UCRAINA / TE LA DO IO LA NATO! CI VUOLE UNA TOTALE DEMILITARIZZAZIONE

Condividi questo articolo

Come mai, a tre giorni dallo scoop di ‘Der Spiegel’ sugli accordi firmati e traditi dall’Occidente nel 1991 di non avanzare di “un centimetro” ad Est dopo la caduta del Muro di Berlino, nessun politico in Europa e tantomeno nell’addormentata Italia ha detto una parola?

Ed invece, da tre giorni siamo costretti a sorbire un’orgia di stupidaggini, di menzogne, di fake news che più gigantesca non si può, a proposito del conflitto in Ucraina.

Aveva totalmente ragione Giulietto Chiesa, addirittura 7 anni fa, non solo a preconizzare il possibile scoppio della terza guerra mondiale proprio in Ucraina, ma a denunciare il ruolo di totale “disinformazione” svolto dai media italiani, che creano e diffondono, come il peggior virus, fake news a getto continuo e negano il sacrosanto diritto dei cittadini ad essere realmente informati, sancito dalla Costituzione.

Invece di leggere l’inchiesta di ‘Der Spiegel’, il settimanale tedesco che non è certo un foglio bolscevico ma di stampo prettamente conservatore, di commentarla e di farla diventare dibattito politico autentico, gli italiani sono costretti ad ingurgitare le vomitevoli frasi pronunciate dai politicanti   circensi che ormai infestano la nostra vita quotidiana.

Cazzate a parte di un ministro degli Esteri che neanche conosce geografia, lingue e men che meno storia, zimbello per tutte le cancellerie, ecco le ultime che ci passa il convento PD, ormai degno del peggior avanspettacolo.

Commenta Fassino-becchino, per una vita ‘ministro ombra’ proprio degli Esteri: “Non è una questione di gas, ma di valori”.

Rincara il segretario Letta, altri occhialoni neri stile cimiteriale: “Ricordatevi questa data, 24 febbraio: è il nuovo 11 settembre. E dovremo comminare le più forti sanzioni di sempre per mettere in ginocchio la Russia”.

Fermiamoci all’11 settembre. Dovrebbe saperlo, l’ignorante segretario PD, che quell’11 settembre già all’epoca puzzava lontano un miglio di CIA ed FBI, uniti nella tragica sceneggiata delle Twin Towers, il copione studiato dagli Stati Uniti per giustificare poi la guerra – quella sì di invasione – nell’Iraq di Saddam Hussein, per “esportare la democrazia”, come al solito, a botte di “bombardamenti chirurgici”.

A proposito di armi di distruzione di massa, quelle che Saddam non possedeva, ma vennero letteralmente inventate dalla Bush band con la preziosa collaborazione di ‘liar’(bugiardo) Blair, l’allora premier britannico che solo dopo anni ammetterà: “Fu tutta un’invenzione”…

…. A proposito di armi letali – dicevamo – va ricordato che il burattino-  Zelensky, il presidente fantoccio dell’Ucraina (non a caso un ex guitto alla Grillo) negli ultimi mesi ha più volte sbandierato che il suo paese è   entrato in possesso di armi nucleari devastanti: tanto per mettere in… Riga il numero uno della Russia.

E di armi super letali è zeppa l’Ucraina, vista la dotazione di ben 13 laboratori militari segreti messi su dagli americani: quei bio-laboratori dove vengono preparate “biologic wars” e “biologic weapons”, come la Voce ha documentato in diverse inchieste.

Adesso veniamo a sapere dal sempre istruttivo blog di Maurizio Blondet che “La Russia, sembra, sta distruggendo i centri di guerra biologica americani in Ucraina”: e li possiamo vedere tutti, i bio-lab, nella altrettanto istruttiva cartina pubblicata nel blog.

Con ogni probabilità non li stanno distruggendo (potrebbe scatenarsi il finimondo, sotto il profilo virologico), ma staranno di sicuro cercando di “neutralizzarli”, di renderli “inoffensivi”: perché proprio quei fantomatici centri di ricerca (sic) rappresentano una minaccia terrificante non solo per la Russia, ma per il mondo intero, come la ‘Wuhan story’ ampiamente dimostra: e quelle ricerche cinesi – non dimentichiamolo – sono state finanziate nientemeno che dal ‘National Institute for Allergy and Infectious Deseases’diretto a vita da Anthony Fauci, un americano fino a prova contraria.

In questi giorni Vladimir Putin ripete come un mantra: dobbiamo “demilitarizzare e denazificare” l’Ucraina. Due virus proliferati in modo esponenziale e drammatico in questi ultimi anni, accrescendo mese dopo mese la loro potenza distruttiva. Proprio come è successo con l’escalation della guerra in Donbass, causa di oltre 15 mila morti senza che dall’Occidente si sia mai levata una protesta, un monito, niente di niente!

Come mai, in questi terribili giorni, nessuno ricorda i famosi – più di mezzo secolo fa – missili russi puntati sugli Usa da Cuba?

Non fece il diavolo a quattro, Kennedy, contro quella provocazione?

Oggi, per un arsenale di missili e ogni ben (mal) di Dio puntato contro la Russia da 14 paesi un tempo sotto l’influenza sovietica, nessuno dice niente. E se lo ‘zar’ interviene, una buona volta, succede il finimondo!

Putin, quindi, ha centomila ragioni.

Ha però un torto, il capo del Cremlino: quello di far ricorso agli stessi metodi del nemico storico, gli USA, ossia l’assalto militare, l’uso delle armi, della forza. Che fa comunque morti, e vittime innocenti.

Sarebbe stato il caso di usare l’antico metodo Kruscev: davanti alla pur ormai coreografica assemblea ONU, chiedere la totale, incondizionata demilitarizzazione di quei paesi illegalmente occupati dalla NATO (perchè in barba agli accordi e trattati del 1991): fuori i missili, gli arsenali, i bio-laboratori. Altro che ingresso dell’Ucraina nella NATO!

Altrimenti la Russia agirà per “liberare” quei territori, un tempo infestati dai nazisti e oggi dai “democratici” americani: i quali, guarda caso, si servono anche di mercenari nazi, come dimostra la storia nera del ‘Battaglione Azov’.

E Putin, nel chiedere ciò senza se e senza ma, farebbe bene a sbattere una scarpa sul tavolo, come fece proprio Kruscev. O anche due.

Non è mai troppo tardi.

 

 

 

Link

Dal blog di Maurizio Blondet del 24-2-2022

“La Russia, sembra, sta distruggendo i centri di guerra biologica americani  in Ucraina”

 

DI

Rossella Fidanza

Ricordiamo, era l’agosto 2021

Vladimir Putin afferma che gli Stati Uniti stanno sviluppando armi biologiche vicino alla Russia

DI BRENDAN COLE 

E hanno buone ragioni per credere che, poiché il NIH statunitense ha finanziato il guadagno di funzione a Wuhan, il C19 “è uscito” e ha rovinato il mondo. Russia E CINA hanno chiesto alle Nazioni Unite che gli USA/alleati fossero “controllati e limitati” nelle capacità biologiche 4 mesi fa.

SAPETE TUTTI COSA SIGNIFICA?! La Cina e la Russia indirettamente (e correttamente) hanno incolpato gli Stati Uniti per l’epidemia di C19 e temono che gli Stati Uniti/alleati abbiano più virus (armi biologiche) da far uscire.

Putin continua anche a definirla una “operazione militare speciale”. Dice di voler smilitarizzare e “denazificare” il Paese ma non occuparlo. Cosa intende con quello? Cosa sta davvero prendendo di mira?

https://twitter.com/WarClandestine/status/1496745429672857602

us-biolabs-ucraina

Ok…qualcuno di voi ha twitter? Beh, non serve, sono post pubblici, quindi al link può accedere chiunque…la ricerca fatta da questo utente è davvero interessante… sulla base della cartina uscita che riporta gli attacchi russi e partendo dalle parole di Zelensky, ovvero attacchi verso obiettivi militari, è andato a cercare che gli USA in Ucraina avessero laboratori di biotecnologie, e li ha trovati, ovviamente propagandati come studi di difesa, esattamente nei punti corrispondenti agli attacchi 👉 https://ua.usembassy.gov/embassy/kyiv/sections-offices/defense-threat-reduction-office/biological-threat-reduction-program/ “Programma di riduzione della minaccia biologica in Ucraina” per studiare i “virus più pericolosi del mondo” al confine con la Russia. Risulta che la Russia ha accusato gli USA di creare “armi biologiche” al loro confine.

👉 https://www.newsweek.com/russia-china-nikolai-patrushev-vladimir-putin-biological-weapons-1581896

Ad ottobre 2021 la Cina e la Russia hanno chiesto congiuntamente agli Stati Uniti di rispettare una convenzione delle Nazioni Unite sulle armi biologiche, mentre le potenze continuano ad accusarsi a vicenda di aumentare la loro forza militare e di minacciare la sicurezza globale

👉 https://www.scmp.com/news/china/diplomacy/article/3151668/china-russia-ask-un-check-biological-warfare-capability-us-and

Secondo l’utente, questo significa che, riporto, “Cina e Russia indirettamente (e correttamente) hanno incolpato gli Stati Uniti per l’epidemia di C19 e temono che gli Stati Uniti/alleati abbiano più virus (armi biologiche) da far uscire”

https://twitter.com/WarClandestine/status/1496745438413832195

Perchè, si chiede, l’Ucraina? Stanno riportando esplosioni a Lutsk, 75 miglia nell’entroterra nell’estremo Ucraina occidentale. Il confine opposto della Russia… e continua, esplosioni anche a Kiev, nei loro aeroporti e installazioni militari. Kiev si trova nella parte occidentale dell’Ucraina, una città dove il governo statunitense ha confermato che gli Stati Uniti hanno costruito biolaboratori. Putin continua a definirla una “operazione militare speciale”. Dice di voler smilitarizzare e “denazificare” il Paese ma non occuparlo.

 

e se oltre agli obiettivi militari ci fossero questi laboratori?

👉 https://www.businessinsider.com/us-officials-claim-russian-coronavirus-disinformation-campaign-2020-2?r=US&IR=T

per concludere il tutto, riporta alle mail tra Fauci e Collins che hanno dimostrato che il virus è stato creato a Wuhan con il supporto del NIH

https://twitter.com/WarClandestine/status/1483466289628778504

a questo ultimo link trovate tutta la ricerca

👉 https://threadreaderapp.com/thread/1496745429672857602.html … vi sembra plausibile?

A proposito di “è tutta la stessa cosca bio-criminale”, Bourla il capo di Pfizer  andò segretamente alla Casa Bianca a parlare con Biden nel luglio 2021…

bourla-visita

bourla-alla-casabianca

Condividi questo articolo

Lascia un commento