“Si indaghi sui gravi incidenti cardiovascolari legati ai vaccini Pfizer e Moderna”

Condividi questo articolo

“I produttori, la FDA e il CDC devono indagare su gravi incidenti cardiovascolari legati ai vaccini Pfizer” e Moderna Covid”

articolo di David Gortler  già alto consulente della Food and Drug Administration (FDA)

TRATTO DAL SITO DI 

 

Fin dal primo giorno, la Food and Drug Administration statunitense ha saputo che il vaccino contro il Covid-19 era collegato a gravi problemi cardiaci nei riceventi. La revisione dell’ufficiale medico della FDA della domanda originale di Pfizer per il Covid-19 rileva “reazioni avverse gravi clinicamente importanti [incluse] anafilassi e miocardite/pericardite”, ovvero gravi reazioni allergiche e infiammazione del cuore e/o della sacca contenente il cuore, rispettivamente. Al momento della stesura di questo documento, la FDA non ha rilasciato la sua revisione dell’applicazione del vaccino mRNA “Spikevax” di Moderna nonostante abbia concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza ben più di un anno fa e la piena approvazione alla fine del mese scorso.

Il Vaccine Adverse Event Reporting System ( VAERS ), gestito congiuntamente dalla FDA e dai Centers for Disease Control, elenca un numero lungo e impersonale di eventi cardiovascolari in persone giovani e sane. Senza leggere le narrazioni sottostanti presentate con i rapporti, è difficile stabilire i precisi nessi causali relativi a questi eventi avversi. Tuttavia, ci sono  migliaia di segnalazioni  di attacchi di cuore, miocardite e pericardite solo negli Stati Uniti, che avrebbero dovuto spingere i produttori e la FDA a una modalità di indagine completa.

Studi riconosciuti dai funzionari della FDA mostrano che i vari database di sicurezza della FDA raccolgono solo dall’1 al 13 percento stimato di tutti gli eventi avversi che si verificano. Diversi epidemiologi della sicurezza dei farmaci della FDA hanno affermato durante la presentazione ufficiale della FDA che basta un singolo evento avverso ben documentato per giustificare un’indagine sui segnali di sicurezza e, a sua volta, per avvertire il pubblico americano del potenziale rischio.

Storicamente, la FDA ha cercato avvertenze di sicurezza sulle etichette, fino a includere un “avvertenza in scatola nera” e una restrizione di prescrizione nota come strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) per molto meno. Ad esempio, nel 2008, dopo meno di 200 segnalazioni spontanee VAERS di rottura del tendine in seguito alla somministrazione della classe di antibiotici noti come fluorochinoloni, la FDA ha aggiunto un “avviso scatola nera” e restrizioni di prescrizione REMS.

Eppure migliaia di rapporti VAERS sulla sicurezza gravi, debilitanti e mortali a seguito di vaccini e richiami Covid non vengono mantenuti secondo gli stessi standard normativi. Se viene segnalato circa dall’1 al 13 percento degli eventi avversi, estrapolando tali numeri significa che il numero effettivo di eventi avversi per la salute potrebbe facilmente essere di centinaia di migliaia negli Stati Uniti e di molti milioni in tutto il mondo.

Oltre a VAERS, il Vaccine Safety Datalink del CDC indica un rischio eccessivo di miocardite e pericardite nei riceventi dopo i vaccini Pfizer e Moderna. Il rischio cardiovascolare dopo qualsiasi vaccino mRNA è alto, ma con Moderna è circa quattro volte superiore a quello di Pfizer .

Altre agenzie di sanità pubblica con budget e personale molto più ristretti rispetto alla nostra FDA sono intervenuti mesi fa. A ottobre, Danimarca , Finlandia , Norvegia e Svezia hanno sospeso l’uso del vaccino Moderna per i giovani, ma è ancora a pieno regime qui negli Stati Uniti.

Da allora sono stati rilasciati più dati che affermano lo stesso: il 25 gennaio 2022, uno studio CDC e FDA pubblicato su JAMA mostra che il rischio di miocardite a seguito di qualsiasi tipo di vaccinazione con mRNA Covid è maggiore del rischio di fondo nella popolazione, con la più grande proporzione di casi di miocardite che si verifica tra i maschi bianchi.

Uno studio completo fuori dalla Gran Bretagna del dicembre 2021 ha esaminato i dati di oltre 42 milioni di persone che hanno preso un vaccino Covid-19 ha rilevato un aumento notevole della miocardite con i vaccini mRNA che persisteva e aumentava con ogni dose e richiamo . “Un’associazione tra infezione da Covid-19 e miocardite è stata osservata in tutte le età per entrambi i sessi”, afferma l’abstract dello studio. “Questi risultati hanno importanti implicazioni per la salute pubblica e la politica di vaccinazione”. In effetti lo fanno, soprattutto alla luce del modo discutibile in cui la FDA ha approvato i vaccini nei bambini dai 5 ai 13 anni e le domande in sospeso della FDA per approvare la vaccinazione nei bambini a partire dai 6 mesi di età.

La FDA, il CDC e i produttori hanno accesso a VAERS e altri sistemi di sicurezza dei vaccini basati su denominatore di alta qualità, tra cui rispettivamente la Biologics Effectiveness and Safety Initiative (BEST) e il Vaccine Safety Datalink (VSD). I produttori e le nostre agenzie sanitarie hanno utilizzato questi strumenti e altri per indagare a fondo sui rischi per la salute cardiovascolare del vaccino? C’è motivo di dubitare, data la pressione politica che l’amministrazione Biden ha esercitato sulle agenzie per sostenere l’assunzione del vaccino senza quasi mai menzionare la sicurezza.

La miocardite e la pericardite sono state storicamente rare. Sono definiti rispettivamente come infiammazione del muscolo cardiaco o degli strati del sacco pericardico. Entrambe le condizioni causano alterazioni dell’ECG facilmente riconoscibili e presentano sintomi ambigui che includono mancanza di respiro e dolore toracico. La miocardite e la pericardite possono essere facilmente diagnosticate clinicamente con l’ecocardiogramma e possono essere trattate con farmacologia e riposo a letto poco costosi, ma affinché ciò accada, le persone devono sapere per cercare diagnosi e cure mediche.

Qui sta il problema: gli operatori ei pazienti non vengono adeguatamente avvisati di monitorare i sintomi cardiovascolari nonostante l’aumentata incidenza. Poiché vi è un fallimento dei produttori e della FDA nell’affrontare questo e altri effetti negativi dell’utilità e dei mandati dell’mRNA, gli esperti esterni sulla sicurezza dei farmaci devono affrontare immediatamente pubblicamente la sicurezza del vaccino Covid dell’mRNA.

Il 4 febbraio 2022, un  comitato consultivo del CDC ha  proposto di estendere il divario tra i colpi di Covid-19 per mitigare il danno cardiovascolare del vaccino. Ciò indica che il governo federale è consapevole del grave rischio. Tuttavia, invece di affrontare il rischio frontalmente comunicando i fatti al pubblico, sembrano prendere una “mezza misura” per modificare l’intervallo e sperare di mitigare il rischio senza prove che avrà alcun effetto sul risultato.

In un passato molto recente, chiunque avesse avvertito  dello stesso identico rischio cardiovascolare di  cui ha parlato questo pannello consultivo meno di una settimana fa è stato svergognato e bandito sui social media dai “fattori verificatori” “big tech”.

I vaccini sono una delle invenzioni più importanti della storia umana, avendo salvato milioni di vite. Ciò non significa che ogni persona dovrebbe ricevere tutti i vaccini. Inoltre, come ogni farmaco disponibile, è di fondamentale importanza rilevare e segnalare rapidamente problemi di sicurezza. Ora abbiamo un vaccino obbligatorio a livello federale che chiaramente non è più efficace e che potenzialmente causa ulteriori malattie e decessi.

L’incapacità di monitorare e avvertire adeguatamente gli eventi avversi del vaccino Covid è servita non solo a rafforzare l’esitazione sul vaccino Covid, ma ha distrutto la credibilità delle autorità sanitarie pubbliche. L’incapacità di parlare apertamente di reazioni avverse note erode la fiducia.

Negli anni ’50 i medici non dicevano ai pazienti quando avevano un cancro terminale perché pensavano che fosse per il loro bene. Siamo ormai lontani dal giorno in cui nascondere le informazioni al pubblico è considerato un bene per la salute pubblica. Non lo è mai. Non è solo immorale e offensivo, è pericoloso.

Il Dr. David Gortler è farmacologo, farmacista e membro della FDA e membro della politica sanitaria presso l’ Ethics and Public Policy Center . È stato professore di farmacologia e biotecnologia presso la Yale University School of Medicine, dove ha anche prestato servizio presso il Bioethicist Center di Yale, ed è stato un ufficiale medico della FDA che è stato successivamente nominato dalla Casa Bianca come consulente senior del commissario della FDA per la sicurezza dei farmaci. Politica scientifica della FDA e affari normativi della FDA. È editorialista di Forbes , dove scrive di sicurezza dei farmaci, assistenza sanitaria e politica della FDA.

 

 

La risposta dei nostri “scenziati”:

Green Pass, il dottor Palù svela il piano: pretendono di tenerlo in vigore fino all’autunno, per poi obbligare tutti anche alla quarta dose

Giorgio Palù, presidente del consiglio di amministrazione dell’Aifa, l’agenzia del farmaco italiana, intervistato dal Corriere della Sera ha spiegato che “è presto per dire se il Covid-19 sia in via di esaurimento”. Poi ha parlato anche di un’eventuale nuova dose e delle terapie Covid in arrivo.

Sulla nuova durata del Super Green Pass per chi ha ricevuto la terza dose, l’esperto ha dichiarato che: «Illimitato è, dal punto di vista lessicale, un termine improprio. Non si può intendere che il booster conferisce una protezione persistente nel tempo. È più corretto parlare di validità prorogata al momento sine die».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FONTE

www.maurizioblondet.it

Condividi questo articolo

Lascia un commento