al mondo, ha denunciato martedì tramite un messaggio pubblicato sul suo account twitter”.

“Nella stessa giornata di martedì, la portavoce cinese ha condannato che, a causa delle sanzioni statunitensi, circa un milione di bambini afgani di età inferiore ai cinque anni rischiano di morire per malnutrizione”.

“Negli ultimi anni il governo degli Usa ha utilizzato una serie di misure coercitive, comprese sanzioni unilaterali, per fare pressione sui paesi che non sono coerenti con le sue politiche”.

Ancor più esplicito – caso mai ce ne fosse bisogno – il tono e il contenuto di un editoriale pubblicato dal ‘Global Times’ il 13 aprile e intitolato, in modo significativo, “Genocidio – Lo slogan di Biden per fare da capro espiatorio alla Russia e salvare la sua carriera politica”.

Una lucida analisi circa il ‘perché’ la Casa Bianca non vuole assolutamente che il conflitto in Ucraina cessi: anche e soprattutto per motivi ‘politici’, elettorali, visto che Joe Biden dovrà vedersela tra pochi mesi con le elezioni di medio-termine, ed i sondaggi sono in netto calo per lui. Così spera, ‘Sleepy Joe’, di poter sventolare, in vista del voto, la bandiera della vittoria sul nemico di sempre, la Russia di Vladimir Putin, un ‘macellaio’ da   eliminare a tutti i costi.

Ecco quindi, di seguito, il pezzo pubblicato dal ‘Global Times’ nella sua versione integrale.

 

“Genocidio” Lo slogan di Biden per fare da capro espiatorio

alla Russia, salvare la carriera politica

 

di Global Times

 

La retorica del “genocidio” è tornata in scena. Per la prima volta, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha usato il termine per descrivere le azioni della Russia in Ucraina.

“Il tuo budget familiare, la tua capacità di riempire il tuo serbatoio – niente di tutto ciò dovrebbe dipendere dal fatto che un dittatore dichiari guerra e commetta un genocidio dall’altra parte del mondo”, ha detto Biden in un discorso in Iowa martedì.

È interessante notare il contesto in cui la linea è stata pronunciata: poiché l’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il massimo da 40 anni, il tema del discorso riguardava “l’abbassamento dei costi energetici per le famiglie che lavorano”. In altre parole, quando Biden non ha mostrato alcuna capacità di risolvere gli enigmi interni degli Stati Uniti, si è rivolto a un comodo capro espiatorio: la Russia questa volta.

Biden ha buttato via il termine “genocidio” facilmente e casualmente, senza prove solide. In seguito ha aggiunto che “lasceremo che gli avvocati decidano a livello internazionale se si qualifica o meno, ma sicuramente mi sembra così”. La verità è che non importa se si qualifica; la linea non è stata pronunciata alla Russia, ma agli americani.

Pur essendo criticato e interrogato sull’incompetenza e l’inefficacia dell’amministrazione Biden nel governare gli Stati Uniti, Biden ha appuntato un’etichetta ambigua sulla Russia per distrarre l’attenzione della gente dalla lenta economia degli Stati Uniti urlando per il conflitto dall’altra parte del globo. Sullo sfondo attuale, “genocidio” è uno slogan da usare.

Stava tentando di salvare i suoi indici di approvazione e la carriera politica. Accusando la Russia di aver commesso un “genocidio”, Biden può acuire il confronto degli Stati Uniti con la Russia, aggravare le tensioni in Ucraina e affermare che sta guidando gli Stati Uniti nel mezzo di una grave crisi.

Desidera ottenere più voti durante le imminenti elezioni di medio termine attraverso la tattica, ha detto al Global Times Li Haidong, professore alla China Foreign Affairs University.

Da una prospettiva globale, l’accusa di “genocidio” avanzata dagli Stati Uniti ha da tempo perso la sua forza per creare una tempesta, poiché Washington ha lanciato il termine in giro per il mondo ogni tanto. Subito prima del conflitto Russia-Ucraina, la Cina è stata accusata di “genocidio” nella sua regione autonoma uigura dello Xinjiang.

L’elenco è ancora più lungo. Al di là dell’Olocausto, il Dipartimento di Stato americano ha ufficialmente concluso che il genocidio è stato commesso otto volte. Se si tiene conto anche delle osservazioni dei singoli politici, la frequenza con cui viene sollevato il termine è molto più alta. Gli Stati Uniti hanno eccessivamente diluito il significato della parola.

Il “genocidio” è diventato uno strumento di cui gli Stati Uniti hanno approfittato per perseguire i propri obiettivi politici. Per la gente comune, potrebbe essere diventata una norma sentire gli Stati Uniti parlarne ad alta voce. Pochi lo prenderebbero più sul serio. Gli Stati Uniti non sono mai stati l’avatar della giustizia, né la loro formulazione pertinente è sacra. Se c’è un genocidio, dovrebbe essere determinato sulla base dei fatti, piuttosto che su ciò che direbbero gli Stati Uniti, secondo Shen Yi, professore alla Fudan University.

Nessuno sa cosa significhi davvero genocidio meglio degli Stati Uniti.

“Non dimentichiamo che gli Stati Uniti sono stati costruiti sul genocidio”, ha detto Shen, aggiungendo che gli Stati Uniti hanno massacrato le popolazioni indigene, preso le loro terre e fondato il paese. Un trattamento più brutale nei confronti dei nativi americani può essere rintracciato in seguito. Nel 1814, il governo degli Stati Uniti decretò che avrebbe assegnato da $ 50 a $ 100 per ogni teschio indiano ceduto. Il governo degli Stati Uniti ha anche utilizzato sistematicamente le riserve indiane come discariche di rifiuti tossici o nucleari attraverso l’inganno e la coercizione.

Il genocidio è il peccato degli Stati Uniti che non potrà mai essere cancellato. Ma Washington ha afferrato il diritto di definire il termine. Si descrive come il dio della libertà, che ha liberato le persone che vivono nell’ignoranza, nella barbarie e nella desolazione, e dicendo che gli Stati Uniti sono il faro che ha portato la civiltà.

Il pubblico di tutto il mondo, in particolare quello dei paesi non occidentali, ha iniziato a vedere attraverso la manipolazione dell’opinione pubblica statunitense. È il meno qualificato per appuntare l’etichetta su qualsiasi altro paese.

Nella crisi ucraina in corso, la mappa della partecipazione globale alle sanzioni contro la Russia racconta la sua storia: la maggior parte dei paesi non si schiera, non importa quanto gravemente gli Stati Uniti caratterizzino la Russia, o quanto sia alto il terreno morale che Washington sostiene di aver resistito su.

Se gli Stati Uniti sollevano il “genocidio”, hanno un vecchio conto da regolare per primi. “E dai un’occhiata al trauma che gli Stati Uniti hanno portato nel mondo dalla seconda guerra mondiale, il danno non è meno distruttivo del genocidio”, ha detto Li.

Come disse una volta il presidente turco Recep Tayyip Erdogan: “Se dici genocidio, allora devi guardarti allo specchio e fare una valutazione”.

Condividi questo articolo

Lascia un commento