Le sanzioni di Washington contro Mosca distruggeranno l’Europa, non la Russia

Condividi questo articolo

DI PEPE ESCOBAR

La “strategia di sostituzione” di Washington per le importazioni sanzionate di petrolio e gas dalla Russia sembra essere quella di avvicinarsi ai suoi acerrimi nemici produttori di petrolio Iran e Venezuela.

La lista nera ufficiale russa delle nazioni sanzionatrici ostili include Stati Uniti, UE, Canada e, in Asia, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Singapore (l’unico del sud-est asiatico). Nota come quella “comunità internazionale” continua a ridursi.

Il Sud del mondo dovrebbe essere consapevole del fatto che nessuna nazione dell’Asia occidentale, dell’America Latina o dell’Africa si è unita al carrozzone delle sanzioni di Washington.

Mosca non ha nemmeno annunciato il proprio pacchetto di contro-sanzioni. Eppure un decreto ufficiale “Sull’ordine temporaneo degli obblighi nei confronti di determinati creditori stranieri”, che consente alle società russe di saldare i propri debiti in rubli, fornisce un indizio di ciò che accadrà.

 

Le contromisure russe ruotano tutte attorno a questo nuovo decreto presidenziale, firmato sabato scorso, che l’economista Yevgeny Yushchuk definisce una “mina nucleare di rappresaglia”.

 

Funziona così: per pagare i prestiti ottenuti da un Paese sanzionatorio che superano i 10 milioni di rubli al mese, le società russe non devono effettuare bonifici. Chiedono a una banca russa di aprire un conto corrispondente in rubli a nome del creditore. Quindi la società trasferisce rubli su questo conto al tasso di cambio corrente ed è tutto perfettamente legale.

 

I pagamenti in valuta estera passano attraverso la Banca Centrale solo caso per caso. Devono ricevere un permesso speciale dalla Commissione governativa per il controllo degli investimenti esteri.

 

Ciò significa in pratica che la maggior parte dei 478 miliardi di dollari circa del debito estero russo potrebbe “scomparire” dai bilanci delle banche occidentali. L’equivalente in rubli sarà depositato da qualche parte, nelle banche russe; ma le banche occidentali, per come stanno le cose, non possono accedervi.

 

È discutibile se questa semplice strategia fosse il prodotto di quei cervelli “non sovranisti” riuniti presso la Banca centrale russa. Più probabilmente, c’è stato il contributo dell’influente economista Sergei Glazyev, anche uno dei massimi ex consiglieri del presidente russo Vladimir Putin sull’integrazione regionale. Ecco un’edizione rivista, in inglese, del suo rivoluzionario saggio Sanctions and Sovereignty, che ho riassunto in precedenza.

 

Nel frattempo, Sberbank ha confermato che emetterà le carte di debito/credito russe Mir co-badge con la cinese UnionPay. Alfa-Bank, la più grande banca privata in Russia, emetterà anche carte di credito e di debito UnionPay. Sebbene sia stata introdotta solo cinque anni fa, il 40% dei russi possiede già una carta Mir per uso domestico. Ora potranno usarlo anche a livello internazionale, tramite l’enorme rete di UnionPay. E senza Visa e Mastercard, le commissioni su tutte le transazioni rimarranno nella sfera Russia-Cina. De-dollarizzazione, in effetti.

 

I negoziati sulle sanzioni iraniane a Vienna potrebbero raggiungere l’ultima fase, come riconosciuto anche dal diplomatico cinese Wang Qun. Ma è stato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a introdurre una nuova variabile cruciale nelle discussioni finali di Vienna.

 

Lavrov ha reso abbastanza esplicita la sua richiesta dell’undicesima ora: “Abbiamo chiesto una garanzia scritta… che l’attuale processo [delle sanzioni russe] innescato dagli Stati Uniti non danneggi in alcun modo il nostro diritto alla libera e piena cooperazione commerciale, economica e di investimento e cooperazione tecnico-militare con la Repubblica Islamica”.

 

Secondo l’accordo del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) del 2015, la Russia riceve uranio arricchito dall’Iran e lo scambia con yellowcake e, parallelamente, sta riconvertendo la centrale nucleare iraniana di Fordow in un centro di ricerca. Senza le esportazioni iraniane di uranio arricchito semplicemente non c’è alcun accordo JCPOA. Sconvolge la mente che il Segretario di Stato americano Blinken non sembri capirlo.

 

Tutti a Vienna, compresi i margini, sanno che affinché tutti gli attori firmino il revival del PACG, nessuna nazione deve essere presa di mira individualmente in termini di scambi commerciali con l’Iran. Lo sa anche Teheran.

 

Quindi quello che sta succedendo ora è un elaborato gioco di specchi persiani, coordinato tra la diplomazia russa e quella iraniana. L’ambasciatore di Mosca a Teheran, Levan Dzhagaryan, ha attribuito la feroce reazione a Lavrov in alcuni quartieri iraniani a un “malinteso”. Tutto questo si svolgerà all’ombra.

 

Un elemento in più è che secondo una fonte di informazioni del Golfo Persico con accesso privilegiato all’Iran, Teheran potrebbe già vendere fino a tre milioni di barili di petrolio al giorno, “quindi se firmano un accordo, non influirà affatto sull’offerta; solo loro saranno pagati di più.

 

Il governo degli Stati Uniti ha passato anni, se non decenni, a bruciare tutti i ponti con il Venezuela e l’Iran. Gli Stati Uniti hanno distrutto l’Iraq e la Libia e hanno isolato il Venezuela e l’Iran nel tentativo di impossessarsi dei mercati petroliferi globali, solo per finire miseramente nel tentativo di riacquistare entrambi e sfuggire all’essere schiacciati dalle forze economiche che avevano scatenato. Ciò dimostra, ancora una volta, che i “politici” imperiali sono completamente all’oscuro.

 

Caracas chiederà l’eliminazione di tutte le sanzioni contro il Venezuela e la restituzione di tutto l’oro sequestrato. E sembra che nulla di tutto ciò sia stato chiarito con il “presidente” Juan Guaido, che dal 2019 è l’unico leader venezuelano “riconosciuto” da Washington.

 

La coesione sociale dilaniata

I mercati del petrolio e del gas, nel frattempo, sono nel panico più totale. Nessun commerciante occidentale vuole comprare gas russo; e questo non ha nulla a che fare con il colosso energetico statale russo Gazprom, che continua a rifornire debitamente i clienti che hanno firmato contratti con tariffe fisse, da $ 100 a $ 300; (altri stanno pagando oltre $ 3.000 nel mercato spot).

 

Le banche europee sono sempre meno disposte a concedere prestiti per il commercio di energia con la Russia a causa dell’isteria delle sanzioni. Un forte indizio che il gasdotto dalla Russia alla Germania Nord Stream 2 potrebbe essere letteralmente sei piedi sotto è che l’importatore Wintershall-Dea ha cancellato la sua quota di finanziamento, supponendo di fatto che il gasdotto non verrà lanciato.

 

Tutti coloro che hanno un cervello in Germania sanno che due terminali extra di gas naturale liquefatto (GNL) – ancora da costruire – non saranno sufficienti per le esigenze di Berlino. Semplicemente non c’è abbastanza GNL per fornirli. L’Europa dovrà lottare con l’Asia su chi può pagare di più. Vince l’Asia.

 

L’Europa importa circa 400 miliardi di metri cubi di gas all’anno, di cui 200 miliardi alla Russia. Non c’è modo in cui l’Europa possa trovare 200 miliardi di dollari altrove per sostituire la Russia, che si tratti di Algeria, Qatar o Turkmenistan. Per non parlare della mancanza dei necessari terminali GNL.

 

Quindi, ovviamente, il principale beneficiario di tutto il pasticcio saranno gli Stati Uniti, che potranno imporre non solo i loro terminali e sistemi di controllo, ma anche trarre profitto dai prestiti all’UE, dalla vendita di attrezzature e dal pieno accesso all’intera UE infrastrutture energetiche. Tutti gli impianti GNL, le condutture e i magazzini saranno collegati a un’unica rete con un’unica sala di controllo: un sogno imprenditoriale americano.

 

L’Europa resterà con una produzione di gas ridotta per la sua industria in declino; perdite di lavoro; diminuzione degli standard di qualità della vita; maggiore pressione sul sistema di sicurezza sociale; e, ultimo ma non meno importante, la necessità di richiedere prestiti extra americani. Alcune nazioni torneranno al carbone per il riscaldamento. La Green Parade sarà livida.

 

E la Russia? Come ipotesi, anche se tutte le sue esportazioni di energia fossero state ridotte – e non lo saranno; i loro principali clienti sono in Asia: la Russia non dovrebbe utilizzare le sue riserve estere.

 

L’attacco russofobo alle esportazioni russe prende di mira anche i metalli palladio, vitali per l’elettronica, dai laptop ai sistemi aeronautici. I prezzi sono alle stelle. La Russia controlla il 50 per cento del mercato globale. Poi ci sono i gas nobili – neon, elio, argon, xenon – essenziali per la produzione di microchip. Il titanio è aumentato di un quarto e sia Boeing (di un terzo) che Airbus (di due terzi) si affidano al titanio dalla Russia.

 

Petrolio, cibo, fertilizzanti, metalli strategici, gas neon per semiconduttori: tutto sul rogo, ai piedi di Witch Russia.

 

Alcuni occidentali che ancora apprezzano la realpolitik bismarckiana hanno iniziato a chiedersi se proteggere l’energia (nel caso dell’Europa) e selezionati flussi di merci dalle sanzioni possa avere a che fare con la protezione di un immenso racket: il sistema dei derivati ​​delle merci.

 

Dopotutto, se questo implode, a causa della scarsità di materie prime, l’intero sistema finanziario occidentale esplode. Questo è un vero errore di sistema.

 

La questione chiave da digerire per il Sud del mondo è che l'”Occidente” non si sta suicidando. Quello che abbiamo qui, essenzialmente, sono gli Stati Uniti che distruggono volontariamente l’industria tedesca e l’economia europea – stranamente, con la loro connivenza.

 

Distruggere l’economia europea significa non concedere ulteriori spazi di mercato alla Cina e bloccare gli inevitabili scambi extra che saranno una diretta conseguenza di scambi più stretti tra l’UE e il partenariato economico globale regionale (RCEP), il più grande accordo commerciale del mondo.

 

Il risultato finale sarà che gli Stati Uniti mangeranno i risparmi europei a pranzo mentre la Cina espanderà la sua classe media a oltre 500 milioni di persone. La Russia se la caverà benissimo, come sottolinea Glazyev: sovrana e autosufficiente.

 

L’economista americano Michael Hudson ha brevemente abbozzato i lineamenti dell’autoimplosione imperiale. Eppure molto più drammatico, come disastro strategico, è come la parata di sordi, muti e ciechi verso la profonda recessione e la quasi iperinflazione farà a pezzi ciò che resta della coesione sociale dell’Occidente. Missione compiuta.

Condividi questo articolo

Lascia un commento