GREEN PASS ETERNO?

Condividi questo articolo

Il DCPM dello scorso 2 marzo, sul quale pochi hanno concentrato l’attenzione, rende il green pass valido 540 giorni dopo il booster – cioè, 18 mesi. Alla scadenza dei quali deve venire emesso un altro documento, di durata equivalente.

Distratti dalla guerra in Ucraina, non abbiamo visto quel che stava facendo il governo Draghi: ha istituito un green pass eterno. Con buona pace di chi poteva pensare che il suo uso si sarebbe esaurito con lo stato di emergenza, che (in teoria) dovrebbe scadere a breve.

 

Il testo è nella Gazzetta Ufficiale del 4 marzo.

Distratti dalla guerra in Ucraina, non abbiamo visto quel che stava facendo il governo Draghi: ha istituito un green pass eterno

 

«Nella realtà, senza tanti giri di parole, all’articolo 1 (comma b) spiega che la blockchain sottostante il lasciapassare, una volta somministrata la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale, durerà 540 giorni. Al termine dei quali la piattaforma nazionale provvederà in automatico a emettere un secondo green pass, anch’esso valido per altri 540 giorni. In tutto farebbe 1080 giorni, la bellezza di quasi tre anni» scrive Claudio Antonelli su La Verità, praticamente il solo giornalista in Italia (in Europa) ad aver capito cosa si cela dietro al certificato verde.

 

«Attenzione. Nulla ci dice che tutto si ferma lì. L’automatismo dovrebbe poi essere interrotto. Ma nel testo del DCPM non c’è alcuna traccia di una tale intenzione. In pratica (…) un green pass sarà per sempre».

 

Il DCPM inoltre emana le direttive per la lettura di tutte le categorie di cittadini italiani (forse dovremmo dire «classi»? Forse dovremmo dire «razze»?) attualmente considerate dallo Stato biotico: da una parte i triplodosati e i rarissimi esentati. Dall’altra i non vaccinati, i terribili no vaxi, ora incasellati informaticamente per ordine del Primo Ministro.

 

Parlano di anonimizzazione, ma sappiamo tutti, alcuni per esperienza, che è una palla colossale: nelle app attuali il controllore deve sapere in anticipo quale green pass scansionare, se uno da vaccinato o da tamponato.

 

La privacy poi sparisce del tutto se pensiamo che i non vaccinati continueranno ad essere esclusi dal lavoro, dalla scuola, dai trasporti, dagli eventi, dai locali, dalla palestra, dalla piscina, paria biomolecolari del XXI secolo.

 

Nel DCPM si parla quindi di sincronizzazione del nostro green pass con quello degli altri Paesi. Inoltre il DCPM «prevede nel dettaglio le modalità di controllo per i lavoratori dipendenti e l’iter di comunicazione tra ministero della salute (che gestisce l’anagrafe vaccinale) e l’Agenzia delle Entrate».

 

«Per capirsi, per coloro che si lamentavano dei ritardi nelle multe agli over 50 non vaccinati, ecco la risposta».

 

Vengono così infrante le speranze che tutto si sarebbe fermato, come qualcuno sussurrava, il 15 giugno.

Il sistema del green pass non avrebbe teoricamente più motivo di esistere. A meno che, dietro a tutto questo, non vi sia qualcos’altro. Un altro progetto. Un altro «programma»

 

Leggendo il DCPM, diviene chiaro il pattern del governo: dicono che ad aprile apriranno a tutti i locali all’aperto, dicono a breve chiunque potrà salire su treni e autobus. Poi, nella realtà, fa l’esatto contrario.

 

La quasi totalità della popolazione italiana è vaccinata, dicono, perfino con terza dose. La quasi totalità della popolazione italiana, vaccinata e non, ha preso il COVID questo inverno: e questo lo sappiamo tutti.

 

Il sistema del green pass non avrebbe teoricamente più motivo di esistere. A meno che, dietro a tutto questo, non vi sia qualcos’altro. Un altro progetto. Un altro «programma».

 

Come riportato da Renovatio 21, di fatto, l’Unione Europea lavorava da anni alla piattaforma di digitalizzazione della cittadinanza, dove ogni abitante d’Europa diviene un account di una piattaforma europubblica, dotato poi di un wallet, un portafogli elettronico su cui, a breve, far correre l’«inevitabile» euro digitale, la monte virtuale che la BCE si appresta ad emettere.

«L’obbiettivo dichiarato è quello di trasformare i governi in piattaforme e i cittadini in identità digitali»

 

Come abbiamo scritto varie volte, questo progetto di controllo massivo dell’economia e della popolazione è partito da ben prima della pandemia, anzi ha trovato in quest’ultima il combustibile definitivo per il suo lancio. Vale la pena di ricordare che la struttura informatica blockchain del green pass è la stessa di quella sviluppata da anni dalla UE.

 

«L’obbiettivo dichiarato è quello di trasformare i governi in piattaforme e i cittadini in identità digitali», scrive Antonelli. Riconosciamo che non si tratta di un fenomeno legato solo all’Europa: pochi giorni fa abbiamo visto l’inquietante video dell’Associazione delle Banche del Canada che promuove l’ID digitale unico per tutti i cittadini.

 

Su La Verità viene quindi notato che la Legge finanziaria approvata con lo scadere del 2021 aveva «infilato dentro a un decreto legge collegato» il fatto che «il ministero dell’Economia ha unilateralmente prorogato a fine 2022 l’autorizzazione a tracciare la salute degli italiani in barba alla privacy».

 

«Si tratta di uno schema nato ad aprile 2020 assieme allo stato di emergenza. Serviva per lanciare la app Immuni e Io. Poi è servito per lanciare il green pass». Ora, con un blitz, è stato sganciato dallo stato di emergenza ed è entrato nella manovra. «C’è da scommettere sarà rinnovato con la prossima manovra».

 

Si tratta di un «tassello del progetto più ampio: rendere permanente la carta verde, al di là di ogni natura emergenziale o persino sanitaria».

 

Bisogna rammentare che il decreto Riaperture consentirà agli enti pubblici di scambiare i nostri dati senza che si dichiari l’uso che intendono fare: in gergo tecnico è la «interoperabilità dei silos di dati. Tradotto, è la possibilità di tracciare i cittadini che a questo punto possono essere chiamati utenti digitali».

 

Il cittadino digitale, come sappiamo, non si troverà la libertà limitata solo dallo status vaccinale giudicato insoddisfacente dall’autorità. Un domani, lo stesso sistema si applicherà ai sospetti evasori, ai sospetti inquinatori, ai sospetti dissidenti – chi è bannato da Facebooksta solo esperendo l’avanguardia di un mondo di censura totale, e i social media hanno semplicemente iniziato a fare il lavoro per conto dello Stato moderno.

 

E poi, lo ripetiamo. Con l’euro digitale, cioè il danaro programmabile, ogni vostra transizione sarà tracciata, studiata, o proibita. Ai diabetici non sarà concesso di compare la nutella.

La libertà, che giocoforza passa dal portafogli, sarà possibile togliervela con un clic. Perché, di fatto, il portafogli è loro. Chi comanda la piattaforma, decide il destino degli utenti, cioè degli esseri umani

 

A chi ha un basso reddito sarà impedito di comprare il salmone. A chi è in lockdown (o nelle forme ibride che seguiranno, incrociate con  le «domeniche senza auto»), non sarà concesso di spendere in un luogo che non sia quello deciso.

 

Oppure, vista la crisi alimentare che arriva con la guerra nelle Russie, potranno permettervi di acquistare la quantità di cibo che secondo lo Stato è più consona a voi: un sistema immediato di razionamento del cibo, per il quale non serve nemmeno che, come in guerra, ve lo portino – semplicemente, non ne potete acquistare di più.

 

Potranno mettere un tetto alla quantità di benzina che acquistate (se ve la potrete ancora permettere), o impedirvi del tutto di fare il pieno – perché c’è il climate change. Che non è discutibile, e chi osa dire una parola deve essere cacciato, isolato, zittito.

 

Fino al momento in cui a coloro che dimostrano, secondo la Scienza e il CTS, una possibile predisposizione genetica al cancro, sarà impedito di compare le sigarette. Oppure: predisposizione genetica all’alcolismo? Niente birra. Gene dell’obesità? Niente dolci.

 

La fase di immissione della genetica nella piattaforma digitale ci porta al capitolo più importante: i figli.

 

Pensate che, con l’emergenza climatica, vi lasceranno figliare liberamente? Il Partito Comunista Cinese ancora oggi multa chi ha più figli di quelli consentiti dallo Stato: piazzato il tetto alla prole anche da noi, semplicemente potrebbero svalutare il denaro del cittadino-coniglio che ha voluti farne cinque, quattro, tre, due, uno. Tra gli insulti social dei benpensanti che votano PD e fanno controllano la differenziata degli altri.

Sì, è il Grande Reset che disinstalla la democrazia costituzionale, e carica uno Stato-macchina, invincibile e onnipervadente, dinanzi a cui solo una forma di rapporto è possibile: la sottomissione

 

È importante ricordare che di certo, quando la riproduzione artificiale sarà istituzionalizzata e resa il primario metodo di «figliare», chi sceglierà la strada «naturale» sarà emarginato e punito, perché è crudele e sbagliato sottoporre il nascituro alla roulette della biologia, quando possiamo programmargli geni che lo facciano eccellere a scuola e nello sport, e che lo tengano lontano dall’AIDS, dalla depressione, dal diabete e magari anche da certi caratteri disobbedienti.

 

Anche lì: possono colpire, subito, il vostro wallet. Prelevare la multa senza che possiate fare nulla. Congelarvi il conto – come sono abituati a subire i vostri account social. Oppure farvi acquistare solo determinate classi di prodotto. Le opzioni per sorvegliare e punire il reo, con il supertotalitarismo digitale, sono infinite.

 

La libertà, che giocoforza passa dal portafogli, sarà possibile togliervela con un clic. Perché, di fatto, il portafogli è loro. Chi comanda la piattaforma, decide il destino degli utenti, cioè degli esseri umani.

 

Qualcuno pensa alla Cina, con il suo sistema di credito sociale, dove puoi perdere la possibilità di accedere a aerei, treni, mutui semplicemente perché hai fatto un commento che non va bene al Partito. Ebbene, il caso che sta montando in Europa è, senza dubbio molto, molto peggiore.

 

Vi potranno spegnere con un clic: un giudice, o magari un vigile – o magari un algoritmo. Diverrete paria senza più alcun potere senza possibilità alcuna di riscatto.

 

Sì, è il Grande Reset che disinstalla la democrazia costituzionale, e carica uno Stato-macchina, invincibile e onnipervadente, dinanzi a cui solo una forma di rapporto è possibile: la sottomissione.

 

FONTE

Articolo di

Roberto Dal Bosco

per Renovatio21

Condividi questo articolo

Lascia un commento