LA REPORTER USA DI GUERRA LARA LOGAN / ECCO LA VERA UCRAINA 

Condividi questo articolo

Il conflitto ucraino raccontato da un’inviata di guerra con un’esperienza ultratrentennale (35 per la precisione) nei media a stelle e strisce: si tratta di Lara Logan, un nome una storia, diventata famosa, negli Usa, per la sua mitica trasmissione d’inchiesta ’60 minutes’. Ha assunto posizioni molto dure sul fronte dell’Afghanistan contro l’establishment Usa, mentre su quello del Covid ha attaccato a testa bassa il supervirologo-guru Anthony Fauci.

Nel corso di un programma – rompendo la solita cortina di omertà & disinformazione – ha sganciato un serie di ‘Truth Bombs’ (‘Bombe di Verità), come le hanno subito battezzate i tanti telespettatori che hanno seguito il programma e hanno fatto esplodere i centralini.

Ecco alcuni passaggi salienti della sua lunga intervista, che potete anche ascoltare cliccando sul link in basso, così come riportata dal battagliero sito di controinformazione ‘Renovatio 21’.

Sullo stallo militare dell’esercito russo: “Non mi bevo questa versione neanche per un secondo. E sarò onesta con te, penso davvero che oggi ci sia così tanta disinformazione in giro: non abbiamo visto mai niente di simile”.

A proposito dei biolaboratori ucraini finanziati dagli Stati Uniti: “La Russia non sta avendo difficoltà. Non sono andati diritti a Kiev, sono andati in tutti quei biolaboratori che sono sparpagliati per il Paese. Alcuni li hanno costruiti loro: così sanno dove sono. Noi siamo entrati dopo la caduta dell’Unione Sovietica e abbiamo trasformato quelle strutture da laboratori di salute pubblica in laboratori di armi biologiche”.

Parla del battaglione nazi ‘Azov’: “Vedi la disonestà quando si tratta del battaglione Azov, che è finanziato dagli Stati Uniti e dalla NATO. Puoi trovare le loro foto online con in mano la bandiera della NATO e la svastica. E allo stesso tempo indossano un emblema che contiene il sole nero dell’occulto, che era un emblema delle SS naziste. E contiene anche simboli come il lampo delle SS. Questo è presente in tutto l’esercito ucraino”.

“Puoi vedere quel sole nero dell’occulto sui loro giubbotti antiproiettile, perfino sulle divise delle soldatesse fatte sfilare davanti al mondo come esempio dell’indipendenza, dello spirito e della nobiltà ucraina. La Casa Bianca vuole che tu creda che questo non ha importanza, che è solo un piccolo numero di soldati. Non è vero. Il battaglione Azov si è fatto strada uccidendo nell’Ucraina orientale. Non vogliamo ammetterlo. Questo è il motivo per cui la Crimea ha votato per l’indipendenza. Questo è il motivo per cui ha voluto stare con la Russia. Perché noi dei media e in Occidente non riconosciamo la realtà di ciò che sta succedendo”.

Sotto il profilo storico, spiega Lara Logan, “L’Ucraina occidentale ha sostenuto i nazisti. Era un quartier generale delle SS. La CIA e Allen Dulleshanno dato l’immunità ai nazisti ucraini ai processi di Norimberga. Quindi c’è una lunga storia degli Stati Uniti e delle nostre agenzie di Intelligence che finanziano e armano i nazisti in Ucraina”.

“Questi non sono come i nuovi gruppi neonazisti che sono spuntati dal nulla. Questi sono i veri nazisti della Seconda Guerra Mondiale”.

Venendo a fatti più recenti, cioè alla ‘rivoluzione’ (sic) arancione e al successivo golpe del 2014: “La CIA ha sponsorizzato la rivoluzione colorata in Ucraina nel 2013 e nel 2014. Hanno selezionato i leader dell’Ucraina. Tieni presente la telefonata trapelata di Victoria Nuland, dove lei e l’ambasciatore USA decidono chi può guidare l’Ucraina. C’è tutta l’interferenza che puoi immaginare”.

Sul nuovo eroe internazionale Volodymyr Zelensky: “E’ un burattino, che puoi trovare su internet in tacchi a spillo neri e pantaloni di pelle a torso nudo mentre fa una parodia di ‘Ballando con le stelle’. E voglio dire che Zelensky è stato selezionato come tanti dei nostri leader. E onestamente, con la grande tecnologia e con le frodi elettorali di questi tempi, non sappiamo quanti leader in tutto il mondo siano stati selezionati per noi e non siano stati effettivamente votati”.

“Quello che sappiamo è che ci sono problemi crescenti con la tecnologia e la digitalizzazione del nostro mondo. Guarda cosa sta succedendo con il Covid. Guarda cosa è successo a livello globale. Stiamo combattendo le stesse battaglie in tutto il mondo. Fingere che questa guerra riguardi Russia e Ucraina è solo una menzogna”.

Vladimir Putin ha avvertito per 15 anni che non sarebbe stato a guardare mentre i globalisti conquistano il mondo, costruiscono strutture per armi biologiche. L’Ucraina è stata il centro del riciclaggio di denaro per molti leader americani. Miliardi di dollari sono stati riciclati attraverso l’Ucraina. E noi non diciamo nulla al riguardo. Questi dollari sono le nostre tasse”.

 

LINK VIDEO

Le rivelazioni di Lara Logan: Ucraina e menzogne

Condividi questo articolo

Lascia un commento