Bill Gates e la sua “caccia alle streghe” di carne rossa

Condividi questo articolo

Una lettera appena pubblicata su The Lancet ha esposto le metodologie imperfette utilizzate nel progetto Global Burden of Disease, finanziato da Gates, che suggerisce erroneamente che la carne rossa è intrinsecamente dannosa e qualsiasi quantità consumata contribuirà alla malattia.

 

  • Il consumo di carne rossa è stato demonizzato a causa dei suoi presunti impatti negativi sull’ambiente e sulla salute.
  • Scopri perché non è la carne rossa il problema: è il sistema di produzione che è in errore, e perché il pascolo rigenerativo adattato alle condizioni locali è la risposta.
  • Lo sapevi che, grammo per grammo, la produzione di grano e riso produce emissioni di gas serra molto più elevate rispetto a agnello, capra o bufalo? L’allevamento industriale di carne bovina è un problema comunque lo si guardi.
  • La narrativa tradizionale ci spinge a preoccuparci delle emissioni di gas serra, ma non ci dice come i suoli agricoli possano essere prontamente convertiti in pozzi di carbonio incredibilmente efficaci.
  • Una lettera appena pubblicata due settimane fa su The Lancet ha esposto le metodologie imperfette utilizzate nel progetto Global Burden of Disease (GBD) finanziato da Gates che suggerisce erroneamente che la carne rossa è intrinsecamente dannosa e qualsiasi quantità consumata contribuirà alla malattia.
  • Un ulteriore sguardo ai dati del GBD 2019 ha numerosi risultati anomali che mostrano che i dati non valgono i soldi di Gates con cui sono stati finanziati. Dai un’occhiata e condividi la nostra infografica scaricabile.
  • La maggior parte dei risultati sembra essere collegata a programmi di promozione che si adattano perfettamente a un modello di business-with-disease che è fortemente alimentato dai finanziamenti della Gates Foundation.

Qualsiasi mangiatore di carne rossa tra voi sarà consapevole che sta diventando sempre più antipoliticamente corretto fare ciò che i vostri antenati cacciatori-raccoglitori sembrano aver fatto dal punto di vista alimentare per aiutare tutti noi a vedere la luce del giorno.

Il motore di questo cambiamento di percezione ha meno a che fare con l’etica, poiché poco è cambiato oltre alla maggiore adozione di allevamenti disumani di animali . Ha più a che fare con l’accumulo di prove che indicano i danni ambientali e per la salute associati al consumo di carne, in particolare la carne rossa, e ancor più soprattutto il consumo di manzo.

Certo, non cacciamo più con la lancia. La maggior parte della carne nei paesi industrializzati viene prodotta industrialmente negli allevamenti intensivi. Gran parte del mangime per questi animali è geneticamente modificato ed è stato importato su grandi distanze.

 

Qualsiasi revisione della totalità delle prove disponibili suggerisce che questo tipo di produzione di carne è dannoso per l’ambiente, contribuendo in modo significativo alle emissioni di gas serra. È anche eticamente sospetto dato che ci sono modi molto più gentili di allevare animali, e il punto su cui molti si concentrano ora è: fa male alla salute.

In questo articolo, faremo un po’ di luce su dove siamo sia sugli aspetti ambientali che sulla salute del consumo di carne rossa.

 

 

Carne e ambiente

Iniziamo cercando di abbattere alcune delle complessità.

Uno studio che raccoglie i dati di 200 paesi pubblicati su Nature Food a settembre , finanziato in parte dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, ha suggerito che il cibo di origine animale (inclusi mangimi per il bestiame, trasporti ecc.) ha contribuito a uno sbalorditivo 57% della serra globale emissioni di gas (GHG).

Gli alimenti a base vegetale, in confronto, hanno contribuito solo per la metà a questa quantità (29%).

La storia “carne e latticini causano il doppio delle emissioni” di questo documento è diventata globale. Eccolo nell’Independent , Scientific American e nel Vegetarian Times del Regno Unito .

Un chiodo nella bara per la carne, vero?

 

La produzione di carni diverse produce emissioni molto diverse

Quando guardi più in profondità nello stesso studio, vedi differenze sbalorditive nelle emissioni di anidride carbonica per grammo di carni diverse, con alcune carni rosse che contribuiscono meno di alcuni alimenti vegetali.

Ad esempio, lo studio approvato dalla corrente principale che si basa sulla produzione di riso e grano, i due alimenti base più comuni, emette più gas serra rispetto alla carne di pecora (a volte indicata anche come montone e agnello), così come la carne di capra o di bufalo ( vedere Fig. 1).

Questo da solo significa che dire che la carne, o anche solo la carne rossa, produce più gas serra rispetto ai cibi vegetali, è un non sequitur. In parole povere, è una falsità o una bugia.

I dati ci dicono anche che è irrazionale raggruppare tutte le carni rosse nella stessa categoria se stai cercando di ridurre l’impatto ambientale. Manzo e pecora sono come mele e arance. Così come il riso e il mais, di nuovo, perché metterli insieme, a meno che non ci sia un altro programma?

 

Emissioni di produzione di carne in termini di superficie agricola

Se si considerano le emissioni per unità di superficie agricola, le cose sembrano piuttosto disastrose per la produzione di carne in aree come l’UE e il Medio Oriente (Fig. 2). Ma non lo fanno nel sud e nel sud-est asiatico. Che cosa vi dice?

Non è la produzione di carne in sé il problema, è il sistema di produzione degli alimenti di origine animale che è un problema in alcune parti del mondo. E non negli altri. Incolpare il sistema di produzione, non l’animale.

Ovviamente questo ha molto a che fare con il fatto che gli animali siano allevati in sistemi di allevamento industrializzati con grano importato, come puoi vedere (Fig. 2).

 

Produzione di carne: l’impatto sulle emissioni dell’importazione e dell’esportazione

Vedete anche enormi contributi GHG dall’importazione o dall’esportazione di mangimi per alimenti di origine animale (Fig. 3). Le cose vanno particolarmente male per l’Europa che ha pochi pascoli rispetto al Nord America, che, comparativamente, viene fuori piuttosto bene (Fig. 3).

Figura 3. Emissioni di gas a effetto serra dovute all’importazione e all’esportazione di alimenti di origine vegetale e animale in diverse regioni. Dove NA = Nord America; SA = Sud America; UE = Unione Europea; MENA = Medio Oriente e Nord Africa; SSA = Africa subsahariana; CSI = Commonwealth degli Stati Indipendenti; CM = Cina e Mongolia; SSEA = Sud e Sud-Est asiatico e; OC = Oceania e altra Asia orientale. Fonte: Xu et al , 2021 .

Finora, possiamo concludere che mettere carni diverse, anche rosse, nella stessa categoria, ignorando le enormi differenze nei sistemi di produzione nelle diverse parti del mondo, significa non poter vedere il legno per gli alberi.

Ciò significa non essere in grado di dare priorità ai cambiamenti nel sistema di produzione o nell’uso del suolo che fanno la differenza maggiore in termini di emissioni, soprattutto quando dobbiamo riconoscere che il consumo di carne è fortemente correlato al miglioramento del tenore di vita.

Contrariamente a quanto spesso siamo portati a credere, gli studi basati sulla popolazione che utilizzano i dati delle Nazioni Unite mostrano anche che l’aumento del consumo di carne è correlato a una migliore aspettativa di vita .

Ma la semplificazione eccessiva e la logica scorretta che continua a stigmatizzare il consumo di carne non si ferma qui.

Se ti concentri solo sulle emissioni e ignori la capacità di suoli agricoli sani e carichi di materia organica di agire come pozzi di carbonio (denominati sequestro del carbonio), perdi l’altra metà o più di quello che è un quadro altamente complesso.

 

Cattura del carbonio nel suolo agricolo: l’altra faccia della medaglia delle emissioni

I sistemi di pascolo naturale a bassa intensità possono presentare una risposta incredibilmente importante. Il biologo dello Zimbabwe Allan Savory ha a lungo sostenuto che “ il pascolo olistico pianificato ” può essere uno dei modi migliori per convertire i terreni marginali in sistemi di cattura del carbonio.

Ma il pascolo rigenerativo ha preso piede in tutto il mondo, anche nel Regno Unito , dove è stato dimostrato che produce una produzione maggiore perché funziona in armonia con i cicli naturali.

Piantare colture sulle terre più marginali adatte al pascolo, soprattutto se monocoltivate e dipendenti da elevati apporti di fertilizzanti, erbicidi e pesticidi , fa esattamente l’opposto: uccide i microbi nel suolo e impedisce al suolo di sviluppare la ricca materia organica e microbica contenuti che possono assorbire così efficacemente il carbonio dall’atmosfera .

Ciò significa che i sistemi di allevamento di animali a bassa intensità, come sono comuni in luoghi come il Regno Unito, danno un contributo molto minore alle emissioni e agiscono come pozzi di carbonio più efficaci rispetto alla media globale.

La National Farmers Union (NFU) sostiene che la produzione di carne bovina nel Regno Unito causa solo il 40% delle emissioni rispetto alla media mondiale della produzione di carne bovina, e quindi non dovrebbe essere spinta al declino stigmatizzandola.

Invece, afferma Minette Batters, presidente della NFU , l’agricoltura britannica può raggiungere emissioni nette zero entro il 2040 diventando più efficiente, catturando più carbonio nel suolo e nelle piante e spostando più emissioni di carbonio.

Tutto questo fa parte del piano ambizioso ma ancora realistico della NFU Achieving Net Zero . Una migliore cattura del carbonio è proposta attraverso siepi più grandi, più alberi, migliorando la materia organica del suolo e conservando le riserve di carbonio nei prati e nei pascoli.

 

Ma la carne non è pericolosa da mangiare?

Avendo posto le basi per il motivo per cui la carne rossa stessa non è necessariamente dannosa per l’ambiente se gli animali vengono allevati con sistemi di produzione sostenibili, potresti comunque pensare che sia meglio evitarla per motivi di salute, se non ambientali.

È qui che la maggior parte delle strade portano a The Lancet , la Bill and Melinda Gates Foundation ha finanziato gli studi Global Burden of Disease e la Commissione EAT-Lancet che ha riportato i suoi risultati nel gennaio 2019. Hai capito: è praticamente un Gates/Lancet affare.

Quando il COVID-19 è emerso come un tema dominante in così tante delle nostre vite, l’opinione dominante era che la carne fosse piuttosto pericolosa a tutti gli effetti: per l’ambiente e per la salute.

La Commissione EAT-Lancet è stata un elemento chiave nel portare la mentalità del pubblico a questo punto di vista – e abbiamo pubblicato una confutazione di 25 pagine all’output di 47 pagine pubblicato da Lancet poco dopo che è stato pubblicato nel gennaio 2019 con una fanfara pubblicitaria. Quindi non ne parleremo di più qui a parte il fatto che il rapporto EAT-Lancet era profondamente imperfetto (ampi motivi sono stati forniti nella nostra confutazione ).

 

Il grande fiasco di Gates GBD

L’idea che la carne rossa sia intrinsecamente dannosa è stata perpetuata dai risultati dell’ultimo aggiornamento (2019) dello studio Global Burden of Disease finanziato da Gates . Tra i risultati dello studio c’era che il livello teorico minimo di esposizione al rischio (TMREL) per la carne rossa dovrebbe essere cambiato da 22,5 grammi al giorno (fissato nel 2010) a 0 grammi al giorno.

Questo drammatico cambiamento implica che la carne rossa è intrinsecamente dannosa e più mangi, maggiore è il rischio di malattie che possono ucciderti, come malattie cardiache, cancro o diabete.

Il problema è che questo tipo di dose-risposta non è supportato da un’ampia gamma di altri dati dal mondo reale, incluso un altro studio globale pubblicato a settembre 2021 incentrato specificamente sulla carne non trasformata e trasformata, vale a dire una nuova analisi del PURE globale ( Prospettiva coorte di epidemiologia rurale urbana ).

Oppure potresti voler dare un’occhiata a un altro studio epidemiologico globale, basato sui dati delle Nazioni Unite, che ha rilevato che l’assunzione di carne in 175 paesi o territori era positivamente correlata con l’aumento dell’aspettativa di vita.

 

Il GBD di Gates è ferito a morte?

Avanti veloce fino a un paio di settimane fa, quando una lettera molto schiacciante, pubblicata su The Lancet , da sei scienziati ha messo in discussione le metodologie e i risultati dello studio GBD 2019 . Il team di sei era guidato dalla prof.ssa Alice Stanton del Royal College of Surgeons in Irlanda.

Stanton et al sbattono la base scientifica su cui lo studio GBD 2019 ha affermato che il tasso di mortalità attribuibile alla carne rossa era 36 volte maggiore di quello riscontrato solo due anni prima, nel rapporto GBD 2017. Un aumento di tale portata sicuramente non può essere dovuto a una risposta biologica, sia dai sistemi di produzione che dalla risposta della salute umana a un particolare tipo di cibo.

Gli autori dello studio GBD 2019 riconoscono i cambiamenti nelle metriche e nelle fonti di dati, suggerendo che i dati che avevano per l’analisi del 2019 erano di qualità migliore rispetto a quelli per il 2017. Sembra tutto plausibile, finché non si guarda alla manipolazione, ancora una volta, intrapresa per gentile concessione di finanziamento da parte di Gates.

Tra i travestimenti scientifici che hanno portato i collaboratori del GBD 2019 finanziati da Gates a demonizzare la carne rossa c’erano:

  • Senza dati sufficienti, ma presumibilmente senza carenza di convinzioni, gli autori presumevano che il consumo di carne rossa e la cardiopatia ischemica, il cancro al seno, l’ictus emorragico e l’ictus ischemico fossero ora diventati causalmente associati.
  • Dati insufficienti sono stati resi disponibili dai collaboratori del GBD 2019 per valutare in modo indipendente la conclusione che il rischio di ictus fosse maggiore per coloro che consumavano solo modeste quantità di carne rossa al giorno (50 grammi) rispetto a coloro che non ne consumavano.Perché i dati grezzi non sono stati resi disponibili data la necessità di trasparenza?
  • Stanton e colleghi criticano gli autori del GBD per aver violato le linee guida sulle migliori pratiche richieste da The Lancet e da tutte le principali riviste mediche e scientifiche, in particolare per le stime sulla salute globale,GATHER (Guidelines for Accurate and Transparent Health Estimates Reporting) e PRISMA (Preferred Reporting Items per revisioni sistematiche e meta-analisi), per revisioni sistematiche e meta-analisi.

Questo disprezzo per le linee guida intese a garantire una scienza di alta qualità avrebbe dovuto essere sufficiente per rifiutare lo studio o, se scoperto retrospettivamente, far ritirare l’articolo.

Purtroppo, è più probabile che i governi sviluppino politiche su dati errati e Gates continui la sua acquisizione globale di “carne vegetale/artificiale”. Ti ho sentito chiedere: quando è stato rifiutato l’ultima volta uno studio finanziato da Gates? Non ne siamo a conoscenza. Sembra che quando controlli le persone con i tuoi soldi puoi cavartela con molte cose che altri non possono.

Per un’analisi dettagliata di dove GBD 2019 è andato storto, vedere un’illuminante esposizione dell’amica e collega Zoë Harcombe Ph.D. emesso il 7 marzo.

 

Istantanea di GBD 2019

La lettera di Alice Stanton a The Lancet ci ha indotto a guardare di nuovo lo studio sulla GBD.

Ciò che puoi notare al suo interno è un’intera gamma di incongruenze che suggeriscono fortemente che i dati sottostanti o i metodi di analisi siano difettosi. O entrambi. Abbiamo preso parti chiave della sezione che si occupa dei rischi e le abbiamo raccolte in un’infografica (Fig. 5).

Scarica l’infografica come PDF condivisibile e stampabile

Lasceremo in gran parte che l’infografica parli da sola, oltre a richiamare alla tua attenzione alcune delle grandi incongruenze che ci ricordano che non vorremmo che le politiche di salute pubblica – o le decisioni individuali di cura di sé – fossero eccessivamente influenzate dagli studi sulla GBD.

Facciamo alcuni esempi che fanno venire l’acquolina in bocca:

  • Uno dei maggiori rischi di malattie croniche a livello globale sembra essere un basso consumo di latte vaccino.È molto strano quando le mucche producono latte per i vitelli, non per gli esseri umani. Il latte vaccino non è un alimento essenziale, ed è un alimento al quale un gran numero di persone manifesta intolleranza o allergia.

Puoi vedere anche nelle due colonne di destra, il rischio di malattie negli ultimi 30 e anche negli ultimi 10 anni non è migliorato molto, suggerendo che dovremmo tutti spingere più persone a bere più latte. Che cosa? E soffri di più intolleranza, permeabilità intestinale, problemi digestivi, immunitari e altri?

  • E l’attività fisica?Si scopre che, se vuoi seguire i consigli dei collaboratori di GBD, stai perdendo tempo ad essere attivo. Potresti sviluppare un indice di massa corporea elevato (cioè diventare obeso), ma non è nemmeno un grande fattore di rischio, a quanto pare.

Quindi siediti sul divano e prendi il telecomando della TV: non farà molta differenza in entrambi i casi. Se poi vuoi aprire alcune lattine della tua “bevanda zuccherata” preferita, va bene anche questo – rappresenta solo un rischio relativamente basso per te – quindi se ti rende felice, provaci.

  • Ora, per favore, tuffati nel tuo fast food più vicino e porta in te quei grassi polinsaturi, anche gli oli di semi altamente trasformati (GBD non distingue la qualità del cibo all’interno delle principali categorie alimentari).

Ma aspetta, uno dei maggiori rischi là fuori è la carenza di oli omega-3 dai frutti di mare – sì – forse questa volta hanno ragione – ma cosa ne faremo quando non possiamo fidarci così tanto del altri dati?

  • Qualcosa di una storia di successo evidente nei dati (ancora nell’infografica) sembra essere la riduzione del colesterolo LDL alto che sembra non essere così pericoloso come siamo stati portati a credere.

Ma almeno la tendenza è andata nella giusta direzione, senza dubbio a causa delle campagne aggressive dei medici per spingere le statine sugli ultracinquantenni.

  • Ma ehi, le persone riescono ancora a diventare più pesanti (e presumibilmente più grasse) nel tempo, come dimostrano le tendenze negative dell’indice di massa corporea (BMI) negli ultimi 30 e 10 anni, rispettivamente.

Un altro dei tanti fallimenti della salute pubblica, ma altamente redditizio per coloro che ci vendono le loro merci.

Qualsiasi scienziato razionale che osserva i risultati del GBD, come Alice Stanton, direbbe che c’è qualcosa che non va nei dati o nella loro analisi.

 

Come mai così tanto non è coerente con gli studi empirici o osservazionali nel mondo reale e punta nella direzione di avvantaggiare alcuni degli individui e delle società più potenti del pianeta?

Il tipo di cose di cui stiamo parlando include:

  • Grani monocolturali coltivati ​​con l’ausilio di enormi quantità di input agrochimico numero uno al mondo.
  • Glifosato.
  • Carne artificiale (a base di cellule).
  • Bevande o bibite gassate zuccherate, latticini e, naturalmente, statine.
  • La scienza spazzatura supporta il cibo spazzatura che fornisce salute spazzatura. Tutto sui soldi di Gates.

Gli investimenti di Gates in terreni e carne finta

 

IN CONCLUSIONE

Senza ulteriori indugi, vorrei concludere come segue:

  1. Un’abbondanza di prove mostra che la produzione di carne non è intrinsecamente dannosa per l’ambiente. Dipende da come e dove allevi i tuoi animali, ed è diverso per animali diversi allevati in luoghi diversi.
  2. Un’abbondanza di prove mostra anche che la carne, anche la carne rossa, non è intrinsecamente dannosa per la salute. Ma alcuni tipi di carne, prodotti da determinati sistemi di produzione, consumati nell’ambito di determinati schemi alimentari (malsani) sono chiaramente dannosi per la salute.
  3. Non ci sono prove che demonizzare la carne e incoraggiare un numero sempre maggiore di persone sul pianeta a evitare di mangiare carne o di consumare latticini risolva problemi ambientali o di salute.
  4. Non ci sono prove disponibili che le tecnologie cellulari o altre tecnologie per la carne artificiale siano altrettanto buone per la salute quanto modeste quantità di carne provenienti da sistemi di pascolo rigenerativo.
  5. L’agricoltura intensiva ad alto input che si basa su monocolture vegetali è intrinsecamente dannosa per l’ambiente, riduce la biodiversità, danneggia il suolo, riduce il contenuto di materia organica e la capacità di sequestro del carbonio e produce una qualità alimentare inferiore a quella coltivata attraverso pratiche agricole rigenerative.
  6. Mangiare cibi di produzione locale o regionale che non comportino l’importazione a lunga distanza di merci, così come consumare diete diverse e varie, sembrano essere i modelli dietetici più sani per tutti (leggi di più sul nostro libro RESET EATING).
  7. Per contribuire a rimediare ai danni inutili all’ambiente, nonché per essere in grado di ridurre le emissioni di gas a effetto serra non necessarie, dobbiamo identificare in modo più efficace quelle regioni del mondo incui i sistemi di produzione agricola ad alta intensità comporteranno danni ambientali e perdita di biodiversità, e quali aree possono essere più tolleranti all’intensificazione sostenibile.

Ciò richiede l’allontanamento da un approccio universale adatto ai globalisti.

Le raccomandazioni generali sull’agricoltura sono utili quanto le raccomandazioni generali sulla salute pubblica: entrambe hanno storie spettacolari di fallimenti.

Infine, quando vedi sforzi globalizzati che tentano di spingere la popolazione del pianeta in una direzione o nell’altra, segui i soldi.

Non ci vorrà molto per capire chi sono i beneficiari previsti. Nell’arena del cibo e della salute – il punto debole di Alliance for Natural Health – scoprirai che una rete crescente di strade porta a un uomo: Bill Gates.

 

ARTICOLO TRATTO DA

THE DEFENDER

ARTICOLO ORIGINALE SU

 Alliance for Natural Health International .

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento