Vaccino bambini – L’altolà della pediatra Michelle Perro

Condividi questo articolo

Nella serie di interviste “Leading the Charge for Change” di The Defender, la dottoressa Michelle Perro spiega perché consiglia ai genitori di non somministrare ai propri figli il vaccino COVID e incoraggia altri medici a parlare contro i vaccini.

 Di David Marcks

 

La dottoressa Michelle Perro, medico di emergenza pediatrica, ha alcuni consigli per il vaccino COVID-19 per i genitori: “Non farlo”.

Ha anche alcune parole forti per i colleghi medici: abbi il coraggio di parlare a nome dei vulnerabili.

In un’intervista a The Defender , la Perro ha affermato che nella sua esperienza nel curare i bambini con COVID, la malattia è stata lieve.

Lei disse:

“In uno studio in cui lavoro, su sei praticanti, nessuno di noi ha visto un bambino estremamente malato con COVID. Alcuni bambini hanno avuto febbri e dolori muscolari, anche se la maggior parte ha sintomi molto lievi. Abbiamo visto bambini asintomatici e altri che hanno una lieve malattia simil-influenzale, nel peggiore dei casi”.

Ha detto che la malattia non è pericolosa nei bambini, spesso dura solo uno o due giorni.

“È nella letteratura che questa è una malattia lieve nei giovani”, ha detto Perro. “E il tasso di morbilità e mortalità è prossimo allo zero , un decorso più benigno dell’influenza”.

Per i bambini che ha trattato con COVID, Perro ha affermato di sostenere il loro “sistema immunitario naturalmente vigoroso”, sottolineando l’importanza di mangiare cibi organici ricchi di nutrienti insieme a integratori tra cui vitamine C e D, zinco e quercetina.

“A seconda di quanto sono malati, uso anche una gamma di rimedi nutraceutici e omeopatici per aiutare anche a eliminare il virus dalla bocca e dal rinofaringe”, ha detto.

Quando i vaccini COVID sono stati resi disponibili per i bambini, Perro inizialmente ha dato consigli cauti, ma da allora è diventata più irremovibile nello scoraggiare i genitori.

“È sperimentale e i potenziali effetti potrebbero essere irreversibili”, ha detto Perro. “Non abbiamo idea di cosa faccia al DNA dei tuoi figli. Non farlo, l’ho appena detto ad alcuni genitori questa settimana”.

Quando il suo studio, che offre il vaccino, le ha chiesto di creare un protocollo per i genitori che vogliono vaccinare i propri figli, è stata riluttante “perché semplicemente non dovrebbero farlo”.

Perro ha sentito di genitori che si pentono di aver vaccinato i propri figli.

“Ricevo e-mail ogni giorno con genitori che provano rimorso per il vaccino”, ha detto Perro. “Non si tratta solo di bambini che hanno effetti collaterali, ma di genitori che non si sentono bene riguardo a ciò che hanno fatto. Ed è un territorio nuovo e stimolante quando si cerca di aiutarli: come posso invertire gli effetti di un jab di mRNA?”

Per i bambini che vede che soffrono di ferite da vaccino COVID , le sue osservazioni sono sorprendenti.

“Clinicamente, stiamo assistendo a reazioni da lievi a gravi da questa vaccinazione, ma ciò che per me è sbalorditivo sono i casi con esiti avversiriportati nei dati [Sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino dei centri per il controllo delle malattie e la prevenzione]: è orribile”, ha affermato disse. “Se lo abbini ai bambini feriti in clinica, con reazioni avverse all’inoculazione, dovrebbe essere sufficiente per dire basta, rivalutare, invertire la direzione”.

Perro ha detto di essere particolarmente preoccupata per le gravi lesioni da vaccino che i bambini stanno vivendo.

“Quando ho esaminato lo studio iniziale di Moderna, il 72% dei loro vaccinati ha avuto una reazione che avevano classificato come lieve, moderata o grave”, ha detto Perro. “I più dannosi sono stati cardiaci e neurologici. Ora, vai avanti veloce a cosa sta succedendo ai bambini. Cosa vedo principalmente? Sintomi cardiaci e neurologici, proprio come nello studio”, ha detto.

L’aumento della miocardite è un’anomalia storica, ha detto Perro.

“Come medico di pronto soccorso, medico pediatrico di emergenza, era così raro che le vaccinazioni pre-COVID vedessero un bambino con la miocardite. Nella mia carriera di 40 anni con la medicina per acuti – lavorando in grandi centri a East Harlem, Bellevue e Oakland Children’s Hospital – forse ho visto uno o due casi di miocardite pediatrica. Sono due bambini in più di quattro decenni e le loro condizioni erano il risultato di un’infezione”.

Con l’aumento dei casi di problemi cardiaci indotti dal vaccino nei bambini, i defibrillatori di emergenza vengono collocati nelle scuole. “Si stanno preparando per un’ondata di sintomi di miocardite e il potenziale per complicazioni cardiache”, ha detto Perro a The Defender.

Alla domanda su questi rischi, ha descritto come l’infiammazione dell’involucro esterno del cuore, del pericardio e delle cellule del cuore in genere può causare qualsiasi cosa, dal dolore toracico alle aritmie e alla tachicardia. Ha visto bambini subito dopo la vaccinazione COVID con aumento della frequenza cardiaca e dolore al petto.

“Queste cellule del miocardio, una volta che sono state ferite, non possono rigenerarsi, le cicatrici rimangono”, ha detto. “E queste cicatrici nel loro tessuto cardiaco possono scatenare aritmie in futuro poiché gli impulsi elettrici hanno ridotto la conduttività: è una malattia devastante”.

Gli effetti neurologici del vaccino COVID sui bambini presentano ulteriori rischi di esito sconosciuto.

“Non abbiamo idea degli effetti a lungo termine della proteina spike nei bambini piccoli”, ha detto Perro. “Quello che preoccupa è l’aumento del carico di malattie neurologiche su una popolazione già neurologicamente compromessa”.

Sottolineando che a 1 bambino su 33 viene ora diagnosticato un disturbo dello spettro autistico, Perro ha affermato che una delle caratteristiche di questo disturbo è l’infiammazione cerebrale con l’attivazione della loro microglia, una componente fondamentale della risposta immunitaria nel sistema nervoso centrale.

“La proteina spike agisce come un’arma biologica, un materiale tossico che può attraversare la barriera ematoencefalica”, ha detto Perro. “Non c’è modo di dire ai genitori cosa si svilupperà nel cervello dei loro figli quando ciò accadrà”.

I pediatri devono ‘innalzarsi’ per il giuramento che hanno fatto

Con i dati che mostrano che i bambini hanno un rischio estremamente basso di complicanze dovute al virus COVID e la propria esperienza clinica, Perro discute apertamente di ciò che i pediatri vedono, ma di cui parlano raramente.

“I bambini piccoli non corrono grandi rischi e non danno il COVID agli adulti”, ha detto. “Quindi l’idea di inoculare i bambini per fermare la diffusione della malattia negli adulti è sbagliata e immorale. Ed è risaputo che queste vaccinazioni non fanno nulla per fermare la trasmissione”.

Perro non ha paura di parlare del fallimento dei vaccini. Lei disse:

“Abbiamo persone che ottengono il loro terzo e quarto booster e le varianti stanno ancora facendo breccia nelle comunità. Per lo più, coloro che stanno trasmettendo il virus sono i vaccinati. Sebbene questo sia verificabile e piuttosto scioccante, la maggior parte dei medici lo segue. C’è pressione da tutte le aree, comprese le commissioni mediche per conformarsi. Qui in California, i medici vivono in un clima di paura di ritorsioni se esprimono le loro preoccupazioni.

“Non è solo un obbligo morale. Riguarda il nostro giuramento come medici. Più pediatri devono parlare».

È molto chiara sul motivo per cui i suoi colleghi dovrebbero essere più espliciti. “Sento che se so qualcosa e non parlo, sono complice e parte del problema”, ha detto Perro. “Come potrei guardarmi allo specchio? Come potrei vivere con me stesso, perché sono un pediatra?

Perro ha detto a The Defender che va bene per i medici avere paura, che la paura può accompagnare l’altruismo.

“Sì, puoi avere paura, ma mostrare comunque il coraggio di parlare a nome dei più vulnerabili, coloro di cui ci è stato affidato il compito di prenderci cura”, ha spiegato Perro. “Dico a coloro che sanno ma tacciono, alzati fino al giuramento che hai fatto, lascia che la tua paura cammini con il tuo coraggio – e prendi posizione”.

Oltre a sostenere a favore dei bambini, Perro ha affermato che è giunto il momento di abbracciare pienamente un sistema olistico.

“Questo paradigma medico attuale non può essere risolto”, ha detto. “Dobbiamo creare una nuova specialità di assistenza sanitaria rigenerativa, un’eco-medicina, in cui il cibo sostenga o rinvigorisca la nostra innata vitalità”.

Tuttavia, ha avvertito: “Se continuiamo a prendere questi jab, creeremo una popolazione che dipende solo di più da un sistema medico rotto”.

Perro, coautore di “ Cosa fa ammalare i nostri bambini? ” e co-fondatore di GMOscience.org , è stato a lungo un sostenitore del trattamento olistico integrativo.

Crede anche nel dare potere ai genitori fornendo loro i semplici strumenti per aiutare il corpo a guarire se stesso.

“Dobbiamo allontanarci da una narrativa basata sul settore farmaceutico a una narrativa basata sul cibo, integrata con erbe e spezie curative”, ha detto Perro. “Il principio guida di una buona assistenza sanitaria è semplice: la migliore medicina è il cibo come medicina”.

Alla domanda sulla sua speranza per il futuro, Perro ha detto:

“Si sta verificando un cambio di paradigma. Dobbiamo continuare a ristabilire priorità naturali e una buona salute, con comunità di supporto, in cui medici, agricoltori, scienziati e attivisti lavorano insieme con un focus comune sui principi di salute olistica”.

 

FONTE

The Defender 

tratto da

Children’s Health Defense.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento